Immagine
 red hair and fish ...... di Lunadicarta
 
"
Se la libertà di stampa significa qualcosa, significa il diritto di dire alla gente ciò che non vuol sentirsi dire.

George Orwell
"
 
\\ Home Page : Articolo
Aborto Ru 486, la Polemica sotto l'Ombrellone
Di Loredana Morandi (del 06/08/2009 @ 18:49:08, in Politica, linkato 1389 volte)
ABORTO: GASPARRI, SU RU486 LIVIA TURCO SBAGLIA ANCHE ALL'OMBRA
 

(ASCA) - Roma, 6 ago - ''Livia Turco per dire cose sbagliate non ha bisogno di esporsi a lungo al sole. Sbaglia anche rimanendo all'ombra e al fresco. E' ovvio che abbiamo tutto il diritto di verificare in Parlamento la vicenda RU486, sia perche' il Parlamento e' libero di occuparsi di cio' che ritiene rilevante, sia perche' non siamo piu' ai tempi di Stalin che forse piacerebbero alla Turco. Quindi non accettiamo veti, ne' deleghiamo alla Turco o a semplici tecnici questioni che attengono al diritto alla vita''. E' quanto dichiara il presidente dei senatori del PDL, Maurizio Gasparri.

red-njb/sam/ss  06-08-09


ABORTO: TURCO (PD), PROPOSTA GASPARRI SU RU486 FRUTTO COLPO DI SOLE
 

(ASCA) - Roma, 6 ago - ''E' singolare che il senatore Gasparri voglia coinvolgere il parlamento su questioni che riguardano esclusivamente la valutazione tecnico-scientifica.

Non so con quale competenza i senatori e i deputati potrebbero valutare la congruita' di un farmaco sulla salute delle donne e delle persone. E' strabiliante che ci sia una richiesta di questo tipo: e' frutto del furore ideologico, che li acceca, li fa diventare arroganti e li espone al ridicolo. Potrei dire che, essendo vicini a Ferragosto, si tratta di un colpo di sole.'' Cosi' Livia Turco, capogruppo PD in Commissione Affari Sociali della Camera, commenta la proposta di ieri di Maurizio Gasparri affinche' il parlamento discuta della RU486 nel corso di un'intervista all'Agenzia Radiofonica Econews.

''La RU486 - spiega Turco - e' un farmaco normalmente utilizzato in tutti i paesi europei, e' stato validato dall'Emea, ed e' stato introdotto in Italia, e parlo con cognizione di causa perche' due anni fa ero Ministra della Salute, con una istruttoria tecnico-scientifica estremamente rigorosa. Per questo mi si consenta di ribadire la stravaganza e l'assurdita' di questa proposta''.

''C'e' una cosa - prosegue Turco - di cui dovrebbe discutere il Parlamento, ed e' la relazione annuale sull'applicazione della 194. Questa relazione documenta anche questa volta come siamo di fronte a una costante riduzione del ricorso all'aborto, anche rispetto al 2007, a una presenza del ricorso all'aborto fra le donne immigrate e all'aumento dell'obiezione di coscienza. Il Parlamento discuta di questa relazione, e impegni il Governo a fare cio' di cui si e' completamente dimenticato: potenziamento dei consultori, prevenzione dell'aborto, tutela sociale della maternita'''.

''Sono argomenti - sottolinea Turco - di cui il centrodestra parla solo in campagna elettorale. Da quando sono al Governo non hanno fatto nulla, ma proprio nulla, per potenziare i consultori, prevenire l'aborto, tutelare la maternita'. Noi lo solleciteremo, e sfideremo il centrodestra con una mozione parlamentare sui temi della prevenzione dell'aborto e della tutela della maternita'''.

Sull'ipotesi, da piu' parti ventilata, di un atto di indirizzo o di linee guida del Ministero della Salute sulla pillola abortiva, Turco dice: ''Sicuramente il governo dovra' riferire al Parlamento, perche' il Parlamento ha il dovere di sapere cosa intende fare rispetto all'utilizzo di questa nuova metodica abortiva, per garantirne un utilizzo omogeneo sul territorio nazionale. Che poi ci debba essere un atto di indirizzo per garantire un intervento che sia eguale su tutto il territorio nazionale, questo e' un atto dovuto. Il problema e' cosa ci sara' scritto in questo atto di indirizzo, per questo sara' bene che il Governo venga a riferire''.

res-map/sam/ss  06-08-09


... cattolici, valdesi e filo sionisti, rabbini no che son più bigotti della Cei


ABORTO: BONINO SU RU486, RICOVERO COATTO PER 3 GIORNI E' UNA BUFALA
 

(ASCA) - Cortina, 4 ago - ''Non c'e' da cambiare la 194, non c'e' nulla da fare, c'e' da fare una doccia fredda perche' e' utile per calmare i bollori''. Lo dichiara Emma Bonino, vicepresidente del Senato, a Cortina InConTra. ''L'articolo 15 della legge 194 gia' diceva che gli enti ospedalieri e gli altri dovevano essere aperti a nuove tecniche meno invasive, meno violente, qualora fossero arrivate''. ''Sulla RU486 - ha continuato la Bonino - non credo ci sara' molto da fare, tutto fumo. Ho sentito tante bufale, una di seguito all'altra, compreso il ricovero coatto per tre giorni, cosa che non si fa in nessuna altra parte al mondo. Ho sentito parlare di decreto, mi sembra l'ennesimo intervento di mala politica in cose in cui la politica non dovrebbe assolutamente entrare''. Inoltre ''da noi si sentono cose strampalate, il fatto che il Vaticano e le gerarchie ecclesiastiche siano nella porta accanto influisce, ma la responsabilita' e' soprattutto di una classe politica che e' sempre particolarmente genuflessa e non tiene piu' in conto la laicita' delle istituzioni''. E sulla scomunica minacciata dalla Chiesa: ''Mi stupisce che venga lanciata solo sul territorio italiano e non contro francesi e spagnoli ad esempio''. La Bonino e' critica rispetto ad una discussione in parlamento: ''Nessuno di noi e' esperto di queste cose, c'e' l'agenzia del farmaco che ha autorizzato la RU486, a questo punto deve essere il cittadino, assieme al suo medico, a scegliere se e' piu' appropriato l'aborto farmacologico o quello chimico. E' fondamentale la liberta' di ciascuno di assumersi la responsabilita' delle proprie scelte''.

fdm/sam/alf  04-08-09


ABORTO: VALDESI, INFONDATE PREOCCUPAZIONI CHIESA CATTOLICA SU RU486
 

(ASCA) - Roma, 3 ago - ''Ritengo gran parte delle preoccupazioni espresse dalle gerarchie cattoliche largamente infondate''. Di fronte al dibattito sulla pillola abortiva RU 486, Luca Savarino, coordinatore della ''Commissione della Tavola valdese per i problemi etici posti dalla scienza'' (Commissione bioetica). Parlando a titolo personale con l'agenzia evangelica Nev, il valdese Savarino non condivide la tesi del Presidente della Cei, card. Angelo Bagnasco, secondo cui la decisione dell'Agenzia italiana del farmaco di ammettere anche in Italia l'utilizzo della pillola abortiva andrebbe nella direzione di identificare l'aborto con un metodo anticoncezionale.

''Non va dimenticato - sottolinea Savarino - che la quasi totalita' delle scelte abortive coincide piuttosto con esperienze di forte travaglio etico e morale da parte dei soggetti coinvolti nella scelta, in primo luogo da parte della donna. Il rispetto della vita umana, sin dal momento del concepimento va contemperato con altri valori in gioco, che richiamano primariamente la responsabilita' della madre, che va guardata come un soggetto etico pienamente capace di autodeterminarsi. Ancora una volta, purtroppo, nelle dichiarazioni di influenti esponenti della chiesa cattolica romana e' evidente la tendenza a considerare con timore la liberta' e la responsabilita' individuali, identificandole con l'arbitrio''.

asp/mcc/ss  03-08-09


ABORTO: FAM.CRISTIANA, RU486 FARMACO DI MORTE INCOMPATIBILE CON LA 194
 

(ASCA) - Roma, 3 ago - ''L'introduzione della RU486 nel prontuario farmaceutico pone problemi medici, giuridici e morali''. Lo sostiene il teologo Luigi Lorenzetti in un articolo pubblicato sul numero di ''Famiglia Cristiana'', in edicola da mercoledi' .

Dopo aver premesso che ''l'aborto, in qualunque modo venga praticato, e' sempre uccisione di un essere umano'', padre Lorenzetti afferma che ''la RU486 pone forti obiezioni di compatibilita' con la legge 194/1978, dal momento che l'articolo 1 contrasta l'idea che l'aborto possa essere considerato un mezzo di regolazione delle nascite e che l'articolo 5 prevede una procedura rispettosa della donna, ma dissuasiva dall'aborto''.

Infine, sostiene il teologo, ''la RU486 pone obiezioni di carattere medico. Si puo' escludere che non sia dannosa per la donna? Anche solo nel dubbio (non infondato), l'etica medica esige che prevalga il principio di precauzione verso un farmaco paradossalmente chiamato cosi' visto che procura la morte mentre ci si aspetterebbe che la scienza medica s'impegnasse nella prevenzione e non a fornire, di volta in volta, nuove modalita' per abortire, impedendo che prevalgano eventuali interessi economici delle ditte farmaceutiche''.

res-map/mcc/ss  03-08-09


.. e coloro che non sanno che: se il feto dell'aborto non viene espulso per via farmacologica, si finisce per dover fare comunque il raschiamento ...


ABORTO: SINISTRA E LIBERTA' LAZIO, NO RICOVERO COATTO PER RU486

(ASCA) - Roma, 6 ago - ''La Ru486 rappresenta per le donne un'opportunita' di poter scegliere un metodo meno invasivo e mortificante per attuare un'interruzione di gravidanza, e alle donne che scelgono questo metodo abortivo deve essere evitata l'imposizione del ricovero coatto: la Regione Lazio ne tenga conto nelle sue linee guida per l'utilizzo del farmaco''. Lo chiedono, in una lettera aperta al presidente della Regione Lazio Piero Marrazzo, Giulia Rodano e Alessandra Tibaldi, consigliere regionali di Sinistra e Liberta' e assessori regionali.

Nella lettera, sottoscritta anche da altre consigliere regionali, si ricorda al presidente Marrazzo che ''proprio ieri il presidente della Conferenza delle Regioni, Vasco Errani, ha invitato il Governo a non fare alcun 'intervento improprio' sulla somministrazione della pillola abortiva Ru486 che, come il resto dell'organizzazione sanitaria, e' competenza delle Regioni'', e che ''se la donna decide di non accettare l'ospedalizzazione nel corso del trattamento con la Ru486, non le puo' certo essere imposto di essere ricoverata, cosi' come vorrebbe il sottosegretario Roccella, che nei giorni scorsi ha addirittura prospettato la possibilita' di imporre 3 giorni di ricovero coatto''.

''Ogni trattamento medico viene infatti somministrato sulla base del consenso informato, sta dunque al medico informare dei rischi e delle possibilita' - sottolineano infatti Giulia Rodano e Alessandra Tibaldi -. Imporre il triplo del tempo attualmente impiegato per un'interruzione di gravidanza chirurgica, opzione in cui le donne vengono spesso dimesse in giornata, comporterebbe non soltanto gravi conseguenze di ordine socio - psicologico a danno delle pazienti, ma anche un ingiustificato aggravio di costi ai danni del sistema sanitario regionale''.

res-map/sam/ss  06-08-2009
Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa
I commenti sono disabilitati.
Ci sono  persone collegate

< settembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           






Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (38)
Associazioni Giustizia (52)
Economia (86)
Estero (187)
Giuristi (134)
Gruppo Cellule Staminali (1)
Indagini (210)
Lavoratori Giustizia (1)
Magistratura (2170)
Osservatorio (1)
Osservatorio Famiglia (512)
Politica (926)
Redazionale (68)
Sindacati Giustizia (326)
Sindacato (221)
Telestreet (7)
Varie (82)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019

Gli interventi piů cliccati

Titolo
Bianco e nero (236)
I gatti di G.Q. (25)

Le fotografie piů cliccate

Titolo
G.Q. Non ha mai pubblicato pubblicità in otto anni e se iniziasse ora?

 Si, a me non disturba
 No, non mi piace



Titolo






A.N.M.
A.N.M. new
A.D.M.I.
Argon News
A.I.M.M.F.
Argon News Redazione
Artists Against War
Articolo 3
BloggersPerLaPace
Comitato Sfruttatori ATU
Commissariato PS Online
dBlog.it Open Source
Erga Omnes
Eugius
Filo Diritto
Intesaconsumatori
Geopolitica
Giuristi Democratici
Giuristi Democratici Roma
Magistratura Democratica
M.D. Toscana
Medel
Medicina Democratica
Magistratura Indipendente
Movimento per la Giustizia
Nazionale Magistrati
Non Solo Giustizia
Osservatorio Bresciano
Osservatorio Romano
Sorgente D'Amore
Studio Cataldi
Studio Celentano
Studio Tidona
Toghe Lucane
Uguale per Tutti
Unitŕ per la Costituzione
Unicost Milano
Unione Internazionale Magistrati
Morandi Senato
About me







http://www.wikio.it
Wikio
Iscriviti a GQ su FriendFeed
Blogstreet - dove il blog č di casa
Iscriviti a GQ su Twitter
Powered by FeedBurner


Blog Link










23/09/2019 @ 4.34.24
script eseguito in 328 ms