Immagine
 Shutoku .. Ryouko Yamagishi... di Admin
 
"
L'avvocato cavilloso, che finge di non vedere un reato, ha appena commesso un reato.

Loredana Morandi
"
 
\\ Home Page : Articolo
Orrori italiani
Di Loredana Morandi (del 10/10/2010 @ 07:22:49, in Osservatorio Famiglia, linkato 1645 volte)
Orrori italiani


Il più grave segno dell'involuzione di una società umana sono senz'altro i delitti contro la nuova generazione. Se alcuni dei fatti di violenza commessi in famiglia ai danni delle donne possono trovare una giustificazione minima dagli aspetti ambientali, niente giustifica i reati commessi dal "maschio" contro la propria progenie o quella altrui.

Gli orrori commessi contro la nuova generazione non sono solo italiani, certo.  La decadente involuzione ha colpito l'intera specie umana, ma è pur vero che sulle pagine di cronaca è possibile leggere la storia di un omicida seriale italiano in trasferta, che ha ucciso ancora in Gran Bretagna e forse più volte.

E' il caso dell'omicidio Elisa Claps, per il quale i pubblici ministeri Rosa Volpe e Luigi D'Alessio hanno chiesto ed ottenuto presso il gip Attilio Orio, che si provvedesse ad una nuova perizia sui reperti rinvenuti sul luogo  ove era occultato da 17 anni il corpo della giovane scomparsa. Il vulnus: la firma dell'assassino seriale e la ciocca di capelli recisa, ma nessuna traccia del dna del Restivo nella perizia del prof. Pascali. Il caso sarà affidato ai carabinieri del Ris di Parma.

L'elemento necrofilo anche voyeuristico, che sempre più spesso si accompagna ai casi di violenza contro i minori, è il male prodotto dai media. Il caso per me più famoso è emblema di tale sostanziale elemento criminologico: la denuncia di Don Di Noto al sito mostro puella (fondatore storico dell'Alice day e del BLD). Il pedofilo  del sito mostro era un "produttore di media", un fotografo collezionista che aveva messo in rete la sua bacheca con centinaia di foto "antichizzate" e gli scatti a dozzine di famiglie con minori inconsapevoli dello sfruttamento e degli scopi delle immagini rubate.

Così, se è giusto sollevare delle critiche alla conduzione della trasmissione "Chi l'ha visto?" sulla messa in onda dei volti "cannibalizzati in tv" proprio nei momenti tragici del ritrovamento del corpo della piccola Sarah (si veda Avvenire e le lettere al Direttore), ma anche all'intero operato dei media sulla vita della ragazza uccisa scandagliata senza nessun ritegno, è impossibile non ravvisare le ragioni dei pm che procedettero alla richiesta di addebito nei confronti dell'afghano 42 enne che fotografava minori sulle spiagge di Ostia richiedendo la posa "di spalle". La Cassazione lo ha assolto per i reati di pedopornografia con sentenza 10981/10, ed ora probabilmente l'uomo farà causa contro lo Stato per "l'ingiusta detenzione". Ma era davvero ingiusta? No, non lo era. Si trattava infatti di un evidente comportamento persecutorio ai danni di minori. E la pena per l'uomo, non ancora normata all'epoca dei fatti, doveva essere quella comminata per il reato introdotto nei nostri codici con Dl 11/2009, quindi maggiorata della metà degli anni della pena nel caso dei minori. In questa prospettiva il "fotografo" avrebbe ceduto, infrangendo il mandato dalle lobbies dei pedofili del litorale romano e della Capitale, cioè nella previsione di molti anni di galera avrebbe fornito agli inquirenti i nomi dei propri "mandanti".

Il trait d'union tra violenza, pedofilia e necrofilia è ovviamente l'aspetto più materiale di ogni voyeurismo, il peculiare comportamento umano che è capace di autoassolvere momentaneamente ogni onnipotenza del maschio stupratore. In ciò è grandissima la responsabilità dei media, specialmente dei media delle grandi catene editoriali. Anche oltre gli effetti di una pornografia sempre più dilagante.

L'opera incessante del minare alla radice la "fabbrica delle veline" produce oggi mostri peggiori di quelli che combatte. Così la bestia che si celava dentro al Messeri non ha ucciso nella piccola Sarah una velina qualsiasi, ma la stessa somigliante a Noemi Letizia, anche per la ricorrenza degli elementi "familiari" (il compleanno, gli eventi comuni della vita) della vicenda solo mediatica della bionda napoletana identici a quelli vissuti tra le mura domestiche.


Ancora l'effetto di ritorno della violenza televisiva torna nei delitti dei giovani contro i minori. Lo scrivo avendo già descritto il rituale ex cartoon dell'omicidio della quattordicenne di Niscemi, estrapolato da alcuni degli episodi più violenti della saga anime Dragonball. E anche dopo aver letto le analisi, criminologiche e giornalistiche, del manga cult degli autori efferati dell'omicidio Meredith. Blood +, come hanno rilevato anche gli inquirenti, non poteva essere ispiratore dei fatti di Perugia, perché nonostante sia esile nella trama il confine tra il bene ed il male, esso è pur sempre presente nel manga horror.

Anche oltre alla crudezza dei contenuti e delle immagini provenienti dall'industria del cinema di animazione giapponese, che è bene dire produca una vastissima programmazione di generi pornografici ed hard per tutti i gusti, vi è un particolare sempre presente in ogni singolo anime visto anche in Italia in tv. Il fan service.

Che cos'è il fan service? Avete mai visto in tv la trasformazione di una delle eroine di "Sailor Moon"?  Il corpo nudo che si riveste degli indumenti da "combattimento", ed a trasformazione ultimata con la tipica "giravolta con avvitamento" ricade in una posa apparentemente "marziale" mostrando di fatto ampie superficie di coscia e qualche volta anche le "mutandine"? Ecco, quello è il fan service, più o meno evidente a seconda della serie e dell'autore, ma onnipresente in ogni singolo cartoon anime made in Japan.

Sono certa che non lo vedrò mai. Ma anche ad occhi chiusi posso dire che il contenuto dell'hard disk del "baby sitter genovese", che ha seviziato la bimba di 2 anni sorellina della fidanzata, è pieno di immondizia proveniente da siti come 4chan e tra i temporary file del suo pc ci sono le tracce di altre iscrizioni a forum uso yumeshima.net (clicca sulla foto per ingrandire), la community porno nichilista che due anni fa sposava le politiche monopolistiche sul peer to peer di Pirate Bay e diveniva per volere dei "caporioni" lo strumento dello stalking ai miei danni, così come commissionato da un sito di stoccaggio e scambio di materiale pornografico in Selargius, provincia di Cagliari. Gli autori delle minacce a mia figlia.

http://img514.imageshack.us/img514/4779/20091008221015rit.jpg


Il genovese (anche Biagioilmistico lo è) ha confessato "una certa propensione sessuale verso i minori", ma dovete sapere che questa frase è solo la traduzione per la stampa nazionale data dai Carabinieri, che certo non hanno tempo di spiegare ai giornalisti. Il ventunenne ligure (Boogiepop sei tu?), infatti, deve aver confessato la pratica onanistica e quotidiana davanti al computer e di essere cultore del genere lolicon. Attenzione, qui ad un occhio inesperto potrebbe sembrare una mia diagnosi, invece in rete non uno solo dell'esercito dei militanti onanisti giappofili non esprime anche razionalizzando sospetti su se stesso.

Infatti, le foto di minori giapponesi ripresi di fronte alle loro scuole scattate da una trentenne novarese del circuito porno-nichilista e distribuite in rete, costituiranno l'eccellenza probatoria per tutti i reati di apologia contestati agli autori dello staking ai miei danni e a quelli della mia famiglia.

Non vi sembra strano, con tutto quel che c'è da vedere in Giappone, che l'obiettivo fotografico di uno degli attori si posi soprattutto sui soggetti tipici del Turismo sessuale e sulle "mutandine" di giovani donne e/o ragazzine uscite da scuola? E non vi è nel gesto un ravvisabile quanto tipico intento collezionistico e  contestualmente persecutorio ai danni di minori? Non vi sembra la stessa attività dell'afghano sulla spiaggia di Ostia?

La pedofilia è già esistita, purtroppo, ma nell'antichità era praticata nella sua forma di efebofilia e nonostante Atene abbia generato grandi menti e la cultura che giunge fino a noi era descritta come la "decadente" da popoli vicini come qli spartiati (per i colti vi sono riferimenti di ciò nell'Iliade, per chi preferisce qualcosa di leggero può rivedere il film "300"). Oggi, ed a distanza di 65 anni dall' "atomica di Hiroshima", il cinema di animazione giapponese ha introdotto nella decadenza occidentale la "pedofilia", colpendo proprio i giovani nella fascia di età tra i 20 e i 35 anni.

La pedofilia nei giovani è l'ultimo stadio dell'involuzione della società umana, la sopraffazione e la morte dei nuovi nati ad opera dei sessualmente attivi del branco.

Ultima sui socialnetwork e il loro uso criminale. Tra i seri operatori dell'antipedopornografia l'Italia annovera soltanto Don Di Noto, ed io non lo sono e non desidero diventarlo, tutti gli altri fanno "altro". Però è l'intelligenza che mi impone la "domanda stupida": Questo qui, chi è e perché vuole malmenare Loredana Morandi??? Qualcuno mi "ascolta" considerato che gli ultimi patrocinanti questo gruppo facebook sono gli autori della Aliberti Editore in Roma che derubavano ad agosto 2009 un disabile emiplegico e l'editore stesso, dopo il suo ultimo flop, dava corso alla pubblicazione di un testo che reclamizza il blog Biagioquotidiano?

http://www.giustiziaquotidiana.it/public/2010-10-10_154653_gianni_fasolini.jpg

L'apologia della cultura pedofila in rete deve assolutemente essere normata, nel frattempo auguro a tutti i pubblici ministeri di poter usare gli strumenti attualmente in loro possesso al meglio. Invito i magistrati del civile ad attivarsi finalmente per la difesa delle donne e del nucleo familiare, nonché a far fronte unito contro le politiche della "PAS", che obbligherebbero la giurisprudenza a retrocedere su posizioni già conquistate in tema di diritti sociali, in quanto il sistema "violato" potrebbe portare una ondata di ritorno di efferati delitti perpetrati ai danni dei minori, solo perché si è privileggiato il "genitore" che grida di più e acquista i servizi degli avvocati "mediatici".

Loredana Morandi
Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa
I commenti sono disabilitati.
Ci sono  persone collegate

< settembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           






Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (38)
Associazioni Giustizia (52)
Economia (86)
Estero (187)
Giuristi (134)
Gruppo Cellule Staminali (1)
Indagini (210)
Lavoratori Giustizia (1)
Magistratura (2170)
Osservatorio (1)
Osservatorio Famiglia (512)
Politica (926)
Redazionale (68)
Sindacati Giustizia (326)
Sindacato (221)
Telestreet (7)
Varie (82)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019

Gli interventi piů cliccati

Titolo
Bianco e nero (236)
I gatti di G.Q. (25)

Le fotografie piů cliccate

Titolo
G.Q. Non ha mai pubblicato pubblicità in otto anni e se iniziasse ora?

 Si, a me non disturba
 No, non mi piace



Titolo






A.N.M.
A.N.M. new
A.D.M.I.
Argon News
A.I.M.M.F.
Argon News Redazione
Artists Against War
Articolo 3
BloggersPerLaPace
Comitato Sfruttatori ATU
Commissariato PS Online
dBlog.it Open Source
Erga Omnes
Eugius
Filo Diritto
Intesaconsumatori
Geopolitica
Giuristi Democratici
Giuristi Democratici Roma
Magistratura Democratica
M.D. Toscana
Medel
Medicina Democratica
Magistratura Indipendente
Movimento per la Giustizia
Nazionale Magistrati
Non Solo Giustizia
Osservatorio Bresciano
Osservatorio Romano
Sorgente D'Amore
Studio Cataldi
Studio Celentano
Studio Tidona
Toghe Lucane
Uguale per Tutti
Unitŕ per la Costituzione
Unicost Milano
Unione Internazionale Magistrati
Morandi Senato
About me







http://www.wikio.it
Wikio
Iscriviti a GQ su FriendFeed
Blogstreet - dove il blog č di casa
Iscriviti a GQ su Twitter
Powered by FeedBurner


Blog Link










21/09/2019 @ 4.46.47
script eseguito in 219 ms