\\ Home Page : Articolo : Stampa
Ecco come lo Stato premia.. lettera da Paolo Carinci
Di Loredana Morandi (del 14/08/2008 @ 07:14:26, in Redazionale, linkato 1185 volte)
Ricevo e pubblico l'accorata lettera del bloggers abruzzese Paolo Carinci. Anche Giustizia Quotidiana, a breve, esplorerà le vicende della mala sanità in Abruzzo con il segnalarvi il caso di un operaio metalmeccanico, incidentato sul lavoro e mai riconosciuto dall'INPS, nonostante testimoni e la dichiarazione della società presso la quale lavora, i molti interventi e la perdita funzionale di una mano...

ECCO COME LO STATO PREMIA...........

ci vuole una bella faccia tosta penso ai disabili con pensioni da 240 euro mensili

12 agosto 2008 -
A casa con la borsa piena

L'ex governatore dell'Abruzzo, ora ai domiciliari dopo 28 giorni di carcere per lo scandalo nella sanità della sua Regione, riceverà un indennizzo di 24mila euro per la fine dell’attuale consiglio regionale. Che ne pensi?

DA LIBERO .IT

di Redazione
Dopo lo scandalo sanitario e i 28 giorni di carcere a Sulmona, per Ottaviano Del Turco, presidente della Regione Abruzzo, si sono aperte le porte della prigione e fra poco anche quelle della cassa regionale. Se infatti il giudice per le indagini preliminari Maria Michela Di Fine ha concesso i domiciliari a Del Turco (che dopo la sospensione dal suo partito, il PD, si è dimesso, sì, dalla carica di governatore, ma non anche da quella di consigliere), d'altra parte quando diventerà ufficiale la decadenza dell'attuale consiglio regionale, tutti, coinvolti nell'inchiesta e non, percepiranno la buonuscita prevista dal regolamento. Si tratta, stando a quanto scrive Libero di oggi, martedì 12 agosto, di circa di 24mila euro, ai quali andrà a sommarsi anche un vitalizio mensile che dovrebbe aggirarsi fra i 3 e i 6mila euro.
Sommando tutti gli indennizzi e le buonuscita si raggiunge più o meno la cifra di un miliardo di euro: un non poco oneroso impegno per il già disastrato bilancio regionale sul quale pesa, fra le altre voci, proprio quel buco causato dai debiti accumulati nella sanità. Non si potrebbe evitare di pagare almeno chi è coinvolto nello scandalo di "sanitopoli"?

E IO PAGO

sono 30 anni e forse più che in Italia esiste la questione morale, una disonesta' dilagante a tutti i livelli, e sempre assurdamente tollerata, ma quando si arriva a questi livelli e' giunto il momento di prendere una posizione netta e chiara, al di là del convincimento politico di ciascuno di noi. Il problema esiste, come lo si affronta? L'esperienza mi dice che e' necessario affrontarlo con la dovuta serietà e col dovuto rigore, e che quindi e' il momento di finirla con i distinguo e le sottili disquisizioni tra i cosiddetti giustizialisti ed i diversamente giustizialisti. E' necessario che la societa' nella sua interezza abbia fiducia delle forze dell'ordine e della magistratura, anche se talune volte puo commettere errori, ma di astenersi dal prendere parte attività in ogni senso a favore di persone inquisite e per di più per ragioni di appartenenza politica. Invito umilmente tutti, di qualsiasi parte politica, a rispettare le istituzioni e non denigrarle. Mi sento letteralmente preso in giro quando personaggi del genere, dopo aver affossato la sanita', vengono premiati dalle istituzioni in questo modo e rabbrividisco.

PAOLO CARINCI