\\ Home Page : Articolo : Stampa
Nessun rispetto per l'operato della Magistratura italiana
Di Loredana Morandi (del 04/06/2009 @ 23:21:56, in Redazionale, linkato 1265 volte)

Nessun rispetto per l'operato della Magistratura italiana


Con sicuro plauso del Premier, oggi le foto scattate dal fotografo sardo a villa Certosa sono in prima pagina di El Pais. Si tratta, ne più ne meno, della consueta esposizione di glutei e altri organi riproduttivi a cui l'italiano medio è avvezzo dalle letture sotto l'ombrellone.

Questa volta però si tratta di fotografie sequestrate da una Procura della Repubblica italiana, quella di Roma.

Scrivere di gossip non è e non deve diventare una pratica della Libertà di Stampa, mentre l'operato del giornalista spagnolo della testata El Pais, Miguel Mora di stanza a Roma, è di fatto la contravvenzione di un procedimento della magistratura italiana e, probabilmente, si tratta di un atto corrispondente ad un reato. Un reato commesso in Italia.

In paesi meno sottosviluppati dell'Italia ciò costituirebbe, inoltre, una ragione valida per l'allontanamento del giornalista. Ma qui siamo in pieno sottosviluppo e i quotidiani nazionali "censurano" le donne, che denunciano gli stupri. Ma chi ci crede al passamontagna in questo caldissimo giugno romano?

E' lecito pertanto pensare, che la pubblicazione all'estero delle foto sequestrate sia, nella sostanza, l'ennesimo carnaio di un patto scellerato tra grandi catene editoriali nazionali ed estere. Qual'è la libertà di stampa, allora? Quale l'esempio di libertà democratica da seguire?

Non certo quello della Stampa Estera in Italia, che oggi ospita Tognoni e la Fondazione Basso, organizzazione nei confronti delle quale io sono ufficialmente in sciopero della fame, contro le politiche solo economiche di incetta e arraffaggio neo berlusconiane con targa rifondarola mascherate da sociale.

Il rimprovero alla Fondazione Basso è serissimo, visto il comportamento scellerato: l'aver sostituito la Società Civile costituita dagli Artisti, con la ex brigatista della colonna armata napoletana delle Brigate Rosse, quella che per accordi con Raffaele Cutolo uccise il poliziotto Antonio Ammaturo e il suo collega.

Rechi loro vergogna l'aver tentato di defraudare Loredana Morandi, l'unica donna di tutto il movimento per la Pace con il coraggio di affrontare la verità del pagamento dei ricatti ai partiti proveniente dal passato degli anni di piombo, e con la peculiarità di essere una cattolica dichiarata, capace di risvegliare dai propri torpori anche i santi in paradiso e la stampa cattolica, vedi Misna del 6 marzo sulla Corte penale internazionale.

Vergogna per la corruzione dichiarata.

Oggi, con Tognoni di Fondazione Basso, parleranno in Stampa estera i promotori delle Auto Denunce del Sud Ribelle ed io rammento, a chi ricorda, che dal Nord Est italiano in quel periodo pervennero i commenti dei Magistrati con le mani tra i capelli, per aver indagato come atto dovuto centinaia di studenti universitari. Ragazzi, che oggi certo non votano più e non partecipano ad altre iniziative senza criterio in ragione di una politica sbagliata.

L'odierna ospitalità data da Stampa Estera al Tribunale dei Popoli è ceduta a caro prezzo, infatti, la sala conferenze di via dell'Umiltà costa tanto quanto uno sputo in faccia alla Povertà degli stessi Popoli, che si ha la presunzione di voler difendere. Si, anche in Italia c'è la crisi, ma sembra non sfiorare certa gente.

E se l'Italia soffre per la delegittimazione del Terzo potere dello Stato, a causa delle dichiarazioni di una politica spettacolo e di una stampa che ormai fa solo gossip a copertura di una opposizione politica che non c'è, ancora, è necessario avere il coraggio di denunciare le frequentazioni di Brigatisti, rimasti Irriducibili, imposte alla Magistratura dai vertici di certi partiti.

Resta errata e faziosa la definizione di "grumi" (ma poveri magistrati!), perché tali comportamenti rendono lecita la definizione di sfruttamento di certe professionalità ad opera di quei Partiti, che esprimono efficacemente le logiche politiche dell'Anti Stato, divenute oggi anti-società in ragion del solo soldo.

Loredana Morandi

Update:
Un lettore mi ha inviato questo link in risposta all'articolo, con l'evidente intento di mostrarmi come per lo sfarzo e la corruzione i soldi ci siano, ma che non si spendano per pagare i lavoratori precari:
www.rifondazionenonpaga.net/