\\ Home Page : Articolo : Stampa
Violenza Sessuale: Approvata alla Camera, a quando la cancellazione dello Psicologo dall'Albo?
Di Loredana Morandi (del 14/07/2009 @ 22:36:06, in Redazionale, linkato 1153 volte)
Violenza Sessuale approvata alla Camera
a quando la cancellazione dello psicologo dall'Albo dei Periti?


Un nuovo passo in avanti per la tutela della Donna e dei suoi diritti. La legge sulla violenza sessuale è passata ieri al voto della camera con 447 si e 29 no.

La norma inasprisce il sistema sanzionatorio e prevede: il carcere da 6 a 12 anni, tempi di prescrizione del reato raddoppiati, aggravanti per la violenza contro minori o incapaci, pene da 7 a 12 anni minimo per le violenze di gruppo (max anni 20). Stralciata la norma che prevede l'ergastolo se dall'atto di violenza deriva la morte della persona offesa, perché già prevista nel decreto sullo stalking come modifica dell'articolo 576 del Codice Penale.

Dal testo è stata inoltre stralciata la norma sui manifesti wanted, iniziativa legislativa questa che prende le sue radici dall'albo americano dei sex offenders. In realtà, al posto dell'affissione dei manifesti con i faccioni,  basterebbe un funzionale sito web o una pagina su facebook, su twitter o altri social network per risolvere definitivamente il problema, così che nessuna donna debba più morire sotto le coltellate di un uomo, già sotto processo, per l'omicidio della fidanzata precedente.

Volendo andare a fondo sulla questione femminile, una volta approdata realmente in giudizio e con casi eclatanti a portata di tutti, nella norma contro la violenza sulle donne sarebbe necessario iscrivere un codicillo piccino, che decreti l'immediata cancellazione dall'albo dei periti dei Tribunali di quello psicologo/psichiatra, che abbia rilasciato una dichiarazione di parziale non colpevolezza per lo stupratore e/o per l'omicida, il caso dell'incapacità di intendere e di volere, rivelatasi falsa alla resa dei fatti e conclamata una tipologia psicotica criminale seriale a causa di nuovi identici reati.

Che codesta onorata professione di già avvezza ai salotti televisivi, così come quella dell'omicida e/o dello stupratore, non abbia mai più una seconda possibilità di ledere il diritto della Donna o del Minore offeso.

E' di questi giorni infatti l'ansia e la preoccupazione in Roma per lo stupratore seriale, mentre è indimenticabile la serialità omicida del mostro del Gargano, che dopo 20 anni ha ucciso ancora perché libero grazie ad un referto  psicologico, che ne decretava la non pericolosità.

Loredana Morandi

Il testo approvato alla Camera dalla Raccolta Normativa di Studio Cataldi.