\\ Home Page : Articolo : Stampa
Giudice minorile americano pubblicato in video mentre frusta la figlia disabile
Di Loredana Morandi (del 04/11/2011 @ 05:15:00, in Estero, linkato 2074 volte)
Giudice minorile americano pubblicato
in video mentre frusta la figlia disabile

http://www.giustiziaquotidiana.it/public/william_adams_1.jpg

Rockport, Aransas County, Texas. Un video che riprende il giudice minorile William Adams mentre frusta la figlia è stato diffuso via web dalla vittima, Hillary, disabile per una asfissia alla nascita che le ha provocato danni cerebrali irreparabili.

Il video della durata di alcuni minuti riprende il giudice, identificabile senza dubbi, durante l'atto violento avvenuto sette anni fa, quando Hillary aveva circa 16 anni. La registrazione è avvenuta nascondendo la telecamera sul comò della stanza da letto sotto una sciarpa e vi appare anche la madre, che colpisce la ragazza una volta e che poi, mentre infuria la violenza dell'uomo che colpisce 20 volte la disabile, si ritrae.

Di seguito alcuni passi del dialogo dal video:

On the seven-minute long clip, as his daughter begs him to stop he can be heard snarling: 'Bend over the f***ing bed.

'Lay down or I'll spank you in the f***ing face.'

The mother screams: 'You turn over like a 16-year-old and take it like a grown woman.'

As the child lies crying on her bed, her father shouts: 'Do you want to put some more computer games on? Are you happy disobeying your parents?

'You don't deserve to be in this f***ing house. What happened to you Hillary?'

'If I hear so much as you raising your f***ing voice to me or your mother with the wrong tone or do one little thing or you look at me f***ing wrong, I'm going to wear your f***ing a** out with this belt.'

In una intervista televisiva Hillary ha rivelato che nella sua vita l'atto violento del padre non è stato episodico, ma è stato frutto delle reiterate violenze dell'uomo in un clima di minacciosa coercizione psicologica per lungo tempo.  Un clima di violenta dipendenza psicologica confermato anche dalla madre della vittima, Hallie che ha chiesto ed ottenuto il perdono della figlia per non averla protetta adeguatamente dal padre. La donna ha dichiarato di non essere stata "indipendente" dal rapporto con l'uomo potente e violento, ma quasi posseduta come in un "lavaggio del cervello". Infatti alla domanda se fosse tutto vero quello di cui si accusa l'ex marito ha risposto con la frase "Sì, Signore".

http://www.giustiziaquotidiana.it/public/william_adams_2.jpg

La veridicità del video, visto ad oggi più di un milione di volte attraverso i socialmedia Twitter e Facebook, e la premeditazione con la quale è stato realizzato a titolo di conferma dello status di vittima di reiterate violenze ha indotto la Commissione per l'Amministrazione giudiziaria del Texas a chiedere che il giudice William Adams sia sollevato da ogni suo incarico presso la Corte della Contea di Aransas per le prossime settimane, durante le quali si terranno ulteriori indagini sulla pubblica denuncia della giovane vittima.

William Adams è un giudice minorile, famoso per aver dichiarato ad ottobre dello scorso anno che "la testimonianza di un bambino dovrebbe essere ignorata" e che "equivale a zero prove", nel corso di un procedimento in cui si decideva dell'affidamento di un minore gravemente abusato. A questo proposito il giudice anziano C.H. "Burts" Mills ha assicurato che tutti i casi di Adams, precedenti alla pubblica denuncia della figlia, sono stati affidati ad un altro giudice della contea per dei doverosi controlli e che lui non si recherà al lavoro in Tribunale.

I mezzi di questo blog non consentono di approfondire oltre quanto pubblicato da blog e testate giornalistiche in rete, ma se vogliamo immaginare un aula giudiziaria americana dove la P.A.S. e il suo defunto autore Richard A. Gardner imperversavano ancora mietendo vittime innocenti, ecco quella era l'aula amministrata dal giudice William Adams.

Purtroppo, nonostante l'attivazione di pronte indagini, il giudice Adams potrebbe farla franca, in quanto nello stato del Texas la prescrizione per aver commesso violenze ai danni di un bambino è di soli cinque anni e ne sono trascorsi sette dalla registrazione del video. In merito la signorina Adams ha dichiarato di aver tardato nella diffusione del video per paura per la propria incolumità e per quella della madre e della sorella più piccola. La release del video è stata impossibile anche a causa del protrarsi della convivenza con il padre negli anni e, dalla separazione dei genitori avvenuta 4 anni fa, forse è intervenuta la vergogna ad impedirne la divulgazione. Infatti, una domanda alla quale dare una risposta potrebbe essere: perché adesso?

La pubblicazione del video delle violenze sta suscitando un vero scandalo negli states, alimentato dai media a tiratura nazionale, ed è giunto rapidamente al vaglio del popolo della rete tanto da meritarsi l' operazione DoxTheJudge e la pubblicazione di un video di denuncia.

Altre fonti:  Daily Mail - CBS News 1 - CBS News 2

Loredana Morandi