Immagine
 disoccupazione... di Lunadicarta
 
"
La Morandi coltiva soltanto due miti, due persone che perseguono la Giustizia come obiettivo ultimo delle proprie azioni: Armando Spataro e Don Fortunato Di Noto.

Loredana Morandi
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Loredana Morandi (del 22/06/2007 @ 22:48:13, in Indagini, linkato 1876 volte)
1. Pedofilia: 'C cub' lancia virus telematico contro siti pedopornografici
Pedofilia: 'C cub' lancia virus telematico contro siti pedopornografici Roma, 22 giu. - (Adnkronos) - In occasione del "Boy love day", la societa' 'C Cube' lancia la realizzazione del virus 'Cura' come risultato di un progetto per la lotta psicotecnologica ai siti pedofili in internet. Il progetto consiste nella realizzazione di una generazione di virus telematici in grado di ...
22/06/2007 - http://www.adnkronos.com/

2. PEDOFILIA: BINDI, APOLOGIA DIVENTI REATO
PEDOFILIA: BINDI, APOLOGIA DIVENTI REATO CONDANNARE E OPPORSI CON TUTTE LE FORZE A 'BOY LOVE DAY' Roma, 22 giu. - (Adnkronos) - "La giornata di domani e' una giornata che vogliamo duramente condannare e contro la quale dobbiamo opporci con tutte le nostre forze perche' e' davvero intollerabile che attraverso Internet si diffondano immagini aberranti che propagandano una cultura ...
22/06/2007 - http://www.adnkronos.com/

3. PEDOFILIA: OPERAZIONE POLIZIA VENEZIA, 20 INDAGATI
PEDOFILIA: OPERAZIONE POLIZIA VENEZIA, 20 INDAGATI Venezia, 22 giu. - (Adnkronos) - Sono tre gli indagati da parte della Polizia di Venezia, nell'ambito dell'odierna operazione antipedofilia che appartengono alle forze dell'ordine o alle forze armate. E' uno dei risvolti di una operazione che ha portato a 20 persone iscritte nel registro degli indagati per detenzione e dffusione di ...
22/06/2007 - http://www.adnkronos.com/

4. Blitz anti-pedofilia in 10 regioni
Decine di computer e centinaia di supporti informatici sequestrati Blitz anti-pedofilia in 10 regioni A segno l'operazione 'Taras' Take Over' della Polizia Postale di Venezia contro il fenomeno della pedo-pornografia on line: due arresti in flagranza di reato e venti indagati. In manette un fornaio ed un militare Venezia, 22 giu. (Adnkronos/Ign) - Due arrestati in flagranza di reato, ...
22/06/2007 - http://www.adnkronos.com/

5. PEDOFILIA: OPERAZIONE POLIZIA VENEZIA, 2 ARRESTI E 20 INDAGATI
PEDOFILIA: OPERAZIONE POLIZIA VENEZIA, 2 ARRESTI E 20 INDAGATI INDAGINE 'TARAS' TAKE OVER' IN DIECI REGIONI ITALIANE Venezia, 22 giu. - (Adnkronos) - Due arrestati in flagranza di reato, venti indagati per divulgazione di materiale pedo-pornografico, decine di computer e centinaia di supporti informatici sequestrati, sono l'esito dell'ultima operazione, denominata ''Taras' Take ...
22/06/2007 - http://www.adnkronos.com/

6. Internet: Toscana studia software per navigazione sicura bambini
Internet: Toscana studia software per navigazione sicura bambini Firenze, 19 giu. - (Adnkronos) - ''Stiamo preparando, in collaborazione con l'Istituto degli Innocenti, un software che consenta ai bambini di navigare su Internet in sicurezza''. Lo ha annunciato il presidente della Regione Toscana, Claudio Martini, che ha ricevuto dai rappresentanti del gruppo editoriale 'EPolis' le 50 ...
19/06/2007 - http://www.adnkronos.com/

7. Gb, polizia sgomina rete internazionale di 700 pedofili online
All'indagine hanno partecipato gli agenti della polizia postale di 35 paesi Gb, polizia sgomina rete internazionale di 700 pedofili online I frequentatori del sito, 200 dei quali risiedono nel Regno Unito, si scambiavano immagini e video di abusi su minori. L'operazione ha messo in salvo 31 bambini Londra, 18 giu. - (Adnkronos) - La polizia britannica ha disarticolato una rete ...
18/06/2007 - http://www.adnkronos.com/
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 

Associazione Nazionale Magistrati
La Giunta Esecutiva Centrale

 

Consigli giudiziari e avvocati: no a soluzioni irragionevoli.

Da notizie di stampa apprendiamo che, nel corso del lavori parlamentari , è stata introdotta nel progetto di legge sull’ordinamento giudiziario una norma che inserisce nei Consigli giudiziari  il  Presidente del Consiglio dell’Ordine degli avvocati come componente “di diritto” e gli attribuisce perciò anche il potere di effettuare le valutazioni professionali sui giudici e sui magistrati del pubblico ministero.

In sostanza nei Consigli giudiziari gli avvocati saranno chiamati a valutare professionalmente  giudici e pubblici ministeri.

L’attribuzione di tale potere di valutazione non è accompagnata da alcuna previsione in tema di incompatibilità all’esercizio della professione nel distretto ( e ciò a differenza del rigorosissimo regime di incompatibilità previsto per gli avvocati eletti componenti del CSM).

Si produrrà perciò una situazione abnorme: l’avvocato, membro del Consiglio giudiziario,  si troverà a valutare tanto i giudici dinanzi ai quali difende  quanto i pubblici ministeri che sono , di regola,  i suoi contraddittori nel processo penale.

Una siffatta previsione non era presente neppure nel decreto Castelli che riservava agli avvocati poteri di intervento sull’organizzazione degli uffici ma non le funzioni di diretta valutazione dei magistrati.

Oltre che giuridicamente abnorme la situazione derivante da questa norma sarà in concreto insostenibile e fonte di permanente conflittualità.

Avranno motivo di dolersi tutti gli altri avvocati .

Inoltre giudici e pubblici ministeri potrebbero esercitare del tutto legittimamente la facoltà di astenersi “per gravi ragioni di convenienza” nei processi in cui sia presente l’avvocato che, in quanto membro del Consiglio giudiziario, concorrerà a valutarli professionalmente.

Infine sul punto verranno proposte molteplici questioni di legittimità costituzionale di una disciplina che, per essere assai malamente congegnata, apparirà concretamente lesiva dei valori della imparzialità e del buono andamento.

Da queste razionali considerazioni deriva su questo come su altri punti del testo in discussione al Senato il vivo allarme della magistratura italiana che peraltro ha già manifestato ampio favore alla diversa soluzione di recepire informazioni e segnalazione sull’operato dei magistrati dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati. 

Roma, 20.6.2007
La Giunta dell’ANM

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 19/06/2007 @ 00:00:56, in Magistratura, linkato 1792 volte)

Associazione Nazionale Magistrati

La Giunta dell'ANM, nella seduta del 16 giugno 2007,

ha preso visione della nota del 15/05/2007 della Sezione ANM di Catania e del testo dell'interrogazione parlamentare presentata dal deputato Fasolino al Ministro della Giustizia nella seduta della Camera dei Deputati del 1° marzo 2007, nella quale si afferma in ordine ai provvedimenti adottati dal Tribunale del riesame di Catania per i fatti del 2 febbraio 2007, tra l'altro, "che il ventre molle della difesa dell'ordine pubblico in Italia è rappresentato da circoscritti e ben definiti settori della Magistratura, incredibilmente appiattiti sul teorema dell'insindacabilità dei giovani e giovanissimi nonché di un preteso ruolo vessatorio ed autoritario delle forze dell'ordine" e che "si debbono porre di fronte alla loro responsabilità, anche opportunamente perseguendole, i Magistrati che sbagliano e di fatto favoriscono con sentenze e provvedimenti errati il permanere dello stato di disordine e di ingovernabilità del Calcio e, più in generale, dell'ordine pubblico in Italia".

Ritiene che il legittimo diritto nell'esercizio di critica dei provvedimenti giudiziari e il diritto di ogni parlamentare di rivolgere interrogazioni al Governo su temi rilevanti siano stati assolutamente travalicati dalle espressioni usate dal parlamentare.

Si associa alle preoccupazioni già manifestate dai magistrati catanesi per il gravissimo vulnus alla credibilità dell'ordine giudiziario ed all'esercizio indipendente della giurisdizione attuato attraverso la richiesta di interventi disciplinari sulla base di considerazioni attinenti al merito delle decisioni.

Manifesta piena solidarietà ai colleghi oggetto di attacchi con la certezza che essi continueranno a svolgere con serenità il loro difficile compito.

Roma, 16 giugno 2006

La Giunta Esecutiva Centrale

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 18/06/2007 @ 23:58:15, in Magistratura, linkato 1899 volte)

Magistratura Indipendente

Solo per chiarezza e senza intenti polemici, ritengo doverose alcune precisazioni in merito alla nota della collega Sanlorenzo. Riporto l'ultima parte dell'intervento di Antonietta Fiorillo in modo che i colleghi possano, personalmente, rendersi conto di quello che ha detto:

"Su nessuno dei punti richiamati, ripeto, non solo sull'OG, abbiamo avuto non dico risultati, ma neppure risposte plausibili; l'ANM non può piu' attendere perché, ad oltre di un anno dall'insediamento di questo governo, ci stanno togliendo anche la speranza che la questione giustizia diventi per questa maggioranza una questione prioritaria, e non perché interessa i magistrati, ma perché riguarda direttamente la vita dei cittadini di questo Paese.
Ed è per questo che a nome del gruppo di MI chiedo che oggi il CDC deliberi tre giorni di sciopero di cui il primo calendarizzato a data prossima nonché tutte le altre iniziative che saranno ritenute utili nell'interesse, ripeto, non della categoria ma della collettività; lo richiede la coerenza con quanto l'ANM ha sempre affermato in questi anni, lo richiede il rispetto e la dignità di tutti i colleghi associati che ci hanno dato il loro mandato.
Ma se non bastasse tutto questo per una protesta senza se e senza ma basterebbe ricordare i violentissimi ed ingiustificati attacchi alla magistratuta portati negli ultimi giorni da uno dei vicepremier che si commentano da soli ma che, purtroppo, ci danno la sensazione di un "dejà vu" che avremmo preferito non rivivere; e non aggiungo altro.
"

Come si può rilevare, anche dall'ultima parte dell'intervento della collega Fiorillo, la richiesta di una ferma e decisa risposta da parte dell'ANM  attraverso la proclamazione di una giornata di sciopero, in tempi compatibili con l'andamento dei lavori del tavolo tecnico, è stata  collegata, all'evoluzione, prevedibilmente negativa, della vicenda  dell'O.G., alle mancate risposte della politica su tutti i temi che riguardano la magistratura, dall'efficienza dell'amministrazione della  giustizia alle condizioni di lavoro, dei magistrati.
E' pur vero che la collega ha segnalato, ed è stata l'unica voce critica in CDC in tal senso, la carica delegittimante nei confronti della magistratura  delle parole pronunciate dal vice premier in questi giorni, e ciò
assolutamente in linea con tutti gli interventi finora operati dall'ANM in casi similari. Prova ne è che la GEC nella stessa data ha espresso solidarietà ai magistrati catanesi "per il gravissimo vulnus alla credibilità dell'ordinamento giudiziario e all'esercizio indipendente della giursidizione" in relazione all'interrogazione parlamentare presentata dal deputato Fasolino il 01 marzo 2007 al Ministro della Giustizia. Appare, pertanto, fuorviante l'interpretazione delle dichiarazioni della collega Fiorillo per come emergono dalla nota della collega Sanlorenzo. E, anche laddove il segretario di MD segnala che "i magistrati sono disposti a scioperare nuovamente, se non sarà approvata entro la scadenza del 31 luglio la riforma dell'ordinamento giudiziario", riferisce quello che è  stato il deliberato del CDC approvato anche e soprattutto sulla  proposta di MI di dare una risposta forte e chiara all'attuale politica sulla giustizia.

18.6.2007

Carlo Coco
Segretario generale di Magistratura Indipendente

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 18/06/2007 @ 23:37:33, in Magistratura, linkato 1886 volte)

Magistratura Democratica

Le dichiarazioni dell'onorevole D'Alema, a proposito della "trascuratezza" dei magistrati mentre veniva diffuso il testo delle intercettazioni telefoniche che lo riguardavano, sbagliano obbiettivo: non era ai giudici che toccava impedirne la diffusione, d'altronde inevitabile nell'attuazione di un passaggio procedurale previsto da una legge  imperfetta. Sono senz'altro inopportune, e  generano confusione e sconcerto.

L'Associazione  Nazionale Magistrati ha sempre distinto fra legittimo diritto di critica e ricorso agli insulti, di cui in questi anni i magistrati sono stati fatti bersaglio più volte: in questo secondo caso, è sempre intervenuta a difesa dei magistrati, senza mai pensare di poter  reagire anche solo minacciando il ricorso allo sciopero.

Le dichiarazioni del vice presidente dell'ANM Antonietta Fiorillo disattendono del tutto questa linea, ed ottengono un solo risultato:  quello di oscurare il fatto principale che i magistrati sono disposti a scioperare nuovamente, se non sarà approvata entro la scadenza del 31 luglio la riforma dell'ordinamento giudiziario.

Torino / Roma 17.6.2007

Rita Sanlorenzo
Segretario generale di Magistratura Democratica

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 16/06/2007 @ 20:11:11, in Magistratura, linkato 1755 volte)

Associazione Nazionale Magistrati


Le decisioni del Comitato Direttivo Centrale
sull’azione dell’Associazione Nazionale Magistrati
 
Il d.d.l. Mastella, pur con i limiti e le criticità puntualmente denunciate modificava i punti inaccettabili e di dubbia costituzionalità della riforma Castelli. L’ANM è stata sempre disponibile al dialogo ed al confronto per ottenerne miglioramenti;

A poche settimane dalla scadenza del termine del 31 luglio per l’approvazione delle modifiche rileva che l’impianto originario del d.d.l. subisce quotidianamente – stando ad indiscrezioni e ad esternazioni – modifiche ed emendamenti in senso certamente non migliorativo, ma anzi destinati a snaturarne l’impronta originaria.

Ribadisce la propria opposizione a riforme che siano contrarie all’assetto costituzionale ed il bilanciamento tra i poteri dello Stato e che limitino le prerogative di indipendenza e autonomia dell’ordine giudiziario e dell’organo di autogoverno.

Dichiara la propria contrarietà a interventi peggiorativi del disegno di legge Mastella e indica, tra gli altri, come punti irrinunciabili della riforma:

- il rifiuto di un concorso separato per esami per l’accesso alle funzioni di cassazione;

- l’esclusione di ogni forma di partecipazione di componenti esterne alla magistratura alle deliberazioni dei Consigli giudiziari in tema di valutazioni di professionalità e di status dei magistrati,

- il rifiuto di estensione delle ipotesi di incompatibilità territoriale nel passaggio tra funzioni giudicanti e requirenti; ritenendo che una incompatibilità adeguata è quella riferita al circondario con il limite di cinque anni di permanenza nella funzione in precedenza svolta e che appare incomprensibile e inappropriata l’incompatibilità per il passaggio dalla funzione requirente alle funzioni giudicanti civili e viceversa;

- la revisione del sistema di nomina dei componenti del Consiglio Direttivo della Scuola della Magistratura, con indicazione preferenziale per la nomina di due terzi da parte del C.S.M. ed un terzo di designazione parlamentare;

- la revisione della disciplina delle Procure che preveda il vaglio del CSM sul sistema organizzativo ed assicuri il carattere di potere diffuso della giurisdizione;

Ribadisce l’allarme e la preoccupazione per il grave stato della giustizia in Italia e per le condizioni di degrado a cui tutti gli operatori della giustizia, magistrati compresi, sono costretti quotidianamente.

Sulla base di queste considerazioni:

IL COMITATO DIRETTIVO CENTRALE
 
-  conferma lo stato di agitazione e si considera riunito in permanenza dando mandato al Presidente della GEC di convocare il CDC in via di urgenza in qualunque momento a prescindere dai termini statutari;

-  dà mandato alla GEC di fissare una o più giornate di mobilitazione e di protesta, anche nelle forme dello sciopero, da tenere entro il 20 luglio 2007, sulla base della evoluzione dell’iter di approvazione del disegno di legge Mastella;

-  indica come obiettivo prioritario quello di evitare l’entrata in vigore della riforma Castelli, nelle forme che il Parlamento riterrà opportuno.

Roma, 16 giugno 2007

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 15/06/2007 @ 12:08:41, in Sindacato, linkato 1795 volte)

Federazione Nazionale della Stampa Italiana

Roma, 15 giugno 2007
Prot. n. 103

DA PUBBLICARE AI SENSI DELL’ART. 34 DEL CNLG FIEG/FNSI

La Federazione Nazionale della Stampa Italiana comunica:


“Una giornata nazionale del silenzio per il contratto, per le leggi di riforma del settore, per difendere l’autonomia e la solidità finanziaria dell’Istituto di previdenza dei giornalisti Inpgi, contro il disegno di legge Mastella sulle intercettazioni. Il blocco delle procedure di consultazione in sede sindacale sugli stati di crisi, le casse integrazioni e prepensionamenti previste dal contratto di lavoro. Una manifestazione nazionale a luglio insieme alle confederazioni sindacali e un’altra il 5 novembre a livello europeo. Queste alcune delle decisioni assunte dalla giunta della Federazione della Stampa anche in seguito all’atteggiamento ostruzionistico e dilatorio assunto dalla Fieg non soltanto sul rinnovo contrattuale ma, nei giorni scorsi, anche al tavolo di riforma del mercato del lavoro giornalistico e in particolare sulla bozza del Governo relativa alle nuove norme di tutela dei collaboratori, dei freelance e dei precari.
La Giunta della Fnsi, che ha approvato la proposta del Segretario Generale di confermare la scadenza congressuale a fine novembre, ha giudicato insostenibile l’attuale situazione di totale paralisi delle relazioni sindacali. Così come il sindacato dei giornalisti respinge tutti i tentativi di limitare la libertà dell’informazione e il diritto di cronaca negando ai cittadini una garanzia costituzionale.
La giornata del silenzio si svolgerà entro la fine del mese di giugno sia nella carta stampata sia nell’emittenza radiotelevisiva nazionale, pubblica e privata, sia nei nuovi strumenti della comunicazione. Da subito la giunta esecutiva e il dipartimento sindacale informeranno i comitati e i fiduciari di redazione che il Sindacato dei Giornalisti intende rispondere al blocco della contrattazione da parte degli editori con la sospensione della disponibilità a discutere piani di ristrutturazione che comportino un ulteriore aggravamento della crisi occupazionale, nuovi tagli di giornalisti dipendenti, casse integrazioni e prepensionamenti, che comporterebbero costi insostenibili a carico dell’Inpgi. La Fnsi, ovviamente, rispetterà la legge e parteciperà a tutte le iniziative di consultazione nelle sedi ministeriali. Il Sindacato è e continuerà a essere al fianco di tutti i comitati di redazione, a rappresentare quindi, sia a livello nazionale che regionale, una sede di analisi delle situazioni aziendali mettendo a disposizione i propri uffici e i consulenti”.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 07/06/2007 @ 19:51:39, in Magistratura, linkato 1959 volte)

Rassegna stampa odierna

Perquisizioni, coinvolti magistrati e politici
Quotidiano Nazionale - 6 ore fa
Potenza, 7 giugno 2007 - La guardia di Finanza, su disposizione della Procura di Catanzaro, ha eseguito perquisizioni nelle abitazioni e negli uffici del sottosegretario allo Sviluppo economico ed ex presidente della Regione Basilicata, Filippo Bubbico ...
Potenza, perquisizioni per le Toghe lucane Barimia
Operazione Toghe Lucane: in corso perquisizioni a Expo BG
Dottor Sport - Reuters Italia - AudioNews - Il Messaggero
e altri 31 articoli simili »

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 05/06/2007 @ 14:57:12, in Magistratura, linkato 2711 volte)

Associazione Nazionale Magistrati

Sezione Distrettuale di Roma - Lazio
Città Giudiziaria di Piazzale Clodio
 
Non è costume della Associazione Nazionale Magistrati entrare nel merito di specifiche vicende processuali, ma è doverosa qualche annotazione di carattere generale in merito ai fatti che hanno coinvolto minori in un procedimento penale in corso davanti alla Autorità Giudiziaria di Tivoli.

Non ci interessa la disputa tra innocentisti e colpevolisti. Ciò che tuttavia preoccupa è la tendenza ad una degenerazione del sistema che si indirizza sempre più verso un modello di processo mediatico: le testimonianze, i pareri dei consulenti di parte, le dichiarazioni degli indagati, le indagini difensive e le arringhe degli avvocati avvengono innanzi alle telecamere al fine di sottoporsi ad un giudizio di un gigantesca giuria popolare costituita dai telespettatori.

Fortunatamente, ed è un atteggiamento che va apprezzato, i magistrati titolari in prima persona di questa delicata vicenda (p.m., gip e riesame) hanno tenuto un comportamento di sobrietà istituzionale, sottraendosi a questo rumoroso processo mediatico.

L'abnormità di tale situazione è resa ancor più evidente dalla pratica, invalsa già da tempo in procedimenti relativi a fatti verificatisi in altri distretti di Corte d'Appello, secondo cui  soggetti che saranno sentiti come parti del processo penale, vengono previamente posti a confronto e persino interrogati dai difensori davanti alle telecamere. Ma  questa volta il procedimento presenta un disvalore aggiunto: i testimoni stessi, non solo gli indagati, rendono dichiarazioni in risposta a precise e dirette  domande dei  difensori di controparte.

Con quale esiti per la genuinità dell'assunzione di tali prove in dibattimento è facile immaginare; si pensi soltanto alla eventualità di una contestazione da parte dei difensori della parte offesa o dell'imputato su affermazioni rese fuori del processo e davanti al grande Tribunale Mediatico.

Questo non ha alcuna attinenza con il sacrosanto diritto - dovere del giornalista di riportare le notizie sin dal primo momento in cui gli vengono proposte, ovviamente anche se è in corso la fase delle indagini preliminari, ma ha molto a che vedere con la corretta dinamica processuale e con il normale ed ordinato svolgimento del processo.

La Magistratura, sia chiaro, è radicalmente contraria ad ogni normativa tendente a limitare il diritto di cronaca e di critica, diritti che ha sempre strenuamente difeso soprattutto in presenza di fatti di forte allarme sociale. Infatti  il puntuale lavoro del giornalista rende  più efficace i controlli sull'operato dei pubblici poteri e costituisce aspetto imprescindibile della democrazia. Tuttavia ci pare indispensabile lanciare un allarme sugli esiti preoccupanti di uno scenario nel quale le fasi salienti dei processi che maggiormente agitano l'opinione pubblica si svolgono davanti le telecamere prima che nelle sedi giurisdizionali deputate.

L'accertamento della verità è tale solo se giunge al termine di una fase caratterizzata dal rispetto delle fondamentali ed inalienabili regole poste alla base dei codici dei paesi civili  e tra queste il contraddittorio e la parità tra tutte le parti, il dovere del pubblico ministero di ricercare soprattutto, nella fase delle indagini, le prove anche a favore degli indagati, la indipendenza e la terzietà dell'organo giudicante.  Sicchè un sistema che tolleri una anomala assunzione di prove in sedi non proprie ad iniziativa arbitraria di una delle parti processuali crea i presupposti per una distorsione i cui effetti suggestivi su coloro che sono chiamati quali testi, consulenti, parti offese ed imputati sono imprevedibili e certamente negativi.
 
Non dubitiamo che l'autorità giudiziaria competente saprà riassorbire i contraccolpi mediatici e modulare il procedimento penale, in tutte le fasi processuali, nel pieno rispetto della normativa vigente posta a tutela della collettività e dello stesso soggetto sottoposto a procedimento.

Siamo contrari a regole che possano suonare, anche lontanamente, come limitazione o censura del diritto di cronaca, ma è certamente auspicabile un'autoregolamentazione delle categorie interessate, prima tra tutte quella della classe forense, per tornare a considerare il processo penale come l'unico luogo per l'accertamento dei fatti di reato, come del resto hanno sino ad ora tentato di fare soltanto i magistrati che si sono occupati del caso specifico.

La Giunta ANM Roma 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 01/06/2007 @ 06:01:46, in Magistratura, linkato 1770 volte)

MD al CSM sul Ddl Mastella

Oggi il plenum del CSM ha approvato il parere sul disegno di legge Mastella, sull'ordinamento giudiziario.

Il giudizio è complessivamente positivo, anche se andavano rimarcate alcune perplessità specie sull'assetto della Scuola.

Possiamo dire, toccando solo alcuni dei temi trattati, che sull'accesso in magistratura si è segnalata l'esigenza di evitare una dequalificazione e demotivazione degli aspiranti magistrati,  mentre sulle valutazioni di professionalità il giudizio risultante dal parere è complessivamente positivo e ci siamo sforzati di  contenere il tentativo di introdurre perplessità e proposte che mal celavano una inespressa  ostilità, a costo di accettare un testo che sconta qualche involuzione.

Sulla scuola  sono state enunciate le irrinunciabili riserve sulla ingiustificata marginalità della posizione del consiglio, sulla eccessiva dipendenza dal ministero, sulla irragionevole distribuzione territoriale.

Sul passaggio delle funzioni è stata ribadita, scontando le prevedibili opinioni  contrarie, la irragionevolezza di una così rigida e ampia incompatibilità territoriale, che non tiene in alcun conto le funzioni esercitate in concreto. Sui consigli giudiziari, ferme restando alcune riserve per la perdurante mancanza di una adeguata disciplina elettorale, ci si è espressi favorevolmente  per l'avvenuta eliminazione di molti degli aspetti problematici del d.lgs. 25/06 e per la previsione di una sezione competente per  i giudici di pace, ed abbiamo suggerito anche  un ulteriore passo avanti nell'allargamento delle competenze dei consigli giudiziari in materia tabellare.
 

I consiglieri di MD Cesqui, Maccora, Pepino, Pilato

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2
Ci sono  persone collegate

< settembre 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             






Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (38)
Associazioni Giustizia (52)
Economia (86)
Estero (187)
Giuristi (134)
Gruppo Cellule Staminali (1)
Indagini (210)
Lavoratori Giustizia (1)
Magistratura (2170)
Osservatorio (1)
Osservatorio Famiglia (512)
Politica (926)
Redazionale (68)
Sindacati Giustizia (326)
Sindacato (221)
Telestreet (7)
Varie (82)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017

Gli interventi piů cliccati

Titolo
Bianco e nero (236)
I gatti di G.Q. (25)

Le fotografie piů cliccate

Titolo
G.Q. Non ha mai pubblicato pubblicità in otto anni e se iniziasse ora?

 Si, a me non disturba
 No, non mi piace



Titolo






A.N.M.
A.N.M. new
A.D.M.I.
Argon News
A.I.M.M.F.
Argon News Redazione
Artists Against War
Articolo 3
BloggersPerLaPace
Comitato Sfruttatori ATU
Commissariato PS Online
dBlog.it Open Source
Erga Omnes
Eugius
Filo Diritto
Intesaconsumatori
Geopolitica
Giuristi Democratici
Giuristi Democratici Roma
Magistratura Democratica
M.D. Toscana
Medel
Medicina Democratica
Magistratura Indipendente
Movimento per la Giustizia
Nazionale Magistrati
Non Solo Giustizia
Osservatorio Bresciano
Osservatorio Romano
Sorgente D'Amore
Studio Cataldi
Studio Celentano
Studio Tidona
Toghe Lucane
Uguale per Tutti
Unitŕ per la Costituzione
Unicost Milano
Unione Internazionale Magistrati
Morandi Senato
About me







http://www.wikio.it
Wikio
Iscriviti a GQ su FriendFeed
Blogstreet - dove il blog č di casa
Iscriviti a GQ su Twitter
Powered by FeedBurner


Blog Link










20/09/2017 @ 18.20.11
script eseguito in 532 ms