Immagine
 the blu kimono ... John Rich... di Lunadicarta
 
"
La nostra libertà dipende dalla libertà di stampa, ed essa non può essere limitata senza che vada perduta.

Thomas Jefferson
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Loredana Morandi (del 31/07/2009 @ 23:21:43, in Politica, linkato 2481 volte)
Una buona parte dell'ultimo gossip sul Premier, se non addirittura la maggior parte, è stata devoluta alla copertura fumogena di tutto questo. Berlusconi non può piacere agli italiani, ma NON abbiamo nessuna alternativa di governo.

INCHIESTE BARI: PM,

ASS. TEDESCO CAPO DELL'ORGANIZZAZIONE CRIMINALE


BARI - L'ex assessore pugliese alla sanità Alberto Tedesco, ora senatore del Pd, ha avuto un "ruolo di vertice" in "un'organizzazione criminale, radicatasi all'interno della pubblica amministrazione, tendente a condizionare le scelte della stessa allo scopo di perseguire i progetti illeciti del sodalizio in esame, che spaziano dallo smaltimento dei rifiuti solidi urbani, alle forniture dei beni e servizi alle Asl, agli appalti nelle aziende ospedaliere pugliesi".

E' pesante l'accusa che il pm Desiré Digeronimo contestava a Tedesco già nei decreti di perquisizione e sequestro eseguiti dai carabinieri nell'aprile 2009 nell'ambito dell'inchiesta sul presunto intreccio tra mafia, politica e affari che avrebbe gestito la sanità pugliese. Col passare del tempo sembra che i sospetti del magistrato sia aumentati e ciò giustifica perché ieri Digeronimo ha ordinato ai carabinieri di acquisire dalle sedi dei partiti del centrosinistra pugliese (Pd, Sinistra e Libertà, Lista Emiliano, Prc e Socialisti Autonomisti) i bilanci dal 2005 al 2008 e tutta la documentazione bancaria. Il sospetto, tutto da verificare, è che parte del danaro confluito nelle casse di alcune imprese vincitrici di appalti sia poi tornato, almeno in parte, ai partiti o agli stessi politici.

La pubblica accusa non ha dubbi: Tedesco - è scritto nel decreto di perquisizione - aveva nel sodalizio criminoso "il ruolo di vertice" mentre il suo collaboratore Mario Malcangi era il collegamento tra Tedesco e il mondo imprenditoriale ed era incaricato di tessere "i contatti e a portare a compimento gli interessi del sodalizio". Interessi che spaziavano dalla gestione degli appalti per la sanità, all'accreditamento presso la Regione di strutture sanitarie private, alla nomina in quota politica dei direttori generali delle Ausl, ai concorsi per primario fino allo smaltimento dei rifiuti sanitari. "Agli imprenditori e alle società - scrive il pm - viene garantita assistenza e un canale privilegiato per l'acquisizione di contratti, anche attraverso un illegale meccanismo di proroghe, per la fornitura di beni e/o servizi presso le Asl". Secondo la ricostruzione dell'accusa, il sistema ideato da Tedesco poteva contare anche su "soggetti intranei al sodalizio" e cioé su alcuni manager delle Asl pugliesi, che sono indagati.

Dall'indagine - sottolinea il magistrato - emergono anche i presunti interessi di Tedesco con il mondo imprenditoriale, "nel quale figurano società direttamente o indirettamente riconducibili alla sua famiglia", che da sempre opera nel settore delle protesi sanitarie. In una conversazione, intercettata con una microspia il 30 giugno del 2008 e riportata nel provvedimento, Tedesco parla con l'imprenditore Diego Rana di ipotetiche correzioni da apportare al piano sanitario. "Ti preparo un appuntino?" chiede l'imprenditore che gestisce a Bernalda (Matera) un centro di riabilitazione. E lui: "No! Non c'é bisogno. Basta che mi dici gli errori dove stanno".

D'ALEMA, SIAMO TRANQUILLI
"Io non commento mai gli atti della magistratura. Abbiamo il massimo rispetto per le inchieste baresi. Siamo anche tranquilli, nel senso che il Pd non ha né connessioni con la criminalità, né ha costruito i suoi bilanci con le tangenti". Lo ha detto a Bari Massimo D'Alema, parlando con i giornalisti poco prima di tenere un'assemblea pro mozione Bersani. "Quindi - ha detto D'Alema a proposito delle inchieste in corso a Bari sulla gestione della sanità - assoluta tranquillità e massima fiducia nei magistrati che accerteranno nel più breve tempo possibile".

S'INDAGA SU ATTIVITA' GIUNTA VENDOLA

Di Roberto Buonavoglia

Da una parte, delibere di giunta illegittime per favorire imprenditori amici. Dall'altra, un giro di danaro che sarebbe transitato dalle casse delle società che beneficiavano dei favori a quelle dei partiti di centrosinistra o di alcuni politici dello stesso schieramento. E' questo il sospetto della procura antimafia di Bari che ha avviato accertamenti patrimoniali su alcuni dei 15 indagati nell'inchiesta sul presunto intreccio tra mafia, politica e affari che fa tremare la giunta regionale di Nichi Vendola e tutto il centrosinistra pugliese.

Il presidente non è sottoposto ad indagini ma nel registro degli indagati presto finiranno i nomi di altre persone (si parla di un politico regionale) che si aggiungeranno ai 15 già noti, tra i quali l'ex assessore regionale alla sanità della Regione Puglia, Alberto Tedesco, ora senatore del Pd, ritenuto dall'accusa ai vertici di "un'organizzazione criminale". Un sodalizio - secondo l'accusa - radicatosi "all'interno della pubblica amministrazione, tendente a condizionare le scelte della stessa allo scopo di perseguire i progetti illeciti del sodalizio in esame, che spaziano dallo smaltimento dei rifiuti solidi urbani, alle forniture dei beni e servizi alle Asl, agli appalti nelle aziende ospedaliere pugliesi".

Del presunto gruppo criminale fanno parte - secondo il pm inquirente Desiré Digeronimo, oltre al neosenatore del Pd, i direttori generali di alcune Ausl, imprenditori e funzionari regionali. Come abbia fatto il sodalizio di Tedesco a condizionare - secondo l'ipotesi investigativa - l'attività della giunta Vendola il magistrato lo sta accertando. Ha per questo avviato indagini su buona parte dell'attività amministrativa nel settore sanitario della giunta Vendola in carica dal 2005 al giugno scorso. Nei primi giorni di luglio, per decisione del presidente Nichi Vendola, cinque assessori sono stati sostituiti mentre a palazzo di giustizia di Bari circolavano voci incontrollate su nuove 'scosse'. Il terremoto, almeno finora, non c'é stato ma una bufera sì perché ieri i carabinieri sono entrati nelle sedi di cinque partiti baresi (Pd, Prc, Sinistra e Libertà, Socialisti Autonomisti e Lista Emiliano) e hanno acquisito i bilanci dal 2005 al 2008, oltre a tutta la documentazione bancaria.

L'ipotesi da verificare è l'illecito finanziamento pubblico ai partiti nell'ambito di un'indagine in cui vengono contestati i reati di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione, concussione, falso, truffa, abuso d'ufficio e voto di scambio con l'aggravante, per alcuni indagati, di aver favorito il potente clan mafioso barese degli Strisciuglio. Qualche politico - si sospetta - avrebbe chiesto alla mala voti e appoggi per aprire nel rione Libertà circoli ricreativi, ovviamente in cambio di favori.

Le prime risposte ai sospetti del magistrato potrebbero arrivare dall'esame delle delibere ritenute dall'accusa illegittime. Atti che l'allora assessore Tedesco ha portato in giunta e che la giunta regionale ha varato. Il pm vuole anche accertare se nell'esecutivo regionale Tedesco godeva dell'appoggio incondizionato di alcuni assessori. Quindi, vuole accertare se vi siano state complicità. Gli atti che vengono esaminati riguardano la gestione degli appalti, le nomine dei direttori generali delle Ausl, i concorsi per primari e l'accreditamento di strutture sanitarie private presso la Regione Puglia.

Ansa 2009-07-31 19:56
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
CRISI: DL. CASSON, DA GOVERNO GIOCO DELLE TRE CARTE
INTRODOTTE NORME INCOSTITUZIONALI SU CORTE DEI CONTI


"Il decreto-legge sulle misure anti crisi ha del paradossale, ha aspetti per certi versi kafkiani".  Così il senatore del Pd Felice Casson, capogruppo in commissione Giustizia, interviene illustrando la questione pregiudiziale nell'Aula di Palazzo Madama.
"La maggioranza chiede l'approvazione di alcune norme sulle funzioni e sulle attività della Corte dei conti che sono palesemente viziate. E lo sa.
Come sa, del resto, che il governo ha già predisposto per il Consiglio dei ministri di domani un decreto-legge correttivo di tali vizi ma esso interverrà dopo che i senatori saranno stati costretti a votare delle norme palesemente incostituzionali.
Eppure si procede come se nulla fosse, come se delle regole, delle leggi ordinarie e della Costituzione si potesse tranquillamente fare a meno, giocando con le norme come fossimo al gioco delle tre carte".
"A parte il consueto vizio del governo di ricorrere ai decreti legge senza i necessari requisiti di necessità e urgenza, a parte l'ulteriore vizio di inserire in un decreto-legge disposizioni nuove e disomogenee ad iter parlamentare già avviato, in questo decreto-legge il governo ha anche inserito le norme incostituzionali sulla Corte dei conti criticate da senatori della stessa maggioranza.
Cito ad esempio il comma 30 ter aticolo 17 che rischia di paralizzare il controllo del procuratore della Corte dei Conti in determinate ipotesi di danno erariale e di danno all'immagine.
Penso inoltre a quella norma che espropria di fatto le sezioni regionali di controllo della Corte dei conti delle proprie competenze legislativamente determinate su base territoriale, attraendole a livello centrale proprio nei casi, peraltro del tutto indeterminati, ritenuti di maggior rilievo o delicatezza, pur in assenza di ogni contrasto o incertezza interpretativa.
Tale previsione - aggiunge Casson - si pone in controtendenza con i principi desumibili dall'articolo 114 della Costituzione da cui discende, tra l'altro, l'articolazione della funzione di controllo esterno a livello regionale e locale. Inoltre, la funzione di orientamento generale renderebbe anche superflua ogni successiva pronunzia delle sezioni regionali, svuotandole di fatto di funzioni significative.
Segnalo, infine, che il decreto-legge prosegue nel tentativo perverso di gerarchizzazione della Corte dei conti già parzialmente realizzato con la cosiddetta legge Brunetta che ha modificato la coerenza del sistema costituzionale di controllo esterno della Corte dei conti, controllo che viene ora ad essere asservito e subordinato ai Governi centrali e locali, a detrimento del corretto rapporto con le Assemblee parlamentari e con le assemblee elettive territoriali.
Questo decreto-legge, pertanto, interviene di nuovo pesantemente sulle funzioni e sull'ordinamento della Corte, in contrasto con le esigenze e con le garanzie poste dalla Costituzione".

31/07/2009 - 16.40
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Alle segreterie regionali
Alle segreterie territoriali
FPCGIL


Alle lavoratrici e ai lavoratori della Giustizia


Tra gli obiettivi dell’allegato al Documento di Programmazione Economica e Finanziaria per gli anni 2010-2013 c’è la riqualificazione del personale del Ministero della Giustizia, finalizzata alla valorizzazione delle professionalità e un piano di nuove assunzioni per sopperire alle gravi carenze di organico.

A questo punto non ci sono più ostacoli per avviare un confronto serio che porti rapidamente al raggiungimento di questi importanti obiettivi che garantiranno il miglioramento delle condizioni di lavoro e dell’efficienza del servizio reso ai cittadini.

A settembre ci aspettiamo che ripartano subito le trattative e che giungano presto ad un risultato concreto.

Roma, 31 luglio 2009


La coordinatrice Nazionale
FPCGIL Organizzazione Giudiziaria e Archivi Notarili
Nicoletta Grieco
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Vi posto questo articolo di Dario Simeoli per nelMerito.com, lo trovo interessantissimo e non me ne voglia per l'accorpamento alla questione Ru 486, perché purtroppo la raffinatezza del pensiero giurisprudenziale ben si addice ad evidenziare il mancato senso della misura legislativo in Italia sul tema Donna e Diritti, al possibile, anzi più che probabile, carnaio determinato dall'introduzione della Ru486, che ci mostrerà di nuovo il volto delle Mammane casalinghe e le donne in setticemia da parziale espulsione del feto. L.M.

“VITA” DELL’EMBRIONE E SALUTE DELLA DONNA:
BREVISSIME NOTE SULLA RECENTE
GIURISPRUDENZA COSTITUZIONALE       



di Dario Simeoli
31 luglio 2009


La sentenza 8 maggio 2009 n. 151 della Corte costituzionale ha dichiarato costituzionalmente illegittima la legge in materia di procreazione medicalmente assistita nella parte in cui (art. 14, comma 2, della legge 19 febbraio 2004, n. 40) prescrive "un unico e contemporaneo impianto, comunque non superiore a tre, degli embrioni nonché nella parte in cui (art. 14, comma 3, della legge n. 40 del 2004) "non prevede che il trasferimento degli embrioni, da realizzare non appena possibile, come stabilisce tale norma, debba essere effettuato senza pregiudizio della salute della donna".

Sono tre i principi che hanno "guidato" la penna del Giudice.

a) Il principio di giusto bilanciamento tra la tutela dell’embrione e le esigenze di procreazione. A questo riguardo, la riflessione della Consulta prende le mosse da un dato, invero, inoppugnabile. La legge scritta dal Parlamento fornisce all’embrione una tutela non assoluta ma "relativa" perché in parte "affievolita" dalla diversa esigenza (avvertita nell’attuale contesto politico sociale) di assicurare alla donna concrete aspettative di gravidanza. Difatti, anche nel caso di limitazione a soli tre del numero di embrioni prodotti ed impiantabili, la legge evidentemente ammette che alcuni di essi possano non dar luogo a gravidanza.

b) Il principio di gradualità e di minore invasività della tecnica di procreazione assistita, enunciato espressamente dalla legge 40 (all’art. 4, comma 2).

c) Il principio della autonomia e della responsabilità del medico. La giurisprudenza costituzionale ha ripetutamente posto l’accento sui limiti che alla discrezionalità legislativa pongono le acquisizioni scientifiche e sperimentali, che sono in continua evoluzione e sulle quali si fonda l’arte medica: sicché, in materia di pratica terapeutica, la regola di fondo deve essere la autonomia e la responsabilità del medico, che, con il consenso del paziente, opera le necessarie scelte professionali (sentenze n. 338 del 2003 e n. 282 del 2002).

Premessi tali criteri interpretativi, esaminiamo le conclusioni e le implicazioni che ne derivano.

L’esclusione (comma 2 dell’art. 14) di ogni possibilità di creare un numero di embrioni superiore a quello strettamente necessario ad un unico e contemporaneo impianto, e comunque superiore a tre, determina la necessità della moltiplicazione dei cicli di fecondazione, poiché non sempre i tre embrioni eventualmente prodotti risultano in grado di dare luogo ad una gravidanza (le possibilità di successo variano in relazione alle caratteristiche degli embrioni e alle condizioni soggettive, soprattutto l’età, delle donne). Il limite predetto legislativo, rendendo talvolta necessario il ricorso alla reiterazione di detti cicli di stimolazione ovarica, finisce per favorire l’aumento dei rischi di insorgenza di patologie che a tale iperstimolazione sono collegate nonché il pregiudizio alla salute della donna (e del feto) derivante dalla verificazione di gravidanze plurime (ciò anche in ragione del divieto di riduzione embrionaria selettiva di tali gravidanze prescritto all’art. 14, comma 4, salvo il ricorso all’aborto). L’incostituzionalità della norma (per violazione dei principi di ragionevolezza e di uguaglianza nonché del diritto alla salute della donna ed, eventualmente, del feto) sta proprio qui: nel riservare il medesimo trattamento a situazioni dissimili piuttosto che, al fine di ridurre al minimo ipotizzabile il rischio per la salute della donna e del feto, riconoscere al medico la possibilità di una valutazione del singolo caso sottoposto al trattamento, con conseguente individuazione, di volta in volta, del limite numerico di embrioni da impiantare ritenuto idoneo ad assicurare un serio tentativo di procreazione assistita. Le stesse motivazioni comportano la declaratoria di incostituzionalità della legge nella parte in cui (articolo 14, comma 3) non prevede che il trasferimento degli embrioni, da realizzare non appena possibile, debba comunque essere effettuato senza pregiudizio della salute della donna.

Le altre questioni di costituzionalità (tra cui quella dell’art. 6, comma 3, che non consente, dopo la fecondazione dell’ovulo, la revoca della volontà all’accesso alle tecniche di procreazione medicalmente assistita) non sono state affrontate perché ritenute manifestamente inammissibili per difetto di rilevanza (ovvero la loro delibazione non era necessaria al fine di decidere la controversia pendente innanzi ai Giudici remittenti).

E’ importante sottolineare come la decisione della Consulta faccia salvo il principio secondo cui le tecniche di produzione non devono creare un numero di embrioni superiore a quello strettamente necessario (l’assoluta libertà di produzione sovrannumeraria di embrioni determinerebbe una situazione che, pur se inserita all’interno dei ragionevoli presupposti normativi, sarebbe foriera di problematiche insostenibili non scevre da implicazioni di natura etica, giuridica, oltre che gestionale); soltanto si esclude la razionalità della predeterminazione legale di un protocollo sanitario unico a fronte di fattispecie che, in concreto, possono presentarsi clinicamente assai differenti. L’effetto della pronuncia è di introdurre una deroga al principio generale di divieto di crioconservazione (di cui al comma 1 dell’art. 14), la cui ragione di esistenza era coerente con la sequenza obbligatoria "creazione-trasferimento-impianto" dell’embrione; le conclusioni del Giudice delle leggi determinano, ora, la necessità del ricorso alla tecnica di congelamento con riguardo agli embrioni prodotti ma non impiantati per scelta medica.

La pronuncia della Consulta segue un altro importante intervento "correttivo" operato sulla legge 40 dalla giurisprudenza di merito (Tribunale di Cagliari, sentenza 22 settembre 2007): quest’ultima ritiene lecita, a date condizioni, la diagnosi preimpianto (con tale espressione intendendosi l’accertamento genetico che, attraverso la tecnica del prelievo di una o più cellule dall’embrione prima del suo impianto nell’utero materno, consente di accertare se l’embrione stesso sia o meno portatore di determinate gravi malattie). In particolare, ciò è ritenuto consentito quando sia stata richiesta dai soggetti indicati nell’art. 14, 5° comma, l. n. 40/2004, abbia ad oggetto gli embrioni destinati all’impianto nel grembo materno, sia strumentale all’accertamento di eventuali malattie dell’embrione e finalizzata a garantire a coloro che abbiano avuto legittimo accesso alle tecniche di procreazione medicalmente assistita una adeguata informazione sullo stato di salute degli embrioni da impiantare. Tale vicenda aveva fatto emergere un ulteriore aspetto del sofferto bilanciamento di interessi compiuto dal legislatore con riguardo all’ambito dei rapporti tra l’aspettativa di vita dell’embrione (che potrebbe essere pregiudicata dall’accertamento invasivo in parola) e la singola persona direttamente coinvolta nel procedimento di procreazione medicalmente assistita; anche in tal caso si è concluso nel senso che la legge non prevede per l’embrione una tutela assoluta, ma un bilanciamento dei contrapposti interessi, che vede prevalere, in certi casi, i diritti costituzionalmente garantiti dei soggetti che alle tecniche di procreazione assistita abbiano avuto legittimo accesso.

La legge n. 40 è stato il primo provvedimento in materia di fecondazione artificiale con il quale il legislatore ha inteso tracciare un bilanciamento tra il diritto di accesso alle tecniche di procreazione medicalmente assistita e i sottostanti interrogativi bioetici inerenti il rispetto della dignità della vita umana. I principi fondanti, ovvero il divieto di fecondazione eterologa, il divieto di clonazione, di sperimentazione e congelamento dell’embrione, si ispirano al rifiuto della strumentalizzazione dell’individuo (art. 2 Cost.). Gli interventi della giurisprudenza (di cui si è dato sinteticamente conto), appaiono volti a ridimensionare talune asimmetrie dello statuto giuridico in tema di procreazione (che, da una parte, non consente di rifiutare l’impianto dell’embrione e, dall’altra, fa salva la possibilità di procedere successivamente all’interruzione della gravidanza): a questi fini, l’impressione è che si sia proceduto a raccordare l’intero materiale normativo attraverso l’identificazione di una comune ratio disciplinatrice della dialettica tra la "vita" dell’embrione (e del feto) e l’autodeterminazione dell’individuo: la tutela massima per il concepito (e dell’embrione) si affievolisce (ovviamente solo se presenti le condizioni di legge) davanti al preminente interesse della donna alla sua salute fisica e psichica. La questione è, tuttavia, assai delicata (e probabilmente ancora lontana da un assetto definitivo) giacché la scelta di non impiantare l’embrione diagnosticato malato (sia pure giustificato dall’esigenza di evitare il pregiudizio psico-fisico della donna), seguita poi dall’impianto di altro embrione diagnosticato sano, risolvendosi nella "selezione indolore e automatizzata" degli embrioni prodotti, può assumere i caratteri della discriminazione e della strumentalizzazione della persona umana (art. 2 Cost.).

nel Merito
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 31/07/2009 @ 04:12:47, in Osservatorio Famiglia, linkato 1565 volte)
Questo, che superficialmente appare come un momento del progresso dei diritti della donna, non è affatto tale. Giustizia Quotidiana, assume per un momento le vesti di Cassandra e profetizza disgrazia: da oggi 31 luglio 2009 e nei prossimi 12 mesi, osserveremo l'evolversi del fenomeno dello "spaccio" della pillola abortiva Ru486 ad uso e consumo della criminalità organizzata, che esercita in italia il business della prostituzione. La pillola abortiva sarà somministrata senza nessuna cura medica o prevenzione alle nuove schiave, per il mantenimento utile dell'unità da marciapiede. Gli spacciatori? Medici e sanitari compiacenti degli Ospedali italiani... L.M.



ABORTO: VIA LIBERA ALLA
PILLOLA RU486 ANCHE IN ITALIA


ROMA - Arriva in Italia la pillola abortiva Ru486. Dopo dei ore di riunione il CdA dell'Agenzia del Farmaco (Aifa) ne ha autorizzato l'immissione in commercio con quattro voti a favore e uno contrario. Il farmaco, già utilizzato in altri paesi europei, potrà essere impiegato solo in ospedale ed entro il 49/o giorno di gravidanza. Oltre questo termine aumentano infatti le complicanze rispetto all'aborto chirurgico. Il CdA dell'Aifa si è avvalso dei pareri del Consiglio superiore di Sanità e ha raccomandato ai medici "la scrupolosa osservanza della legge". La decisione, ha voluto sottolineare l'Aifa in una nota, "rispecchia il compito di tutela della salute del cittadino che deve essere posto al di sopra e al di là delle convinzioni personali di ognuno pur essendo tutte meritevoli di rispetto". Già nel pomeriggio di ieri, il possibile via libera alla pillola aveva innescato una netta reazione del Vaticano, che aveva parlato di "veleno letale" e di "delitto" che comporta "la scomunica" della chiesa per chi la usa, la prescrive o partecipa a qualsiasi titolo "all'iter". "Non sono stati chiariti alcuni punti oscuri del metodo relativi alla sicurezza nell'utilizzo" della Ru486: è il primo commento del sottosegretario al Welfare, Eugenia Roccella, la quale chiede "chiarezza" all'Aifa. "Come ministero - aggiunge - dobbiamo garantire la compatibilità con la legge 194 sull'interruzione volontaria di gravidanza e dobbiamo garantire la sicurezza delle donne". Soddisfatto il ginecologo torinese Silvio Viale (Radicali): "Finalmente! prima di tutto è una vittoria per le donne italiane, che da oggi sono più libere e hanno un'opportunità in più". "Ma - aggiunge - la lotta continua perché ora bisogna offrire l'aborto medico in tutta Italia".

LA CONDANNA DEL VATICANO, E' DELITTO DA SCOMUNICA: Per voce di monsignor Giulio Sgreccia, emerito presidente dell'Accademia per la vita, il Vaticano auspica "un intervento da parte del governo e dei ministri competenti". Perché - spiega - non "é un farmaco, ma un veleno letale" che mina anche la vita delle madri, come dimostrano i 29 casi di decesso. La Ru486 - afferma Mons. Sgreccia - è uguale, come la chiesa dice da tempo, all'aborto chirurgico: un "delitto e peccato in senso morale e giuridico" e quindi comporta la scomunica 'latae sententiae', ovvero automatica.

ROCCELLA, RISCHIO DI ABORTI IN 'CLANDESTINITA' LEGALE': Il pericolo paventato dal sottosegretario al Welfare Eugenia Roccella è che con la pillola abortiva Ru486 si possa arrivare a una "cladestinità legalizzata" degli aborti. Il metodo dell'aborto farmacologico con la Ru486, ha affermato, "intrinsecamente porta la donna ad abortire a domicilio, proprio perché il momento dell'espulsione non è prevedibile", in una sorta di "clandestinità legale".

AGENZIA FARMACO, SI' NEL RISPETTO LEGGE ABORTO
Il Consiglio di Amministrazione dell'AIFA (l'Agenzia del Farmaco) che ieri sera ha deliberato l'autorizzazione all'immissione in commercio del farmaco mifepristone (Mifegyne), noto come Ru486, ha precisato che ''a garanzia e a tutela della salute della donna'' l'utilizzo del farmaco e' subordinato al rigoroso rispetto della legge per l'interruzione volontaria della gravidanza (L. 194/78). ''La decisione assunta dal CdA - afferma l'Aifa - rispecchia il compito di tutela della salute del cittadino che deve essere posto al di sopra e al di la' delle convinzioni personali di ognuno pur essendo tutte meritevoli di rispetto''. In particolare deve essere garantito il ricovero in una struttura sanitaria, cosi' come previsto dall'art. 8 della Legge sull'aborto. Questo perche' dal momento dell'assunzione del farmaco sino alla certezza dell'avvenuta interruzione della gravidanza, e' necessario escludere la possibilita' di complicanze. La stessa legge n.194 prevede inoltre ''una stretta sorveglianza da parte del personale sanitario cui e' demandata la corretta informazione sul trattamento, sui farmaci da associare, sulle metodiche alternative disponibili e sui possibili rischi, nonche' l'attento monitoraggio del percorso abortivo onde ridurre al minimo le reazioni avverse (emorragie, infezioni ed eventi fatali)''. Ulteriori valutazioni sulla sicurezza del farmaco hanno indotto il CdA a limitare l'utilizzo del farmaco entro la settima settimana di gestazione anziche' la nona come invece avviene in gran parte d'Europa. Tra la settima e la nona settimana, infatti, si registra il maggior numero di eventi avversi e il maggior ricorso all'integrazione con la metodica chirurgica. Il Consiglio di Amministrazione si e' avvalso anche dei pareri forniti dal Consiglio Superiore di Sanita' e ha raccomandato ai medici la scrupolosa osservanza della legge.

Ansa 2009-07-31 10:43


Identikit della pillola abortiva, come agisce

ROMA - La pillola abortiva Ru486 è già in uso in vari paesi e dal 2005 è inserita nella lista dei farmaci dell'Organizzazione mondiale della Sanità (Oms).

- PILLOLA RU486, ECCO COME AGISCE: La pillola RU486 ha un verificato effetto abortivo. A base di mifepristone, è in grado di interrompere la gravidanza già iniziata con l'attecchimento dell'ovulo fecondato. L'aborto farmacologico tramite Ru486 prevede l'assunzione di due farmaci: la Ru486 appunto (che interrompe lo sviluppo della gravidanza) in abbinamento a una prostaglandina che provoca le contrazioni uterine e l'espulsione dei tessuti embrionali. Ogni Paese in cui la pillola abortiva è commercializzata ha delle regole e delle scadenze precise: la pillola può infatti essere assunta entro un certo periodo di tempo, calcolato in settimane. Quindici giorni dopo l'espulsione, che avviene nel 98,5% dei casi, la paziente viene sottoposta a valutazione ecografica e ad una visita di controllo. Cosa diversa è, invece la cosiddetta 'pillola del giorno dopo' Norlevo, con la quale la RU486 è spesso confusa: In questo caso si tratta di un anticoncezionale e non provoca, secondo gli esperti, l'interruzione di una gravidanza, ma impedisce l'eventuale annidamento nell'utero dell'ovulo che potrebbe essere fecondato.

-- LE ORIGINE DELLA PILLOLA ABORTIVA: Le ricerche per la produzione della pillola abortiva Ru486 iniziarono nel 1970 in Francia, quando un gruppo di chimici ed endocrinologi guidati da Etienne-Emile Baulieu ed Edouard Sakiz cominciarono a sviluppare un programma di ricerca per realizzare una gamma di molecole per il regolamento dell'attività ormonale e anti-ormonale. Nel 1982 Baulieu presentò all'Accademia delle scienze i risultati clinici della nuova sostanza anti-progesterone: il mifepristone. La sostanza, chiamata col codice Ru 38 486, venne denominata in forma abbreviata Ru486 e presentata come un'alternativa all'aborto per aspirazione.

- I PAESI DOVE E' GIA' IN COMMERCIO: La Ru486 è commerciabile in Francia dal 1988. Nel 1990 fu autorizzata in Gran Bretagna, e un anno dopo in Svezia. Dal 1999 la pillola viene ufficialmente commercializzata in Germania, Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Grecia e Paesi Bassi, Svizzera, Israele, Lussemburgo, Norvegia, Tunisia, Sudafrica, Taiwan, Nuova Zelanda e Federazione russa. Nel 2005 il mifepristone è stato aggiunto alla lista dei farmaci dall'Organizzazione mondiale della sanità, che ha anche definito delle linee guida.

Ansa 2009-07-30 21:43
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 31/07/2009 @ 03:46:47, in Varie, linkato 1510 volte)



Sondaggio!

Giustizia Quotidiana il blog deve ri-aprire i commenti ?

(vota in basso a destra, proprio sopra il gattone, che si affaccia dal vetro)


Rammento ai miei lettori che è attivo il forum di Giustizia Quotidiana, che consente agli utenti di dialogare sui temi caldi della giustizia con il supporto in diretta delle news di agenzia, da testate specialistiche o giuridiche, dai blog, dai sindacati, dalla Camera e dal Senato della Republica e ultimissimi da Polizia di Stato, a questo link:

www.giustiziaquotidiana.net

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 31/07/2009 @ 03:41:06, in Osservatorio Famiglia, linkato 1489 volte)
Stop Rape Now - Fermare la violenza adesso


NicoleNicole Kidman, Ambasciatrice di Benevolenza per UNIFEM, attraverso il gesto delle braccia incrociate dimostra la propria solidarietà alla causa che si propone di eliminare la violenza sessuale nei conflitti armati, la quale terrorizza milioni di donne e ragazze ed è una tattica utilizzata intenzionalmente su larga scala dai gruppi armati. La Campagna Stop Rape Now, un impegno congiunto da parte di 12 Organizzazioni delle Nazioni Unite, chiede anche il tuo aiuto! Come? PROTESTA! Unisciti a loro in una dimostrazione di solidarietà globale: incrocia le tue braccia, scatta una foto e caricala sul sito internet.

Scegliere il gesto delle braccia incrociate proposto dalle Nazioni Unite rappresenta un modo efficace per inviare un chiaro messaggio di intolleranza verso la violenza sessuale. 

La tua foto verrà inserita nella bacheca del sito di Stop Rape Now e quindi in un gigante mosaico al quartier generale delle Nazioni Unite a New York, per dimostrare che le persone di tutto il mondo stanno alzando la propria voce per protestare contro ciò che è stato definito il più grande silenzio della storia.

Ad Agosto il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite discuterà un piano d’azione per mettere un freno a questo crimine di guerra, punire i perpetratori e documentare le atrocità compiute nel passato. Per far ciò, si baserà sulla Risoluzione del Consiglio di Sicurezza n.1820, adottata all’unanimità il 19 giugno 2008, che riconosce la violenza sessuale nei conflitti armati come strumento di guerra e come una minaccia alla pace e alla sicurezza globale.

Inviando la tua foto, sosterrai le seguenti richieste:
  • La violenza sessuale nei conflitti deve e può essere fermata.
  • Le vittime di violenza devono essere messe nelle condizioni di trovare giustizia. I perpetratori devono essere processati. I processi giudiziari devono essere rispettosi e sicuri sia per le vittime che per i testimoni.
  • Le vittime sopravvissute alle violenze sessuali subite durante conflitti devono ricevere risarcimenti, su base individuale o comune, a seconda del proprio desiderio e delle proprie esigenze.
  • I Paesi che contribuiscono alle missioni di peacekeeping delle Nazioni Unite attraverso personale militare o civile devono assicurarsi che questi ultimi siano addestrati per prevenire ed evitare violenze sessuali, proteggere donne e ragazze e fornire opportunità di leadership alle donne.
  • I Donatori devono fornire risorse e fondi per far fronte alle necessità delle vittime sopravvissute alle violenze nelle situazioni di emergenze e nei conflitti.
La violenza sessuale non danneggia solo la salute e il benessere di donne e ragazze, ma anche il processo stesso di pace. Pronuncia anche tu il tuo NO alla violenza sessuale nei conflitti! Carica la tua foto a braccia incrociate sul sito di Stop Rape Now. Dimostra il tuo sostegno!

Il Team di Say NO

***

UNIFEM è una delle 12 Organizzazioni delle Nazioni Unite che collaborano attraverso la UN Action Against Sexual Violence in Conflict (Azione ONU contro la Violenza Sessuale nei Conflitti Armati) per aumentare e migliorare i servizi forniti alle vittime, e proteggere donne e bambine durante e dopo i conflitti.

 
Irma - Torino
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 31/07/2009 @ 03:28:02, in Sindacati Giustizia, linkato 2519 volte)
Ricevo via facebook da Nicoletta Grieco e da Giovanni Scialdone, unifico in un solo post i due comunicati e rilancio per dare maggiore diffusione alla notizia che, causa ferie, sarà poco conosciuta...


INTEGRAZIONE FUA 2007


Il ministero dell'Economia ha comunicato di aver messo a disposizione ulteriori 6 milioni di euro per il FUA del 2007 per il ministero della Giustizia, per cui i lavoratori percepiranno ulteriori 100 euro.

Le somme verranno attribuite secondo i criteri dell’accordo del 2007 che anche RDB ha condiviso, a differenza del 2008, visti gli ignobili criteri fissati dalla legge 133. Le somme ammontano a: 5.562.716 euro per il DOG, a 842.174 per il DAP 189.021 per il DGM e 79.320 per gli Archivi Notarili.

Oggi RDB firmerà l’integrazione dell’accordo del 2007, chiederemo all'amministrazione la massima celerità nel pagamento di quanto previsto.

Sul sito www.giustizia.rdbcub.it la comunicazione del Sottosegretario Caliendo

Daniela Rosone

RdB Cub Pubblico Impiego


Integrazione fua 2007. Soldi in più a settembre


Alle segreterie regionali
Alle segreterie territoriali
FPCGIL

Alle lavoratrici e ai lavoratori
della Giustizia e degli Archivi Notarili


Si comunica che in data odierna ci è pervenuta la notizia di un’integrazione del Fondo Unico di Amministrazione per l’anno 2007.

Le somme verranno attribuite secondo i criteri dell’accordo del 2007 e ammontano a: 5.562.716,00 € per l’Amministrazione Giudiziaria e a 79.320,00€ per gli Archivi Notarili.

Tra oggi e domani è prevista la firma dell’integrazione dell’accordo del 2007 per cui si auspica che il pagamento avvenga in tempi celeri.

Roma, 29.07.09

La coordinatrice nazionale
FPCGIL Organizzazione Giudiziaria e Archivi Notarili
Nicoletta Grieco





Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 31/07/2009 @ 01:00:14, in Politica, linkato 1419 volte)
Il sorteggio per il Csm è una scelta sbagliata


di Gaetano Pecorella
deputato del Pdl

Tra le molte polemiche, in tema di giustizia, ce ne è una, in questa calda estate, particolarmente vivace, accanto a quella sulla riforma del processo penale: si tratta del dibattito sul Consiglio Superiore della Magistratura, che divide in due politici e magistrati.
E' pur vero che ancora non vi è una proposta scritta, o per lo meno una proposta conosciuta: ma, come spesso accade, le voci precedono, solo di qualche tempo, i fatti. Per lo meno in questa fase della vita politica.
C'è chi vorrebbe introdurre un sistema elettorale che sia caratterizzato, in parte, da una scelta dei suoi componenti affidata alla estrazione a sorte; e c'è chi rifiuta radicalmente una tale soluzione denunciandone la incostituzionalità e irrazionalità. E ci sono sia politici che magistrati, dall'una e dall'altra parte.
C'è da dire, subito, che la Costituzione non consente altra forma di scelta dei componenti del Consiglio che non sia quella elettiva. L'articolo 104 della Costituzione, infatti, prevede che i togati siano "eletti per due terzi da tutti i magistrati ordinari, tra gli appartenenti (ovviamente, tutti gli appartenenti) alle varie categorie": il concetto di "eletti" tra le "varie categorie" non lascia spazio per una alternativa a quella del voto, e soltanto del voto. Ma la estrazione a sorte è anche priva di qualsiasi razionalità non soltanto perché il caso, per definizione, si colloca nell'area del "fortuito", del "casuale", ma anche perché i "prescelti" potrebbero non avere alcun titolo per bene amministrare "le assunzioni, le assegnazioni e i trasferimenti, le promozioni e i provvedimenti disciplinari", che sono i compiti precipui del Consiglio Superiore della Magistratura.
E' pur vero che, in astratto, tutti i magistrati sono eguali, così come eguali sono i cittadini: ma alcuni, per esperienza, per formazione, per intelligenza, sono più adatti di altri a rappresentare gli interessi di una categoria.
Le ipotesi che si prospettano all'orizzonte sono due: o estrarre a sorte un certo numero di magistrati, e tra questi votare i componenti del Consiglio; o, al contrario, votare un certo numero di magistrati e, tra questi, estrarre a sorte i componenti del Consiglio.
E' evidente, però, che nel primo caso è violato il principio dell'elettorato passivo e, nel secondo, il principio di rappresentanza.
Di più: nel secondo caso chi ha avuto meno voti potrebbe prevalere su chi ha avuto più preferenze.
Ed infine, soluzioni come queste nulla cambierebbero, perché il governo della magistratura sarebbe sempre sotto il controllo delle correnti, ma alle deviazioni che oggi esistono, e di cui tutti si lamentano, se ne aggiungerebbe un'altra, e cioè che una corrente minoritaria, potrebbe decidere senza rispettare, anzi in violazione dei diritti della maggioranza.
Siamo d'accordo: il sistema elettorale del Consiglio Superiore della Magistratura va cambiato, ma non così.
Pare assai difficile che un qualunque sistema elettorale possa ridurre il peso delle correnti, se non altro perché in ogni caso gli accordi riuscirebbero a superare tutti gli ostacoli posti dalla legge.
Forse la sola via che può incidere sulle aggregazioni è quella di prevedere piccoli collegi, con liste locali. Ciò, per di più, avvicinerebbe gli eletti agli elettori e premierebbe il merito al di là delle designazioni dall'alto.

Il Sole 24 ore, pag 20, 30/07/09
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 31/07/2009 @ 00:35:55, in Magistratura, linkato 2355 volte)
La cosa interessante sarebbe sapere cosa resta indietro al pm. Ad ogni modo, questi trasferimenti possono essere la causa di scarcerazioni di criminali mafiosi, ritardati depositi di atti e simili ...

Woodcock arriva a Napoli il 20 agosto



Roma. Nonostante il parere favorevole dei capi degli uffici giudiziari il Ministero della Giustizia non ha concesso al pm di Potenza Henry John Woodcock, già destinato alla Procura di Napoli dal Csm, un ulteriore proroga di due mesi (il cosiddetto "ritardato possesso") per concludere alcune attività giudiziarie che ha in corso nel capoluogo lucano.

Woodcock ha ottenuto solo una "mini proroga" di dieci giorni; dovrà, pertanto, insediarsi alla procura di Napoli a partire dal prossimo 20 agosto.

Il pm potentino, noto per aver condotto diverse inchieste di largo impatto mediatico, per gran parte fondate su intercettazioni telefoniche, aveva ottenuto un periodo di "ritardato possesso" nel nuovo incarico.

Successivamente il Procuratore della Repubblica di Potenza, Giovanni Colangelo, aveva chiesto un nuovo periodo di "ritardato possesso" per consentire al pm, prima del definitivo trasferimento a Napoli, di chiudere alcune inchieste da lui svolte e ora in fase di definizione.

Dopo la decisione negativa del Ministero, alcune di tali inchieste saranno definite da un altro pm dopo il trasferimento di Woodcock a Napoli.

Il Giornale di Napoli, 29/07/09
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18
Ci sono  persone collegate

< luglio 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           






Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (38)
Associazioni Giustizia (52)
Economia (86)
Estero (187)
Giuristi (134)
Gruppo Cellule Staminali (1)
Indagini (210)
Lavoratori Giustizia (1)
Magistratura (2170)
Osservatorio (1)
Osservatorio Famiglia (512)
Politica (926)
Redazionale (68)
Sindacati Giustizia (326)
Sindacato (221)
Telestreet (7)
Varie (82)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017

Gli interventi piů cliccati

Titolo
Bianco e nero (236)
I gatti di G.Q. (25)

Le fotografie piů cliccate

Titolo
G.Q. Non ha mai pubblicato pubblicità in otto anni e se iniziasse ora?

 Si, a me non disturba
 No, non mi piace



Titolo






A.N.M.
A.N.M. new
A.D.M.I.
Argon News
A.I.M.M.F.
Argon News Redazione
Artists Against War
Articolo 3
BloggersPerLaPace
Comitato Sfruttatori ATU
Commissariato PS Online
dBlog.it Open Source
Erga Omnes
Eugius
Filo Diritto
Intesaconsumatori
Geopolitica
Giuristi Democratici
Giuristi Democratici Roma
Magistratura Democratica
M.D. Toscana
Medel
Medicina Democratica
Magistratura Indipendente
Movimento per la Giustizia
Nazionale Magistrati
Non Solo Giustizia
Osservatorio Bresciano
Osservatorio Romano
Sorgente D'Amore
Studio Cataldi
Studio Celentano
Studio Tidona
Toghe Lucane
Uguale per Tutti
Unitŕ per la Costituzione
Unicost Milano
Unione Internazionale Magistrati
Morandi Senato
About me







http://www.wikio.it
Wikio
Iscriviti a GQ su FriendFeed
Blogstreet - dove il blog č di casa
Iscriviti a GQ su Twitter
Powered by FeedBurner


Blog Link










24/07/2017 @ 0.34.21
script eseguito in 609 ms