Immagine
 .. bald ...... di Lunadicarta
 
"
Quanti reati si compiono in nome del commercio elettronico!

Loredana Morandi
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Loredana Morandi (del 30/04/2010 @ 18:58:02, in Osservatorio Famiglia, linkato 1578 volte)
Presentato esposto a Procura Milano e denuncia a polizia postale

Bimbi che fanno sesso con animali,
scovato sito con foto pedopornografiche

ultimo aggiornamento: 30 aprile, ore 18:40

Roma - (Adnkronos) - La scoperta è stata fatta dal gruppo degli esperti telematici di Aidaa, l'associazione italiana a tutela degli animali e dell'ambiente, che ha trovato siti contenenti centinaia di immagini e filmati liberamente e facilmente scaricabili dalla rete.

Roma, 30 apr. - (Adnkronos) - "Spuntano diversi siti con immagini di bambine e bambini impegnati a fare sesso con animali, il tutto con una semplice ricerca su internet, la ricerca realizzata dal gruppo degli esperti telematici di Aidaa ha portato alla scoperta di alcuni siti contenenti centinaia di immagini e filmati di chiaro contenuto pedopornografico liberamente e facilmente scaricabili dalla rete". E' quanto denuncia Aidaa, associazione italiana per la difesa di animali e ambiente. Il presidente nazionale di Aidaa Lorenzo Croce ha immediatamente provveduto a inviare una denuncia alla polizia postale segnalando il sito pedopornografico e chiedendone la immediata chiusura.

''Abbiamo passato ogni limite - afferma Croce - siamo all'abominio abbiamo scovato un sito contenente centinaia di filmati liberamente visionabili che contengono scene esplicite di bambini impegnate in azioni sessuali complete con animali. Ora ci auguriamo che da una parte questi siti vengano definitivamente oscurati, e che dall'altra parte il legislatore una volta per tutte si decida a dichiarare reato penale il sesso con animali".

"In particolare- continua Croce- ci auguriamo che vengano perseguiti coloro i quali hanno scaricato anche in Italia questi filmati che definire schifosi e' un eufemismo. La nostra battaglia contro i reati che vedono coinvolti animali in rete continua senza sosta, in questo caso- conclude Croce-siamo ancora piu' motivati nel denunciare la situazione in quanto oltre agli animali questi video porno hanno come coprotagonisti i bambini. Mettiamo davvero la parola fine a queste orrende e orribili vicende".
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 30/04/2010 @ 18:42:35, in Osservatorio Famiglia, linkato 1521 volte)
Come potete leggere la pedofilia riguarda principalmente gli uomini e non sussiste alcun limite di età o di condizione. E se sono temibili i pedofili quando religiosi, sappiate che la belva in sembianze umane che è di fatto un pedofilo laico non ha neppure paura del castigo di Dio. L.M.

Abusò dei nipotini: 10 anni allo zio

Il Secolo XIX
L'imputato, incensurato, è sempre stato presente in aula ed era a palazzo di giustizia anche ieri mattina, alla lettura della sentenza. ...

Abusi su minori, il gallerista arrestato sceglie di non rispondere ...

Corriere della Sera
MILANO - Si è avvalso della facoltà di non rispondere Francesco Tadini, il noto gallerista milanese arrestato giovedì con l'accusa di aver avuto rapporti sessuali in cambio di denaro con una minorenne e di aver scaricato migliaia di file ...

L'AQUILA, PEDOFILO ARRESTATO

AGI - Agenzia Giornalistica Italia
La vittima del presunto pedofilo e' uno sfollato che vive con la famiglia in un sito messo a disposizione dalla Protezione Civile per i terremotati. ...

Emirati: imam pedofilo a processo per molestie a bambino di 8 anni

Adnkronos/IGN - ‎28/apr/2010‎
Abu Dhabi, 28 apr. - (Adnkronos/Aki) - Si e' tenuta oggi presso la Corte di Dubai la prima udienza del processo a carico di un imam locale ZH, ...
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 29/04/2010 @ 19:05:16, in Osservatorio Famiglia, linkato 2235 volte)
Questa notizia merita un approfondimento ...

Milano: figlio di noto pittore arrestato per pedofilia


giovedì 29 aprile 2010

E’ stato arrestato a Milano il gallerista Francesco Tadini, figlio cinquantenne dell’artista Emilio Tadini (scomparso nel 2002). I militari che lo hanno arrestato hanno trovato nel suo computer materiale pedopornografico con immagini e video di bambini seviziati, torturati e costretti ad atti sadici. Il gallerista si è difeso asserendo di detenere tale materiale per interesse culturale riguardo al disagio sociale, ma a suo carico pende un’altra indagine per sfruttamento della prostituzione: è infatti accusato di avere avuto rapporti sessuali con una minore di 16 anni in cambio di denaro.

Sesso con minori e foto con bimbi seviziati, in manette il gallerista milanese Tadini Adnkronos, Pedofilia/ Tadini pronto a pagare fino a 4mila euro per bimbe Apcom, Pedofilia: arrestato il gallerista Francesco Tadini Ansa, Sevizie e abusi su minori: arrestato il gallerista Francesco Tadini Corriere della Sera, Sesso con minori e foto pedoporno arrestato a Milano il gallerista Tadini La Repubblica, Sesso con minori e foto con bambini torturati: arrestato il gallerista Tadini Il Messaggero, Pedofilia, torture su bimbi Arrestato gallerista Tadini Ritrovate migliaia di foto Il Giornale, Pedofilia, arrestato il gallerista Tadini: aveva foto e video con bambini torturati Il Mattino, Pedofilia, arrestato gallerista milanese Libero, «Sevizie e abusi su minori» Arrestato il gallerista Tadini Il Secolo XIX, Arrestato noto gallerista: sul suo pc materiale pedopornografico MilanoToday, Arancia meccanica nell’arte milanese? Arrestato per pedofilia Francesco Tadini Exibart

La Cronaca Italiana


Milano, arrestato il gallerista Francesco Tadini

Francesco Tadini, noto gallerista milanese e responsabile dello Spazio Tadini nonché nipote del pittore Emilio, è stato arrestato nell'ambito di un'inchiesta sullo sfruttamento della prostituzione. L'accusa parla di rapporti sessuali con minorenni in cambio di denaro e di detenzione di materiale pedopornografico, fotografico e video. Il gallerista era indagato già dallo scorso gennaio, e il 17 febbraio era stato interrogato dal pm Antonio Sangermano, che ne ha ora chiesto l'arresto. Pare che le indagini abbiano avuto una svolta grazie a una serie di intercettazioni telefoniche, nelle quali fra l'altro Tadini pare si dicesse disposto a pagare fino a 4.000 euro per bambine fra i 3 ed i 10 anni. (S. C.)

InsideArt



le intercettazioni: disposto a pagare fino a 4 mila euro per bambine di 3-10 anni

Sevizie e abusi su minori: arrestato
il gallerista Francesco Tadini

Il figlio del pittore Emilio accusato di rapporti con una 15enne e detenzione di materiale pedopornografico

MILANO - Francesco Tadini, noto gallerista milanese 50 enne figlio del pittore Emilio Tadini, è stato arrestato con l'accusa di avere avuto rapporti sessuali con una minorenne in cambio di denaro e di detenere un ingente quantità di materiale pedopornografico, foto e video, tra cui anche immagini di bambini seviziati, torturati, legati con funi e costretti ad atti sadici. Il 17 febbraio scorso Tadini era stato interrogato per oltre due ore in Procura, a Milano, perché indagato con l'accusa di favoreggiamento della prostituzione minorile nell'ambito di un'inchiesta del pubblico ministero Antonio Sangermano sullo sfruttamento di giovani ragazze straniere. Secondo quanto ricostruito dalle indagini, il gallerista avrebbe avuto rapporti con prostitute minorenni e, a suo carico, ci sarebbero anche alcune intercettazioni telefoniche che dimostrerebbero la sua volontà di avere incontri con bambine.

LE TORTURE - Le immagini trovate durante una perquisizione nei supporti informatici di Tadini ritraggono anche bambini di meno di 10 anni sottoposti a torture e sevizie a sfondo sessuale. Il gallerista, arrestato su un ordine di custodia cautelare in carcere firmato dal Gip Michaela Curami su richiesta del Pm Antonio Sangermano, si sarebbe giustificato di fronte ai magistrati e agli investigatori sostenendo che il materiale trovato era custodito «per indagare artisticamente l’abiezione umana».

LE BANDE DEGLI SFRUTTATORI - Tadini era indagato dal gennaio scorso nell’ambito di un’inchiesta su due bande costituite, una da cittadini albanesi e l’altra da cittadini romeni, accusati di sfruttamento della prostituzione. Tra il gennaio e il febbraio scorso le indagini avevano portato all’esecuzione di quattro diverse ordinanze, che avevano consentito alla polizia di arrestare una ventina di persone.

«BAMBINE DA PICCHIARE» - Secondo quanto è possibile apprendere, Tadini avrebbe allora contattato per telefono la banda di romeni per chiedere una prestazione sessuale con una 15enne e contatti sessuali con bambine di 3 e 10 anni, anche «da picchiare». Sarebbe stato disponibile a pagare dai mille ai 4 mila euro. La prima richiesta era stata accontentata, a dicembre, in cambio di 500 euro, mentre la seconda no perché la banda non aveva bambine così piccole a disposizione. A carico dell'uomo ci sarebbero numerose intercettazioni telefoniche.

IL DIALOGO - In una conversazione intercettata con una prostituta rumena di nome Elena, Tadini chiede incontri con ragazze e bambine. La donna dice che può fidarsi di lei, che mai lo truffaterebbe, e fa riferimento all'episodio del 21 dicembre dicendo: «Hai visto che ti ho portato una quindicenne». Quando lui parla di bambine e chiede se è possibile picchiarle durante gli incontri, lei gli consiglia di «andarci leggero, perché si tratta di bambine». Tadini ha ammesso nell'interrogatorio il rapporto con una ragazza nel dicembre scorso, affermando però che la giovane era maggiorenne. Ma gli inquirenti, stando a quanto si apprende, non gli avrebbero creduto, anche perché il prezzo versato, pari a 500 euro, appare sproporzionato stando alle tariffe chieste dalle rom, tra i 30 e i 50 euro.

LA PERQUISIZIONE - All’inizio dello scorso febbraio, grazie a un decreto di perquisizione, gli agenti della Mobile avevano condotto una perquisizione presso gli spazi a disposizione del gallerista, scoprendo un’enorme mole di materiale pedopornografico: circa 1.250 fotografie, 14.028 file visibili direttamente, 424 file compressi, 4 video compressi, 46 video immediatamente consultabili e 34 file protetti da password. Il gallerista è stato recluso nel carcere di San Vittore a Milano.

LO SPAZIO TADINI - Sul sito dello Spazio Tadini di via Jommelli è stato messo online il seguente comunicato: «L’associazione culturale Spazio Tadini, a seguito delle ultime notizie diffuse a mezzo stampa circa l’indagine che vede coinvolto Francesco Tadini, ritiene doveroso ricordare che da febbraio egli non è più né presidente, né direttore artistico dell’associazione. Questa decisione è stata presa da Francesco Tadini per rispetto e dovere nei confronti di tutti coloro che collaborano con l’associazione culturale. Oggi ne ricoprire l’incarico Melina Scalise».

Redazione online
Corriere Sera 29 aprile 2010

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 29/04/2010 @ 18:37:39, in Osservatorio Famiglia, linkato 1569 volte)
.. prima o poi vi dirò la mia sull'omicida seriale, promesso.

Elisa, Cristina e le altre: 5 ragazze e l'ombra di Restivo

08:56  CRONACHE Cesena, ricerche in un convento. E Aosta indaga su giovane sparita Alberti


.. la pedofilia dei laici.

Sevizie e abusi su minori: arrestato
il gallerista Francesco Tadini

15:41   CRONACA  Il figlio del pittore Emilio accusato di rapporti sessuali con una 15enne e detenzione materiale pedopornografico. Era disposto a pagare fino a 4 mila euro per bambine di 3-10 anni

Avrebbe chiesto di avere rapporti con una bimba di 3 anni
Disposto a pagare da 1000 a 4000 euro

MILANO (29 aprile) - Francesco Tadini, figlio del pittore scomparso Emilio Tadini e noto gallerista milanese, è stato arrestato nel capoluogo lombardo con l'accusa di avere avuto rapporti sessuali con una prostituta minorenne e di detenere 140mila file...


.. la bontà delle maestre.

Schiaffi e aggressioni a bambini dell'asilo
Arrestata maestra: violenze in un video


ROMA (29 aprile) - Un'insegnante d'asilo quarantenne di Militello in Val di Catania è stata arrestata in flagranza di reato da carabinieri della...


.. e certo, con quello che costa.

Garlasco, i periti: Stasi non scaricava
abitualmente materiale pedopornografico


VIGEVANO (28 aprile) - Alberto Stasi non divulgava materiale pedopornografico e resta il dubbio che...


.. storie di straordinaria violenza familiare, proprio come succede da noi.

«Non porti il velo»: violenta e picchia
la moglie e le rapisce il figlio di 3 anni

12:46   CRONACA «Te lo riporto morto, piuttosto che farlo tornare da te». La donna, romana di 29 anni, che rifiutava di coprirsi il volto ha denunciato il marito di origini egiziane di Rinaldo Frignani


la disperazione della solitudine.

Bimba bruciata nell'auto dalla madre:
«Sentivo le voci, mi dicevano cosa fare»


BENEVENTO (28 aprile) - Non aveva avuto un'infanzia facile e ora era in cura da 5 mesi nel...

Bimba di sette mesi carbonizzata in auto:
arrestata la madre, omicidio volontario

BENEVENTO (27 aprile) - Una bimba di sette mesi è morta carbonizzata nella Fiat Multipla alle porte...

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 29/04/2010 @ 18:22:15, in Sindacati Giustizia, linkato 1485 volte)
http://www.giustiziaquotidiana.it/public/COISPlogo.jpg


Coordinamento per l'Indipendenza Sindacale delle Forze di Polizia


COMUNICATO STAMPA
DEL 29 APRILE 2010

Ancora delinquenti presi come icona d’insegnamento.

Il COISP: “Vallanzasca in cattedra? E ora dobbiamo aspettarci anche Riina o Provenzano nelle università?”.

“Non è mostrando gli esempi negativi della società che si insegnerà ai ragazzi che ci sono cose che non si possono e non si devono fare. Cosa dobbiamo fare? Aspettare che qualcuno chieda a Totò Riina di spiegare nelle università quali sono i codici della mafia, o augurarci che Bernardo Provenzano ci aiuti a interpretare i suoi "pizzini"?” -  E' veemente e contrariata la reazione di Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp - il Sindacato Indipendente di Polizia - alla notizia che Renato Vallanzasca, pregiudicato condannato a 4 ergastoli per complessivi 260 anni di reclusione, per i numerosissimi delitti di cui si è macchiato e mai pentito, abbia parlato a degli studenti tra il compiacimento generale. “Crediamo nella giustizia e abbiamo rispetto delle decisioni assunte dalla Magistratura, - dice il leader del Coisp - ma permettere a un uomo che si è macchiato di orrendi delitti, senza per altro mai pentirsi, di dare lezioni di vita ci sembra come minimo discutibile al punto di diventare disgustoso”. “La giustizia degli uomini ha già emesso la sua sentenza nei confronti di Vallanzasca - conclude Franco Maccari - quella divina si compirà a tempo debito, a noi, in quanto rappresentanti delle Forze dell’Ordine interessa che non si trasmetta il mito del falso eroe. Gli eroi veri sono i nostri uomini e le nostre donne, tutti quelli che ogni giorno scendono in strada proprio per  garantire che i nostri figli possano crescere nel massimo della libertà e con la certezza che un giorno non debbano temere di camminare nelle città perché un delinquente come Vallanzasca decide di seminare terrore e morte”.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 29/04/2010 @ 18:05:01, in Giuristi, linkato 1571 volte)
“DIRETTIVA RICORSI”: SEMINARIO FORMATIVO
ORGANIZZATO DALL’AVVOCATURA DEL COMUNE DI ROMA


L'Avvocatura del Comune di Roma organizza per il 3 maggio nella Sala del Carroccio in Campidoglio, un Seminario Formativo sul recepimento della Direttiva 66/2007/CE (c.d. “direttiva ricorsi”), recepita con il D.Lgs. 53/2010.

Il tema, di forte interesse, destinato non solo a rivoluzionare il contenzioso in materia di appalti ma anche a cambiare le modalità di interlocuzione tra Uffici e operatori economici, sarà sviluppato in particolare su “Gli effetti del recepimento della seconda direttiva ricorsi e il nuovo processo amministrativo degli appalti pubblici”.

Queste le novità maggiormente significative:

· termine dilatorio minimo (35 giorni) fra la comunicazione dell’aggiudicazione e la stipulazione del contratto;

· proroga del termine nel caso di proposizione di ricorso giurisdizionale con contestuale domanda cautelare;

· giurisdizione esclusiva del g.a. sulle controversie riguardanti la sorte del contratto conseguente all’annullamento dell’aggiudicazione;

· previsione di fattispecie tipiche in cui l’annullamento dell’aggiudicazione determina l’inefficacia del contratto (salvo “esigenze imperative”) e ampio potere del giudice di determinare la sorte del contratto negli altri casi;

· previsione di un nuovo rito processuale super-accelerato.

Il seminario ha inizio alle ore 9 con l’apertura dei lavori a cura del capo dell’Avvocatura comunale, Pietro Bonanni, per poi proseguire con gli interventi del consigliere del Tar del Lazio, Stefano Toschei (ore 9.30), e dell’avv. Luigi D’Ottavi, dell’Avvocatura del Comune di Roma (ore 11.30).

Terminati gli interventi, il seminario prosegue con una tavola rotonda (12.30 – 13.30) cui partecipano rappresentanti del Segretariato Generale del Comune di Roma, dell’Avvocatura comunale e del Dipartimento Sviluppo Infrastrutture e Manutenzione Urbana. Tema del dibattito: “Prospettive di recepimento nel Comune di Roma alla luce della macrostruttura e del decentramento amministrativo”.

Il seminario è accreditato presso il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati per i crediti formativi.

Il programma integrale della giornata è pubblicato a partire dalle ore 18 di questo pomeriggio sul Notiziario home page del Portale del Comune di Roma.

Fonte Ufficio Stampa Comune di Roma
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 29/04/2010 @ 17:57:25, in Magistratura, linkato 1536 volte)
Csm, giro vite su toghe in politica

Passa a unanimita' risoluzione apprezzata da Capo Stato

(ANSA) - ROMA, 28 APR - Serve un giro di vite sui magistrati in politica: la sollecitazione viene dal plenum del Csm. Il consiglio superiore della magistratura ha approvato all'unanimita' la risoluzione, elogiata ieri dal capo dello Stato, in cui chiede al legislatore nuove regole. E in particolare di impedire che un magistrato possa svolgere oltre alle sue funzioni quelle di amministratore locale e candidarsi nello stesso territorio in cui ha condotto le sue inchieste.


Leggi il Testo della Delibera trasmessa al Ministero della Giustizia


Candidature dei magistrati e partecipazione al governo degli Enti locali
(relatore Dott.ssa MACCORA)

«Il Consiglio superiore della magistratura osserva:

1. Premessa

È compito fondamentale del Consiglio Superiore della Magistratura, derivante direttamente dal ruolo assegnatogli dalla Costituzione, tutelare l’indipendenza e l’autonomia della magistratura.
Tale tutela involge necessariamente anche l’immagine di terzietà ed imparzialità che deve assistere ciascun magistrato nell’esercizio concreto delle sue funzioni.
Come di recente rilevato dalla Corte Costituzionale, “i magistrati, per dettato costituzionale (artt. 101, secondo comma, e 104, primo comma, Cost.), debbono essere imparziali ed indipendenti e tali valori vanno tutelati non solo con specifico riferimento al concreto esercizio delle funzioni giudiziarie, ma anche come regola deontologica da osservarsi in ogni comportamento al fine di evitare che possa fondatamente dubitarsi della loro indipendenza ed imparzialità” (C. Cost. n. 224/2009).
Nei termini riportati il diritto vivente riconosce che  “l'immagine dell’imparzialità” è  un valore indispensabile, perché traduce in una forma esterna immediatamente percepibile il contenuto sostanziale di detto valore.
D’altra parte, la fiducia che i cittadini ripongono nella magistratura si nutre anche della percezione che gli stessi hanno della indipendenza e dell’imparzialità dei singoli magistrati nell’amministrazione della giustizia.
Nella delineata prospettiva, il Consiglio Superiore  ritiene necessario avviare una riflessione sull’attuale assetto ordinamentale  in tema di partecipazione dei magistrati alle competizioni elettorali, e in particolare  relativamente a quello concernente gli enti locali ovvero il coinvolgimento dei magistrati in ruoli di amministrazione attiva presso i medesimi  enti.

2. Il quadro normativo vigente.

2.1 Il decreto legislativo 18 agosto 2000 n. 267, recante il “Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali” prevede, all’art. 60, che: “Non sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale: …...... 6) nel territorio, nel quale esercitano le loro funzioni, i magistrati addetti alle corti di appello, ai tribunali, ai tribunali amministrativi regionali, nonché i giudici di pace”.
Il terzo comma della medesima norma stabilisce che la riportata causa di ineleggibilità non ha effetto se il magistrato “cessa dalle funzioni per dimissioni, trasferimento, revoca dell'incarico o del comando, collocamento in aspettativa non retribuita non oltre il giorno fissato per la presentazione delle candidature”.
Pertanto, la causa di ineleggibilità in commento non sussiste allorquando la candidatura sia presentata per cariche amministrative presso enti locali situati fuori dal territorio in cui il magistrato esercita le  funzioni. In tale ultimo caso,  l’assenza della causa di ineleggibilità, unitamente alla previsione stabilita in sede di normazione primaria di un obbligo di aspettativa, rende possibile per il magistrato il contemporaneo svolgimento delle funzioni politiche amministrative e di quelle giudiziarie, sia pure in diversi ambiti territoriali.

2.2 Situazione analoga si verifica  per le cariche elettive regionali.
L’articolo 122, primo comma, della Costituzione demanda alla potestà legislativa regionale la disciplina dei casi di ineleggibilità e incompatibilità del presidente della regione e degli altri componenti della giunta e dei consigli regionali, nei limiti dei principi fondamentali stabiliti con legge della Repubblica. Tali principi erano già fissati dalla legge 23 aprile 1981, n. 154, recante “Norme in materia di ineleggibilità ed incompatibilità alle cariche di consigliere regionale, provinciale, comunale e circoscrizionale e in materia di incompatibilità degli addetti al Servizio sanitario nazionale”.
Per quel che rileva nella presente sede, l’art. 2, comma 2, n. 6 L. 154/1981 stabiliva che non erano eleggibili a consigliere regionale, “nel territorio, nel quale esercitano le loro funzioni, i magistrati addetti alle corti di appello, ai tribunali, alle preture ed ai tribunali amministrativi regionali nonché i vice pretori onorari e i giudici conciliatori”.
Tali cause di ineleggibilità, ai sensi del comma 2 del medesimo articolo, non avevano effetto se il magistrato cessava dalle funzioni per dimissioni, trasferimento o collocamento in aspettativa non oltre il giorno fissato per la presentazione delle candidature.
La legge 2 luglio 2004, n. 165, recante “Disposizioni di attuazione dell’articolo 122”, primo comma, della Costituzione, stabilisce all’attualità “in via esclusiva, ai sensi dell’articolo 122, primo comma, della Costituzione, i principi fondamentali concernenti il sistema di elezione e i casi di ineleggibilità e di incompatibilità del Presidente e degli altri componenti della Giunta regionale, nonché dei consiglieri regionali”, secondo quanto previsto dall’art. 1  della legge in commento.
In particolare  il successivo art. 2 fissa i principi fondamentali cui devono attenersi i legislatori regionali nel disciplinare i casi di ineleggibilità, prevedendo espressamente, al comma 1 lett. a), la “sussistenza delle cause di ineleggibilità qualora le attività o le funzioni svolte dal candidato, anche in relazione a peculiari situazioni delle regioni, possano turbare o condizionare in modo diretto la libera decisione di voto degli elettori ovvero possano violare la parità di accesso alle cariche elettive rispetto agli altri candidati” nonché al comma 1 lett. b) “l’inefficacia delle cause di ineleggibilità qualora gli interessati cessino dalle attività o dalle funzioni che determinano l’ineleggibilità, non oltre il giorno fissato per la presentazione delle candidature o altro termine anteriore altrimenti stabilito, ferma restando la tutela del diritto al mantenimento del posto di lavoro, pubblico o privato, del candidato”.  
Pertanto, anche per le cariche elettive regionali -per le quali pure manca la previsione in sede di normazione primaria di un obbligo di aspettativa- risulta possibile che il magistrato svolga contemporaneamente le funzioni politiche amministrative e quelle giudiziarie, sia pure in diversi ambiti territoriali, anche all’esito dell’entrata in vigore della L. 165/2004, alla quale le Regioni hanno dato diversamente attuazione, nella misura in cui l’attività giurisdizionale sia svolta in un contesto territoriale diverso rispetto a quello ove vengono espletate le funzioni di amministrazione attiva.

2.3 La descritta situazione di simultaneo esercizio si ripropone, nei medesimi termini, anche nei casi in cui i magistrati assumano l’incarico di assessore comunale, provinciale e regionale cosiddetto “esterno”.
L’art. 47, comma 3, D.Lgs 267/00 prevede che, nei comuni con popolazione superiore a 15.000 abitanti e nelle province, gli assessori “sono nominati dal sindaco o dal presidente della provincia anche al di fuori dei componenti del consiglio, fra i cittadini in possesso dei requisiti di candidabilità, eleggibilità e compatibilità alla carica di consigliere”; in base al comma 4, ciò è possibile anche nei comuni con popolazione inferiore a 15.000, purché sia espressamente previsto dallo statuto.
Con riferimento agli assessori esterni, pertanto, per espressa previsione legislativa, sussistono le medesime cause di ineleggibilità ed incompatibilità previste per i consiglieri comunali e provinciali: conseguentemente  si ripropongono le considerazioni  sopra svolte con riguardo al possibile contemporaneo esercizio di funzioni giudiziarie e funzioni “politiche”.
L’ultimo comma dell’art. 122 Cost., come novellato dalla legge costituzionale 1/1999, stabilisce che il Presidente della Giunta regionale, salvo che lo statuto regionale disponga diversamente, è eletto a suffragio universale e che, una volta eletto, nomina e revoca i componenti della Giunta.
Gli ordinamenti regionali, nel dare attuazione all’indicata disposizione costituzionale, hanno sostanzialmente esteso agli assessori regionali “esterni” le cause di incompatibilità ed ineleggibilità che la normativa prevede in relazione alla carica di consigliere regionale, cause da intendersi come ostative alla nomina.
Pertanto, il magistrato non può essere nominato assessore esterno nella regione nell’ambito territoriale della quale insiste l’ufficio presso il quale egli presta servizio a meno che non intervenga il suo collocamento in aspettativa.
Proprio in merito a tale aspetto, deve evidenziarsi che mentre il D.Lgs. 267/2000, all’art. 81, prevede che “I sindaci, i presidenti delle province, i presidenti dei consigli comunali e provinciali, i presidenti dei consigli circoscrizionali dei comuni di cui all’articolo 22, comma 1, i presidenti delle comunità montane e delle unioni di comuni, nonché i membri delle giunte di comuni e province, che siano lavoratori dipendenti possono essere collocati a richiesta in aspettativa non retribuita per tutto il periodo di espletamento del mandato”, ragione per la quale dell’aspettativa potranno godere anche gli assessori “esterni”, analoga disposizione manca per le giunte regionali. 
Ciòٍ nondimeno, il Consiglio Superiore della Magistratura in proposito ha rilevato  che “l’aspettativa deve essere necessariamente riconosciuta anche agli assessori regionali nominati dal Presidente dell’Ente, sia perché, pur non essendo espressamente prevista, non può non essere attribuita in ragione di un’interpretazione estensiva delle disposizioni che la prevedono per tutti gli altri uffici ai quali sono conferite funzioni simili o assimilabili sia presso lo Stato, e precisamente per i Ministri e Sottosegretari, sia presso gli Enti locali, e segnatamente “per i membri delle giunte di comuni e province”, sia perché la giurisprudenza amministrativa maggioritaria ammette l’interpretazione estensiva delle disposizioni in materia di collocamento in aspettativa dei dipendenti pubblici per l’assunzione di cariche pubbliche (cfr. Cons. Stato, Sez. IV, sent. n. 1181 del 27-10-1988, nonché Cons. Stato, Sez. VI, sent. n. 1265 del 26-9-1989), sia perché, altrimenti, si impedirebbe, di fatto, ai magistrati ordinari, l’esercizio dell’ufficio di assessore regionale, pure non vietato dalla legge, attesa la mancata esplicita previsione persino di permessi o licenze”.

3. L’esercizio dei diritti politici da parte dei magistrati.

La Corte di Cassazione, nell’affrontare le questioni relative all’elettorato passivo, con particolare riguardo alle condizioni di non candidabilità, ineleggibilità ed incompatibilità per le elezioni degli enti locali, ha delineato il portato precettivo dell’art. 51 della Costituzione, quale previsione che assicura in via generale il diritto di elettorato passivo, che la stessa Suprema Corte riconduce alla sfera dei “diritti inviolabili della persona” di cui all’art. 2 Cost.
La Suprema Corte, nello sviluppo di tale processo interpretativo, richiamando pure l’insegnamento della Corte Costituzionale, ha sottolineato la preminenza del principio del libero accesso in condizioni di eguaglianza di tutti cittadini alle cariche elettive di cui all’art. 51 Cost., giungendo così ad affermare che “L'eleggibilità è la regola e l'ineleggibilità l'eccezione, per cui le norme che derogano al diritto elettorale passivo sono di stretta interpretazione; che, infine, le restrizioni di un diritto inviolabile sono ammissibili solo nei limiti indispensabili alla tutela di altri interessi di rango costituzionale pari o superiore” (cfr. Cass. civ, Sez. I, 29 novembre 2000, n. 15285).
Il Consiglio Superiore della Magistratura, in linea con il richiamato orientamento sia della Corte di Cassazione sia della Corte Costituzionale, ha costantemente rilevato che l’art. 51, comma 1, Cost., nel riconoscere a tutti i cittadini l’accesso, senza alcuna limitazione, non solo alle cariche pubbliche elettive ma anche a tutti gli uffici pubblici -ovviamente nel rispetto dei requisiti di eleggibilità previsti per ciascuna fattispecie- esprime un principio fondamentale dell’ordinamento costituzionale che conduce al riconoscimento di un diritto politico in capo ad ogni cittadino, a cui viene consentito l’ingresso, su un piano di eguaglianza, nel tessuto vivo delle istituzioni, così da realizzare la democraticità della Repubblica.
Dalle esposte considerazioni deriva che il mandato elettivo o assimilato, in quanto espressione del fondamentale diritto all’elettorato passivo, non tollera limitazioni non espressamente previste. Ne consegue che il magistrato interessato non ha alcun onere di richiedere una preventiva autorizzazione al Consiglio Superiore e ciò in linea con l’art. 16 R.D. 12/41, norma che prevede l’autorizzazione del C.S.M solo per il conferimenti di incarichi .
La distinzione tra la nozione di pubblico ufficio e quello di incarico costituisce la ratio che giustifica la differenza di disciplina:  mentre l’incarico deve essere autorizzato, l’accesso al pubblico ufficio non è soggetto ad autorizzazione  trattandosi  di un diritto politico costituzionalmente riconosciuto in capo ad ogni cittadino senza alcuna distinzione derivante dall’attività o dalle funzioni svolte.
La conclusione alla quale è giunto il Consiglio Superiore è, dunque, che l’assunzione della carica di amministratore di ente locale territoriale non necessita di autorizzazione da parte del Consiglio Superiore della magistratura,  con  riferimento sia ad incarichi assunti a seguito di competizione elettorale sia a quelli  di assessorato “esterno”.

4. La necessità di una modifica della legislazione primaria.

4.1 La professionalità acquisita dai magistrati nell’esercizio delle funzioni giudiziarie può apportare un significativo contributo anche all’amministrazione attiva degli enti locali.
Ciò nondimeno il Consiglio Superiore ha il dovere istituzionale, in ragione del ruolo assegnatogli dalla Costituzione, di tutelare pienamente l’autonomia e l’indipendenza della magistratura, che potrebbe essere potenzialmente appannata nella sua immagine dal contestuale esercizio di funzioni giudiziarie e funzioni di governo locale  da parte dei magistrati.
In tale prospettiva sembra quanto mai opportuno e necessario che, indipendentemente dalla
localizzazione dell’ente territoriale e dalla modalità di accesso alla funzione amministrativa (elezione o designazione), sia introdotta, a livello di fonte primaria, la previsione in base alla quale per svolgere le funzioni di sindaco, presidente della Provincia, presidente della Regione, consigliere ovvero assessore comunale, provinciale e regionale occorre comunque il collocamento in aspettativa del magistrato.
Ad oggi, infatti, i magistrati possono assumere incarichi politico-amministrativo elettivi presso gli enti locali territoriali quali quelli di sindaco, presidente della provincia e presidente della regione, consigliere comunale, provinciale e regionale nell’esercizio del diritto all’elettorato passivo al pari di qualsiasi altro cittadino, secondo i principi di cui all’art. 51 Cost.
Secondo la disciplina vigente sopra richiamata, per le cariche amministrative presso enti locali territoriali, non è prevista aspettativa obbligatoria e, conseguentemente, i magistrati possono svolgere contemporaneamente funzioni giurisdizionali e funzioni politico-amministrative in forza di mandato elettorale o di incarico di assessore quando la funzione politico-amministrativa e la funzione giurisdizionale  siano svolte in diversi ambiti territoriali.
La causa di ineleggibilità prevista dall’art. 60, n. 6 Dlgs 227/00 si riferisce, infatti, ai magistrati che svolgono funzioni giurisdizionali nell’ambito territoriale della circoscrizione elettorale. Tale causa di ineleggibilità è rimossa con il collocamento in aspettativa al momento della presentazione della candidature ovvero, per gli assessori delle giunte comunali, provinciali e regionali, con il collocamento in aspettativa prima dell’accettazione della carica.
Non sussistono invece cause di ineleggibilità o di incompatibilità  nei casi in cui  il magistrato sia eletto o nominato assessore nell’ambito di circoscrizione o di giunta locale situata fuori dal territorio ove esercita le funzioni giurisdizionali; in tal caso l’assunzione di funzioni amministrative che non richiede la rimozione di causa di ineleggibilità di cui all’art. 60, n.6 D.lgs. 227/00 non determina la necessità di alcun atto autorizzatorio da parte del Consiglio, né è prevista alcuna comunicazione da effettuarsi ad opera del magistrato.
Per tale ragione non è stato possibile effettuare alcuna ricognizione circa il numero dei  magistrati che  svolgano contemporaneamente funzioni giurisdizionali e funzioni politico-amministrative (questo dato non è infatti mai stato conosciuto dall'organo di governo autonomo della magistratura).

4.2 Al fine di evitare la descritta contestualità funzionale, sarebbe opportuno che il Legislatore valutasse la possibilità di introdurre un meccanismo -del tutto analogo a quello già vigente per la candidatura e l’eventuale successiva elezione alla Camera dei Deputati ed al Senato della Repubblica- in forza del quale il magistrato all’atto dell’accettazione della candidatura nonché durante l’espletamento di tutto il mandato debba necessariamente trovarsi in aspettativa, con conseguente collocamento fuori ruolo.   
In tal modo, infatti, si consente il legittimo esercizio dei diritti di partecipazione politica assicurati dall’art. 51 Cost. e, al contempo, si garantisce la tutela dell’imparzialità e dell’indipendenza della magistratura, valori che vanno tutelati non solo con specifico riferimento al concreto esercizio delle funzioni giudiziarie ma, più in generale, quale regola deontologica da osservarsi in ogni comportamento da parte dei magistrati. 

4.3 Nella medesima prospettiva, il Consiglio auspica un intervento del Legislatore che attraverso normativa  primaria  renda la disciplina in tema di eleggibilità e di rientro in ruolo dei magistrati chiamati a ricoprire cariche pubbliche nelle amministrazioni degli enti locali del tutto omogenea a quella oggi vigente per le elezioni al Parlamento.
Appare, infatti,  coerente con le considerazioni fino ad ora svolte -relative alla salvaguardia dell’immagine di autonomia ed indipendenza- evitare che il magistrato si proponga come amministratore attivo nel medesimo contesto territoriale nel quale, senza soluzioni di continuità, ha appena svolto attività giurisdizionali, rischiando in tal modo di creare  un’oggettiva confusione di ruoli e di funzioni, di per se idonea ad appannare l’immagine di imparzialità.
L'indipendenza della magistratura non si fonda solo sulle norme che la sanciscono, ma ha bisogno di una base materiale fatta di volontà, interessi e sentimenti, cioè essa si alimenta degli  orientamenti culturali delle diverse forze politiche, degli equilibri tra le Istituzioni, del comune sentire dei cittadini, delle posizioni assunte dai mezzi di informazioni che influenzano l'opinione pubblica e le danno voce.
E allora, se è vero, come sopra già evidenziato, che i magistrati debbono godere degli stessi diritti di libertà garantiti ad ogni altro cittadino, è altrettanto vero che “le funzioni esercitate e la qualifica rivestita dai magistrati non sono indifferenti e prive di effetto per l’ordinamento costituzionale (sentenza n. 100 del 1981). Per la natura della loro funzione, la Costituzione riserva ai magistrati una disciplina del tutto particolare, contenuta nel titolo IV della parte II (artt. 101 e ss.): questa disciplina, da un lato, assicura una posizione peculiare, dall’altro, correlativamente, comporta l’imposizione di speciali doveri” (cfr. Corte Costituzionale n. 224/2009).
Al fine sia di preservare adeguatamente l’immagine di imparzialità sia di evitare pretestuose strumentalizzazioni dell’attività giudiziaria svolta , sembra indispensabile che i magistrati non si candidino nelle circoscrizioni sottoposte, in tutto o in parte, alla giurisdizione degli uffici ai quali si sono trovati assegnati o presso i quali hanno esercitato le loro funzioni per un congruo periodo antecedente la data di accettazione della candidatura; del pari occorre che i magistrati che sono stati candidati e non sono stati eletti non possano esercitare per un periodo di cinque anni le loro funzioni nella circoscrizione nel cui ambito si sono svolte le elezioni.
Analoghe disposizioni, con i necessari adattamenti del caso, dovrebbero essere introdotte anche con riguardo agli assessori cosiddetti “esterni”,  nel momento sia dell’assunzione sia della cessazione dell’incarico.
Su questa strada  il Consiglio Superiore della Magistratura, nell’esercizio dei poteri di normazione secondaria di cui è titolare, ha già regolamentato la “Destinazione dei magistrati al termine dell’aspettativa per avvenuta presentazione di candidatura alle elezioni politiche ed amministrative, nonché dopo la scadenza del mandato elettorale”, come pure la “Assegnazione della sede ai magistrati chiamati a ricoprire cariche pubbliche nell’amministrazione degli enti locali” (cfr. paragrafi XXIX e XXXI della Circolare n. 12046/2009).
Si auspica, ora,  l’intervento del Legislatore, attesa la necessità di una  disciplina  unitaria  e sistematica per la partecipazione politica dei magistrati, tema di indubbia attualità e di particolare delicatezza nell’individuazione del giusto punto di equilibrio tra esigenza di partecipazione ed obblighi di imparzialità.

5. Una considerazione finale

Rimane da affrontare l'ulteriore sensibile questione che attiene alla  regolamentazione  delle candidature al Parlamento dei magistrati.
La normativa del 1957 che  stabilisce condizioni di ineleggibilità ed incompatibilità  è stata elaborata in un contesto storico-culturale completamente diverso da quello attuale ove vige un sistema di   democrazia maggioritaria e in cui la nuova legge elettorale  (270/2005), attraverso il binomio “lista bloccata” ed assenza di voto di preferenza,   ha completamente mutato il rapporto  tra elettore ed eletto, affidando  di fatto la scelta dei rappresentati   direttamente alle segreterie ed ai vertici  dei partiti.
Il nuovo ordinamento giudiziario ha  poi decisamente  modificato  il sistema di valutazione della professionalità dei magistrati (non più legato ad una quantomeno ritenuta automatica  progressione per anzianità) e ciò comporta la necessita di ripensare anche la condizione ordinamentale del magistrato collocato in  aspettativa per mandato parlamentare. 
Partendo dalla premessa chiara contenuta nella sentenza 224/2009  secondo cui i magistrati   “debbono godere degli stessi diritti di libertà garantiti ad ogni altro cittadino e che quindi possono , com’é ovvio,  non solo condividere un’idea politica ma anche espressamente manifestare le proprie opzioni al riguardo” il Consiglio ritiene opportuno avviare una riflessione generale per verificare se  l’articolata griglia di regole che impone condizioni di ineleggibilità e incompatibilità, possa ritenersi  ancora adeguata a garantire il corretto equilibrio tra i due principi costituzionali contrapposti sopra citati: il diritto del magistrato a non essere escluso dall'esercizio dei diritti di elettorato passivo e l’esigenza di salvaguardare l'immagine d'indipendenza del singolo magistrato e la credibilità della magistratura  che va sempre preservata essendo un patrimonio delle Istituzioni della Repubblica. E, dunque, se non sia opportuno ragionare su  regole coerenti con l’attuale assetto delle Istituzioni politiche e con l’attuale struttura della carriera del magistrato.».

La presente risoluzione viene trasmessa al Ministro della Giustizia.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 29/04/2010 @ 17:31:49, in Magistratura, linkato 1465 volte)
Fiorella Pilato, Csm:
"Non c'è protagonismo nei giudici.
L'autocritica la facciamo da soli"

di Claudia Mura

Il discorso fatto al Quirinale dal presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ai vertici del Csm e ai giovani magistrati non ha mancato di agitare la polemica e il consueto duello tra concordi e discordi. Quanti hanno visto nel nuovo monito presidenziale una critica severa ai giudici, si dividono così fra chi sposa un nuovo “dagli alla toga rossa” e chi li difende a spada tratta dall’ennesimo attacco.
Fiorella Pilato, magistrato e membro del Csm, era presente all’incontro fra i nuovi giudici e Napolitano, che ha parlato anche in veste di presidente del Consiglio superiore della magistratura. La sua è una voce fuori dal coro polemico che vuole invece accendere l’attenzione sui meriti e sulle novità di una categoria in evoluzione.

Il Capo dello Stato ha invitato la magistratura a fare autocritica. Lei condivide l’invito?
“L’appello non era rivolto alla magistratura in generale. Quello del Presidente era un discorso che accoglieva i giovani magistrati al termine del tirocinio e comprendeva una serie di consigli e indicazioni rivolte a chi si accinge a intraprendere questo mestiere. Le assicuro che se anche lei fosse stata presente avrebbe avuto un’impressione completamente diversa rispetto ai resoconti fatti dei giornali. I giornalisti, come spesso accade con i discorsi del Presidente, hanno colto solo ciò che volevano cogliere. Io ho sentito un messaggio completamente diverso da ciò che ho poi letto e sentito sui media”.

Un invito all’autocritica diretto a un novizio suona strano però. A molti è sembrato, invece, un rimprovero per gli anziani.
“Il presidente ha detto ‘siate sempre autocritici, abbiate senso della misura, guardatevi dal protagonismo’, il tutto inserito in un messaggio di benvenuto con raccomandazioni per il lavoro futuro. Un messaggio espresso con fare paterno che comprendeva anche frasi come questa: ‘La Repubblica si attende molto da voi’. E poi non è che la magistratura non faccia autocritica, farla è previsto nel modello deontologico che ogni giudice sottoscrive.”

Quindi nessun ammonimento da parte di Napolitano?
“Si è trattato di raccomandazioni che si possono fare a chiunque, che valgono per qualsiasi categoria. Le ripeto la lettura data dai media è parziale. Ma la cosa non mi stupisce. La stampa ormai interpreta i discorsi del Presidente in un’unica direzione”.

Quale sarebbe questa direzione?
“È un’interpretazione riduttiva e parziale che rischia di attribuire al Presidente un pensiero non suo. Tra l’altro io mi ritrovo in molte delle cose dette dal Presidente”.

Mi scusi ma Napolitano non ha detto “La magistratura non può sottrarsi a una seria riflessione critica su se stessa”, non ha parlato di un “problema della crisi di fiducia insorta nel Paese” e di un “funzionamento insoddisfacente”?
“Sì ma sono frasi che estrapolate dal contesto stravolgono il senso del discorso.”

Il presidente dell’Anm Luca Palamara ha dichiarato che fare autocritica è “difficile quando si è oggetto di attacchi e insulti. Per primi rispettiamo tutte le altre istituzioni e l'autonomia del Parlamento: un rispetto che diamo e che chiediamo". Condivide la risposta data a Napolitano?
“Ma Palamara non rispondeva mica al Presidente, semmai rispondeva a un suo collega che gli porgeva la domanda. È un problema di informazione giornalistica. Palamara, così come me, non ha inteso il discorso come un rimprovero ai magistrati.”

Se il premier o la maggioranza attaccano la magistratura, secondo lei i giudici hanno il diritto di replicare o si rischia il protagonismo criticato da Napolitano?
“In realtà i giudici non hanno mai risposto ai recenti attacchi, è sempre stato il Csm a intervenire con l’apertura, quando necessario, di pratiche a tutela. Pensi al caso del giudice Masiano, lui non ha mai risposto agli attacchi subiti.”

Cambiamo argomento: il 58% dei vincitori del concorso per magistratura è donna. Le sue colleghe si avviano al sorpasso quindi.
“Sì. È un trend che è iniziato tempo fa e ora comincia a dare i suoi frutti. Quando ho iniziato io, circa 30 anni fa, le donne erano poche. Ma già dalla sessione successiva alla mia ho notato che il numero di colleghe cresceva costantemente e oggi siamo al sorpasso. Questo dimostra che quando c’è un concorso pubblico che riconosce il merito, le donne emergono.”

Ma le posizioni di responsabilità anche fra i giudici sono prevalentemente al maschile.
“È ancora così ma le donne in posizioni chiave sono aumentate molto proprio in questa consiliatura. Grazie alla riforma dell’ordinamento giudiziario la scelta per gli incarichi direttivi non viene più fatta in base al mero criterio di anzianità come si faceva un tempo. Le donne hanno fatto il loro ingresso nella magistratura relativamente di recente e le anziane sono ancora poche. Per questo il criterio di anzianità premiava gli uomini. Ma oggi ci sono molte colleghe anche in Cassazione.”

Il Lodo Alfano sarà un disegno di legge di rango costituzionale ma non prevede nessuna modifica della Costituzione. Crede che in questo modo la Corte Costituzionale non avrà più niente eccepire?
“Su questo ddl, che viene impropriamente definito un lodo, non mi pronuncio. Il dibattito, al termine del quale il Csm si esprimerà con un parere pubblico, è ancora aperto e quindi non posso dare un parere.”

Ci può almeno spiegare cosa significhi “legge di rango costituzionale”?
“Si tratta di una norma che, diversamente dalle leggi ordinarie, richiede in Parlamento una maggioranza qualificata, cioè di almeno i due terzi di tutti i parlamentari aventi diritto al voto, come per una norma costituzionale.”

Tiscali Notizie, 29 aprile 2010
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 29/04/2010 @ 16:23:36, in Sindacati Giustizia, linkato 1512 volte)


Partecipata Manifestazione Nazionale a Roma




Giorno 24 aprile i lavoratori  provenienti da tutti gli uffici giudiziari d’Italia hanno aderito all’iniziativa Nazionale indetta da CGIL,UIL,RDB e FLP per la tutela della giustizia e dei diritti di chi ci lavora.
Numerosi manifestanti, nonostante le avverse condizioni metereologiche, si sono concentrati in Piazza Bocca della Verità alle ore 10,30, sventolando le bandiere, con cartelloni satirici e si sono avviati in corteo invadendo le strade cittadine. Il lungo corteo proseguiva sino a Piazza Navona, passando sotto la sede della Funzione Pubblica, dove sono stati scanditi slogan all’indirizzo del Ministro Brunetta.
Dal palco a Piazza Navona hanno preso la parola i responsabili Nazionali delle OO.SS che hanno organizzato la manifestazione, CGIL, UIL, RDB ed FLP,  nonché i rappresentanti dell’OUA e dei giuristi democratici.
Hanno fatto pervenire la propria adesione anche l’ANM, l’Associazione Libera,  l’Associazione Antigone e molti rappresentanti politici.
Erano inoltre presenti gli organi di stampa Tv Nazionali e private che hanno ripreso l’evento ed intervistato diversi partecipanti.
Si è manifestato per una giustizia rapida ed efficiente, per la valorizzazione e la riqualificazione del personale,  per nuove assunzioni, contro i tagli indiscriminati alla giustizia, per investimenti adeguati e per un progetto di modernizzazione, contro il devastante C.C.I. firmato dall’Amministrazione e da Cisl ed UNSA, che rappresentano la minoranza dei lavoratori.
I lavoratori hanno ricordato all’Amministrazione che gli accordi si fanno con le maggioranze e non con le minoranze e che questo è un principio fondante della democrazia!

Vi terremo costantemente informati sugli sviluppi della situazione.

Roma 26 aprile 2010
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 29/04/2010 @ 16:20:08, in Sindacati Giustizia, linkato 1567 volte)





Lettera unitaria
Roma, 27/04/10


Al Sottosegretario di Stato
Sen. Giacomo Caliendo

Al Capo Dipartimento dell'
Organizzazione Giudiziaria
Cons. Luigi Birritteri


Dallo scorso dicembre i lavoratori della giustizia hanno manifestato in numerose occasioni contro l'ipotesi di accordo da voi firmato con la minoranza delle OO.SS.

L'indifferenza e l'inerzia da voi dimostrate mettono a rischio quanto spetta ai lavoratori ovvero i soldi del residuo fua 2008 e del fua 2009: pertanto chiediamo che vengano immediatamente riaperta la discussione in relazione ai succitati fondi.

Recentemente una sentenza del Tribunale di Torino, che condanna l'INPS per comportamento antisindacale, ha confermato quanto da noi più volte asserito durante le trattative nazionali, ovvero che sono validi a tutt'oggi il CCNL e il C.I. vigenti: alla luce di ciò ribadiamo la necessità di riaprire immediatamente le trattative per la corresponsione del fua con i criteri di cui al C.I. del 2000 e del CCNL 2006/09.


FPCGIL - UILPA - Rdb - FLP
(Grieco) - (Pilla) - (Todisco) - (Piazza)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19
Ci sono  persone collegate

< giugno 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
   
             






Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (38)
Associazioni Giustizia (52)
Economia (86)
Estero (187)
Giuristi (134)
Gruppo Cellule Staminali (1)
Indagini (210)
Lavoratori Giustizia (1)
Magistratura (2170)
Osservatorio (1)
Osservatorio Famiglia (512)
Politica (926)
Redazionale (68)
Sindacati Giustizia (326)
Sindacato (221)
Telestreet (7)
Varie (82)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017

Gli interventi piů cliccati

Titolo
Bianco e nero (236)
I gatti di G.Q. (25)

Le fotografie piů cliccate

Titolo
G.Q. Non ha mai pubblicato pubblicità in otto anni e se iniziasse ora?

 Si, a me non disturba
 No, non mi piace



Titolo






A.N.M.
A.N.M. new
A.D.M.I.
Argon News
A.I.M.M.F.
Argon News Redazione
Artists Against War
Articolo 3
BloggersPerLaPace
Comitato Sfruttatori ATU
Commissariato PS Online
dBlog.it Open Source
Erga Omnes
Eugius
Filo Diritto
Intesaconsumatori
Geopolitica
Giuristi Democratici
Giuristi Democratici Roma
Magistratura Democratica
M.D. Toscana
Medel
Medicina Democratica
Magistratura Indipendente
Movimento per la Giustizia
Nazionale Magistrati
Non Solo Giustizia
Osservatorio Bresciano
Osservatorio Romano
Sorgente D'Amore
Studio Cataldi
Studio Celentano
Studio Tidona
Toghe Lucane
Uguale per Tutti
Unitŕ per la Costituzione
Unicost Milano
Unione Internazionale Magistrati
Morandi Senato
About me







http://www.wikio.it
Wikio
Iscriviti a GQ su FriendFeed
Blogstreet - dove il blog č di casa
Iscriviti a GQ su Twitter
Powered by FeedBurner


Blog Link










26/06/2017 @ 17.27.32
script eseguito in 484 ms