Immagine
 .. il silenzio degli innocenti ..... di Loredana Morandi
 
"
E' normale che esista la paura, in ogni uomo, l'importante è che sia accompagnata dal coraggio. Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti.

Paolo Borsellino
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Loredana Morandi (del 30/09/2010 @ 16:05:18, in Magistratura, linkato 1878 volte)
La convenzione firmata con Equitalia mira a raddoppiare gli incassi da spese processuali e sanzioni

Giustizia, un tesoretto da 1,7 mld
Ma per ora lo stato riscuote solo il 7% dei crediti di via Arenula


di Stefano Sansonetti 

Adesso si cerca di fare sul serio, anche se con qualche ritardo di troppo. In ballo ci sono 1,7 miliardi di euro, che in parte potrebbero dare una bella boccata d'ossigeno alle esangui casse dello stato. Si tratta del «tesoretto» che, in teoria, può essere vantato dal ministero della giustizia guidato da Angelino Alfano.

Al suo interno rientra tutto quel complesso di spese processuali e sanzioni pecuniarie che dovrebbero finire nella disponibilità di via Arenula, se soltanto si riuscisse a riscuoterle meglio e di più. Il dato del 2009 (ultimo disponibile), come ha verificato ItaliaOggi presso la direzione generale del bilancio e della contabilità di via Arenula, dice che il ministero vanta 980 milioni di euro in termini di crediti per spese di giustizia, e 770 milioni di euro i termini di pene pecuniarie che vengono irrogate in conseguenza di sentenze passate in giudicato. In tutto, appunto, fanno 1,75 miliardi di euro.

Il fatto grave, spiegano dal ministero della giustizia, è che finora, tanto per fare un esempio, dei crediti per spese di giustizia si è riuscito a riscuotere soltanto il 7-8%, quindi una cifra che varia tra i 60 e i 70 milioni di euro. Troppo poco per non studiare qualcosa di nuovo. La svolta, però, potrebbe arrivare dopo la convenzione che qualche giorno fa hanno firmato il ministero di via Arenula ed Equitalia Giustizia, società controllata da Equitalia, holding pubblica di riscossione dei tributi (controllata a sua volta al 51% dall'Agenzia delle entrate).

Il problema è che la convenzione, spiegano sempre dal ministero, deve essere ancora registrata alla Corte dei conti. Questo fa sì che la riscossione dei crediti, nella sua nuova veste, non potrà che partire a 2011 inoltrato. E qui si accumulano i ritardi. Sì, perché come aveva segnalato ItaliaOggi (vedi il numero del 12 agosto scorso), sono passati più di due anni da quando, in data 30 aprile 2008, si decise di dar vita a Equitalia Giustizia con l'obiettivo preciso di aggredire con più efficacia il «bottino» potenziale dei crediti vantati dal sistema giustizia. Certo, nel frattempo la società, che è presieduta dal direttore vicario dell'Agenzia delle entrate, Marco Di Capua, si è vista assegnare anche la gestione del Fondo unico di giustizia, nel quale confluiscono i beni oggetto di sequestro e confisca nell'ambito di procedimenti penali, i beni depositati presso gli intermediari finanziari in relazione a procedimenti civili e i beni depositati nell'ambito di procedimenti fallimentari. E qui la società, al 31 dicembre del 2009, è riuscita a mettere insieme la bellezza di 1,5 miliardi di euro, frutto di ben 187.186 rapporti finanziari intestati al fondo da banche, Poste italiane, assicurazioni, sgr e altri operatori. Al netto di quelle che saranno le restituzioni, queste risorse potranno far arrivare nuova linfa ai conti dei tre ministeri che per legge sono beneficiari della ripartizione del Fondo: ministero della giustizia, ministero dell'economia e ministero dell'interno.

Insomma, Equitalia Giustizia non è rimasta con le mani in mano, ma non ha potuto concentrarsi su quello che era il suo core business originario.

Dal ministero della giustizia, tra l'altro, fanno sapere che adesso dovrà essere elaborato un piano industriale da parte della società, anche per attuare nel concreto le indicazioni fornite all'interno della convenzione. Obiettivi precisi, scritti nero su bianco, ancora non ci sono, ma a via Arenula sono convinti che un target ragionevole dovrebbe essere quello di raddoppiare l'attuale percentuale di riscossione, portandola quindi al 14-16%. Naturalmente si tratterebbe di un obiettivo di breve termine, perché negli auspici, una volta che questa attività di Equitalia Giustizia sarà andata a regime, c'è un livello di incassi anche maggiore.

Italia Oggi
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 30/09/2010 @ 15:25:13, in Magistratura, linkato 1819 volte)
L'articolo è censurato. Qui dentro gente che "piange" per danneggiamenti e ha partecipato al taglieggiamento nei miei confronti per il proprio tornaconto personale e per ottenere premi che non ha meritato e che spettavano a me, non entra. Infatti, anche il giornalista calabrese era d'accordo. L.M.

30/9/2010 (7:7)  - IL BLITZ

Bomba al pg di Reggio, quattro arresti

Maxi operazione contro la cosca.
Serraino: in manette 22 persone


REGGIO CALABRIA - Sono stati arrestati i presunti esecutori e mandanti delle intimidazioni al Procuratore Generale di Reggio Calabria. Il movente dell’attentato fatto il 3 gennaio scorso contro la sede della Procura generale sarebbe stato legato ai contrasti interni all’ufficio . Dall’inchiesta condotta dalla Procura della Repubblica di Catanzaro è emerso, infatti, che l’attentato sarebbe da ricondurre ad una reazione della cosca "Serraino" dopo che il procuratore generale Salvatore Di Landro, poco dopo il suo insediamento, avvenuto nel novembre del 2009, aveva deciso di revocare alcuni fascicoli processuali al sostituto Francesco Neri.

Nel corso delle prime ore dell’alba, i carabinieri del comando provinciale di Reggio Calabria unitamente a quelli del Ros della città dello stretto hanno eseguito 22 arresti su ordine del Gip del Tribunale di Reggio Calabria, nei confronti di altrettante persone appartenenti alla cosca «Serraino» egemone nella città di Reggio Calabria.

L’accusa per tutti è: associazione di tipo mafioso, estorsione aggravata, danneggiamento e minaccia aggravata, porto e detenzione abusiva di armi, intestazione fittizia di beni e oltraggio. Nel corso dell’operazione sono stati sequestrati beni mobili, immobili ed attività commerciali, per un valore di oltre 1.500.000. euro, oltre a perquisizione personali e domiciliari. Nel corso dell’ operazione Epilogo, dei carabinieri di Reggio Calabria i carabinieri del comando provinciale di Reggio Calabria per delega della Procura della Repubblica di Catanzaro,hanno notificato a quattro degli indagati arrestati, appartenenti alla cosca Serraino , nell’ambito del procedimento penale sull’attentato dinamitardo perpetrato il 3 gennaio scorso in danno della Procura Generale di Reggio Calabria , un’informazione di garanzia poiché indagati di aver organizzato ed eseguito il grave fatto delittuoso.

Inoltre la Procura di Catanzaro ha disposto dieci decreti di perquisizione domiciliari e locali, nei confronti dei predetti quattro indagati ed altri appartenenti allo stesso sodalizio, finalizzati all’assicurazione di fonti di prova per lo stesso delitto. L’indagine ha consentito di individuare una componente organica della cosca Serraino, operante nel quartiere San Sperato di Reggio Calabria e nel comune di Cardeto, centro montano alla periferia ovest di Reggio Calabria, di definirne gli interessi criminali e di far luce su alcuni fatti delittuosi perpetrati sul territorio.

-omissis-

La Stampa
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 30/09/2010 @ 15:17:47, in Magistratura, linkato 1667 volte)
Ior al centro di sospetti di riciclaggio

Gotti Tedeschi ai pm:
"Abbiamo rispettato le regole"



"Abbiamo chiesto noi di essere interrogati, tutto è stato fatto secondo le regole". Lo ha detto il presidente dello Ior Ettore Gotti Tedeschi al termine dell'interrogatorio, durato alcune ore, in Procura a Roma. Gotti Tedeschi è stato ascoltato assieme al direttore generale, Paolo Cipriani, nell'ambito dell'inchiesta su presunte omissioni legate alle norme antiriciclaggio.
 
La vicenda in cui sono coinvolti i vertici dello Ior è quella riguardante il sequestro di 23 milioni di euro depositati dall'istituto di credito della Santa Sede su un conto del Credito Artigiano e destinati ad essere trasferiti alla tedesca J.P. Morgan Frankfurt (20 milioni) ed al Banco del Fucino (3 milioni).

"C'è stato un equivoco - ha detto il numero uno della banca vaticana, assistito, al pari di Cipriani, dall'avvocato Vincenzo Scordamaglia - che intendiamo chiarire ai magistrati".

Gli interrogatori si sono tenuti nell'ufficio del procuratore aggiunto Nello Rossi, titolare degli accertamenti insieme con il sostituto Stefano Rocco Fava. L'indagine era partita in seguito ad una segnalazione dell'Unita' di informazione finanziaria (Uif).

fonte Rainews 24

La Rassegna

Ior, Gotti Tedeschi: 'Abbiamo agito rispettando le regole'

Rainews24 - ‎37 minuti fa‎
'Abbiamo chiesto noi di essere interrogati, tutto e' stato fatto secondo le regole'. Lo ha detto il presidente dello Ior Ettore Gotti Tedeschi al termine dell'interrogatorio, durato alcune ore, in Procura a Roma. 'Abbiamo chiesto noi di essere ...

Ior, "abbiamo rispettato le regole".Gotti Tedeschi: "Colpa di un ...

TGCOM - ‎50 minuti fa‎
Il presidente dello Ior, Ettore Gotti Tedeschi, è stato interrogato a Roma nell'ambito dell'inchiesta su presunte omissioni legate alle norme antiriciclaggio. "Abbiamo chiesto noi di essere interrogati, tutto è stato fatto secondo le regole", ...

Ior: Gotti Tedeschi e Cipriani interrogati da Procura Roma

Borsa Italiana - ‎43 minuti fa‎
ROMA (MF-DJ)--"Tutto e' stato fatto secondo le regole. C'e' stato un equivoco e speriamo venga chiarito in questa sede". Lo ha detto il presidente dello Ior, Ettore Gotti Tedeschi, al termine dell'interrogatorio a Piazzale Clodio da parte del pm Nello ...

Ior, Gotti Tedeschi: ''Nulla da nascondere, abbiamo fatto tutto ...

Adnkronos/IGN - ‎31 minuti fa‎
Roma - (Adnkronos) - Il presidente dello Ior e il direttore dell'istituto Paolo Cipriani sono stati ascoltati sulla vicenda dal procuratore aggiunto di Roma: ''Ribadisco che c'è stato un equivoco e speriamo che ora si chiarisca". ...

IOR: GOTTI TEDESCHI ASSICURA, ABBIAMO SEGUITO LE REGOLE

AGI - Agenzia Giornalistica Italia - ‎56 minuti fa‎
(AGI) - Roma, 29 set. - "Noi abbiamo fatto tutto secondo le regole. E abbiamo chiesto noi di essere interrogati perche' non abbiamo nulla da nascondere. Credo che ci sia stato un equivoco che speriamo di aver chiarito in questa sede". ...

IOR: Gotti Tedeschi "Ho agito secondo le regole"

Corrispondenti.net - ‎13 minuti fa‎
È durato alcune ore l'interrogatorio, nella Procura capitolina, di Ettore Gotti Tedeschi. Il presidente dello IOR è stato ascoltato assieme a paolo Cipriani, direttore generale della banca vaticana, nell'ambito dell'inchiesta su presunte omissioni ...
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Enna. Procuratore Ferrotti:
La giustizia funziona meglio se ha la fiducia del cittadino


Inserita da redazione il set 30th, 2010

Enna. Che manchino uomini e mezzi nelle procure del Sud e in particolare in Sicilia lo sanno, e da tempo, anche i sassi della via. E’ da anni che si assiste al lamento continuo dei capi degli uffici giudiziari. Il rosario delle deficienze che impediscono il regolare funzionamento della giustizia è stato sgranato un’infinità di volte ma da Roma non sono arrivate le risposte attese. E così il Procuratore della repubblica di Enna, Calogero Ferrotti, con l’andata via qualche settimana fa del pm Marcello Cozzolino, rimane senza sostituti. Almeno sino alla prossima primavera, quando è previsto l’insediamento di tre magistrati freschi di nomina. Nel frattempo tenterà di gestire un carico di lavoro di oltre 7 mila procedimenti aperti ogni anno che, secondo le tabelle del Csm, dovrebbero essere affidati a quattro magistrati. Il procuratore Ferrotti, come si ricorderà, lo scorso novembre fu protagonista di uno scontro istituzionale con il ministro Alfano. Alle richieste del capo della Procura ennese, il Guardasigilli rispose con un “amministrare la giustizia è compito difficile e quindi, se il procuratore non se la sente, è meglio che si goda una meritata pensione”. Ferrotti rassegnò subito le dimissioni che rientrarono dopo le manifestazioni di stima e solidarietà piovutegli dall’Anm e da decine di magistrati di tutta Italia. Noi l’abbiamo intervistato in esclusiva:

- L’allarme lanciato da Lei un anno fa è stato inascoltato dal Ministro Alfano. Oggi la Procura di Enna si trova senza sostituti. Perchè?

“L’allarme è stato lanciato un anno fa non soltanto da me, ma anche dall’Associazione nazionale magistrati che ha indetto due assemblee, una qui a Enna e un’altra a Roma. Perchè la mancanza di sostituti non riguarda solo Enna. Prossimamente riguarderà Nicosia, ma anche diverse procure della Sicilia e del Sud d’Italia. A seguito di ciò, nel febbraio di quest’anno è stata approvata la legge che prevede incentivi economici e di carriera per quei magistrati disposti a trasferirsi nelle cosiddette sedi disagiate. Una legge che per diversi motivi ha funzionato pochissimo nonostante prevedesse che il Consiglio Superiore, in mancanza di aspiranti magistrati disposti a trasferirsi, procedesse ai trasferimenti d’ufficio. Il Csm ha ritenuto di soprassedere ai trasferimenti d’ufficio anche perchè la legge, in via del tutto eccezionale, consente ai magistrati di prima nomina di ricoprire posti in Procura. E quindi ad Enna arriveranno tre colleghi freschi di nomina, ma nell’aprile del 2011”.

- Com’è la situazione della Procura di Enna da quando Lei è in carica?

“Quando sono arrivato tre anni addietro l’organico era al completo, nel senso che erano ricoperti i quattro posti di sostituto procuratore previsti in organico. Poi negli anni successivi vi è stato un progressivo svuotamento tanto da rimanere negli ultimi due anni con un solo sostituto, il dott. Marcello Cozzolino, magistrato di straordinario spessore, sia sotto il profilo professionale che umano, che ha lavorato affianco a me con notevole abnegazione e spirito di sacrificio. Ora con l’andata via anche del dott. Cozzolino, ovviamente il quadro cambia perchè non si può avere il dono dell’ubiquità. Anche se in questi giorni la Procura Generale ha disposto per sei mesi l’applicazione di un sostituto procuratore di Caltanissetta, la dott.ssa Marina Ingoglia, che assicurerà la sua collaborazione fino a quando non arriveranno gli uditori”.

- Può farci un quadro generale della situazione sulla sicurezza del nostro territorio? 

“Per quanto riguarda la sicurezza è un problema che interessa più le forze dell’ordine che garantiscono, devo dire anche in maniera encomiabile, l’attività di prevenzione e di controllo del territorio. Complessivamente, in alcuni settori il numero dei reati è diminuito. Mentre altri sono costantemente attenzionati, in particolare quelli legati alla criminalità che spesso proviene dalle zone limitrofe, in particolare dal catanese. Mi riferisco ai reati di stupefacenti, contro il patrimonio e le rapine. Poi naturalmente ci sono i reati di mafia dei quali si occupa la Direzione distrettuale antimafia di Caltanissetta e una serie di tipologie di reati che vanno attenzionati al massimo perchè riconducibili alla presenza sul territorio della mafia, che è viva e vitale in alcuni importanti settori. Il fenomeno mafioso mi risulta che a Enna fino a qualche anno addietro veniva sottovalutato, rimosso, quasi non se ne parlava, mentre adesso sono sorte anche associazioni che pongono all’attenzione il problema. Quindi, la vigilanza è massima e lo dimostrano le brillanti operazioni dell’Antimafia e le misure di prevenzione sia personali che patrimoniali”.

- L’area ennese negli anni passati è stata terreno fertile per la mafia, mi riferisco, solo per fare un esempio, alle latitanze eccellenti come quella del gelese Daniele Emmanuello nelle campagne di Villarosa. La sua lettura sul fenomeno attuale? 

“Questa è la sintomatologia di una situazione che deriva un pò anche  dalla conformazione del territorio che si presta all’agevolazione della latitanza di pericolosi criminali. Non dimentichiamo che la strage di Giovanni Falcone e degli uomini della scorta, secondo quelle che sono le risultanze degli atti processuali, venne deliberata da una commissione che si riunì qui a Enna”.

- La posizione del vescovo Pennisi sulla questione mafia è stata ed è netta e chiara. La stessa si riscontra nelle istituzioni e nella politica?

“Data la rilevanza del fenomeno io dico che quello che si fa è sempre poco rispetto a quello che si dovrebbe fare. E’ molto importante che certe idee veicolino a incominciare dalle scuole per formare le coscienze dei giovani. Ognuno deve fare la propria parte”. Quali sono secondo Lei le problematiche su cui bisogna soffermarsi? E come risolverle? “La gente dovrebbe avere  una maggiore consapevolezza di quelli che sono i propri diritti e denunciare qualunque situazione che presenti aspetti di illegalità. Su questo aspetto è necessario che si faccia ancora qualche passo avanti. Molte indagini a volte vengono aperte proprio a seguito di segnalazioni e sotto questo profilo anche la stampa e gli organi di informazione hanno molta importanza.Un trafiletto di una notizia può creare lo spunto per una attività di indagine. Quindi il controllo della gente è molto importante”.

- Problema droga. Cosa dicono le statistiche in merito alla presenza nella nostra provincia di sostanze stupefacenti?

“Nella nostra provincia c’è un traffico di importazione che proviene dai territori circostanti, mi riferisco in particolare al catanese. Vi è un’attività di spaccio anche a livello locale non di vastissima scala, ma di una certa consistenza. Un fenomeno che è stato sempre presente ma che ora si sta veramente accentuando, come dimostrano le recenti operazioni, riguardante l’attività di coltivazione. Diverse piantaggioni erano proprio mirate ad una attività di lavorazione, produzione e commercio di sostanza stupefacente sul territorio”.

- Un’ultima domanda: Il cittadino può ancora avere fiducia nella giustizia?

“La giustizia funziona meglio se ha la fiducia del cittadino. La giustizia, è vero, ha i propri tempi, le proprie disfunzioni, mi riferisco alla giustizia in ambito nazionale, però quasi sempre arriva, anche se pure tardivamente, per affermare i principi di legalità e quindi bisogna continuare a credere nella giustizia”.

Giacomo Lisacchi

Vivi Enna - Intervista pubblicata su SETTEGIORNI – settimanale diocesano in edicola tutti i sabati

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ben detto Don Di Noto! Speriamo che l'intelligenza della Conferenza Episcopale recepisca il messaggio. In Italia, oltre a Don Di Noto, non ci sono operatori della cd "antipedofilia" che non siano pronti a vendere la madre pur di ottenere l'invito ad una trasmissione o la citazione di un quotidiano. La mia esperienza diretta con alcuni di questi cd "operatori" è che tra questi ve ne siano addirittura da "denunciare". L.M.


PEDOFILIA: DON DI NOTO,

BENE BAGNASCO.
ORA METER IN OGNI DIOCESI
 

(ASCA) - Roma, 28 set - ''Il card. Angelo Bagnasco ha detto parole importanti ribadendo l'impegno del Papa e della Chiesa contro la pedofilia. Molto bene. Ottimo anche l'impegno dei vescovi italiani su questo tema, ma adesso occorre l'elaborazione di un'azione pastorale per educare ad una responsabilita' contro ogni forma di abuso, in special modo quella della pedofilia. L'istituzione di una sede Meter, come gia' alcune diocesi hanno fatto, potrebbe essere una risposta significativa''.

Lo scrive, in un comunicato diffuso oggi, don Fortunato di Noto, fondatore di Meter (l'associazione onlus per la tutela dei minori contro la pedofilia), commentando la prolusione che il presidente della Conferenza episcopale italiana ha tenuto ieri in occasione dell'apertura dei lavori del Consiglio episcopale permanente.

''Serve questa pastorale di prossimita' al dolore delle vittime non perche' diventi solo una risposta al triste problema dei ''preti pedofili' - ha spiegato il presidente Meter- ma perche' sia segno dell'impegno permanente e costante della Chiesa contro queste vergogne, da qualunque parte provengano''.

asp/uda/rob
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 30/09/2010 @ 08:18:55, in Osservatorio Famiglia, linkato 1696 volte)
Sarah, dopo 35 giorni trovato il cellulare


Il telefonino è stato recuperato dallo zio nelle campagne al confine tra le province di Lecce e di Taranto

ANSA - 29 settembre, 21:26 dall'inviato Paolo Melchiorre

AVETRANA (TARANTO) - La prima traccia è stata trovata dopo 35 giorni: il cellulare di Sara, senza batteria e scheda Sim, era in un podere ad alcuni chilometri di distanza dal paese e dal luogo - viale Kennedy, la strada che da Avetrana porta al mare - del presunto ultimo avvistamento della quindicenne, scomparsa il 26 agosto mentre andava a piedi a casa della cugina Sabrina per andare al mare. A trovare il telefonino é stato proprio il padre di Sabrina, Michele Misseri. Lo zio di Sara ha raccontato di aver lavorato ieri sera in un uliveto con un amico. Il terreno si trova sulla provinciale 116 Avetrana-Maruggio, ala periferia di Porto Cesareo (Lecce).

Lì i due hanno bruciato delle stoppie. Stamattina Michele Misseri è tornato sul terreno da solo per recuperare un cacciavite che aveva dimenticato ed ha notato il cellulare, rimasto parzialmente danneggiato dal fuoco, riconoscendo che era quello di Sara: c'erano legati un lucchettino e un ciondolo a forma di lattina. Misseri ha quindi chiamato la famiglia affinché allertasse i carabinieri, che poi hanno prelevato il telefonino. "Forse è stato il destino", ha commentato in serata la mamma della ragazzina, Concetta Serrano Spagnolo, riferendosi all'improvviso ritrovamento da parte del famigliare dopo giorni e giorni di ricerche da parte delle forze dell'ordine, anche con l'ausilio di unità cinofile. Mamma Concetta questa mattina era in Procura, a Taranto, insieme ai legali della famiglia, Walter Biscotti e Nicodemo Gentile, che avevano preannunciato un colloquio con i magistrati titolari dell'inchiesta, il procuratore aggiunto Pietro Argentino e il sostituto procuratore Mariano Buccoliero. Proprio durante il colloquio è giunta la notizia del ritrovamento del cellulare di Sara.

"Ora sono più confusa di prima" ha detto in serata mamma Concetta, rientrata a casa dopo il lungo colloquio con gli inquirenti, ribadendo la convinzione che Sara "sia stata rapita, di sperare che sia ancora viva e che bisogna indagare su tutti, la famiglia, gli amici". Di certo, quel telefonino Sara non può averlo gettato via di sua spontanea volontà, per di più togliendo batteria e scheda. Più facile che sia stato lanciato dal finestrino di un'auto da qualcuno che, non da solo, aveva prelevato poco prima Sara con cattive intenzioni. In giornata ha avuto eco anche l'ipotesi di una figlia segreta del papà di Sara, Giacomo, che vive per molti mesi a Milano dove lavora come muratore. Un anno fa una foto della bimba sarebbe stata notata da Sara maneggiando il telefonino del padre, episodio che avrebbe provocato un violento litigio.

"A me non risulta" ha dichiarato la madre di Sara, così come i legali della famiglia hanno riferito che questa circostanza non risulta da alcun atto d'indagine. Domani le ricerche, avviate nella zona del ritrovamento del telefonino con l'ausilio di unità cinofile, riprenderanno in grande stile, col supporto di una ventina di uomini in più. Ma cercare Sara resta sempre come cercare un ago in un pagliaio. Gli inquirenti continuano a non tralasciare alcun indizio; quel cellulare abbandonato in aperta campagna, però, non fa altro che rafforzare l'angoscia di un paese.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 30/09/2010 @ 08:16:28, in Osservatorio Famiglia, linkato 2529 volte)
Pedofilia a Belmonte,
le lacrime dell'imputato



Si è dichiarato innocente, deponendo tra le lacrime di fronte al giudice. L'uomo di Belmonte del Sannio, accusato insieme al fratello di violenza sessuale nei confronti dei tre nipoti minorenni, ha testimoniato ieri dinanzi al collegio giudicante del tribunale di Isernia, presieduto dal giudice Francesco Ferdinandi.

Un'udienza fiume anche stavolta,in cui sono stati ascoltati parte dei testi dei due procedimenti separati, che vedono alla sbarra da un lato un agricoltore, difeso dall'avvocato pescarese Marco Zanna; dall'altro la madre dei bambini (accusata di favoreggiamento), assistita dall'agnonese Francesco Del Basso più un pastore, contumace, difeso dal legale d'ufficio Maurizio Vecchiarelli di Sesto Campano. Nel primo di essi è stata completata l'escussione dei testimoni del pubblico ministero, con la deposizione della coordinatrice della prima comunità dove furono ospitati i tre fratellini presunte vittime di abusi. Inoltre, sono stati ascoltati quattro testi della difesa (i parenti dell'imputato, tra i quali il figlio, la nuora e la nonna dei minori) che hanno delineato la personalità del contadino di Belmonte. Nel secondo procedimento, invece, hanno sfilato un teste del pm, tre delle parti civili e altri della difesa. Tutti loro hanno contribuito a chiarire le caratteristiche dell'ambiente familiare in cui vivevano i tre bambini, 7, 9 e 12 anni all'epoca delle presunte violenze sessuali. Esaminati dal collegio anche i due imputati presenti in aula. Entrambi hanno dichiarato la propria innocenza. Quando è stato il turno dell'agricoltore, l'uomo non ha potuto trattenere un pianto disperato. Per le parti civili erano presenti il professor Lucio Epifanio di Venafro e l'avvocato Francesca Tagliamonte di Agnone. Confermato inoltre dal tribunale del Riesame di Isernia il sequestro conservativo dei beni degli imputati, così da poter eventualmente risarcire le parti offese in caso di condanna. Contro il quale Zanna ha annunciato il ricorso in Cassazione. L'udienza, intorno alle 15, è stata rinviata al prossimo 27 ottobre, in cui si dovrà proseguire nell'ascolto dei testi (dieci per la difesa del contadino, tre delle parti civili per il procedimento che riguarda il pastore e la madre).

L'avvocato Zanna, a fine giornata, si dice convinto della bontà delle testimonianze rese a sostegno del suo assistito, le quali avrebbero minato seriamente l'impianto accusatorio. <<Uno dei minori, quello dal quale è partito tutto - ha dichiarato il legale - nel racconto dei familiari e della coordinatrice della casa famiglia presenterebbe una personalità inquieta. I giudici hanno ascoltato attentamente e valuteranno>>. La vicenda finisce agli altari della cronaca nel marzo 2008. Gli anziani zii paterni, 60 e 64 anni all'epoca, vengono arrestati dalla seconda sezione della Squadra Mobile di Isernia. Sono un bambino di 12 anni e la sorellina di 9 a denunciare le presunte violenze agli assistenti sociali. La famiglia, che viveva in precarie condizioni igienico-sanitarie, riceveva infatti assistenza domiciliare. Gli abusi sarebbero cominciati nel settembre 2006 e durati circa un anno, senza risparmiare nemmeno il terzogenito, di soli 6 anni. In alcuni casi, secondo l'accusa, le prestazioni sessuali sarebbero state addirittura pagate con cifre pari a cinquanta euro. Soldi incassati dalla madre, che avrebbe saputo e taciuto. I bambini erano rimasti orfani del padre da pochi mesi quando i fratelli del defunto avrebbero cominciato a riservare loro particolari attenzioni.

Pba
Prima pagina Molise
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 30/09/2010 @ 08:08:53, in Giuristi, linkato 2592 volte)
.. un segno dei tempi e fa spavento.  Probabilmente prospetta anche una "questione morale" della avvocatura. Perché, a quanto pare, gli avvocati con troppe scarpe, finiscono gambizzati. L.M.

Irruzione in studio legale a Roma:
gambizzato avvocato


E' successo poco dopo le 20 mentre si trovava nel suo studio in via Ruggero Fauro, zona Parioli


(ANSA) ROMA, 30 settembre 2010, 00:07 - In due sono arrivati a bordo di uno scooter in via Ruggero Fauro, elegante strada del quartiere Parioli a Roma, e si sono diretti verso lo studio dove da anni lavora l'avvocato Piergiorgio Manca, noto penalista della capitale. Intorno alle 20 hanno atteso che il professionista uscisse dal portone del palazzo e, secondo quanto ricostruito dai carabinieri, si sono avvicinati al penalista.

Tra i tre ci sarebbe stata prima una discussione e poi una piccola colluttazione: improvvisamente uno dei due ha estratto una pistola e ha esploso due colpi colpendo Manca all'altezza dell'inguine, poco sopra la coscia destra. I due, poi, sono fuggiti facendo perdere le loro tracce. Un'azione ben studiata, durata una manciata di secondi. Manca e' stato immediatamente trasportato al Policlinico Umberto I, non e' in pericolo di vita. Secondo gli inquirenti, che in serata hanno ascoltato alcuni testimoni, potrebbe trattarsi di un agguato compiuto da mani esperte, da gente che comunque conosceva il penalista.

Avvocato di lungo corso, Manca ha una lunga esperienza come difensore in processi eccellenti, in particolare quelli legati alla criminalita' romana. E' stato difensore nel procedimento giudiziario per il rapimento di Giuseppe Soffiantini e nel processo per l'omicidio dell'ispettore dei Nocs, Samuele Donatoni.

Il penalista ha partecipato, nel 1998, in qualita' di testimone al processo svoltosi a Perugia per la morte del giornalista Mino Pecorelli.

Il professionista e', inoltre, uno dei legali del commercialista Marco Iannilli. Marco Iannilli, figura chiave dell'inchiesta della Procura di Roma su un presunto maxiriciclaggio di due miliardi di euro che vede coinvolti ex manager delle societa' Fastweb e Telecom Italia Sparkle. Iannilli e', inoltre, legato all'ex consulente di Finmeccanica, Lorenzo Cola. Nel corso degli interrogatori il commercialista ha ricostruito ai magistrati la vicenda Digint: la societa' informatica che ha messo in contatto Finmeccanica con l'imprenditore Gennaro Mokbel, ritenuto uno degli ideatori della maxitruffa.

Il commercialista difeso dall'avvocato gambizzato questa sera a Roma ha, inoltre, spiegato agli inquirenti il flusso di denaro (quasi 8 milioni di euro) partito da Singapore e Hong Kong e transitato su un conto di San Marino per poi finire in Svizzera. Secondo chi indaga si tratta di denaro che Mokbel ha versato a Cola, tramite bonifici per l'acquisto di Digint e che Iannilli ha trasferito in Svizzera trattenendo per se' il 10%.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Associazione Nazionale Magistrati



Sezione Distrettuale di Milano
 

I magistrati della sezione distrettuale di Milano dell’Associazione nazionale Magistrati, riuniti in assemblea il giorno 28 settembre 2010, all’esito di ampio confronto, confermando e condividendo il deliberato del Comitato Direttivo Centrale dell’A.N.M. dello scorso 14 luglio 2010, in particolare l’auspicio che i magistrati coinvolti facciano un passo indietro al fine di liberare l’istituzione da ogni ombra di sospetto:


ESPRIMONO il loro forte disagio per la vicenda che ha coinvolto il vertice della Corte d’Appello di Milano;


RIBADISCONO la centralità della questione morale tra quelle sulle quali l’A.N.M. deve mantenere alta l’attenzione e l’impegno comuni;


RICHIAMANO e CONFERMANO  la validità e vincolatività delle norme del codice deontologico e in particolare di quanto previsto dagli articoli 8 (“Il magistrato … evita qualsiasi coinvolgimento in centri di potere partitici o affaristici che possano condizionare l’esercizio delle sue funzioni o comunque appannarne l’immagine”)   e 10 (“Il magistrato che aspiri a promozioni, a trasferimenti, ad assegnazione di sede e ad incarichi di ogni natura non si adopera al fine di influire impropriamente sulla relativa decisione, né accetta che altri lo facciamo in suo favore”);


SOLLECITANO  il più fermo intervento degli organi associativi a ciò deputati di fronte a  violazioni delle norme del predetto codice, adottando le sanzioni previste dallo statuto dell’Associazione;


AUSPICANO la più celere definizione dei procedimenti pendenti davanti al Consiglio Superiore della Magistratura, sia per il più completo accertamento dei fatti, sia per l’adozione dei provvedimenti conseguenti.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 

http://www.giustiziaquotidiana.it/public/oua.jpg

GIUSTIZIA, MAURIZIO DE TILLA, OUA, SCRIVE
AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO SILVIO BERLUSCONI:



“NEI CINQUE PUNTI PROGRAMMATICI CHE ILLUSTRERÀ PRENDA IN CONSIDERAZIONE IL DECALOGO DI PROPOSTE FORMULATO DALL’ORGANISMO UNITARIO DELL’AVVOCATURA PER RIFORMARE  DAVVERO LA MACCHINA GIUDIZIARIA”

Il presidente dell’Oua, Maurizio de Tilla, con una lettera (di seguito), si rivolge direttamente al Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, alla vigilia del suo intervento, alla Camera dei Deputati, sulle priorità del Governo per i prossimi mesi, affinchè prenda nella giusta considerazione, il Decalogo di proposte formulato dall’Organismo Unitario dell’Avvocatura (Oua) per riformare davvero la macchina giudiziaria.


LA LETTERA AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO


On. Silvio Berlusconi
Presidente del Consiglio dei Ministri
Palazzo Chigi
ROMA


Caro Presidente,


    Le scrivo in questi momenti di grande tensione politica, alla vigilia del Suo intervento alla Camera dei Deputati sui cinque punti programmatici che Lei presenterà, affinchè anche l’avvocatura possa dare il suo fattivo contributo sulla “Questione giustizia”.
Innanzitutto voglio rivolgerLe il nostro vivo apprezzamento per l’intera opera svolta per risolvere i problemi del Paese in un contesto di grave crisi politico-economico internazionale.
Allo stesso tempo, non posso non evidenziare la nostra preoccupazione per il perdurare dei problemi del sistema giustizia, per la lunghezza dei processi e per le conseguenze sulle imprese, sugli italiani e sulla competitività del nostro mondo produttivo.
Per questa ragione mi permetto di chiederLe di prendere nella giusta considerazione nel Suo programma di priorità del Governo per i prossimi mesi, l’allegato Decalogo di proposte formulato dall’Organismo Unitario dell’Avvocatura (Oua) per riformare davvero la macchina giudiziaria: dieci iniziative che puntano sulla managerialità, l’efficienza, la modernità, con lo sguardo rivolto ad una giustizia giusta, celere, efficace e rispettosa dei diritti di difesa del cittadino. 

Con i più referenti, cordiali ed affettuosi saluti.

avv. Maurizio de Tilla

Roma, 28 settembre 2010


DECALOGO OUA
PER LA
RIFORMA DELLA GIUSTIZIA


1. Più consistenti risorse economiche e materiali da gestire senza sprechi negli apparati amministrativi delle sedi giudiziarie;

2. Assunzione di uno o più manager in ciascuno dei medi e grandi uffici giudiziari per gestire con efficienza “l’Azienda giustizia”;

3. Applicazione generalizzata del “Metodo Barbuto” che ha dato positivi risultati negli uffici giudiziari dove è stato applicato;

4. Incremento della produttività del lavoro dei giudici, accompagnato da un numero maggiore di magistrati togati e dall’istituzione della figura dell’assistente del giudice (da individuare tra gli idonei al concorso in magistratura e i giovani avvocati che hanno conseguito a livello distrettuale i primi venti posti in una ideale graduatoria degli esami di avvocato);

5. Recupero dei magistrati sottratti al proprio ruolo eliminando così i distaccamenti presso ministeri o enti;

6. Individuazione di una nuova figura di giudice laico da valutare con un accesso rigoroso e selettivo;

7. Diffusione su tutto il territorio nazionale dell’informatizzazione degli uffici giudiziari e del processo telematico;

8. Drastica riduzione dei riti (su questo il Governo sta lavorando), unificandoli in due, massimo tre modelli procedurali;

9. Modifica dell’art. 111 della Costituzione stabilendo che possono essere impugnate per cassazione le sentenze di appello, fatta eccezione: a) per quelle pronunciate in 1° grado dal Giudice di Pace, escluse le ipotesi di cui all’art. 7 comma 2° nel caso in cui la sentenza pronunci la condanna al pagamento per un importo superiore alla competenza stabilita al suo 1° comma; b) per quelle pronunciate nei giudizi ex art. 440 c.p.c.; c) per quelle pronunciate nei procedimenti ex art. 22 bis comma 1° l. 689/81; d) per quelle pronunciate nei procedimenti ex art. 3 l. 89/2001.;

10. Sul piano della modifica delle regole processuali:

- abrogare la media-conciliazione obbligatoria e intensificare il potere conciliativo del giudice anche nella fase precontenziosa da istituire in grado di appello;

- introdurre la possibilità per il difensore di compiere anche nel processo civile, e con le medesime cautele del processo penale, indagini difensive, sì da potersi previamente rendere conto della fondatezza in fatto di un’azione giudiziaria, prima ancora di intraprenderla;

- eliminare l’istituto del regolamento di competenza.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13
Ci sono  persone collegate

< novembre 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             






Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (38)
Associazioni Giustizia (52)
Economia (86)
Estero (187)
Giuristi (134)
Gruppo Cellule Staminali (1)
Indagini (210)
Lavoratori Giustizia (1)
Magistratura (2170)
Osservatorio (1)
Osservatorio Famiglia (512)
Politica (926)
Redazionale (68)
Sindacati Giustizia (326)
Sindacato (221)
Telestreet (7)
Varie (82)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017

Gli interventi piů cliccati

Titolo
Bianco e nero (236)
I gatti di G.Q. (25)

Le fotografie piů cliccate

Titolo
G.Q. Non ha mai pubblicato pubblicità in otto anni e se iniziasse ora?

 Si, a me non disturba
 No, non mi piace



Titolo






A.N.M.
A.N.M. new
A.D.M.I.
Argon News
A.I.M.M.F.
Argon News Redazione
Artists Against War
Articolo 3
BloggersPerLaPace
Comitato Sfruttatori ATU
Commissariato PS Online
dBlog.it Open Source
Erga Omnes
Eugius
Filo Diritto
Intesaconsumatori
Geopolitica
Giuristi Democratici
Giuristi Democratici Roma
Magistratura Democratica
M.D. Toscana
Medel
Medicina Democratica
Magistratura Indipendente
Movimento per la Giustizia
Nazionale Magistrati
Non Solo Giustizia
Osservatorio Bresciano
Osservatorio Romano
Sorgente D'Amore
Studio Cataldi
Studio Celentano
Studio Tidona
Toghe Lucane
Uguale per Tutti
Unitŕ per la Costituzione
Unicost Milano
Unione Internazionale Magistrati
Morandi Senato
About me







http://www.wikio.it
Wikio
Iscriviti a GQ su FriendFeed
Blogstreet - dove il blog č di casa
Iscriviti a GQ su Twitter
Powered by FeedBurner


Blog Link










21/11/2017 @ 7.09.20
script eseguito in 547 ms