Immagine
 islamic woman .. by afp & me ... di Lunadicarta
 
"
E' normale che esista la paura, in ogni uomo, l'importante è che sia accompagnata dal coraggio. Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti.

Paolo Borsellino
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Loredana Morandi (del 30/12/2010 @ 18:33:07, in Osservatorio Famiglia, linkato 1416 volte)
Anche don Di Noto lancia l'allarme "internet come il far west". Conoscendo bene il web, quasi quanto lui, aggiungo che con l'avvento dei socialnetwork stiamo giungendo dal paleolitico al mesozoico: nessuna consapevolezza del fatto reato, nessun rispetto per la vita altrui e altri sentimenti simili fanno della gente sui socialnetwork la feccia dell'umanità. L.M.

Volantino pedofilo scoperto
dall’Associazione Meter


di Giuseppe Basile

30 dicembre 2010 -  “Ho sei anni e mi piace fare sesso con mio zio. Se vuoi più foto, contattami all’indirizzo … (in inglese)”.

È questo il delirante volantino messo in mano ad un bambino nudo di appena sei anni che “reclamizza” la qualità delle foto pedopornografiche scoperte su un social network dagli operatori del “Centro monitoraggio e analisi pedofilia online” dell’Associazione Meter di don Fortunato Di Noto.

È l’ennesimo caso eclatante che ritrae un bambino perfettamente riconoscibile in viso. L’immagine è stata raccolta dall’associazione Meter in due social network che contengono altre 815 foto più 44 video, oggi denunciati alla Polizia Postale e delle Comunicazioni di Catania come da protocollo ufficiale con il CNPO (Centro Nazionale contro la pedofilia online).

“Non si esclude la presenza di italiani tra i profili del social network – ha commentato don Di Noto – A parte questo, è ormai chiaro che i social network stanno diventando una manna per i pedofili. Non costano come i siti dedicati e sono più facili da attivare e infettare con questo materiale.

A metà gennaio diffonderemo il nostro report annuale, che testimonierà come i social network stiano sempre più ‘affascinando’ i pedofili”. Social network dunque appetibili per la promozione della pedofilia; senza un cambio di rotta, la tendenza potrebbe diventare degenerazione.

“Quello che mi sento di dire è un forte appello a tutti i big del mondo dei social network, a cominciare dall’uomo dell’anno Mark Zuckerberg, fondatore di Facebook – ha aggiunto il parroco fondatore dell’associazione Meter onlus – perché insieme dicano no a violenza e sfruttamento dei piccoli e deboli e istituiscano una sorta di ‘vigilanza privata’ per arrivare a rimuovere queste vergogne prima della polizia e fornire alle forze dell’ordine tutto il supporto possibile per individuare i pedofili, sfruttatori dei bambini e per offrire la possibilità ai bambini di essere individuati”. In altre parole, ha sottolineato don Fortunato “serve una nuova coscienza del cittadino della Rete. È ora di finirla col considerare internet il Far West”.

http://siracusa.blogsicilia.it/volantino-pedofilo-scoperto-dallassociazione-meter/24150/
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 30/12/2010 @ 18:28:13, in Politica, linkato 1491 volte)
Approvo, molto, l'iniziativa del PD. L.M.

Appello del Pd a presidente Lula:
Non dia asilo a Battisti


Frattini: Pronti a tutte le misure per l'estradizione. Il capo di Stato brasiliano si pronuncerà sulla richiesta dell'Italia

Pubblicato il 30/12/10 da TMNews

Roma, 30 dic. (TMNews) - Il Partito democratico ha rivolto un appello al presidente brasiliano Lula affinché non conceda asilo politico a Cesare Battisti, l'ex terrorista dei Proletari armati per il comunismo (Pac), condannato in Italia a quattro ergastoli per omicidi avvenuti negli anni Settanta e per il quale, il nostro Paese, ha chiesto l'estradizione.

La lettera è stata inviata da Piero Fassino, Emanuele Fiano e Andrea Orlando all'ambasciatore brasiliano a Roma Josè Viegas Filho. "Mentre prosegue l'assordante silenzio del nostro governo - hanno scritto - ci rivolgiamo a Lula, uomo di sinistra, perché pensiamo che nessun principio garantista e nessuna salvaguardia dei diritti universali dell'uomo possa giustificare l'eventuale non concessione dell'estradizione per il terrorista".

Il movimento terroristico del quale Battisti faceva parte, hanno scritto, "ha seminato morte, dolore e sofferenza". Poi un invito a Lula a ripensarci: "Chi ha scelto la violenza e l'omicidio come strumento di lotta contro le istituzioni democratiche e contro inermi cittadini deve saldare il proprio conto con la società. Le vittime del terrorismo non siano private del loro diritto ad avere giustizia".

Intanto, dopo l'intervista del senatore del partito di Lula Eduardo Suplicy che, al Riformista, aveva detto che il premier Berlusconi non si opporrà e non monterà un caso sulle decisioni del presidente brasiliano, è arrivata la smentita da Palazzo Chigi: "Il premier Silvio Berlusconi non ha mai mostrato sottovalutazione per la vicenda dell'estradizione, richiamando invece costantemente la linea perseguita dall'Italia a ogni livello perché Battisti venga riconsegnato alla giustizia italiana".

Il ministro degli Esteri Franco Frattini ha fatto sapere: "Il governo italiano si riserva, sulla base della decisione del presidente brasiliano Lula, di considerare tutte le misure necessarie per ottenere il rispetto del trattato bilaterale di estradizione, in conformità con il diritto brasiliano".

La Rassegna

Frattini: pronti a tutte le misure per l'estradizione di Battisti

Il Sole 24 Ore - ‎1 ora fa‎
Il presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva annuncerà la sua decisione su Cesare Battisti dopo aver ricevuto alle ore 15.00 (le ore 18 in Italia) il presidente del Supremo Tribunale Federale, Cezar Peluso. Lo ha detto poco fa il canale ...

Appello del Pd a presidente Lula: Non dia asilo a Battisti

Virgilio - ‎2 ore fa‎
Frattini: Pronti a tutte le misure per l'estradizione. Il capo di Stato brasiliano si pronuncerà sulla richiesta dell'Italia Roma, 30 dic. (TMNews) - Il Partito democratico ha rivolto un appello al presidente brasiliano Lula affinché non conceda asilo ...

Il no all'estradizione di Battisti è il "delitto perfetto" di Lula

L'Occidentale - ‎1 ora fa‎
Sarebbe stato sorprendente un epilogo diverso. Lula aveva già deciso di non consegnare all'Italia Cesare Battisti nel momento in cui il Tribunale Supremo brasiliano (che é simile alla nostra Corte Costituzionale) gli affidò un anno fa l'ultima parola, ...

Battisti/ Lula incontra presidente Corte suprema

APCOM - ‎49 minuti fa‎
Brasilia, 30 dic. (TMNews) - Il presidente brasiliano, Luiz Inacio Lula da Silva, incontrerà oggi il presidente della Corte suprema, prima di prendere una decisione sulla estradizione dell'ex militante di estrema sinistra, Cesare Battisti, ...

Battisti, oggi l'annuncio di Lula: verso il no all'estradizione

Il Velino - ‎2 ore fa‎
Roma, 30 dic (Il Velino) - È previsto per oggi l'annuncio del presidente Luis Inacio Lula da Silva sul caso Battisti. Il leader brasiliano, confermano anche oggi fonti stampa locali, è pronto a negare l'estradizione al terrorista italiano. ...

Battisti/ Globo News: Decisione Lula sarà annunciata già oggi

APCOM - ‎34 minuti fa‎
Roma, 30 dic. (TMNews) - Il presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva dovrebbe annunciare già oggi la decisione di concedere l'asilo politico all'ex terrorista rosso Cesare Battisti, condannato all'ergastolo in contumacia in Italia per quattro ...

Caso Battisti, ore di attesa per la decisione del Brasile sull ...

RomagnaOggi.it - ‎1 ora fa‎
Ore di fibrillazione internazionale in attesa del pronunciamento del Brasile sul caso dell'estradizione di Cesare Battisti, che potrebbe ricevere asilo poiltico dal paese sudamericano. Il presidente del consiglio, accusato di aver sottovalutato la ...

Battisti/ Calderoli: Nessuna supplica, Lula deve estradarlo

Virgilio - ‎3 ore fa‎
Roma, 30 dic. (TMNews) - "Nessun appello va rivolto al presidente Lula, nessuna preghiera, nessuna supplica o nessuna esortazione, come invece invoca il Pd, va avanzata verso il presidente uscente brasiliano perché conceda l'estradizione di Cesare ...

Appello del Pd a Lula per l'estradizione di Battisti

RaiNews24 - ‎5 ore fa‎
Appello del Pd a Lula per l'estradizione di Battisti. Un eventuale 'no' all'estradizione "non sara' senza conseguenze", annuncia in un'intervista al Corriere della Sera il ministro della Difesa, Ignazio La Russa. Frattini: "Pronti a tutte le misure per ...

Caso Battisti: Boni, negare estradizione sarebbe offesa a nostro Paese

Libero-News.it - ‎4 ore fa‎
ilano, 30 dic. (Adnkronos)- "Impossibile che un terrorista come Cesare Battisti possa trovare rifugio, come se nulla fosse in un altro Stato estero: la mancata concessione dell'estradizione di un delinquente del suo calibro, condannato a quattro ...

Battisti, La Russa avverte il Brasile: «Ci saranno conseguenze»

Corriere della Sera - ‎5 ore fa‎
MILANO - «Nessuno pensi che il no all'estradizione di Cesare Battisti sia senza conseguenze. L'azione diplomatica non compete a me. Però porrò la questione al Governo. E almeno altri 4 ministri hanno la stessa intenzione, a partire da Giorgia Meloni». ...

Battisti, "chiederemo estradizione"

TGCOM - ‎3 ore fa‎
"Il governo italiano si riserva di considerare tutte le misure necessarie per ottenere il rispetto del trattato bilaterale di estradizione, in conformità con il diritto brasiliano". Lo ha detto il ministro degli Esteri, Franco Frattini, ...

Battisti: Pd a Lula, si' ad estradizione

ANSA.it - ‎4 ore fa‎
(ANSA) - ROMA, 30 DIC - Appello del Pd al presidente del Brasile Lula per il si' all'estradizione per il terrorista Cesare Battisti, condannato in Italia all'ergastolo per 4 omicidi compiuti negli anni di piombo. Chi ha scelto la violenza e l'omicidio ...

BATTISTI: IDV VENETO, MANCATA ESTRADIZIONE OFFENDE TUTTI I CITTADINI

Agenzia di Stampa Asca - ‎1 ora fa‎
(ASCA) - Venezia, 30 dic - ''Speriamo che il presidente brasiliano Lula non ceda alla tentazione di concedere asilo politico a Cesare Battisti''. Questa la posizione dei consiglieri regionali del gruppo Italia dei Valori del Veneto, Gustavo Franchetto, ...

L'estradizione di Cesare Battisti

Il Post - ‎1 ora fa‎
Nel giro di poche ore è attesa la decisione del Brasile riguardo l'estradizione di Cesare Battisti, un atto che dovrebbe mettere fine a una vicenda lunga e molto controversa, che è allo stesso tempo storica, giudiziaria e diplomatica. ...

BATTISTI: LULA INCONTRA PRESIDENTE TRIBUNALE SUPREMO FEDERALE BRASILE

Agenzia di Stampa Asca - ‎2 ore fa‎
(ASCA-AFP) - Brasilia, 30 dic - Il presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva ricevera' in udienza il presidente del Supremo tribunale federale del Brasile, Cezar Peluso, prima di decidere se estradare o meno l'ex terrorista italiano di estrema ...

CASO BATTISTI/ Frattini: pronti a pugno di ferro sull' estradizione

Notizie Lampo - ‎1 ora fa‎
Clima teso nei rapporti diplomatici tra Brasile ed Italia. Infatti la diplomazia italiana non ha reagito bene alla decisione del presidente uscente del Brasile, Inacio Lula da Silva, sull'estradizione di Cesare Battisti. L' Italia usera tutti i mezzi ...

Caso Battisti, Lula verso il no, il latitante resta in Brasile

Ultime Notizie - ‎1 ora fa‎
E' il Brasile l'ultimo paradiso legale per gli assassini italiani. Lo ha deciso Lula da Silva nel suo penultimo giorno da presidente, scegliendo di chiudere nel peggiore dei modi il suo mandato politico. A beneficiare del salvacondotto sarà, ...

Frattini, su Battisti faremo possibile

euronews - ‎2 ore fa‎
(ANSA) – ROMA, 30 DIC – Il governo italiano prendera', sullabase della decisione del presidente brasiliano Lula, ''tutte lemisure necessarie per ottenere il rispetto del trattatobilaterale di estradizione'' per Cesare Battisti. ...

BATTISTI: DI PIETRO, LULA NON DIVENTI COMPLICE PLURIOMICIDA

Agenzia di Stampa Asca - ‎2 ore fa‎
(ASCA) - Roma, 30 dic - ''Ci auguriamo che il Presidente Lula non diventi complice del pluriomicida Cesare Battisti concedendogli asilo politico''. Lo afferma in una nota il Presidente dell'Italia dei Valori, Antonio Di Pietro. ...

Caso Battisti, è il giorno della verità

La Stampa - ‎6 ore fa‎
Il destino di Cesare Battisti si decide in queste ore a Brasilia. «Ho già preso la decisione, penserò a lui solo domani», ha detto ieri ai cronisti il presidente Luis Inacio Lula da Silva, che ha l'ultima parola sull'ex terrorista rosso, ...

L'ex terrorista Cesare Battisti resta in Brasile. Ecco cosa c'è dietro

Libero-News.it - ‎7 ore fa‎
econdo le indiscrezioni che arrivano dal Brasile, il presidente uscente Inacio Lula da Silva non estraderà Cesare Battisti, l'ex terrorista rosso condannato in contumacia all'ergastolo poiché coinvolto nell'omicidio di quattro persone (oltre ad altri ...

Battisti: Pd a Lula, si' ad estradizione

euronews - ‎4 ore fa‎
(ANSA) – ROMA, 30 DIC – Appello del Pd al presidente delBrasile Lula per il si' all'estradizione per il terroristaCesare Battisti, condannato in Italia all'ergastolo per 4omicidi compiuti negli anni di piombo. Chi ha scelto la violenzae l'omicidio come ...

Italia - Tensione per estradizione Battisti

Romagna Noi - ‎3 ore fa‎
Destra e sinistra si appellano al presidente Lula che rimanda al mittente le rivendicazioni: "Il Brasile è sovrano. Abbiamo già raggiunto la maggior età, ognuno fa quello che vuole" ROMA - Il presidente brasiliano, Inacio Lula da Silva, annuncia oggi ...

Lula avrebbe deciso: "Battisti resta in Brasile"

Libero-News.it - ‎29/dic/2010‎
L'indiscrezione della tv Globenews rimbalza sui blog. Il presidente: niente estradizione per "preservarne l'integrità fisica". Oggi l'annuncio ufficiale? L'amarezza di Torreggiani Preservarne l'integrità fisica". Questo sarebbe il motivo per il quale ...

CASO BATTISTI: LULA, BRASILE E' SOVRANO E FA QUEL CHE VUOLE

AGI - Agenzia Giornalistica Italia - ‎3 ore fa‎
(AGI) Brasilia - Il presidente brasiliano, Inacio Lula da Silva, non teme una rappresaglia del governo italiano se, come sembra ormai intenzionato a fare, non permettera' il rimpatrio di Cesare Battisti. Il presidente brasiliano ha reagito quasi ...

Alberto Torregiani: "Chiedo agli italiani di scendere in piazza"

La Stampa - ‎10 ore fa‎
Questa presa in giro mi fa davvero arrabbiare. Non impugnerò la pistola, sarebbe stupido e troppo facile. Ma qualcosa di forte farò»: Alberto Torregiani, 46 anni, ieri ha accolto con rabbia la notizia che il presidente Lula sarebbe intenzionato a non ...

Lula, su Battisti deciderò domani

RaiNews24 - ‎29/dic/2010‎
Luiz Inacio Lula da Silva verso la concessione dello status di rifugiato politico all'ex terrorista rosso Cesare Battisti. La decisine, data per imminente dai giornali locali, è stata rimandata dallo stesso presidente. Ripercussioni negative in Italia. ...

Battisti, nel silenzio dell'Italia la scelta "umanitaria" di Lula

La Repubblica - ‎29/dic/2010‎
La probabile decisione di non estradare il terrorista nasce da una strategia di inazione e proteste sterili da parte del nostro governo. Che non hanno scalfito i preconcetti sulla "giustizia vendicativa" nel nostro Paese Il governo Berlusconi ha avuto ...

Estradizione di Battisti: un appello del Pd, mentre si muove il ...

4minuti.it - ‎3 ore fa‎
ROMA (30 dicembre 2010) - Questa mattina alcuni esponenti del Partito democratico hanno inviato una lettera all'ambasciatore brasiliano a Roma José Viegas Filho che riguarda il caso di Cesare Battisti e da recapitare al presidente del Brasile Lula. ...
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 

Giustizia, stop alle banche dati
la rivolta delle procure: sarà paralisi



L'allarme del ministero: mancano i fondi per i servizi informatici, rischiano il blocco milioni di atti giudiziari. L'Associazione nazionale magistrati parla di "sconfitta per i cittadini"

di MARIA ELENA VINCENZI

ROMA - Con l'anno nuovo i tribunali e le procure di tutta Italia dovranno tirare fuori dalla soffitta i vecchi archivi cartacei e rimettere in sesto le fotocopiatrici: i servizi di manutenzione e assistenza ai sistemi informatici sono sospesi. Questo il contenuto di una circolare che il ministero della Giustizia ha inviato a presidenti di Corti di Appello e procuratori generali. E che rischia di bloccare milioni di atti giudiziari. Il motivo? Semplicissimo: i soldi non ci sono. La comunicazione, che porta la firma di Stefano Aprile, direttore generale per i sistemi informativi automatizzati di via Arenula, parla di "mancata assegnazione delle risorse finanziarie" che rende "necessario procedere alla revoca".
 
Un'altra tegola per la giustizia italiana, spesso accusata di essere lenta. Che ora si ritrova a dover abbandonare le tastiere e riprende in mano la penna. Nel segno della modernità. La lista di "aiuti" via computer di cui si servono i magistrati è lunga. E ormai imprescindibile. Si va dal Re. Ge, il registro penale in cui approdano tutte le notizie di reato, ai vari software per coordinare i lavori tra organi inquirenti, giudicanti e avvocati. Tutto sospeso: via Arenula non può più pagare le aziende che forniscono il servizio. L'unico modo per risolvere eventuali guasti sarà quello di chiamare un numero verde e, si legge nella circolare, "compatibilmente alle risorse umane disponibili e al livello know how posseduto sulla singola applicazione" si "provvederà a pianificare gli interventi". Niente più servizi in tempo reale, niente più tecnici in sede. Il che, secondo le toghe, vuole dire blocco.

Preoccupato il procuratore capo di Roma, Giovanni Ferrara: "Questa decisione - dice - rischia di provocare gravissimi problemi di funzionalità e di collegamento tra la polizia giudiziaria, i pm, i giudici e gli avvocati. A questo punto non siamo più certi di poter continuare a garantire lo stesso servizio ai cittadini". Così anche il procuratore di Napoli, Giandomenico Lepore: "Ci domandiamo come si potrà fare, perché in queste condizioni è inutile andare a lavorare. Se si vuole far camminare la giustizia, bisogna spendere soldi. Si possono fare tutti i proclami che si vogliono sul tema, ma bisogna anche rendersi conto di quando il Governo si mette di traverso all'amministrazione giudiziaria". Molte le Procure che hanno già scritto al ministero per protestare, molte quelle che lo faranno oggi.

Sul piede di guerra anche l'Anm. Il presidente Luca Palamara esprime "preoccupazione, stupore, allarme. C'è il concreto rischio che la giustizia possa subire un altro colpo ferale a causa degli ulteriori disservizi che potranno crearsi. Da tempo sosteniamo la necessità di considerare il settore giudiziario un settore strategico per il Paese, invece dobbiamo amaramente constatare come avvenga sistematicamente il contrario. Se l'informatizzazione dovesse venire meno, il principale sconfitto sarebbe il cittadino".

(La Repubblica - 30 dicembre 2010)
http://www.repubblica.it/cronaca/2010/12/30/news/crisi_banche_dati-10701041/
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 30/12/2010 @ 15:32:01, in Magistratura, linkato 2142 volte)

Napoli, giunta Anm: il Pm Carrano presidente


Il nuovo numero uno dell'organismo associativo è espressione della componente Verdi/Md: lavora alla Procura partenopea e si occupa di reati perpetrati contro i soggetti deboli La designazione ieri, all'unanimità, nell'ambito di una strategia unitaria Giovanni Capozzi

Avvicendamento al vertice della giunta distrettuale dell'Associazione nazionale magistrati di Napoli (in sigla Anm): Celeste Carrano, in servizio alla Procura della Repubblica, viene nominata all'unanimità presidente. Succede a Francesco Cananzi di Unicost. Ieri la designazione.

IN TOGA DAL 1993
Il nuovo presidente della giunta distrettuale, rappresentante dell'area Verdi/Magistratura democratica, ha 45 anni ed è in magistratura dal 1993. Ha sempre lavorato nell'ufficio del pubblico ministero e in precedenza ha prestato servizio alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Nola.
Nell'ufficio dei Pm di Napoli si occupa di reati di cui sono vittime le cosiddette "fasce deboli" (come donne e minori).

L'attuale giunta distrettuale dell'Anm viene eletta nel dicembre dello scorso anno (vedere box qui in basso - Ndr) ed è espressione unitaria delle varie correnti della magistratura associata.
L'avvicendamento al vertice si inquadra quindi in un'intesa associativa che prevede l'alternanza alla presidenza della giunta degli esponenti dei tre gruppi che si rifanno, rispettivamente, a Unità per la Costituzione (Unicost), Magistraura Indipendente e Magistratura democratica/Verdi.
Segretario della giunta distrettuale dell'Anm di Napoli continua ad essere Francesco Valentini, esponente di Magistratura indipendente.

Per Celeste Carrano si tratta del primo incarico associativo. A lei toccherà, dunque, leggere l'intervento abitualmente presentato nelle varie sedi dall'Associazione nazionale magistrati in occasione dell'inaugurazione dell'anno giudiziario.

La cerimonia di apertura per il 2011 è fissata per sabato 29 gennaio.

PROBLEMI CRONICI
Il neo presidente della giunta, dunque, utilizzerà questo mese che ci separa dalla cerimonia inaugurale per preparare la sua relazione.
"E' ancora presto - dice - per anticiparne in dettaglio i contenuti, ma di certo sarà necessario, tra l'altro, soffermarsi sui problemi ormai cronici che assediano il sistema-giustizia. Per esempio la carenza di risorse, di uomini e mezzi, oppure i problemi logistici".


Il Denaro - num. 247 - pag. 19
http://www.denaro.it/VisArticolo.aspx?IdArt=618712
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 30/12/2010 @ 14:41:41, in Indagini, linkato 2098 volte)
I miei più sinceri complimenti alla dottoressa Pantano per l'ottimo lavoro svolto che ha reso chiaro il caso per il presidente della corte, il giudice Renato Poschi. Grazie per non essersi mai arresa, neppure di fronte alla diffamazione in forma di anonimato tramite i blog del circuito Falsi Abusi.
Un ringraziamento personale anche ai Carabinieri di Reggio Emilia, che con lei hanno collaborato, con i quali io conferivo nella stessa giornata e negli stessi minuti in cui avrei subito l'ennesima minaccia "telefonica" dai clienti di Falsi Abusi/Pirate Bay.
I capisaldi dei falsi abusologi stanno cadendo uno dopo l'altro: Valerio Apolloni il fondatore di Falsi Abusi - Adiantum, Sergio Murolo (condannato a 9 anni dalla Cassazione, che dai suoi arresti domiciliari calunniava i Carabinieri di Ospitaletto di Brescia e lavorava contro la Morandi) ed ora Pino La Monica, il cui "consulente" è indagato per la tentata subornazione dei consulenti di parte delle vittime ed in Roma per altro. Un ennesimo colpo ben assestato ad una delle maggiori organizzazioni che sostengono la pedofilia in Italia, che prosegue nell'opera nefasta di diffamare gli operatori anche con le clonazioni o la spendita dei nomi personali per i fini criminosi dell'associazione, stalkizzando le madri e le piccole vittime, minacciando ed infangando persone per bene con l'operato dei propri pregiudicati.  L.M.


Pino La Monica
«Le bimbe sedotte subdolamente»


Depositata la sentenza sul caso-La Monica: «Soggiogava le allieve». I giudici sono stati molto duri ritenendo che all'educatore e attore non fosse da riconoscere alcuna circostanza attenuante per l'atteggiamento tenuto con le bimbe.

REGGIO. Una sentenza dura, minuziosa, articolata: 122 pagine fitte - scritte dal giudice Renato Poschi, presidente della Corte - per spiegare perché l'educatore-attore 37enne Pino La Monica è stato condannato in primo grado a 9 anni e 9 mesi di reclusione per abusi su nove minorenni partecipanti ai suoi corsi di teatro (la più piccola aveva nove anni) e detenzione di 399 immagini pedopornografiche nei suoi tre computer.

VIOLENZE. In un anno e mezzo di udienze sono stati ricostruiti i tre corsi di teatro «incriminati» dalla complessa inchiesta del pm Maria Rita Pantani - a Quattro Castella (maggio-giugno 2007), Reggio (autunno 2007) e Correggio (dall'autunno 2007 al marzo 2008) - e dalle testimonianze raccolte «si delinea senz'altro un quadro di plurime e ripetute violenze sessuali - conclude la sentenza - e le vittime hanno denunciato di essere state costrette, durante le lezioni dell'imputato, e da parte di quest'ultimo, a compiere o, talora, a subire, atti senz'altro di natura sessuale».

GIOCHI PROIBITI. Ma cosa avveniva in quei corsi? Le bimbe hanno raccontato di giochi proibiti. «Col pretesto del nascondino a coppie (e al buio) - descrive analiticamente la sentenza - l'imputato infilava il capo di certe bambine sotto la maglia che lui indossava, coprendolo e nascondendolo; quindi, se necessario, lo spingeva in giù finché il viso delle stesse ragazzine non finiva a diretto contatto col proprio pube. Col pretesto del gioco del nascondino, o di altri giochi comunque al buio, l'imputato costringeva le ragazzine a toccare, con le loro mani, il suo pene (toccamenti perlopiù da sopra i pantaloni o, comunque, da sopra gli slip). Durante i giochi, posizionandosi in modo strategico, l'imputato prendeva le mani di certe bambine e le infilava nelle tasche dei propri pantaloni, interamente bucate, fino ad ottenere il contatto col pene coperto dagli slip e, se necessario, tratteneva e manteneva le mani delle bambine in quella posizione, o gliele rimetteva se cercavano di sottrarsi. Oppure, dopo essersi nascosto sotto ad una cattedra assieme alla vittima prescelta col pretesto del nascondino, o dopo avere essersi posizionato strategicamente nella fila indiana dei bambini in modo da ottenere una contiguità fisica con la vittima prescelta, prendeva le mani della bambina e le portava sul proprio pube in modo da farsi toccare il pene. Durante i medesimi giochi, o col pretesto di abbracci di saluto, palpeggiava il seno a certe ragazzine».

SUBDOLO. «In tutti i casi esaminati - tira le somme la Corte - vi è stata vera e propria sopraffazione, mediante il compimento, peraltro in modo non eclatante bensì in forme subdole, insidiose e camuffate, di diversi atti costrittivi ai danni delle minori».

SEDOTTE. Poi la sentenza si sposta sul comportamento delle bambine: «Non hanno reagito alle costrizioni sessuali in maniera ferma e vigorosa (se non in modi alquanto blandi e timidi), ma bisogna pur sempre considerare che le bambine sono state colte alla sprovvista, sono state sorprese e spiazzate dalle azioni, inserite in contesti presentati come ludici ed innocui, poste in essere subdolamente dal loro insegnante di teatro, dalla cui figura - amichevole, suadente e liberatoria - erano sedotte ed invaghite al punto da esserne quasi soggiogate; e sono state colte di sorpresa e spiazzate per di più in un ambito - la sfera della sessualità, per loro ancora agli albori ed immatura - che costituiva un terreno sostanzialmente inesplorato.

PEDOPORNO. Lapidario il giudizio sulle non poche foto trovate nei pc «indicative di una pregressa, ma non remota, detenzione, consapevole, di immagini pedopornografiche (poi cancellate prima dei sequestri) o, comunque, di una pregressa intensa, prolungata e senz'altro mirata navigazione su siti internet specializzati».

30 dicembre 2010
la Gazzetta di Reggio
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 29/12/2010 @ 17:35:29, in Osservatorio Famiglia, linkato 1403 volte)
712 bambini scomparsi nel 2010


Questi dati provengono dal database del sistema informativo interforze della Direzione Centrale della Polizia Criminale. Il periodo di riferimento va dal 1 gennaio al 30 settembre 2010.

Clicca qui o sull'immagine per ingrandire.

http://www.giustiziaquotidiana.it/public/712_bambiniscomparsi_2010.jpg


A questo link il documento originale.

L.M.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 29/12/2010 @ 17:00:20, in Giuristi, linkato 1493 volte)
Il primo caso appartiene allo scorrere naturale degli eventi della vita, i figli sono della madre e sono a lei affidati con giustizia.
Gassani dell'AMI dovrebbe invece spiegarci come mai, pur avendo a disposizione tutta la cultura per capire che la PAS è inventata per difendere pedofili e omosessuali abusanti i propri figli, voglia proporla in Roma il 14 gennaio prossimo. Qualora Gassani non sappia chi è Richard Gardner è presto detto: egli era un ciarlatano, fuori dagli ambienti della ricerca e non accetto alla comunità scientifica internazionale. Nella vita è stato un pedofilo che si è impartito da solo la castrazione chimica. Egli, infatti, muore suicida avendo contratto la malattia da abuso farmacologico che avrebbe rivelato al mondo il suo segreto.  L.M.

Madre omosex: concesso affidamento figli

Respinto ricorso di un marito che lo chiedeva in esclusiva

(ANSA) - PALERMO, 29 DIC - La relazione omosessuale di una madre, se non comporta pregiudizio per la prole, non e' di ostacolo all'affidamento condiviso dei figli in caso di separazione. Lo ha stabilito il tribunale di Nicosia (Enna), respingendo il ricorso di un uomo che chiedeva l'affidamento esclusivo, adducendo il legame della moglie con un'altra donna. Secondo il tribunale, per quanto possa essere umanamente comprensibile il disagio dell'uomo, non ci sono motivi per accoglierne la richiesta.


Ami: 11% separazioni per tradimenti gay

Gassani: fenomeno piu' radicato di quanto si possa immaginare

(ANSA) - ROMA, 29 DIC - L'11% delle separazioni giudiziali e' causato dai tradimenti omosessuali, il 7% da parte del marito e il 4% da parte della moglie. E' quanto afferma l'Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani. Secondo il presidente nazionale Ami, avv. Gian Ettore Gassani 'il fenomeno dell'omosessualita' dei genitori e' molto piu' radicato di quanto si possa immaginare e tantissime coppie tendono a nascondere queste vicende optando per la separazione consensuale'.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 29/12/2010 @ 16:34:32, in Estero, linkato 1657 volte)
Si tratta per ora di indiscrezioni, pubblicate oggi da La Stampa. Di seguito alcune reazioni e la rassegna L.M.


Associazione tra i Familiari delle Vittime
della strage di Bologna del 2 agosto 1980



APPRENDIAMO DALLA STAMPA, CHE IL BRASILE HA CONCESSO LO STATUS DI "RIFUGIATO POLITICO" AL TERRORISTA PLURIOMICIDA CESARE BATTISTI NEGANDO L'ESTRADIZIONE IN ITALIA.

E' UN FATTO GRAVISSIMO E INDEGNO PER UNA NAZIONE DEMOCRATICA QUALE SI DEFINISCE IL BRASILE.

FATTO, CHE DENOTA ANCORA UNA VOLTA , L'INSUFFICENZA E L'INCAPACITA' DEL GOVERNO ITALIANO DI TUTELARE LA DIGNITA' DEL PAESE E DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.


Il Presidente
Paolo Bolognesi


dalle agenzie ...

BATTISTI: ANFP, NO A ESTRADIZIONE
OLTRAGGIO A POLIZIA ITALIANA

 

(ASCA) - Roma, 29 dic - ''Sarebbe davvero oltraggioso se venissero confermate le indiscrezioni sul no del Presidente del Brasile all'estradizione del terrorista Cesare Battisti ed anzi di concedergli lo status di rifugiato suonerebbe come un'intollerabile offesa al Popolo italiano e a tutti gli appartenenti alle Forze di polizia''. Questo il comemnto del segretario nazionale dell'Anfp (Associazione funzionati di polizia), Enzo Marco Letizia sulle indiscrezioni filtrate dal Bresile e che riguardano l'ex terrorista Battisti.

L'Anfp, che sottolinea di ''attendersi precise iniziative politiche e diplomatiche'' definisce poi ''grottesco'' il fatto che il governo di Lula voglia confermare a Battisti lo status di rifugiato, ''assumendo cosi' che in Italia siano possibili persecuzioni censurabili dalle Convenzioni internazionali, senza tener conto che il sistema sociale e di garanzie del nostro Paese avrebbe consentito all'assassino Battisti di potersi difendersi e se cio' non e' avvenuto, come ha accertato anche la Corte di Strasburgo, cio' e' stato solo per una sua scelta''.

res-gc/mcc/bra

La Rassegna

Battisti resta in Brasile Ecco cosa c'è dietro

Libero-News.it - ‎32 minuti fa‎
econdo le indiscrezioni che arrivano dal Brasile, il presidente uscente Inacio Lula da Silva non estraderà Cesare Battisti, l'ex terrorista rosso condannato ...

BATTISTI: ANFP, NO A ESTRADIZIONE OLTRAGGIO A POLIZIA ITALIANA

Agenzia di Stampa Asca - ‎1 ora fa‎
(ASCA) - Roma, 29 dic - ''Sarebbe davvero oltraggioso se venissero confermate le indiscrezioni sul no del Presidente del Brasile all'estradizione del ...

Battisti, Lula verso no all'estradizione Bolognesi: "Fatto ...

La Repubblica - ‎1 ora fa‎
Il presidente brasiliano, il cui mandato sta per scadere, è orientato a rifiutare la richiesta dei giudici ea concedere l'asilo all'ex terrorista dei Pac, ...

Battisti, nel silenzio dell'Italia la scelta "umanitaria" di Lula

La Repubblica - ‎1 ora fa‎
La probabile decisione di non estradare il terrorista nasce da una strategia di inazione e proteste sterili da parte del nostro governo. ...

Brasile, per media Lula dice no a estradizione Battisti

Reuters Italia - ‎2 ore fa‎
BRASILIA (Reuters) - Il presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva, il cui mandato terminerà alla fine dell'anno, ha deciso di non estradare in Italia ...

BATTISTI: DE CORATO, MILANO NON PUO' ACCETTARE CHE LA FACCIA FRANCA

Agenzia di Stampa Asca - ‎2 ore fa‎
(ASCA) - Milano, 29 dic - ''Milano, colpita a morte da un terrorista pluriomicida, non puo' accettare la decisione di concedergli l'asilo politico. ...

Battisti libero. Una notizia triste.

La Stampa - ‎2 ore fa‎
Oggi il presidente brasiliano Lula da Silva annuncerà la concessione dell'asilo politico al terrorista italiano Cesare Battisti. Una brutta notizia per chi ...

BATTISTI: LULA VERSO NO A ESTRADIZIONE. ''RISCHIEREBBE LA VITA''

Agenzia di Stampa Asca - ‎4 ore fa‎
Il presidente brasiliano uscente, Luiz Inacio Lula da Silva, avrebbe deciso di non estradare l'ex terrorista italiano Cesare Battisti, ...

Lula verso il no all'estradizione di Battisti

RaiNews24 - ‎5 ore fa‎
Il presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva annuncera' oggi la concessione dello status di rifugiato politico all'ex terrorista rosso Cesare Battisti ...

Battisti: conto alla rovescia per decisione verso no estradizione

ANSA.it - ‎5 ore fa‎
ROMA - Il presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva annuncerài la sua decisione in merito alla concessione dell'asilo politico a Cesare Battisti, ...

Lula avrebbe deciso: "Battisti resta in Brasile"

Libero-News.it - ‎5 ore fa‎
L'indiscrezione della tv Globenews rimbalza sui blog. Il presidente: niente estradizione per "preservarne l'integrità fisica". Oggi l'annuncio ufficiale? ...

Battisti, Lula verso no a estradizione

ANSA.it - ‎5 ore fa‎
(ANSA) - ROMA, 29 DIC - Il presidente brasiliano, Inacio Lula da Silva, avrebbe deciso di non estradare in Italia Cesare Battisti, condannato per quattro ...

CASO BATTISTI: TORREGGIANI, "CI MUOVEREMO CON AZIONI FORTI"

AGI - Agenzia Giornalistica Italia - ‎5 ore fa‎
Vorra' dire che ci muoveremo in modo molto piu' deciso". Cosi' ai microfoni di CNRmedia Alberto Torreggiani, figlio del gioielliere ucciso nel 1979, ...

"Battisti non estradato? Lo sapevo"

TGCOM - ‎5 ore fa‎
"Mi aspettavo una decisione simile. Vorrà dire che ci muoveremo in modo molto più deciso". Questo il primo amaro commento di Alberto Torreggiani, ...

È stato giusto bloccare con tanta forza i pastori sardi che ...

Corriere della Sera - ‎7 ore fa‎
Sull'estradizione dell'ex terrorista Battisti, il presidente Lula deciderà come promesso prima del 1˚ gennaio? Anche in Italia, come ieri a Londra, ...

Battisti: Lula riceve Avvocato generale

ANSA.it - ‎22 ore fa‎
(ANSA) - BRASILIA, 28 DIC - Lula ha ricevuto l'Avvocato generale dello Stato Luiz Inacio Lucena.Nulla e' trapelato dall'incontro, ma tutto indica che il ...

BATTISTI: GRAMAZIO (PDL), IMPEDIRE A LULA DI 'SALVARE' IL PLURIOMICIDA

Agenzia di Stampa Asca - ‎28/dic/2010‎
(ASCA) - Roma, 28 dic - ''Il presidente brasiliano Lula Da Silva, che lascera' la sua carica il 31 dicembre, vorrebbe per quella data risolvere la questione ...

Battisti/ Lula: asseconderò decisione avvocatura stato

APCOM - ‎27/dic/2010‎
Brasilia, 27 dic. (Ap) - Luiz Inacio Lula da Silva ha ribadito che asseconderà l'opinione dell'Avvocatura generale dello stato (Agu) quando dovrà ...

Battisti: Lula, decidero' entro il 31

ANSA.it - ‎27/dic/2010‎
(ANSA) - BRASILIA, 27 DIC - Il presidente uscente brasiliano, Lula da Silva annuncia che decidera' sul caso dell'ex terrorista del Pac, Cesare Battisti ...

Cesare Battisti, Lula verso il no all'estradizione

RSnews - ‎5 minuti fa‎
Il presidente brasiliano Luis Inacio Lula da Silva annuncerà entro il 31 dicembre la sua decisione in merito alla concessione delll'asilo politico a Cesare ...

La commozione di Lula nel suo ultimo discorso da Presidente del ...

DirettaNews.it - ‎1 ora fa‎
ULTIMO DISCORSO DI LULA DA PRESIDENTE DEL BRASILE – Pronunciando il suo ultimo discorso da presidente del Brasile, nella piazza principale del paese natale, ...

Dal Brasile: Lula concederà l'asilo politico a Cesare Battisti

NotiziarioItaliano.IT - ‎1 ora fa‎
ROMA - Due giorni. E' questo il termine ultimo per decidere il destino di Cesare Battisti (in foto) che s'è prefissato il Presidente della Repubblica ...

Lula oggi concederà l'asilo politico a Cesare Battisti

In dies - ‎1 ora fa‎
Il presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva si prevede che annuncerà ufficialmente oggi di accogliere come rifugiato politico il terrorista Cesare ...

In Italia rischia la vita?

Il Legno Storto (Blog) - ‎1 ora fa‎
In Italia Cesare Battisti rischierebbe la vita. Bel complimento per la nostra sicurezza e per la nostra magistratura. La prima incapace di garantire il ...

Brasile: Lula ha deciso di non estradare Cesare Battisti

Corriere Informazione - ‎2 ore fa‎
Cesare Battisti (in foto), il terrorista condannato in Italia in contumacia all'ergastolo, con sentenze passate in giudicato per l'omicidio in concorso di ...

ITALIANI ALL'ESTERO - BRASILE - BATTISTI NON SARA' ESTRADATO IN ...

ItaliaLavoroTv - ‎2 ore fa‎
In una breve nota di ieri il brasiliano "Globe News" anticipa che il presidente della Repubblica del Brasile abbia deciso che il terrorista italiano Cesare ...

EST - Battisti, dall'Italia le prime critiche alle mosse di Brasilia

Il Velino - ‎3 ore fa‎
Roma, 29 dic (Il Velino) - “Il Brasile offende le vittime, la storia e l'intera repubblica italiana, le reazioni diplomatiche devono essere proporzionali ...

Brasile: Lula ha deciso di non estradare Cesare Battisti

DirettaNews.it - ‎3 ore fa‎
BRASILE: LULA DICE NO A ESTRADIZIONE BATTISTI Nuove indiscrezioni arrivano dal Brasile riguardo al caso di Cesare Battisti. ...

Il videogiornale di oggi.it. Guarda l'edizione del 29 dicembre e ...

Oggi (Blog) - ‎3 ore fa‎
Il presidente brasiliano Lula nega l'estradizione a Cesare Battisti. Due ordigni contro la sede della Lega a Gemonio. La Fiat di Marchionne scalda gli animi ...

GR2 del 29/12/2010 12:30

Giornale Radio Rai - ‎3 ore fa‎
Fiat, trattativa alla stretta finale. In serata la firma. Fiom: sciopero di 8 ore il 28 gennaio Petardi contro la sede della Lega a Gemonio, in provincia di ...
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 29/12/2010 @ 16:23:30, in Osservatorio Famiglia, linkato 1508 volte)

"Nostra figlia è viva", appello genitori di Yara

La ragazza è scomparsa 32 giorni fa da Brembate





BREMBATE SOPRA (BERGAMO) - "Ridateci nostra figlia", lo hanno detto i genitori di Yara in un appello alla stampa, a distanza di 32 giorni dalla scomparsa della ragazza da Brembate Sopra. "Noi imploriamo la pietà di quelle persone che trattengono Yara - hanno detto Fulvio e Maura Gambirasio, tenendosi per mano - chiediamo loro di rispolverare nella loro coscienza un sentimento d'amore; e dopo averla guardata negli occhi gli aprano quella porta o quel cancello che la separa dalla sua libertà". "Noi vi preghiamo - hanno detto commossi i genitori di Yara nell'ex colonia elioterapica, fino a qualche giorno fa tempo base delle ricerche - ridateci nostra figlia, aiutateci a ricomporre il puzzle della nostra quotidianità, aiutateci a ricostruire la nostra normalita". I genitori di Yara hanno voluto anche ringraziare "tutta la gente che con molto amore, con rispetto ci sta sostenendo in questo cammino di speranza".

Parlando con i giornalisti, prima di leggere il loro appello, hanno spiegato di parlare di "cammino di speranza" perché "noi crediamo, siamo convinti, come le forze dell'ordine, che Yara sia viva". "Abbiamo già fatto avere, tramite il signor sindaco, i nostri ringraziamenti alle associazioni, ai volontari, a tutte le forze dell'ordine, a tutta la gente che sta prosciugando il proprio tempo libero per una cosa di cui siamo onorati". Fulvio Gambirasio ha spiegato che la famiglia non rilascerà interviste, "perché siamo in una fase delicata". Da qui la scelta di rivolgere solamente un appello per la liberazione della figlia tredicenne.

I GENITORI, NON MERITIAMO VITA SENZA SUO SORRISO
- "Non meritiamo di proseguire la nostra vita senza il sorriso di Yara". E' un altro dei passaggi, l'ultimo, drammatico, dell'appello lanciato dai genitori di Yara Gambirasio.

Ecco il testo integrale dell'appello :

"Noi siamo una famiglia semplice, siamo un nucleo di persone che ha basato la propria unità sull'amore, sul rispetto, sulla sincerità e sulla solarità del nostro quieto vivere. Da un mese - prosegue l'appello - ci stiamo ponendo innumerevoli domande sul chi, il che cosa, il come, il quando e il perché ci sta accadendo tutto ciò. Noi non cerchiamo risposte, noi non chiediamo di sapere, noi non ci assilliamo per capire, noi non vogliamo puntare il dito verso qualcuno, noi desideriamo solo, immensamente, che nostra figlia faccia ritorno nel suo mondo nel suo paese, nella sua casa, nelle braccia dei suoi cari.

Noi imploriamo la pietà di quelle persone che trattengono Yara - hanno detto Fulvio e Maura Gambirasio, tenendosi per mano - chiediamo loro di rispolverare nella loro coscienza un sentimento d'amore; e dopo averla guardata negli occhi gli aprano quella porta o quel cancello che la separa dalla sua libertà. Noi vi preghiamo, ridateci nostra figlia, aiutateci a ricomporre il puzzle della nostra quotidianità, aiutateci a ricostruire la nostra normalità. La gente ci conosce bene, non abbiamo mai fatto o voluto il male di nessuno, ci siamo sempre dimostrati come una famiglia aperta, trasparente e diosponibile verso gli altri e non meritiamo di proseguire la nostra vita senza il sorriso di Yara.

Grazie". Firmato: Famiglia Gambirasio.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 29/12/2010 @ 16:18:19, in Osservatorio Famiglia, linkato 1378 volte)

Save the Children: le 8 notizie più significative

700mila bimbi italiani a rischio maltrattamento. Papa: nella Chiesa violati diritti infanzia

28 dicembre, 14:33

Crisi: Unicef, bambini più poveri dell’area Ocse in Portogallo e Spagna, seguite dall’Italia - Il Portogallo e la Spagna sono i due paesi dell'area Ocse con il tasso di poverta' infantile piu' alto, secondo il Rapporto Card9 ''I bambini dimenticati'', del realizzato dal Centro di Ricerca Innocenti dell'Unicef. Il rapporto paragona i tassi prima e dopo la deduzione delle tasse e il pagamento degli aiuti sociali. In Portogallo la poverta' infantile e' del 21,2% - il dato piu' alto dei 21 paesi Ocse - e scende al 18,7% dopo l'intervento dello stato. Seguono Spagna - con il 18,7% e il 17,2% - Italia, Inghilterra, Polonia e Irlanda. All'altro estremo si situano invece Finlandia (15,2% e 5,2%), Paesi Bassi (10,7% e 5,4%) e Svezia (12% e 5,7%). Il rapporto sottolinea che tutti i paesi, senza l'intervento dello stato avrebbero un indice di poverta' infantile uguale e superiore al 10%. (ANSA, 3 dicembre 2010)
“Questo dato che vede l’Italia tra i paesi con maggiore povertà infantile è ancora più preoccupante se si considera che, secondo il rapporto per Save the Children della Fondazione Cittalia ANCI pubblicato quest’anno, sono circa 1 milione le mamme in condizione di povertà con almeno un figlio minorenne e il 7,5% sono sole ad affrontare i problemi di sussistenza. Ma anche quelle in coppia o che vivono in famiglie scontano condizioni di povertà significative.

Maltrattamento: 700 mila bambini italiani - pari al 7% della popolazione minorile - a rischio di maltrattamento e necessitano di interventi prevenzione secondo un dato del Coordinamento italiano dei servizi contro il maltrattamento e l’abuso all’infanzia. Il maltrattamento è definito nell’ambito di una relazione con gli adulti caratterizzata da responsabilità, fiducia e potere, e può concretizzarsi in una condotta attiva (percosse, lesioni, atti sessuali, ipercura) o in una condotta omissiva (incuria, trascuratezza, abbandono). (ANSA, 4 febbraio 2010)
“Ricordiamo anche che lo Studio delle Nazioni Unite sulla violenza sui minori ha stimato che in Italia tra i 385mila e 1milione di bambini assistono ad episodi di violenza in famiglia; e per un bambino assistere alla violenza è in qualche modo anche “subire” violenza.”

Il Papa ammette per la prima volta che alcuni membri della Chiesa hanno violato i diritti dell’infanzia - “la Chiesa, lungo i secoli, sull’esempio di Cristo, ha promosso la tutela della dignità e dei diritti dei minori e, in molti modi, si è presa cura di essi. Purtroppo, in diversi casi, alcuni dei suoi membri, agendo in contrasto con questo impegno, hanno violato tali diritti: un comportamento che la Chiesa non manca e non mancherà di deplorare e di condannare”. Papa Benedetto XVI, ricevendo i partecipanti all’assemblea plenaria del Pontificio Consiglio per la famiglia. (ANSA, 8 febbraio 2010).
“E’ una grande ammissione di responsabilità che si tradurrà di certo in un impegno determinante per la protezione dell’infanzia e dell’adolescenza.

Triplicati in 9 anni gli stranieri di seconda generazione – Sono 932.000, al 1 gennaio 2010, i minori stranieri residenti in Italia. Di essi 6 su 10 (572.000) sono di seconda generazione (cosiddetti G2), cioè nati in Italia: un numero più che triplicato in meno di dieci anni (nel 2001 erano 160 mila). E' Prato, con il 19,7% di minori G2 sul totale della popolazione straniera, il capoluogo di provincia con la più alta percentuale. Seguono Mantova (17,2%), Cremona (17%), Brescia e Reggio Emilia (16,9%), Trapani (14,2%) e Palermo (12,7%). (ANSA, 18 novembre 2010)
“Così tanti minori che nascono nel nostro paese da famiglie straniere rappresentano una grande ricchezza, eppure a questi bambini non viene riconosciuto il diritto di cittadinanza italiana. Riteniamo urgente che il Parlamento intervenga per dare piena integrazione a questi nostri nuovi cittadini. Bisogna poi ricordare che sono diverse migliaia i minori stranieri non accompagnati presenti in Italia ma invisibili per una condizione di semi o completa clandestinità ed esposti al rischio di sfruttamento lavorativo o sessuale, o comunque di devianza.

Studenti italiani migliorati in lettura e matematica. Rapporto PISA, ridotto il gap con altri paesi - Lontana dagli obiettivi di Lisbona, sotto la media Ocse, ma decisamente migliorata. Così la scuola italiana secondo l’ultima indagine Pisa (Programme for international student assessment). I quindicenni posti sotto esame sono migliorati nella lettura risalendo di sei posizioni la graduatoria europea rispetto al 2006 con un punteggio medio di 486 a fronte di una media Ocse di 493, e vanno meglio anche in matematica - guadagnate tre posizioni rispetto al 2006 con un punteggio di 483 (496 la media Ocse) - e in scienze - avanzamento di un posto nelle classifiche europee con un punteggio medio di 489 (media Ocse 501). (ANSA, 7 dicembre 2010)
“Questo dato dimostra non solo che è possibile invertire la tendenza, ma che si potrebbe ottenere molto di più dedicando alla scuola italiana tutta l’attenzione che merita. In questo modo si contrasterebbe efficacemente anche il fenomeno della dispersione scolastica che è preoccupante in particolare in alcune regioni come la Sicilia (8,3% su 100 iscritti per i 5 anni di scuola di II grado nell’anno 2008-2009) e la Sardegna (6,6%), ma anche in Liguria la percentuale di abbandono è di circa 5 studenti su 100.”

Immigrazione: rapporto EMN, costanti sbarchi di minori soli. Dopo gli accordi con la Libia calano gli sbarchi, ma non le presenze - Hanno nella maggioranza dei casi (76,8%) tra i sedici e i 17 anni i minori che arrivano in Italia da soli, soprattutto dal Nord Africa, dal Medio Oriente e sempre piu' dall'Afghanistan nei porti adriatici. Il rapporto European Migration Network, condotto dal centro studi Idos, per conto dell'Unione Europea e del ministero dell'Interno, registra 6.587 minori non accompagnati presenti in Italia al terzo trimestre del 2009 (di questi il 77 per cento non identificato). Nel 2008 il numero totale era 7.797 (di cui 4.828 nuove segnalazioni). Nel frattempo sono intervenuti pacchetto sicurezza e accordi con la Libia; quest'ultimo ha drasticamente ridotto gli arrivi sulle coste meridionali. Nel corso del 2009 i minori coinvolti negli sbarchi sono stati 889 (197 a Lampedusa), mentre nel 2008 gli sbarchi sono stati 7.500 (2.237 a Lampedusa). (ANSA, 21 aprile 2010)
“Sembra una buona notizia. Ma siamo sicuri che lo sia? Dove sono i ragazzi che pur partiti dai loro paesi d’origine non sono mai entrati ufficialmente in Italia? Sono presumibilmente centinaia i minori rimasti in Libia e trattenuti in condizioni disumane, sottratti a qualsiasi tutela, protezione e controllo di organismi terzi indipendenti. Inoltre per quelli che invece arrivano e sono accolti le condizioni sono spesso difficili, con l’impossibilità di capire la nostra lingua e l’assenza di mediatori culturali. Per quelli che sono vicini alla maggiore età il rischio di non vedere rinnovato il permesso di soggiorno è reale a seguito del pacchetto sicurezza (1.94/2009) e riguarda ad esempio l’89% dei minori collocati in comunità in Sicilia e il 27% di quelli ospitati nelle Marche.”

Scuola: Rapporto Fondazione Agnelli indica tra le priorità la lotta agli abbandoni - La scuola italiana è ''piagata'' da una percentuale di abbandoni scolastici - il 20% non raggiunge il diploma di scuola superiore - che pone l'Italia fuori dalla norma europea secondo il Rapporto sulla scuola in Italia 2010, curato dalla fondazione Giovanni Agnelli. Molti i divari socioculturali: l'estrazione sociale dello studente conta ancora di piu' delle sue capacita' e ne determina le scelte formative e il successo scolastico; le famiglie piu' abbienti e colte mandano i figli al liceo, mentre gli studenti con un retroterra meno favorevole, inclusi quelli di origine straniera, sono piu' soggetti alla dispersione e tendono a concentrarsi in alcuni indirizzi scolastici, come i professionali. Ancora piu' evidenti sono in Italia i divari territoriali. (ANSA, 23 febbraio 2010)
“Guardiamo l’esempio di Roma. Da una ricerca commissionata dalla Provincia e comune con il CLES sulla dispersione scolastica si registrano grandi differenze da municipio a municipio: quelli popolari presentano percentuali di dispersione scolastica quasi doppie rispetto ai Parioli. E vale la pena ricordare che una scuola moderna ed efficiente è solo quella che offre pari opportunità a tutti indipendentemente dal luogo di nascita e dalla condizione sociale.”

LA NOTIZIA CHE NON C’E’: sesto anno senza Piano Nazionale Infanzia, ancora fermo il disegno di legge per il Garante. L’Italia si avvia per la sesta volta a chiudere l’anno senza il varo definitivo di un piano che guidi le azioni e le politiche per l’infanzia nell’intero paese (l’ultimo approvato è stato quello del 2002-2004). Anche l’istituzione del Garante Nazionale per l’Infanzia e l’Adolescenza non ha visto la luce. La figura del Garante è stata già raccomandata al nostro paese dal Comitato Onu sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza nel 2003, e precedentemente dal Consiglio d’Europa e dal Parlamento Europeo.
“Già le notizie fin qui selezionate dimostrano l’urgenza del Piano Nazionale dell’Infanzia e si deve auspicare che il 2011 finalmente ce ne consegni uno, con adeguati strumenti economici. Inoltre sollecitiamo l’adozione del Garante Nazionale per l’Infanzia come figura realmente indipendente, ma dotata degli uffici e delle risorse necessarie ad espletare efficacemente il proprio compito.”
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14
Ci sono  persone collegate

< maggio 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
       
             






Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (38)
Associazioni Giustizia (52)
Economia (86)
Estero (187)
Giuristi (134)
Gruppo Cellule Staminali (1)
Indagini (210)
Lavoratori Giustizia (1)
Magistratura (2170)
Osservatorio (1)
Osservatorio Famiglia (512)
Politica (926)
Redazionale (68)
Sindacati Giustizia (326)
Sindacato (221)
Telestreet (7)
Varie (82)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017

Gli interventi più cliccati

Titolo
Bianco e nero (236)
I gatti di G.Q. (25)

Le fotografie più cliccate

Titolo
G.Q. Non ha mai pubblicato pubblicità in otto anni e se iniziasse ora?

 Si, a me non disturba
 No, non mi piace



Titolo






A.N.M.
A.N.M. new
A.D.M.I.
Argon News
A.I.M.M.F.
Argon News Redazione
Artists Against War
Articolo 3
BloggersPerLaPace
Comitato Sfruttatori ATU
Commissariato PS Online
dBlog.it Open Source
Erga Omnes
Eugius
Filo Diritto
Intesaconsumatori
Geopolitica
Giuristi Democratici
Giuristi Democratici Roma
Magistratura Democratica
M.D. Toscana
Medel
Medicina Democratica
Magistratura Indipendente
Movimento per la Giustizia
Nazionale Magistrati
Non Solo Giustizia
Osservatorio Bresciano
Osservatorio Romano
Sorgente D'Amore
Studio Cataldi
Studio Celentano
Studio Tidona
Toghe Lucane
Uguale per Tutti
Unità per la Costituzione
Unicost Milano
Unione Internazionale Magistrati
Morandi Senato
About me







http://www.wikio.it
Wikio
Iscriviti a GQ su FriendFeed
Blogstreet - dove il blog è di casa
Iscriviti a GQ su Twitter
Powered by FeedBurner


Blog Link










29/05/2017 @ 17.21.43
script eseguito in 516 ms