Immagine
 .. p.s. .. ... di Lunadicarta
 
"
I crimini sono creati dal parlamento; perché c'è bisogno di un poliziotto per fare un criminale. Non si diventa criminali infrangendo la legge, ma standoci lontano.

Margaret Eleanor Atwood
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Loredana Morandi (del 30/11/2011 @ 23:44:20, in Magistratura, linkato 1657 volte)

Domani, ma dovrei dire oggi, per le ore 10 è stata indetta una conferenza stampa per spiegare  alla stampa l'operazione anti 'ndrangheta. Parteciperà il Procuratore capo di Reggio Calabria Giuseppe Pignatone e la Procuratore Aggiunto d.ssa Ilda Boccassini con i pm Paolo Storari e Alessandra Dolci.

 

Il magistrato confessa al boss
"Nella vita dovevo fare il mafioso..."

La telefonata tra il gip di Palmi Giancarlo Giusti e il capocosca Giulio Lambada. I due parlano dell'idea di coinviolgere anche il giudice Vincenzo Giglio nei viaggetti a Milano con escort a disposizione. E Giusti si lascia andare... Altre telefonate tra Lampada e il giudice Giglio dimostrano che i rapporti tra i due erano piuttosto stretti


ROMA
- L'inchiesta che scoperchia qualche figura della "zona grigia" che protegge, favorisce, aiuta o in qualche modo amica della 'ndrangheta tra Milano e Reggio Calabria allinea numerosi episodi, e ovviamente si avvale di alcune intercettazioni telefoniche e ambientali.

Eccone una che riguarda il magistrato Giancarlo Giusti, gip a Palmi, che per nove volte viene invitato a Milano, all'hotel Brun. Ma non paga mai. Per lui il conto è saldato da un boss del calibro di Giulio Lampada, per una spesa totale di 27mila euro. In queste sue visite milanesi, il magistrato riceve in camera le visite di alcune ragazze identificate dala magistratura, come la ceca Jana, quarantenne, le russe Zhanna 36 anni, ballerina al Rayto de Oro, a La Tour, al Venus, e altri night di Milano e del nord, ed Elena, 41 anni, la kazaca Olga, 34 anni, e la slovena Denisa, 27 anni. Giusti, per telefono, si lascia andare: "... Dovevo fare il mafioso, non il giudice..."

Giusti e Lambada sono ovviamente in ottimi rapporti, il magistrato gli dice che arriva a Milano "la settimana che entra o la prossima... Dipende dal cugino del tuo caro amico medico!... di Giglio!! no?!", e Giglio sta per Vincenzo, il collega magistrato, presidente del tribunale per le misure di prevenzione del tribunale di Reggio Calabria, come conferma lo stesso Lampada. Parlando del "medico", che si chiama Vincenzo Giglio, i due intendono il magistrato che porta lo stesso nome e cognome.

Ecco uno stralcio delle intercettazioni:
LAMPADA (riferendosi al magistrato Vincenzo Giglio): "...Del nostro Presidente, dobbiamo dire!!... Il Presidente delle misure di prevenzione di tutta Reggio Calabria! Sai che dobbiamo fare?....."
GIUSTI: "... che facciamo, che facciamo??
LAMPADA: "lo convochiamo qualche giorno su a Milano e lo invitiamo... come la vedi tu?"
GIUSTI: "... minchia!! guarda!! dobbiamo parlarne col medico!!!."..(ride)...
LAMPADA: non dirgli nulla che ti ho detto che è un mese che non ci sentiamo!
GIUSTI: "... tu ancora non hai capito chi sono io... sono una tomba, peggio di.. ma io dovevo fare il mafioso, non il Giudice... però l'idea di portarci il Presidente a Milano non è male, sai?!... Lo vorrei vedere di fronte ad una stoccona!!"

********

E altre intercettazioni riguardano proprio il magistrato Vincenzo Giuseppe Giglio che, in passato se l'era presa con il "fango della stampa". E aveva difeso la sua onestà scrivendo anche una lettera a un quotidiano calabrese. Ma i suoi colleghi dell'antimafia lo smentiscono pesantamente. Esaminiamo due punti cruciali,

"E' falso - dice Giglio - che io abbia mai invitato il signor Lampada a partecipare ad occasioni conviviali a casa mia". Ma il 13 agosto 2009 Giulio Lampada (che si trova in vacanza a Tropea con la famiglia) conversa con il medico Vincenzo Giglio, il quale si trova a casa del cugino magistrato a Pellaro, con il politico Franco Morelli.

Giglio Vincenzo (il medico) parla con il presunto boss, gli dice che il magistrato ha insistito per invitare a pranzo Lampada. Poi la conversazione continua direttamente tra Giulio Lampada e il magistrato.
Giudice Giglio: Pronto!
Lampada: Eccellenza bello!
Giudice Giglio: Carissmo, che si dice, come stai?
Lampada: Me ne son venuto per starmene un pochettino tranquillo da quel casino di bambini che abbiamo a casa mia! Tu come stai?
Giudice Giglio: Benissimo, mi dispice se non si sono determinate le condizioni per vederci oggi!
Lampada: Ma pigliatelo il telefono per qualsiasi cosa...

Lampada, poco dopo, riparlando con il medico lo invitava a dare il suo numero personale al giudice:
"Enzuccio, daglielo il mio numero per quanto privato è! Voglio dire, non è che lo do a tutti, ma daglielo al Giudice! Non ti preoccupare"

Il numero in effetti arriva, perché declinando un successivo invito a cena, il giudice dice a Lampada
Giglio: No no no... ci tenevo a farlo io così tra l'altro mi sono fatto dare il tuo numero di cellulare... A te resta il mio... così possiamo sentirci anche direttamente...
Lampada: Ti ringrazio ancora della disponibilità..
Giglio: Sono io che ringrazio te..
E si metton o d'accordo per un'altra possibile occasione

Giglio: Va bene... facciamo così allora... intanto vedo come stanno le cose .. penso che sicuramente domani starà bene mia moglie, quindi ti chiamo io in mattinata domani, va bene?


Un'altra frase che viene contestata al giudice. Eccola: "Le mie funzioni professionali non lo hanno mai riguardato né direttamente né direttamente. Non sono mai stato sollecitato, né avrei accettato alcuna sollecitazione, ad occuparmi di una qualsiasi sua questione".
 
Il magistrato, dicono i suoi colleghi, pare essersi dimenticato che, qualche mese prima, aveva ricevuto, nella propria abitazione in Reggio Calabria, Giulio Lampada, visite proprio finalizzate ad occuparsi dei problemi giudiziari dei Lampada.

Lampada Giulio e il giudice Giglio si sono incontrati nelle seguenti date presso l'abitazione del magistrato:
circa 1 ora, dalle 18.52 alle 19.55, il 20.2.10;
circa 2 ore, dalle 20.30 alle 22.35, il 25.2.10;
circa 45 minuti il 3.3.10;
circa 3 ore, dalle 17.30 alle 20.30, il 9.3.10;
circa 2 ore, dalle 15.00 alle 17.10, il 16.4.10.

Anche alcuni messaggini sono chiari, come "Sono dal giud" (sms da Francesco Lampada a Maria Valle Maria in data 20.2.10), oppure "Gioia mercoledì partiamo che domani sera ci dà l'ambasciata il giud (sms Lampada Francesco Valle Maria 3.3.2010 h. 00.56).

E sull'affidabilità del magistrato i clan concordano, visto che lo stesso Francesco Lampada dic: "Io tengo fede della situazione del cugino del medico, hai capito?... Perché l'ho visto che è più... se dice una cosa è "chidda"... l? ho tastato con le mani... Perciò ... siamo andati stasera e ci ha detto di avere pazienza qualche giorno in più..tutto qua..

http://inchieste.repubblica.it/it/repubblica/rep-it/2011/11/30/news/il_magistrato_confessa_al_boss_nella_vita_dovevo_fare_il_mafioso_-25848275/?ref=HREA-1
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 

Tangenti, bufera sul Pirellone
arrestato il pdl Nicoli Cristiani

Maxi operazione fra Cremona, Milano e Bergamo. Sequestrati due cantieri della Brebemi, una cava destinata a una discarica d'amianto e un impianto per il trattamento dei rifiuti. Fra gli imprenditori e i politici in carcere c'è il vicepresidente del consiglio regionale lombardo


Il vicepresidente del consiglio della Regione Lombardia, il 68enne bresciano Franco Nicoli Cristiani (Pdl), è stato arrestato all'alba dai carabinieri di Brescia. L'ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata emessa nell'ambito di un'inchiesta per una presunta tangente da 100mila euro. L'operazione dei carabinieri di Brescia, supportati da personale del Ris e da un elicottero, ha condotto all'arresto di imprenditori, politici e funzionari pubblici.

Il 'ras di Brescia' Quando disse ai cronisti: "Vi prendo a sberle"

I reati contestati sono traffico organizzato di rifiuti illeciti e corruzione. Sequestrati la cava di Cappella Cantone (Cremona) destinata a una discarica di amianto, un impianto per il trattamento di rifiuti a Calcinate (Bergamo) e due cantieri della Brebemi a Cassano d'Adda (Milano) e Fara Olivana Con Sola (Bergamo). L'operazione ha impegnato 150 uomini dell'Arma. In carcere anche il coordinatore degli staff dell'Arpa (Agenzia regionale per la protezione dell'ambiente) della Lombardia. I militari si sono presentati in tarda mattinata al Pirellone, dove Nicoli Cristiani ha i suoi uffici istituzionali al 24esimo piano.

"Colpito dalla notizia", ma anche "fiducioso nell'operato della
magistratura": il presidente del consiglio regionale della Lombardia, il leghista Davide Boni, ha commentato in questi termini l'arresto del suo vice. Più duro l'europarlamentare leghista Matteo Salvini, secondo il quale cominciano a essere "un po' troppi" i "problemi" nel Pdl lombardo . "Tutti sono innocenti fino a prova contraria - afferma Salvini ricordando i casi di Desio, Cassano d'Adda, Buccinasco, Arese e Garbagnate - ma i problemi in casa Pdl iniziano a essere un po' troppi. La Lega fa molta attenzione a chi candida, speriamo in futuro lo facciano anche gli altri". E dall'opposizione Sel e Idv hchiedono di valutare il "dato politico" del nuovo caso giudiziario che coinvolge la Regione Lombardia.

Nicoli Cristiani è il secondo vice dell'assemblea del Pirellone a finire sotto inchiesta con accuse di corruzione in questa legislatura. L'estate scorsa fu il caso delle presunte tangenti a Sesto San Giovanni a travolgere l'altro vicepresidente Filippo Penati, che poi si dimise dal suo incarico nell'ufficio di presidenza e passò dal Pd al gruppo misto, dove tuttora siede. Attualmente i due vicepresidenti di Boni sono appunto Nicoli Cristiani (Pdl) e Sara Valmaggi (Pd), eletta a settembre al posto di Penati.

Legambiente Lombardia sostiene che "con gli arresti di oggi e i sequestri dei cantieri Brebemi viene alla luce l'ennesimo sistema di malaffare e corruzione made in Lombardia. E, tanto per cambiare, la vicenda assume tutti i connotati di una gigantesca cupola ecomafiosa". "Restiamo in attesa di conoscere i dettagli - fa sapere Damiano Di Simine, presidente di Legambiente Lombardia - ma intanto chiediamo spiegazioni dei troppi misteri che avvolgono il finanziamento autostradale Da anni sfidiamo gli avvocati di Brebemi denunciando che i cantieri lavorano senza le garanzie degli istituti di credito. Ora vogliamo vederci chiaro, perché il pericolo che avevamo paventato nei giorni scorsi diventa terribilmente concreto: che la Brebemi resti un ecomostro incompiuto e che alla fine i soldi li debba mettere lo Stato più indebitato d'Europa".(30 novembre 2011)

http://milano.repubblica.it/cronaca/2011/11/30/news/traffico_illegale_di_rifiuti_coivolti_politici_e_imprenditori-25825370/

La Rassegna

Choc al Pirellone, arrestato Nicoli Cristiani vicepresidente della ...

il Giornale - ‎40 minuti fa‎
Franco Nicoli Cristiani, sessantottenne vice-presidente del Consiglio della Regione Lombardia, è stato arrestato questa mattina, insieme ad altre nove persone. Su di lui gravano le accuse di corruzione e traffico illecito di rifiuti, emerse nell'ambito ...

Tangenti, bufera sul Pirellone

La Repubblica - ‎33 minuti fa‎
Maxi operazione fra Cremona, Milano e Bergamo. Sequestrati due cantieri della Brebemi, una cava destinata a una discarica d'amianto e un impianto per il trattamento dei rifiuti. Fra gli imprenditori ei politici in carcere c'è il vicepresidente del ...

Tangenti, arrestato vice di Formigoni

La Stampa - ‎10 minuti fa‎
Franco Nicoli Cristiani, vicepresidente del consiglio regionale della Lombardia, è stato arrestato all'alba di mercoledì 30 novembre nella sua villetta di Mompiano, nel Bresciano. Nicoli Cristiani, imprenditore e politico tra le fila del Pdl, ...

Cristiani ai giornalisti, vi do due sberle

La Stampa - ‎44 minuti fa‎
Aveva perso letteralmente le staffe nel foyer del Pirellone, sede della Regione Lombardia a Milano, Franco Nicoli Cristiani, vicepresidente Pdl del Consiglio regionale che ha inveito contro i giornalisti che presidiavano il corridoio in attesa della ...

Lombardia, arresto di Nicoli Cristiani dopo caso Penati

ANSA.it - ‎1 ora fa‎
MILANO - Franco Nicoli Cristiani, uno dei due vicepresidenti del Consiglio regionale della Lombardia che é in custodia cautelare per una presunta tangente, è il secondo vice dell'assemblea del Pirellone a finire sotto inchiesta con accuse di corruzione ...

arrestato per corruzione e traffico di rifiuti

Corriere della Sera - ‎2 ore fa‎
Arrestato mercoledì mattina alle 6.40 nella sua casa di Mompiano (Brescia) il numero due del PdL Lombardo nonchè vicepresidente del consiglio regionale Franco Nicoli Cristiani. Pesanti le accuse: corruzione e traffico illecito di rifiuti. ...

tangenti: terremoto in lombardia

TGCOM - ‎2 ore fa‎
In manette anche il coordinatore degli staff della direzione generale di Arpa Lombardia, Giuseppe Rotondaro, e altre otto persone. Sequestrati due cantieri dell'autostrada Bre.Be.Mi 09:51 - Il vicepresidente del Consiglio della Regione Lombardia, ...

Tangenti al Pirellone, arrestato numero due del consiglio lombardo

TM News - ‎1 ora fa‎
Milano, 30 nov. (TMNews) - Il vicepresidente del Consiglio della Regione Lombardia, Franco Nicoli Cristiani (Pdl), il coordinatore degli staff della direzione generale di Arpa lombardia Giuseppe Rotondaro, e altre otto persone sono state arrestate ...

Brebemi, sequestrati cantieri Coinvolta la Locatelli di Grumello

L'Eco di Bergamo - ‎7 minuti fa‎
Sotto il cantiere della Brebemi sarebbero stati messi rifiuti illeciti che venivano usati per fare il sottofondo della strada. Grosse novità nell'ambito dell'inchiesta sui cantieri della Brebemi. Il vicepresidente del Consiglio della Regione Lombardia, ...

RIFIUTI: PD LOMBARDIA, FORMIGONI RIFERISCA IN AULA SU ARRESTO NICOLI

Agenzia di Stampa Asca - ‎1 ora fa‎
(ASCA) - Milano, 30 nov - Roberto Formigoni riferisca all'aula del consiglio regionale della Lombardia sui fatti che hanno portato all'arresto di Franco Nicoli Cristiani, assessore per tre legislature consecutive e ora vicepresidente del parlamentino ...

TANGENTI: VALENTINI(PDL),SGOMENTI MA LASCIAMO LAVORARE MAGISTRATI

AGI - Agenzia Giornalistica Italia - ‎1 ora fa‎
(AGI) - Milano, 30 nov. - E' cauta la posizione del PdL in Consiglio regionale sull'arresto del vice presidente dell'aula, Franco Nicoli Cristiani, con l'accusa di corruzione e traffico di rifiuti. Il capogruppo Paolo Valentini riferisce di consiglieri ...

TANGENTI: NICOLI CRISTIANI, IMPRENDITORE IN REGIONE DAL 1995

AGI - Agenzia Giornalistica Italia - ‎1 ora fa‎
(AGI) - Milano, 30 nov. - Imprenditore da un lato, politico dall'altro. Franco Nicoli Cristiani ha sempre affinacato le due attivita', la prima come amministratore unico della 'Spas' - societa' che opera nella commercializzazione di prodotti per la ...

Tangenti, perquisizioni nell'ufficio di Nicoli Cristiani

Radio Lombardia - ‎25 minuti fa‎
Perquisizioni da parte dei carabinieri sono in corso, a quanto si è appreso, anche nell'ufficio del vicepresidente del Consiglio regionale della Lombardia, Franco Nicoli Cristiani, arrestato stamani a Brescia per una presunta tangente. ...

Tangenti in Lombardia, arrestato il vicepresidente

TG3web - ‎38 minuti fa‎
Il vicepresidente del Consiglio della Regione Lombardia, Franco Nicoli Cristiani (Pdl), 68enne bresciano e numero due del Pdl in Lombardia, è stato arrestato all'alba dai carabinieri di Brescia. L'ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata ...

RIFIUTI: VALENTINI (PDL LOMBARDIA), SGOMENTI PER ARRESTO NICOLI

Agenzia di Stampa Asca - ‎1 ora fa‎
(ASCA) - Milano, 30 nov - ''La notizia dell'arresto di Franco Nicoli Cristiani ci lascia profondamente sgomenti''. Cosi' il capogruppo del Pdl in Consiglio regionale del Pirellone, Paolo Valentini, commenta il caso del vicepresidente del Consiglio ...

Chi è Franco Nicoli Cristiani

il Journal - ‎59 minuti fa‎
Questa mattina il vicepresidente del consiglio della Regione Lombardia e numero due del Pdl lombardo, Franco Nicoli Cristiani, è stato arrestato dai carabinieri di Brescia. L'accusa è di corruzione e traffico illecito di rifiuti. ...

Tangenti, arrestato vice-presidente Consiglio Regione Lombardia

Reuters Italia - ‎4 ore fa‎
MILANO (Reuters) - I carabinieri di Brescia hanno arrestato oggi Franco Nicoli Cristiani, vice-presidente del Consiglio della Regione Lombardia nell'ambito di un'indagine per presunte tangenti, in cui sono finite in manette altre nove persone. ...

Traffico illecito di rifiuti Arrestato il pdl Cristiani

Corriere della Sera - ‎3 ore fa‎
Fra gli imprenditori ei politici in carcere c'è il vicepresidente del consiglio regionale lombardo Franco Nicoli Cristiani. Fra gli imprenditori ei politici in carcere c'è il vicepresidente del consiglio regionale lombardo Franco Nicoli Cristiani. ...

La biografia di Nicoli, dall'estrema destra a braccio destro di ...

Corriere della Sera - ‎4 ore fa‎
Franco Nicoli Cristiani, attuale vicepresidente del Pdl del Consiglio Regionale della Lombardia, già assessore all'Ambiente e al Commercio al Pirellone, ha 68 anni. E' nato a Breno in provincia di Brescia l'11 settembre del 1943. ...

RIFIUTI: BONI, CONFIDO CHE NICOLI DIMOSTRI SUA ESTRANEITA' AD ACCUSE

Agenzia di Stampa Asca - ‎1 ora fa‎
(ASCA) - Milano, 30 nov - ''Ho piena fiducia nell'operato della magistratura e confido nel fatto che il vicepresidente Franco Nicoli possa dimostrare l'estraneita' ai fatti contestatigli''. Questo il commento di Davide Boni, presidente del consiglio ...

Arrestato vicepresidente regione Lombardia

Corriere2000 - ‎1 ora fa‎
Franco Nicoli Cristiani (Pdl) è stato arrestato all'alba dai carabinieri di Brescia. L'ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata emessa nell'ambito di un'inchiesta per una presunta tangente da 100mila euro. L'operazione dei carabinieri ...

Arrestato Franco Nicoli Cristiani, vicepresidente Pdl di Regione ...

Rovato.org - ‎2 ore fa‎
Se non è un terremoto politico, davvero poco ci manca: all'alba di oggi arrestato a Mompiano (Brescia) il numero due del PdL Lombardia nonchè vicepresidente del consiglio regionale di Lombardia, Franco Nicoli Cristiani. ...

Arrestato il vice presidente del Consiglio della Regione Lombardia

Il Sole 24 Ore - ‎4 ore fa‎
Il vicepresidente del Consiglio della Regione Lombardia, il 68enne bresciano Franco Nicoli Cristiani (Pdl), è stato arrestato all'alba dai carabinieri di Brescia. L'ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata emessa dal gip Bonamartini ...

Tangenti, arrestato vicepresidente Consiglio lombardo Nicoli

ANSA.it - ‎3 ore fa‎
(ANSA) - MILANO, 30 NOV - Il vicepresidente del Consiglio della Regione Lombardia, il 68enne bresciano Franco Nicoli Cristiani (Pdl), e' stato arrestato all'alba. Il provvedimento e' stato emesso dal gip Bonamartini nell'ambito di un'inchiesta per una ...

Tangenti: arrestato Nicoli Cristiani vicepresidente del Consiglio ...

AgoraVox Italia - ‎1 ora fa‎
Stamani all'alba sono state inoltrate dieci ordinanze di custodia cautelare, emesse dalla Procura di Brescia, nella persona del gip Bonamartini. Tra gli indagati spicca il nome di Franco Nicola Cristiani, vice presidente del consiglio regionale ...

TANGENTI: ARRESTATO VICEPRESIDENTE CONSIGLIO LOMBARDIA

AGI - Agenzia Giornalistica Italia - ‎2 ore fa‎
(AGI) Roma - Arrestato Nicoli Cristiani, vice presidente del Consiglio regionale della Lombardia. L'ordinanza di custodia e' stata emessa nell'ambito di una una vasta operazione che vede impegnati gli uomini dell'Arma del Comando Provinciale di Brescia ...

Tangenti, vicepresidente Lombardia in manette

Excite Italia - ‎3 ore fa‎
Franco Nicoli Cristiani, vicepresidente della Regione Lombardia, è stato arrestato questa mattina, all'alba, dai Carabinieri per traffico di rifiuti illeciti e corruzione. Pesantissime le accuse per l'esponente del Pdl in manette grazie all'ordinanza ...
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 30/11/2011 @ 13:00:39, in Magistratura, linkato 2455 volte)

«Un giudice aiutava la 'ndrangheta»

Inchiesta sul tribunale di Reggio Calabria

In manette il presidente della sezione "Misure di prevenzione". Arrestati anche un consigliere regionale del pdl e un legale


MILANO - Se hanno ragione gli investigatori milanesi, a tenere le chiavi dei tesori dei clan in Calabria c’era una sorta di "dottor Jekyll e mister Hyde" in toga: da magistrato ha sequestrato quasi un miliardo di euro alle cosche, ma stamattina è stato arrestato in una inchiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Milano con l’accusa di aver agevolato proprio la ’ndrangheta nella sua veste di presidente della sezione «Misure di prevenzione» del Tribunale di Reggio Calabria. Al giudice Vincenzo Giglio, 51 anni, presidente anche di Corte d’Assise, esponente di spicco della corrente di sinistra di «Magistratura democratica», docente di diritto penale alla Scuola di specializzazione per le professioni legali dell’Università statale Mediterranea di Reggio Calabria, il procuratore aggiunto milanese Ilda Boccassini e i sostituti procuratori Paolo Storari e Alessandra Dolci contestano non il reato di concorso esterno nell’associazione a delinquere di stampo mafioso, ma le ipotesi di reato di «corruzione» e di «favoreggiamento personale» di un esponente del clan Lampada, con l’aggravante (articolo 7 del decreto legge 152/1991) di aver commesso questi reati «al fine di agevolare le attività» della ’ndrangheta.

IL POLITICO E L'AVVOCATO - Nella stessa inchiesta, di cui in queste ore è in corso l’esecuzione di alcuni provvedimenti cautelari, stamattina sono stati arrestati per concorso esterno in associazione mafiosa anche un politico calabrese e un avvocato penalista milanese. Il politico è Giuseppe Morelli, componente del Consiglio Regionale della Calabria, eletto nella lista «Pdl-Berlusconi per Scopelliti», vicino al sindaco di Roma Gianni Alemanno che l’aveva appoggiato in campagna elettorale. L’avvocato è Vincenzo Minasi, difensore fra gli altri di Maria Valle, la giovane figlia del patriarca (Francesco) della famiglia, della quale tempo fa aveva ottenuto l’annullamento dell’arresto in Cassazione. A Minasi sono contestati anche i reati di rivelazione di segreto d'ufficio e intestazione fittizia di beni.
Il consigliere regionale Morelli (eletto con 14 mila voti nel 2010, il secondo più votato) e il giudice Giglio, sarebbero stati legati, secondo l'imputazione, da uno scambio: a Morelli controlli sull'esistenza di possibili inchieste a suo carico, a Giglio l'interessamento per la nomina della moglie Alessandra Sarlo a commissario straordinario dell'Asl di Vibo Valentia.

ALTRI ARRESTI - Anche un altro giudice, in servizio presso il tribunale di Palmi, è stato perquisito: si tratta di Giancarlo Giusti, indagato per corruzione in atti giudiziari: secondo l'accusa avrebbe usufruito di nove soggiorni gratuiti presso l'hotel Brun di Milano nel 2008 e nel 2009, per un controvalore di circa 27 mila euro, e anche di prestazioni sessuali con prostitute. Tra i dieci arrestati anche un maresciallo capo della Guardia di Finanza, Luigi Mongelli, per l'ipotesi di corruzione e il medico reggino Vincenzo Giglio (omonimo del magistrato arrestato), al quale è contestato il concorso esterno in associazione mafiosa. In carcere anche Francesco e Giulio Lampada, Leonardo Valle e Raffaele Ferminio. Arresti domiciliari invece per Maria Valle, moglie di Francesco Lampada, indagata per corruzione.

RUOLO DELICATO - In ogni Tribunale, la Sezione Misure di Prevenzione è una delle più delicate perché da lì passano le richieste della Procura di sequestrare beni allo scopo di evitare la commissione di reati da parte di soggetti considerati socialmente pericolosi: l’applicazione di queste misure patrimoniali prescinde dal fatto che sia stato commesso un reato, ma può giustificarsi già solo con la semplice esistenza di un indizio a carico del soggetto. E solo per stare alle cronache più recenti, c’era la firma di Giglio in calce ai provvedimenti con la quale la sezione di Tribunale da lui presieduta a Reggio Calabria accoglieva le richieste dei pm di sequestro di 330 milioni di euro al re dei videopoker Giaocchino Campolo, di 190 milioni di euro (comprese due squadre di calcio) alla cosca Pesce, di 150 milioni di euro alla ’ndrina dei Rumbo-Galea-Figliomeni legata ai Commisso. Giglio era molto attivo pure nel dibattito pubblico sulla criminalità organizzata calabrese. Protagonista di convegni e iniziative antimafia, di recente in una lettera aveva avuto una puntuta polemica pubblica con il pm reggino Nicola Gratteri («lo preferisco come inquirente piuttosto che come opinionista e sociologo»), del quale aveva contestato «la tesi per cui sulle nostre teste penderebbe la condanna di dovere essere perennemente circondati e ammorbati dalla 'ndrangheta». Giglio scriveva invece che «non è questa (finalmente) l'aria che si respira nella nostra città», dove «noto gente stufa, che non vuole morire sotto il tacco del capobastone di turno, che ha compreso senza possibilità di equivoco che la 'ndrangheta è la moneta cattiva che scaccia quella buona. Posso dirlo? Mi pare che tante persone si siano rotte le palle di vivere una vita a metà e comincino a scorgere la bellezza di una vita per intero». Un arresto-choc, dunque, che per la seconda volta in 15 anni vede il pm Boccassini chiedere e ottenere da Milano l’arresto di un alto magistrato in un’altra città.

IL PRECEDENTE Era già successo nel 1996 nell’indagine Sme/Ariosto e nell’inchiesta Imi-Sir con il capo dei gip di Roma, Renato Squillante, le cui iniziali condanne per i soldi dall’avvocato Fininvest Cesare Previti vennero però poi annullate nel 2006: nel caso Imi-Sir da una assoluzione in Cassazione che gli attribuì non una «corruzione» ma un «traffico di influenza» reato in altri Paesi ma non in Italia, e nel caso Sme dall’«incompetenza territoriale» milanese dichiarata sempre dalla Suprema Corte che trasferì il fascicolo alla Procura di Perugia, che nel 2007 prese atto della sopraggiunta prescrizione. In quegli stessi processi erano stati imputati l’ex giudice di Corte d’Appello di Vittorio Metta (condannato in via definitiva per corruzione in atti giudiziari nel caso Imi-Sir/lodo Mondadori), l’ex giudice e capo di gabinetto ministeriale Filippo Verde (poi assolto dalla corruzione sia in Sme sia in Imi-Sir) e il pm romano Francesco Misiani (assolto dal favoreggiamento di Squillante nel processo Sme).

Luigi Ferrarella  30 novembre 2011
http://milano.corriere.it/milano/notizie/cronaca/11_novembre_30/arresti-dda-ndrangheta-1902361056198.shtml

La Rassegna

«Un giudice aiutava la 'ndrangheta» Inchiesta sul tribunale di ...

Corriere della Sera - ‎33 minuti fa‎
In manette il presidente della sezione "Misure di prevenzione". Arrestati anche un consigliere regionale del pdl e un legale In manette il presidente della sezione "Misure di prevenzione". Arrestati anche un consigliere regionale del pdl e un legale ...

'Ndrangheta, in carcere giudice calabrese blitz da Milano a Reggio ...

La Repubblica - ‎3 minuti fa‎
Il magistrato Vincenzo Giglio è accusato di corruzione e favoreggiamento personale di un esponente del clan Lampada, con l'aggravante di aver commesso i reati "al fine di agevolare le attività" dell'associazione mafiosa. In manette anche il consigliere ...

Dritti al cuore della zona grigia della 'ndrangheta

Il Sole 24 Ore - ‎9 minuti fa‎
La Procura di Milano e quella reggina vanno dritte al cuore della classe dirigente reggina e calabrese. Un uno-due che rischia di far barcollare la già traballante società calabrese. Il primo colpo sono gli arresti e le perquisizioni ancora in corso ...

ARRESTATO GIUDICE IN CALABRIA

AGI - Agenzia Giornalistica Italia - ‎41 minuti fa‎
(AGI) - Milano, 30 nov. - Un giudice del tribunale di Reggio Calabria e altre 10 persone sono state arrestate nell'ambito di un nuovo capitolo dell'inchiesta 'infinito', condotta dalla Dda di Milano e da quella di Reggio Calabria. ...

Maxiblitz contro la zona grigia della 'ndrangheta, coinvolto un ...

Il Sole 24 Ore - ‎38 minuti fa‎
Da Milano a Reggio Calabria, una maxi operazione è scattata questa mattina contro affiliati alla famiglia Valle-Lampada, ma anche contro una serie di professionisti che li aiutavano con i propri servigi. L'inchiesta è coordinata dal procuratore ...

'ndrangheta e magistrati

TGCOM - ‎36 minuti fa‎
In carcere anche un consigliere regionale e un avvocato milanese. Dieci gli arresti della Dda 11:30 - Una decina di provvedimenti cautelari, tra cui spicca l'arresto del giudice del Tribunale di Reggio Calabria, Giuseppe Vincenzo Giglio, ...

Aiutavano la 'ndrangheta, 10 arresti tra cui un giudice

TM News - ‎5 minuti fa‎
Milano, 30 nov. (TMNews) - A Reggio Calabria alcuni giudici aiutavano l'ndrangheta e sono stati corrotti con viaggi, soggiorni, escort e favoritismi. Sono i primi particolari che emergono dall'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Milano ...

Ndrangheta, maxiblitz da Milano a Reggio Calabria

La Repubblica - ‎57 minuti fa‎
"Un giudice aiutava le 'ndrine calabresi" secondo il pm Ilda Boccassini, che ha disposto l'inchiesta. La Dda milanese fa arrestare Vincenzo Giglio, presidente della sezione 'Misure di prevenzione' del tribunale di Reggio Calabria, un consigliere ...

'NDRANGHETA: ARRESTATI GIUDICE E CONSIGLIERE REGIONALE CALABRESI

Agenzia di Stampa Asca - ‎28 minuti fa‎
La Direzione Distrettuale Antimafia di Milano ha arrestato un giudice del Tribunale di Reggio Calabria. In manette e' finito Vincenzo Giglio, 51 anni, presidente anche di Corte d'Assise ed esponente della corrente di sinistra di 'Magistratura ...

'NDRANGHETA: I NOMI DEI 10 ARRESTATI, C'E' ANCHE MARESCIALLO GDF

AGI - Agenzia Giornalistica Italia - ‎50 minuti fa‎
(AGI) - Milano, 30 nov. - Sono dieci le persone arrestate nell'ambito dell'indagine coordinata dalle Dda di Milano e di Reggio Calabria, prosecuzione di quella sul clan dei Valle e non di 'Infinito'. In carcere sono finiti Raffaele Ferminio ...

'Ndrangheta, blitz tra Calabria e Lombardia, arrestato giudice

Reuters Italia - ‎2 ore fa‎
MILANO (Reuters) - Un giudice del tribunale di Reggio Calabria e un'altra decina di persone sono state arrestate oggi nell'ambito di un'inchiesta della Direzione distrettuale antimafia di Milano con l'accusa di aver favorito la 'ndrangheta. ...

'NDRANGHETA: PER ACCUSA GIP PALMI CORROTTO CON ESCORT

AGI - Agenzia Giornalistica Italia - ‎56 minuti fa‎
(AGI) - Milano, 30 nov. - Il gip di Palmi Giancarlo Giusti, perquisito e indagato per corruzione in atti giudiziari nell'ambito dell'operazione condotta dalle Dda di Reggio Calabria e Milano, sarebbe stato corrotto con viaggi e soggiorni nel capoluogo ...

'NDRANGHETA: ARRESTATI UN GIUDICE E UN CONSIGLIERE REGIONALE IN ...

Agenzia di Stampa Asca - ‎1 ora fa‎
(ASCA) - Reggio Calabria, 30 nov - Nel corso di un' operazione antindrangheta, condotta dalle Procure di Milano, coordinata dal pm Ilda Boccassini, e Reggio Calabria, sono stati arrestati, stamane, tra gli altri, il Presidente della sezione ''Misure di ...

Arrestati giudice e politico: "Favorirono i clan di 'ndrangheta"

Reggionline - ‎22 minuti fa‎
Vincenzo Giuseppe Baglio presiede una sezione del tribunale di Reggio Calabria. In manette anche il consigliere regionale Francesco Morelli REGGIO CALABRIA - Un'inchiesta su un clan di 'ndrangheta travolge anche un giudice e un consigliere di area Pdl ...

Blitz contro la 'ndrangheta: dieci in manette

RSnews - ‎45 minuti fa‎
Un maxiblitz da Milano a Reggio Calabria ha portato all'arresto di un politico, un magistrato, un avvocato, un medico e un maresciallo della Guardia di Finanza, nell'ambito dell'operazione "infinito", scattata in mattinata contro gli affiliati della ...

'NGRANGHETA: BRUTI, 10 PROVVEDIMENTI DI ARRESTO DA DDA MILANO

Agenzia di Stampa Asca - ‎1 ora fa‎
(ASCA) - Milano, 30 nov - Sono 10 le persone arrestate nel blitz di questa mattina che ha coinvolto, tra gli altri, il giudice Vincenzo Giglio, presidente della Corte d'Assise di Reggio Calabria. E' quanto precisa il procuratore capo di Milano, ...

NDRANGHETA, ARRESTI CHOC: IN MANETTE MORELLI DEL PDL E UN GIUDICE ...

Leggo Online - ‎1 ora fa‎
MILANO - Una vasta operazione della Dda di Milano ha portato a decine di custodie cuatelari, tra cui quelle illustri del giudice del Tribunale di Reggio Calabria, Vincenzo Giglio e del consigliere regionale della Calabria Francesco Morelli. ...

'Ndrangheta, arrestato un magistrato

Fastweb.it - ‎1 ora fa‎
Il giudice Vincenzo Giglio accusato di corruzione, favoreggiamento, rivelazione del segreto d'ufficio con l'aggravante di aver agevolato le attività mafiose. In manette anche un politico, un avvocato, un medico ed un maresciallo della Guardia di ...

'Ndrangheta. Operazione tra Milano e Reggio Calabria: i nomi degli ...

Newz.it - ‎1 ora fa‎
Milano. E' stata portata a compimento stamattina una operazione tra Milano e Reggio Calabria contro dieci soggetti sospettati di essere organici alla 'ndrangheta o membri della cosca Valle-Lampada. Le persone arrestate: il consigliere regionale ...

Favori a 'ndrangheta: arrestati eccellenti a Reggio Calabria

Italia News - ‎20 minuti fa‎
Nell'ambito di una vasta operazione contro la 'ndrangheta condotta dalla Direzione distrettuale antimafia di Milano, sono stati emessi decine di provvedimenti cautelari contro presunti affiliati alla famiglia Valle-Lampada che vede coinvolti una serie ...

'Ndrangheta:10 arresti,anche un giudice

Corriere della Sera - ‎1 ora fa‎
(ANSA) - ROMA - E' in corso l'esecuzione di una decina di provvedimenti cautelari tra i quali l'arresto di un giudice del Tribunale di Reggio Calabria, Vincenzo Giglio, nell'ambito di un filone di una inchiesta della Dda milanese. ...

"Aiutava la 'Ndrangheta", blitz Dda Milano: in manette un giudice ...

Adnkronos/IGN - ‎2 ore fa‎
Milano - (Adnkronos/Ign) - Il presidente della Corte d'Assise ed esponente della corrente di sinistra di 'Magistratura democratica' è accusato di corruzione e favoreggiamento personale di un esponente del clan Lampada, con l'aggravante di voler ...

Maxi operazione anti 'ndrangheta: scattano le manette anche per un ...

Newnotizie - ‎4 minuti fa‎
Da Milano a Reggio per sconfiggere la 'ndrangheta - Questa mattina, la Direzione distrettuale antimafia di Milano ha fatto scattare le manette per una decina di persone accusate di favoreggiamento nei confronti della 'ndrangheta: a coordinare le ...

'Ndrangheta/ Gip di Palmi "corrotto" con viaggi e escort

TM News - ‎1 ora fa‎
Milano, 30 nov. (TMNews) - Il gip di Palmi Giancarlo Giusti, perquisito e indagato nell'ambito dell'inchiesta milanese sulla 'ndrangheta, sarebbe stato corrotto con uuna serie di viaggi e soggiorni a Milano pagati dall'associazione con l'utilizzo di ...

Intrecci tra politica, magistratura, forze dell'ordine e ...

Strill.it - ‎25 minuti fa‎
di Claudio Cordova - Frasi come: “Hai saputo? Hanno arrestato Enzo Giglio!”. Oppure: “Chi l'avrebbe mai detto?”. Al Palazzo di Giustizia del Cedir ne parlano tutti: la notizia dell'operazione congiunta tra Dda di Milano e Reggio Calabria ha fatto, ...

Soldi dalla 'ndrangheta, la Boccassini arresta la toga rossa di Reggio

il Giornale - ‎3 ore fa‎
Soldi dal clan Lampada per asservire alle cosche della 'ndrangheta il suo ruolo di magistrato: per l'esattezza, di presidente della sezione Misure di prevenzione del tribunale di Reggio Calabria. Con questa accusa è finito in carcere stamattina ...

'Ndrangheta: arrestati giudice Giglio e consigliere Morelli

ANSA.it - ‎2 ore fa‎
(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 30 NOV - Il presidente della sezione misure di prevenzione del tribunale di Reggio, Vincenzo Giglio, ed il consigliere regionale Franco Morelli, del Pdl, sono stati arrestati in un'operazione contro la 'ndrangheta coordinata ...

'Ndragheta/ Perquisizioni in uffici giudiziari Reggio Calabria

TM News - ‎2 ore fa‎
Reggio Calabria, 30 nov. (TMNews) - E' in corso la perquisizione al Cedir di Reggio Calabria, dove hanno sede gli uffici del Tribunale reggino, nella stanza del presidente della sezione misure di prevenzione Vincenzo Giglio, arrestato questa mattina ...

'Ndrangheta, una decina di arresti, anche giudice calabrese

ANSA.it - ‎2 ore fa‎
(ANSA) - MILANO, 30 NOV - E' in corso da questa mattina l'esecuzione di una decina di provvedimenti cautelari tra i quali l'arresto di un giudice del Tribunale di Reggio Calabria, Vincenzo Giglio, nell'ambito di un filone dell'inchiesta della Dda ...

'Ndrangheta, arresti tra Milano e Reggio Calabria: coinvolto anche ...

PUPIA - ‎2 ore fa‎
MILANO. Dieci ordinanze di custodia cautelare, tra i cui destinatari vi è anche un giudice del tribunale di Reggio Calabria, Vincenzo Giglio, quelle eseguite mercoledì mattina nell'ambito di un filone dell'inchiesta della Dda di Milano contro la ...

'Ndrangheta, giudice in manette La Dda di Milano: «Favorì i clan»

L'Unità - ‎3 ore fa‎
«Agevolò le attività della 'ndrina calabrese»: arrestato il giudice Vincenzo Giglio del tribunale di Reggio Calabria. I reati: corruzione e favoreggiamento. Il giudice Vincenzo Giuseppe Giglio, arrestato nell'ambito dell'inchiesta coordinata dalla Dda ...

'Ndrangheta: per 62,3% meridionali la moglie alter ego boss

ANSA.it - ‎20 ore fa‎
(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 29 NOV - Il 62,3% dei cittadini meridionali e' convinto che ''la moglie del boss latitante e' l'alter ego del capo''. Lo rivela una ricerca Euromedia Research presentata a Reggio Calabria al convegno su ''L'altra meta' della ...

'NDRANGHETA: I REATI CONTESTATI AL GIUDICE GIGLIO

AgenParl - Agenzia Parlamentare - ‎31 minuti fa‎
(AGENPARL) - Roma, 30 nov - Corruzione" e "favoreggiamento personale" di un esponente del clan Lampada, con l'aggravante di aver commesso questi reati "al fine di agevolare le attivita'" dell'organizzazione mafiosa. Sono questi i capi d'imputazione che ...

'Ndrangheta: processo Meta; 17 condanne e una assoluzione

ANSA.it - ‎15 ore fa‎
(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 29 NOV - Si e' concluso con 17 condanne a pene variabili dai 15 a due anni ed un'assoluzione, il processo con rito abbreviato nei confronti di presunti affiliati alle cosche reggine coinvolti nell'inchiesta Meta. ...

MAXI BLITZ DELLA PROCURA DI MILANO. IN MANETTE ANCHE UN GIUDICE DI ...

Clandestinoweb - ‎1 ora fa‎
La procura di Milano ha ordinato l'arresto di un magistrato, un politico e un maresciallo della Guardia di Finanza, oltre a un medico, in Calabria. Il maxi blitz legato ad alcuni ambienti della malavita organizzata, fa parte dell'operazione "Infinito" ...

'Ndrangheta, 10 arresti tra cui un giudice

Il Quotidiano Italiano - ‎41 minuti fa‎
(30 novembre 2011) MILANO – L'operazione è stata chiamata “Infinito”, ma tutto è iniziato a Milano per “finire” a Reggio Calabria: un gruppo di professionisti, un magistrato, un politico, un avvocato, un medico e un maresciallo della Guardia di finanza ...

Maxioperanzi anti 'ndrangheta a Reggio: la Dda arresta un giudice ...

Panorama - ‎56 minuti fa‎
“Fateci leggere le carte. Dateci la possibilità di leggere qualcosa. Ancora non abbiamo nessuna notizia». E' la richiesta più che legittima del presidente della Regione Calabria, Giuseppe Scopelliti che nell'ambito dell'inchiesta della Dda di Milano si ...

L'inchiesta, coordinata dal procuratore aggiunto di Milano, Ilda ...

RaiNews24 - ‎2 ore fa‎
Con l'accusa di aver agevolato la 'ndrangheta e' finito in manette questa mattina, il giudice Vincenzo Giglio, 51 anni,presidente della sezione 'Misure di prevenzione' del tribunale di Reggio Calabria. Con lui sono finiti in carcere anche Francesco ...

'NDRANGHETA: LI GOTTI (IDV), PLAUSO ALLA MAGISTRATURA

Agenzia di Stampa Asca - ‎2 ore fa‎
(ASCA) - Roma, 30 nov - ''L'operazione della magistratura contro la 'ndrangheta sull'asse Calabria-Lombardia, con il coinvolgimento del presidente delle misure di prevenzione di Reggio Calabria, dimostra il pesante inquinamento proprio nel settore di ...

'Ndrangheta, da Milano 10 nuovi arresti tra cui un giudice calabrese

fanpage - ‎1 ora fa‎
L'inchiesta del procuratore aggiunto milanese Ilda Boccassini ha portato all'arresto, in Calabria, di diversi professionisti, tra politici e uomini di legge, che risultano coinvolti con il clan della 'ndrangheta Valle-Lampada. ...

'Ndrangheta, arrestato giudice di Reggio

Momento-sera - ‎1 ora fa‎
Indagine del pm Boccassini. In manette il presidente della sezione «Misure di prevenzione» del Tribunale Giglio e un consigliere regionale Pdl aiutavano con i propri servigi. E gli arresti Stando a fonti di stampa, nella maxi operazione - coordinata ...

“Terremoto” in Calabria e Lombardia. Arresti, perquisizioni e ...

TirrenoNews.it - ‎2 ore fa‎
Da Milano a Reggio Calabria, è scattata contro affiliati alla famiglia Valle-Lampada, ma anche contro una serie di professionisti che li aiutavano con i propri servigi. L'inchiesta è coordinata dal procuratore aggiunto Ilda Boccassini e dai Pm Paolo ...

Dieci i provvedimenti di arresto della Dda

Tele Reggio Calabria - ‎2 ore fa‎
In una nota firmata dal procuratore della Repubblica di Milano, Edmondo Bruti Liberati, si legge che sono dieci le persone arrestate nell'inchiesta coordinata dal procuratore aggiunto Ilda Boccassini e dai pm Paolo Storari e Alessandra Dolci. ...

Maxiblitz contro la 'Ndrangheta: arrestato anche un giudice

Vanity Fair.it - ‎2 ore fa‎
Nell'operazione, coordinata dal pm Ilda Boccassini, è finito in manette il presidente della sezione «Misure di prevenzione» del Tribunale calabrese. Arrestati anche un consigliere regionale del Pdl e un avvocato milanese Un giudice, un politico e un ...

'Ndrangheta, blitz Dda di Milano: in manette un giudice di Reggio

ParmaOggi - ‎2 ore fa‎
Milano, 30 nov. (Adnkronos/Ign) – La Dda di Milano ha fatto scattare le manette per il giudice del Tribunale di Reggio Calabria Vincenzo Giglio, presidente anche di Corte d'Assise ed esponente della corrente di sinistra di 'Magistratura democratica' ...

Uccise titolare bar per 20 euro,pm chiede 16 anni per minore

ANSA.it - ‎17 ore fa‎
(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 29 NOV - Una condanna a 16 anni di reclusione e' stata chiesta dal pm della Procura per i minorenni di Reggio Calabria nel processo con rito abbreviato a Giacomo S., il quindicenne, accusato dell'omicidio di Antonio Battaglia, ...

'Ndrangheta, arrestato magistrato calabrese “Favoriva il clan ...

Il Fatto Quotidiano - ‎2 ore fa‎
In manette anche l'avvocato milanese Vincenzo Minasi e Francesco Morelli, componente del Consiglio Regionale della Calabria, eletto nella lista 'Pdl-Berlusconi per Scopelliti'. Carcere anche per il maresciallo capo della Guardia di Finanza Luigi ...

'NDRANGHETA: NICOLO' (PDL), COMBATTERLA A PARTIRE DALLA SCUOLA

Agenzia di Stampa Asca - ‎29/nov/2011‎
(ASCA) - Reggio Calabria, 29 nov - ''La lotta alla 'ndrangheta passa attraverso una sana educazione alla legalita' ed e' per questo che esprimo la mia convinta adesione al pensiero piu' volte espresso dal Procuratore Giuseppe Pignatone, che raccomanda ...

Vincenzo Giuseppe Giglio presiede anche la prima sezione della ...

Blitz quotidiano - ‎1 ora fa‎
REGGIO CALABRIA – Il giudice Vincenzo Giuseppe Giglio, arrestato nell'ambito dell'inchiesta sulla 'ndrangheta della Dda di Milano, ha 51 anni ed e' in magistratura da 25 anni. A Reggio Calabria, oltre alla sezione misure di prevenzione del Tribunale, ...

'Ndrangheta, in manette giudice Reggio Calabria e politico Pdl

LaPresse - ‎2 ore fa‎
Milano, 30 nov. (LaPresse) - Le indagini della Dda di Milano hanno portato all'arresto del giudice del tribunale di Reggio Calabria Vincenzo Giglio, presidente anche di Corte d'Assise ed esponente della corrente 'Magistratura democratica'. ...

Accusa: Giusti corrotto con escort e viaggi

Blitz quotidiano - ‎1 ora fa‎
MILANO – Il gip di Palmi, Giancarlo Giusti, indagato per corruzione in atti giudiziari nell'inchiesta della Dda di Milano, sarebbe stato corrotto, da quanto si e' saputo, con alcuni viaggi nel nord Italia e con alcune escort da Giulio Giuseppe Lampada, ...

'NDRANGHETA: ARRESTI IN CORSO, ANCHE UN GIUDICE DI R. CALABRIA

AGI - Agenzia Giornalistica Italia - ‎3 ore fa‎
(AGI) - Milano, 30 nov. - E' in corso l'esecuzione di una decina di arresti nell'ambito di un nuovo capitolo dell'inchiesta 'infinito', condotta dalla Dda di Milano e da quella di Reggio Calabria. Tra le persone finite in manette c'e' anche un giudice ...

'NDRANGHETA: ARRESTATO UN GIUDICE DI REGGIO CALABRIA

AGI - Agenzia Giornalistica Italia - ‎2 ore fa‎
(AGI) Milano - Un giudice del Tribunale di Reggio Calabria, Vincenzo Gigli, e' stato arrestato insieme a decine di persone nell'ambito di un nuovo capitolo dell'inchiesta 'infinito', condotta dalla Dda di Milano e da quella di Reggio Calabria. ...

Manette per il giudice Vincenzo Giglio. Boccassini: «Aiutava i clan».

Lettera43 - ‎1 ora fa‎
Sono scattate le manette per il magistrato Vincenzo Giglio, presidente della sezione misure di prevenzione del Tribunale di Reggio Calabria, coinvolto in una maxioperazione contro la 'ndrangheta. Giglio è accusato di corruzione e favoreggiamento ...

Donne di cosca, l'altra metà del cielo della 'Ndrangheta

Diritto di Critica - ‎4 ore fa‎
Anelli fondamentali e complici consapevoli: l'immagine delle donne di 'ndrangheta che hanno gli italiani è quella di persone fredde, tutte d'un pezzo, indurite dalla violenza con cui convivono e della quale diventano testimoni attive. ...

Quando Alemanno 'sponsorizzava' il politico arrestato per 'ndrangheta

Il Fatto Quotidiano - ‎2 ore fa‎
Oltre al pm anti-'ndrangheta Vincenzo Giglio (secondo gli inquirenti favoriva il clan Lampada), in manette anche il consigliere regionale calabrese del Pdl Franco Morelli. La sua candidatura è stata 'sponsorizzata' dal sindaco di Roma Gianni Alemanno ...

In manette un giudice di Reggio Calabria

MigliorBlog Notizie (Blog) - ‎21 minuti fa‎
Una vasta operazione della Dda ha permesso di portare alla luce un grosso giro di favori e coinvolgimento di esponenti della magistratura, della politica e della Guardia di Finanza con la ndrangheta. Finiti in manette molti personaggi insospettabili, ...

'Ndrangheta, arrestato il magistrato Vincenzo Giglio: “Aiutava le ...

Fatti di Cronaca - ‎3 ore fa‎
Ad aiutare la 'ndrangheta c'era anche il magistrato che in pubblico le aveva dichiarato guerra. Questa la tesi del pm milanese Ilda Boccassini (nella foto) che ha disposto l'arresto per il giudice Vincenzo Giglio, presidente della sezione Misure di ...

Reggio Calabria - Consigliere regionale e magistrato in manette

OggiNotizie - ‎2 ore fa‎
Reggio Calabria - Carabinieri e polizia stanno eseguendo una serie di provvedimenti cautelari, almeno una decina, nell'ambito di una inchiesta di largo respiro sulle attività criminali delle cosche della 'ndrangheta, denominata "operazione Infinito" e ...

'Ndrangheta: inchiesta sul Tribunale di Reggio Calabria, arrestato ...

Attualità Tuttogratis - ‎3 ore fa‎
Se dovesse essere confermata la tesi investigativa della Direzione Distrettuale Antimafia di Milano si tratterebbe di un caso di corruzione davvero clamoroso: il pm Ilda Boccassini ei sostituti procuratori Paolo Storari e Alessandra Dolci hanno infatti ...

Processo ''Meta'': stangata alla 'ndrangheta di Reggio e maxi ...

Strill.it - ‎16 ore fa‎
di Claudio Cordova - Piovono anni e anni di carcere sulla 'ndrangheta reggina. Il Gup di Reggio Calabria, Adriana Trapani, condannando gli imputati nello stralcio di abbreviati del procedimento “Meta”, ha scritto infatti una prima pagina su quello che ...

Uccise titolare bar per 20 euro. Pm chiede 20 anni per minore

Tele Reggio Calabria - ‎17 ore fa‎
Una condanna a 16 anni di reclusione è stata chiesta dal pm della Procura per i minorenni di Reggio Calabria, Francesca Stilla, nel processo con rito abbreviato a Giacomo S., il quindicenne, accusato dell'omicidio di Antonio Battaglia, di 28 anni. ...

Reggio Calabria, Tripodi (PdCI): sulla vicenda della Multiservizi ...

ntacalabria - ‎28/nov/2011‎
Il tentativo, palese quanto puerile, portato avanti dal sindaco Arena e dalla sua giunta, che mira a derubricare ea far cadere nel dimenticatoio l'agghiacciante vicenda relativa alle pesantissime infiltrazioni delle cosche della 'ndrangheta nella ...

La moglie, i boss di 'ndrangheta e quelle distanze culturali tra ...

Il Sole 24 Ore - ‎29/nov/2011‎
AUTOPUBBLICITA' PRIMA DEL PEZZO: fino al 15 dicembre potrete acquistare in edicola con il Sole-24 Ore al prezzo di 12,90 euro il mio libro: “Vicini di mafia – Storie di società ed economie criminali della porta accanto”. ...

Blitz contro 'Ndrangheta, arrestato un giudice

CronacaLive - ‎2 ore fa‎
MILANO / Sono dieci le ordinanze di custodia cautelare eseguite questa mattina dalla Direzione nazionale antimafia, Dda, di Milano contro esponenti di cosche mafiose dell' 'Ndrangheta. Tra loro ci sarebbe un giudice del tribunale di Reggio Calabria, ...

'Ndrangheta. Maxioperazione tra Milano e Reggio Calabria ...

Newz.it - ‎3 ore fa‎
Milano. E' in corso in queste ore una maxioperazione tra Milano e Reggio Calabria contro “colletti bianchi” sospettati di essere organici alla 'ndrangheta e presunti appartenenti alla famiglia Valle-Lampada. Tra le persone finite nel mirino degli ...

'Ndrangheta. Operazione tra Reggio e Milano: tra gli arrestati il ...

Newz.it - ‎2 ore fa‎
Milano. E' stata portata a compimento stamattina una operazione tra Milano e Reggio Calabria contro una decina di soggetti sospettati di essere organici alla 'ndrangheta e tre membri accusati di appartenenza alla cosca Valle-Lampada. ...

MILANO: LEGAMI 'NDRANGHETA-PROFESSIONISTI, 10 ARRESTI

IRIS Press - Agenzia stampa nazionale - ‎1 ora fa‎
(IRIS) - ROMA, 30 NOV - Un'operazione anti-'ndrangheta è stata condotta in porto su richiesta della Procura di Milano. Nell'ambito del blitz, sono finiti in manette anche un magistrato di Reggio Calabria, un esponente politico e un maresciallo della ...

'Ndrangheta: le parole intrise di sangue delle “donne d'onore”

Panorama (Blog) - ‎21 ore fa‎
Sono donne ma non sono uguali alle altre neanche a quelle della loro terra: la Calabria. Loro sono le donne d'onore, le mogli dei boss latitanti. “ Sono l'alter ego dei mariti, ovvero dei capi e ne assumono di fatto il loro posto” afferma il pm ...

Reggio Calabria: maxioperazione contro la 'ndranghetaaa. arrestati ...

Paperblog - ‎11 minuti fa‎
REGGIO CALABRIA - Maxi operazione contro la 'ndrangheta. Un'inchiesta condotta in sinergia dalla dda di Milano e di Reggio Calabria ha portato all'arresto di alcuni esponenti delle istituzioni e delle forze dell'ordine. Tra le persone finite in manette ...

"Trasmettono i codici criminali", il potere mafioso è femmina

Libero News - ‎29/nov/2011‎
Il 62,3% dei cittadini meridionali concorda con le affermazioni del Sostituto procuratore della Dda di Reggio calabria Giuseppe Lombardo: "La moglie del boss latitante e' l'alter ego del capo, ne assume di fatto il posto. ...

Reggio - Milano operazione anti- 'ndrangheta Boccassini: mani sui ...

Strill.it - ‎2 ore fa‎
Una grossa operazione antindrangheta è in corso dalle prime luci dell'alba in modo congiunto tra le Procure di Milano, coordinata dal pm Ilda Boccassini, e Reggio Calabria. Fra gli arrestati di stamattina il Presidente della sezione «Misure di ...

Il consigliere che aiutava la 'ndrangheta

Giornalettismo - ‎2 ore fa‎
E' Francesco Morelli (Pdl), consigliere regionale della Calabria, il politico arrestato nell'ambito dell'inchiesta della dda milanese che ha portato in carcere anche il giudice Giglio. Morelli rappresenterebbe l'anello di collegamento tra i clan e gli ...

Chiesti 16 anni di reclusione per il 15enne accusato di aver ...

Newz.it - ‎17 ore fa‎
Reggio Calabria. Il pubblico ministero della Procura della Repubblica per i minorenni di Reggio Calabria, Francesca Stilla, ha richiesto una condanna a 16 anni di reclusione per Giacomo S., il 15enne sui cui pende l'accusa di aver assassinato Antonio ...

Arrestato a Reggio Calabria un giudice per 'ndrangheta

Linkiesta.it - ‎2 ore fa‎
È finito in manette Vincenzo Giglio, 51 anni, che oltre al ruolo di presidente della sezione “Misure di Prevenzione” del Tribunale di Reggio Calabria era presidente di Corte d'Assise. L'operazione, condotta dalla Direzione Distrettuale Antimafia di ...

On. Nicolò: " L'iniziativa della Fondazione Bellissario assume uno ...

Strill.it - ‎22 ore fa‎
“Ritengo che questa iniziativa della Fondazione 'Bellisario' assuma valore di straordinaria contingenza, anche alla luce dei grandi risultati raggiunti dalla Procura distrettuale antimafia di Reggio Calabria nella lotta alla 'ndrangheta. ...

Alemanno sosteneva Morelli, arrestato per presunti favori alle 'ndrine

Blitz quotidiano - ‎1 ora fa‎
ROMA – Gianni Alemanno aveva “sponsorizzato” la candidatura di Francesco Morelli alla Regione Calabria. Ora il consigliere del Pdl è stato arrestato nell'ambito di un'inchiesta su presunti favori alle 'ndrine della 'Ndrangheta. ...

'NDRANGHETA: DONNE E CLAN, DOMANI CONVEGNO A REGGIO

Diritto-oggi - ‎28/nov/2011‎
(AGI) - Reggio Calabria, 28 nov. - Il ruolo delle donne nella 'ndrangheta si e' evoluto e qual e' il prezzo di un'emancipazione al rovescio? Quali sono le loro colpe di madri, di donne che educano i propri figli a una cultura dell'illegalita'? ...

Blitz conto la 'ndrangheta: raffica di arresti tra Milano e Reggio ...

Milano.OggiNotizie.it - ‎2 ore fa‎
Maxioperazione per smantellare la 'ndrangheta al nord questa mattina. Il blitz ha coinvolto Milano e Reggio Calabria e ha portato all'arresto di alcune persone a cui vengono contestati reati che vanno dall'usura all'associazione mafiosa. ...

Un giudice coinvolto nel Maxi-Blitz contro la 'ndrangheta a Milano

Corriere Informazione - ‎2 ore fa‎
In manette Vincenzo Giglio, Presidente della sezione “Misure di prevenzione” del Tribunale di Reggio Calabria con l'accusa di concorso esterno nell'associazione a delinquere di stampo mafioso e con ipotesi di reato di "corruzione" e di "favoreggiamento ...

Blitz anti 'ndrangheta arrestato un magistrato

Lettera43 - ‎2 ore fa‎
Nuovo colpo contro la zona grigia della 'ndrangheta. Nella mattinata di mercoledì 30 novembre una maxioperazione da Milano a Reggio Calabria contro affiliati alla famiglia Valle-Lampada. Nel mirino degli inquirenti è finita anche una serie di ...

'Ndrangheta, maxiblitz da Milano a Reggio Calabria: in cella un ...

Oggi (Blog) - ‎2 ore fa‎
Operazione Infinito, parte seconda. Maxiblitz contro la cosiddetta zona grigia della 'ndrangheta. Da Milano a Reggio Calabria, una retata è scattata, questa mattina. Finiscono dietro le sbarre affiliati alla famiglia mafiosa Valle-Lampada. ...

'Ndrangheta: arrestati altri tre presunti affiliati

Blitz quotidiano - ‎2 ore fa‎
REGGIO CALABRIA – Sono stati fermati anche tre presunti affiliati alla 'ndrangheta, Gesuele Misale, Alfonso Rinaldi e Domenico Nasso. Misale e' accusato di associazione mafiosa e intestazione fittizia di beni, Nasso di associazione mafiosa e Rinaldi di ...

Ndrangheta: Maxi-Operazione tra Milano e Reggio Calabria ...

italiah24.it - ‎2 ore fa‎
Un altro duro colpo è stato inferto alla ndrangheta calabrese, una maxi operazione coordinata tra la squadra mobile reggina e la squadra mobile lombarda che ha interessato personaggi di spicco tra Lombardia e Calabria, tra gli arrestati la Dda milanese ...

Arrestati giudice Giglio e Morelli (Pdl). Accusa: favorirono le ...

Blitz quotidiano - ‎2 ore fa‎
MILANO – A Reggio Calabria è stato arrestato un giudice con l'accusa di aver favorito le 'ndrine della 'Ndrangheta. Vincenzo Giglio è accusato di corruzione e favoreggiamento personale. Arrestato anche il consigliere della Regione Calabria Franco ...

'Ndrangheta: arresti a Milano, anche un giudice di Reggio Calabria

CN24 (Comunicati Stampa) - ‎2 ore fa‎
È in corso l'esecuzione di una decina di arresti nell'ambito di un nuovo capitolo dell'inchiesta "Infinito", condotta dalla Dda di Milano e da quella di Reggio Calabria. Tra le persone finite in manette c'è anche un giudice del Tribunale di Reggio ...

Processo ''Meta'': stangata alla 'ndrangheta di Reggio e maxi ...

Strill.it - ‎16 ore fa‎
di Claudio Cordova - Piovono anni e anni di carcere sulla 'ndrangheta reggina. Il Gup di Reggio Calabria, Adriana Trapani, condannando gli imputati nello stralcio di abbreviati del procedimento “Meta”, ha scritto infatti una prima pagina su quello che ...

Uccise titolare bar per 20 euro. Pm chiede 20 anni per minore

Tele Reggio Calabria - ‎17 ore fa‎
Una condanna a 16 anni di reclusione è stata chiesta dal pm della Procura per i minorenni di Reggio Calabria, Francesca Stilla, nel processo con rito abbreviato a Giacomo S., il quindicenne, accusato dell'omicidio di Antonio Battaglia, di 28 anni. ...

Reggio Calabria, Tripodi (PdCI): sulla vicenda della Multiservizi ...

ntacalabria - ‎28/nov/2011‎
Il tentativo, palese quanto puerile, portato avanti dal sindaco Arena e dalla sua giunta, che mira a derubricare ea far cadere nel dimenticatoio l'agghiacciante vicenda relativa alle pesantissime infiltrazioni delle cosche della 'ndrangheta nella ...

La moglie, i boss di 'ndrangheta e quelle distanze culturali tra ...

Il Sole 24 Ore - ‎29/nov/2011‎
AUTOPUBBLICITA' PRIMA DEL PEZZO: fino al 15 dicembre potrete acquistare in edicola con il Sole-24 Ore al prezzo di 12,90 euro il mio libro: “Vicini di mafia – Storie di società ed economie criminali della porta accanto”. ...

Blitz contro 'Ndrangheta, arrestato un giudice

CronacaLive - ‎2 ore fa‎
MILANO / Sono dieci le ordinanze di custodia cautelare eseguite questa mattina dalla Direzione nazionale antimafia, Dda, di Milano contro esponenti di cosche mafiose dell' 'Ndrangheta. Tra loro ci sarebbe un giudice del tribunale di Reggio Calabria, ...

'Ndrangheta. Maxioperazione tra Milano e Reggio Calabria ...

Newz.it - ‎3 ore fa‎
Milano. E' in corso in queste ore una maxioperazione tra Milano e Reggio Calabria contro “colletti bianchi” sospettati di essere organici alla 'ndrangheta e presunti appartenenti alla famiglia Valle-Lampada. Tra le persone finite nel mirino degli ...

'Ndrangheta. Operazione tra Reggio e Milano: tra gli arrestati il ...

Newz.it - ‎2 ore fa‎
Milano. E' stata portata a compimento stamattina una operazione tra Milano e Reggio Calabria contro una decina di soggetti sospettati di essere organici alla 'ndrangheta e tre membri accusati di appartenenza alla cosca Valle-Lampada. ...

'Ndrangheta: le parole intrise di sangue delle “donne d'onore”

Panorama (Blog) - ‎21 ore fa‎
Sono donne ma non sono uguali alle altre neanche a quelle della loro terra: la Calabria. Loro sono le donne d'onore, le mogli dei boss latitanti. “ Sono l'alter ego dei mariti, ovvero dei capi e ne assumono di fatto il loro posto” afferma il pm ...

Reggio Calabria: maxioperazione contro la 'ndranghetaaa. arrestati ...

Paperblog - ‎11 minuti fa‎
REGGIO CALABRIA - Maxi operazione contro la 'ndrangheta. Un'inchiesta condotta in sinergia dalla dda di Milano e di Reggio Calabria ha portato all'arresto di alcuni esponenti delle istituzioni e delle forze dell'ordine. Tra le persone finite in manette ...

MILANO: LEGAMI 'NDRANGHETA-PROFESSIONISTI, 10 ARRESTI

IRIS Press - Agenzia stampa nazionale - ‎1 ora fa‎
(IRIS) - ROMA, 30 NOV - Un'operazione anti-'ndrangheta è stata condotta in porto su richiesta della Procura di Milano. Nell'ambito del blitz, sono finiti in manette anche un magistrato di Reggio Calabria, un esponente politico e un maresciallo della ...

"Trasmettono i codici criminali", il potere mafioso è femmina

Libero News - ‎29/nov/2011‎
Il 62,3% dei cittadini meridionali concorda con le affermazioni del Sostituto procuratore della Dda di Reggio calabria Giuseppe Lombardo: "La moglie del boss latitante e' l'alter ego del capo, ne assume di fatto il posto. ...

Reggio - Milano operazione anti- 'ndrangheta Boccassini: mani sui ...

Strill.it - ‎2 ore fa‎
Una grossa operazione antindrangheta è in corso dalle prime luci dell'alba in modo congiunto tra le Procure di Milano, coordinata dal pm Ilda Boccassini, e Reggio Calabria. Fra gli arrestati di stamattina il Presidente della sezione «Misure di ...

Il consigliere che aiutava la 'ndrangheta

Giornalettismo - ‎2 ore fa‎
E' Francesco Morelli (Pdl), consigliere regionale della Calabria, il politico arrestato nell'ambito dell'inchiesta della dda milanese che ha portato in carcere anche il giudice Giglio. Morelli rappresenterebbe l'anello di collegamento tra i clan e gli ...

Arrestato a Reggio Calabria un giudice per 'ndrangheta

Linkiesta.it - ‎2 ore fa‎
È finito in manette Vincenzo Giglio, 51 anni, che oltre al ruolo di presidente della sezione “Misure di Prevenzione” del Tribunale di Reggio Calabria era presidente di Corte d'Assise. L'operazione, condotta dalla Direzione Distrettuale Antimafia di ...

Alemanno sosteneva Morelli, arrestato per presunti favori alle 'ndrine

Blitz quotidiano - ‎1 ora fa‎
ROMA – Gianni Alemanno aveva “sponsorizzato” la candidatura di Francesco Morelli alla Regione Calabria. Ora il consigliere del Pdl è stato arrestato nell'ambito di un'inchiesta su presunti favori alle 'ndrine della 'Ndrangheta. ...

Blitz conto la 'ndrangheta: raffica di arresti tra Milano e Reggio ...

Milano.OggiNotizie.it - ‎2 ore fa‎
Maxioperazione per smantellare la 'ndrangheta al nord questa mattina. Il blitz ha coinvolto Milano e Reggio Calabria e ha portato all'arresto di alcune persone a cui vengono contestati reati che vanno dall'usura all'associazione mafiosa. ...

Un giudice coinvolto nel Maxi-Blitz contro la 'ndrangheta a Milano

Corriere Informazione - ‎2 ore fa‎
In manette Vincenzo Giglio, Presidente della sezione “Misure di prevenzione” del Tribunale di Reggio Calabria con l'accusa di concorso esterno nell'associazione a delinquere di stampo mafioso e con ipotesi di reato di "corruzione" e di "favoreggiamento ...

Blitz anti 'ndrangheta arrestato un magistrato

Lettera43 - ‎2 ore fa‎
Nuovo colpo contro la zona grigia della 'ndrangheta. Nella mattinata di mercoledì 30 novembre una maxioperazione da Milano a Reggio Calabria contro affiliati alla famiglia Valle-Lampada. Nel mirino degli inquirenti è finita anche una serie di ...

'Ndrangheta, maxiblitz da Milano a Reggio Calabria: in cella un ...

Oggi (Blog) - ‎2 ore fa‎
Operazione Infinito, parte seconda. Maxiblitz contro la cosiddetta zona grigia della 'ndrangheta. Da Milano a Reggio Calabria, una retata è scattata, questa mattina. Finiscono dietro le sbarre affiliati alla famiglia mafiosa Valle-Lampada. ...

'Ndrangheta: arrestati altri tre presunti affiliati

Blitz quotidiano - ‎2 ore fa‎
REGGIO CALABRIA – Sono stati fermati anche tre presunti affiliati alla 'ndrangheta, Gesuele Misale, Alfonso Rinaldi e Domenico Nasso. Misale e' accusato di associazione mafiosa e intestazione fittizia di beni, Nasso di associazione mafiosa e Rinaldi di ...

Ndrangheta: Maxi-Operazione tra Milano e Reggio Calabria ...

italiah24.it - ‎2 ore fa‎
Un altro duro colpo è stato inferto alla ndrangheta calabrese, una maxi operazione coordinata tra la squadra mobile reggina e la squadra mobile lombarda che ha interessato personaggi di spicco tra Lombardia e Calabria, tra gli arrestati la Dda milanese ...

Arrestati giudice Giglio e Morelli (Pdl). Accusa: favorirono le ...

Blitz quotidiano - ‎2 ore fa‎
MILANO – A Reggio Calabria è stato arrestato un giudice con l'accusa di aver favorito le 'ndrine della 'Ndrangheta. Vincenzo Giglio è accusato di corruzione e favoreggiamento personale. Arrestato anche il consigliere della Regione Calabria Franco ...

'Ndrangheta: arresti a Milano, anche un giudice di Reggio Calabria

CN24 (Comunicati Stampa) - ‎2 ore fa‎
È in corso l'esecuzione di una decina di arresti nell'ambito di un nuovo capitolo dell'inchiesta "Infinito", condotta dalla Dda di Milano e da quella di Reggio Calabria. Tra le persone finite in manette c'è anche un giudice del Tribunale di Reggio ...

'Ndrangheta, processo Meta: 17 condanne e una assoluzione

Blitz quotidiano - ‎14 ore fa‎
REGGIO CALABRIA, 29 NOV – Si e' concluso con 17 condanne a pene variabili dai 15 anni a due anni di reclusione ed un'assoluzione il processo a Reggio Calabria con rito abbreviato nei confronti di altrettanti presunti affiliati alle cosche reggine ...

AIUTAVANO I CLAN. MAXIBLITZ DA MILANO A REGGIO

Cado in piedi - ‎3 ore fa‎
Operazione della Dda milanese coordinata dal pm Boccassini. In manette, il magistrato reggino e Presidente di Corte d' Assise Vincenzo Giglio, il consigliere regionale Pdl Francesco Morelli e l'avvocato milanese Vincenzo Minasi. ...
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 30/11/2011 @ 08:58:53, in Associazioni Giustizia, linkato 1806 volte)
COMUNITA' DI SANT'EGIDIO

Contro la pena di morte nel mondo
20 ministri di giustizia nella Capitale

Il summit, giunto alla sesta edizione, promuove un laboratorio di proposte per sviluppare visioni comuni e trovare soluzioni

ROMA - È una lotta tra dicotomie: luce e buio, vita e morte. Così la Giornata Internazionale di Cities for Life rilancia il tema dell’abolizione della pena capitale: «No Justice without Life». Martedì 29 e mercoledì 30 novembre, Roma – insieme a 1.400 città sparse in 87 Paesi nel mondo, ospita l’iniziativa «Città per la Vita, Città contro la Pena di morte», organizzata dalla Comunità di Sant’Egidio. E, per l’occasione, arrivano nella Capitale 20 ministri della Giustizia. Primo appuntamento, martedì 29, con il VI congresso internazionale dei ministri della Giustizia, dal titolo “Dalla moratoria all’abolizione della pena capitale No Justice Without Life” (dalle 9.30, Palazzo Altieri, piazza del Gesù 50); partecipano, tra gli altri, il neo ministro della Giustizia italiano, Paola Severino e i colleghi di Francia, Costa d’Avorio, Mali, Rwanda, Tanzania, Cambogia, Ecuador, Honduras, Norvegia, esponenti di Unione Europea, Mongolia, Filippine, Guinea Bissau, Mozambico, Burundi insieme ad una delegazione di deputati e senatori dell'Illinois, ultimo stato degli Usa ad avere abolito la pena capitale nel 2011.

«NO ALLA PENA DI MORTE» – Con l’importante summit – giunto alla sesta edizione (l’appuntamento si ripete dal 2004) – la Comunità di Sant’Egidio promuove un laboratorio di proposte per sviluppare visioni comuni e trovare soluzioni a quei casi dove la massima pena è ancora in vigore. Mercoledì 30, i rappresentanti dei diversi governi incontrano il presidente del Senato, Renato Schifani. Negli ultimi anni, la pena di morte è stata abolita (per tutti i reati) in Bhutan, Grecia, Samoa, Senegal e Turchia (2004), in Liberia e Messico, nel 2005, Filippine (2006) fino ad arrivare alla cancellazione in Albania, Isole Cook, Kyrgyzstan, Ruanda e, parzialmente, Kazakstan (2007). E, ancora, nel 2008, Uzbekistan e Argentina, nel 2009 Burundi e Togo, nel 2010, Gabon. Cronistoria che arriva al 2011 con l’Illinois che è diventato il 16esimo stato degli Usa ad aver abolito la pena capitale. Altri undici paese hanno emesso sentenze capitali ma hanno continuato a non eseguire condanne a morte: parliamo di Aghanistan, Brunei Darussalam, Corea del Sud, India, Indonesia, Laos, Maldive, Myanmar, Pakistan, Sri Lanka e Thailandia. Anche grazie alla Giornata internazionale contro la pena di morte, e a molte altre iniziative che ribadiscono un netto “no alla pena capitale”, meno della metà dei paesi mantenitori ha eseguito condanne a morte e in meno di un terzo di questi paesi si sono eseguite condanne a morte ogni anno nell’ultimo quadriennio. C’è, ancora, però molto da fare.

COLOSSEO ILLUMINATO – Per il summit romano sono attese testimonianze di ex condannati a morte e parenti delle vittime: da Anthony Graves, che è stato rilasciato il 27 ottobre del 2010 dopo aver trascorso 16 anni nel braccio della morte (condannato con l’accusa di essere stato complice in un omicidio plurimo), a Dave Atwood, uno degli uomini più impegnati nella lotta contro la pena di morte negli Stati Uniti. A Roma, il 30 novembre alle 19.00, si svolge la Cerimonia finale della manifestazione con l’illuminazione “speciale” del Colosseo, diventato il simbolo mondiale della Giornata Internazionale di Cities For Life.

Simona De Santis - 29 novembre 2011
http://roma.corriere.it/roma/notizie/cronaca/11_novembre_29/sant-egidio-giornata-pena-capitale-1902346345205.shtml

La Rassegna

PENA MORTE: DOMANI 'CITIES FOR LIFE', AL COLOSSEO ILLUMINAZIONE ...

Agenzia di Stampa Asca - ‎12 ore fa‎
(ASCA) - Roma, 29 nov - Si celebra domani la Giornata Internazionale delle ''Citta' per la Vita, Citta' contro la Pena di morte'' in ricordo dell'anniversario della prima abolizione della pena capitale ad opera di uno stato europeo, il Granducato di ...

Pena di morte: Severino, Italia in prima linea in campagna per ...

Adnkronos/IGN - ‎22 ore fa‎
Roma, 29 nov. - (Adnkronos) - "L'Italia e' in prima linea nella campagna contro la pena di morte". Lo ha detto il ministro della Giustizia, Paola Severino, nel saluto rivolto in apertura del sesto Congresso internazionale dei ministri della Giustizia ...

Contro la pena di morte nel mondo 20 ministri di giustizia nella ...

Corriere della Sera - ‎29/nov/2011‎
ROMA - È una lotta tra dicotomie: luce e buio, vita e morte. Così la Giornata Internazionale di Cities for Life rilancia il tema dell'abolizione della pena capitale: «No Justice without Life». Martedì 29 e mercoledì 30 novembre, Roma – insieme a 1.400 ...

Il Comune aderisce a manifestazione globale contro la pena capitale

Il Resto del Carlino - ‎28/nov/2011‎
Reggio Emilia, 28 novembre 2011 - Nel 2010 le esecuzioni capitali sono state 5.837, quasi cento in più rispetto al 2009 e al 2008. Di queste, quasi 5mila sono avvenute in Cina, che mantiene questo tragico primato con l'85,6% del totale. ...

Beni culturali: il Maschio Angioino illuminato celebra abolizione ...

Adnkronos/IGN - ‎26/nov/2011‎
Roma, 26 nov.(Adnkronos) - Il Maschio Angioino illuminato in tutta la sua bellezza. Anche Napoli aderisce alla Giornata Internazionale 'Citta' per la Vita - Citta' contro la Pena di Morte' promossa dalla Comunita' di Sant'Egidio che ricorda ...

LAMEZIA T./COMUNE: PALAZZO S.DOMENICO ILLUMINATO CONTRO PENA DI MORTE

Agenzia di Stampa Asca - ‎26/nov/2011‎
(ASCA) - Lamezia Terme (Cz), 26 nov - Il Comune di Lamezia Terme ha aderito, per il secondo anno, alla campagna internazionale ''Cities for life'', la giornata contro la pena di morte, organizzata e promossa dalla comunita' di Sant'Egidio, ...

Dal Furore al Perdono: la testimonianza di Marietta Lane il 2 ...

Tuononews.it - Quotidiano online di informazione e cultura di - ‎8 ore fa‎
ALESSANDRIA - La Comunità di Sant'Egidio è tra i promotori della Giornata Mondiale delle Città per la Vita/Città contro la Pena di Morte che si celebra ogni anno il 30 novembre, in ricordo dell'anniversario della prima abolizione della pena di morte ad ...

Una giornata ?Per un mondo senza la pena di morte?

InfoOggi - ‎9 ore fa‎
ROMA, 29 NOVEMBRE 2011 – Oggi e domani a Roma il no alla pena capitale del VI Congresso internazionale dei Ministri della Giustizia organizzato dalla Comunità di Sant'Egidio. La capitale, insieme a 1.400 città sparse in 87 Paesi nel mondo, ...

Pena di morte, il 2011 anno positivo sul fronte dell'abolizione

RomaToday - ‎12 ore fa‎
Tema sempre attuale, quello della pena di morte, e che scalda il dibattito sui diritti umani in tutto il mondo. Se ne parla costantemente e forse anche per questo si può dire che il 2011 è stato un anno positivo sul fronte abolizionista: l'Illinois è ...

Genova contro la pena di morte - Dagli Usa la madre coraggio ...

Genova OggiNotizie - ‎13 ore fa‎
Anche Genova aderisce alla manifestazione internazionale “Città per la vita, contro la pena di morte”, promossa dalla Comunità di Sant'Egidio, dando per l'occasione un nuovo look a piazza De Ferrari e ospitando un incontro con una donna americana che ...

"Cities for Life": la Comunità di Sant'Egidio rinnova l'impegno ...

Radio Vaticana - ‎16 ore fa‎
Domani si celebra la giornata internazionale delle “Cities for Life”, organizzata dalla Comunità di Sant'Egidio, durante la quale centri grandi e piccoli si coalizzeranno per dire "no" alla pena di morte. Per l'occasione, si sono riuniti a Roma più di ...

LUCI SU BOCCACCIO, CONTRO LA PENA DI MORTE

MET - Provincia di Firenze (Comunicati Stampa) - ‎18 ore fa‎
Il Comune di Certaldo aderisce alla “Giornata mondiale delle città per la vita - città contro la pena di morte” promossa dalla Comunità di Sant'Egidio, che invita ad illuminare il 30 novembre un edificio o monumento particolare della città, ...

Le Colonne Romane di Brindisi saranno illuminate contro la pena di ...

Giornale di Puglia - ‎19 ore fa‎
di Daniele Martini. Arriva una bella notizia per la città di Brindisi: il comune ha aderito alla Giornata Internazionale delle Città per la Vita/Città contro la Pena di Morte. Per quel che riguarda la sollecitazione ad aderire all'iniziativa, ...

Il Maschio Angioino si illumina contro la pena di morte

NapoliToday - ‎19 ore fa‎
L'appuntamento è per questa sera dalle 20 alle 24. Tra le altre iniziative un convegno nella Sala dei Baroni organizzato dalla Coalizione Italiana Contro la Pena di Morte Onlus Anche Napoli partecipa alla Giornata Internazionale "Città per la Vita ...

Per un mondo senza pena di morte

Internazionale - ‎20 ore fa‎
È in corso a Roma il sesto congresso internazionale dei ministri della giustizia per la Giornata internazionale delle città contro la pena di morte, organizzato dalla Comunità di Sant'Egidio. Insieme al ministro della giustizia italiano Paola Severino ...

PENA DI MORTE: SEVERINO, ABOLIZIONE TUTELA I DIRITTI CIVILI

Stato-oggi - ‎20 ore fa‎
(AGI) - Roma, 29 nov. - “La lotta alla pena di morte e' un tema caro all'Italia perche' siamo convinti che la sua abolizione dia un contributo alla tutela dei diritti civili perche' non costituisce in alcun modo una garanzia di sicurezza”. ...

Severino: “Bisogna arrivare all'abolizione della pena di morte nel ...

Blitz quotidiano - ‎21 ore fa‎
ROMA, 29 NOV – ''La pena di morte e' un tema caro all'Italia. Siamo convinti che l'abolizione contribuira' alla tutela dei diritti civili perche' non costituisce una garanzia di sicurezza in alcun modo''. Lo ha affermato il ministro della Giustizia, ...

Sant'Egidio, la Giornata contro la pena di morte

Romasette.it - ‎22 ore fa‎
L'iniziativa che la comunità di Trastevere organizza per sostenere la lotta all'abolizione dell'esecuzione capitale. I dati della campagna iniziata dieci anni fa e gli appuntamenti a Roma di Nicolò Maria Iannello Si inaugura oggi la decima edizione di ...

Colonne Romane illuminate contro la pena di morte

Brundisium.net (Comunicati Stampa) - ‎28/nov/2011‎
Il Comune di Brindisi ha aderito alla Giornata Internazionale delle Città per la Vita/Città contro la Pena di Morte. La sollecitazione ad aderire all'iniziativa è giunta dal Presidente dell'Anci Delrio che l'ha estesa a tutti i Comuni invitando ad ...

Città per la vita. Roma contro il boia

Romagiornoenotte.it - ‎28/nov/2011‎
ROMA, 28 novembre 2011- Si svolge dal 29 novembre fino al 2 dicembre la manifestazione Cities for Life - Città per la vita - giornate internazionali per la vita contro la pena di morte. Si tratta della più grande mobilitazione planetaria per indicare ...

CITIES FOR LIFE, OLTRE 1.400 CITTÀ PER FERMARE LA PENA DI MORTE

ilVelino/AGV Agenzia Giornalistica il Velino - ‎28/nov/2011‎
Roma - Più di 20 ministri della Giustizia a Roma per un summit sull'abolizione della pena di morte. Il congresso - “Dalla moratoria all'abolizione della pena capitale. No Justice Without Life", organizzato dalla Comunità di Sant'Egidio - inaugura la ...

Milano: Comune aderisce a giornata internazionale 'Citta' per la vita'

Libero-News.it - ‎28/nov/2011‎
ilano, 28 nov. - (Adnkronos) - Il Comune di Milano aderisce alla Giornata internazionale delle 'Citta' per la Vita - Citta' contro la Pena di Morte', in programma il 30 novembre per ricordare la prima abolizione della pena capitale avvenuta nel ...

BOLOGNA: L'INTERVENTO DEL SINDACO MEROLA SULL'ADESIONE ALLA ...

AgenParl - Agenzia Parlamentare - ‎28/nov/2011‎
(AGENPARL) - Roma, 28 nov - "La città di Bologna ha aderito alla decima edizione della campagna internazionale Città per la Vita – Città contro la pena di morte, promossa dalla Comunità di Sant'Egidio, organizzazione che dalla seconda metà degli anni ...

Faenza contro la pena di morte

Ravenna24ore - ‎28/nov/2011‎
Il Comune di Faenza aderisce anche quest'anno alla “Giornata mondiale delle Città per la vita - Contro la pena di morte” (30 novembre 2011), promossa dalla Comunità di Sant'Egidio di Roma con l'obiettivo di giungere all'abolizione universale della pena ...

EMPOLI SI ILLUMINA CONTRO LA PENA DI MORTE

MET - Provincia di Firenze (Comunicati Stampa) - ‎28/nov/2011‎
Il Comune di Empoli aderisce alla decima edizione della “Giornata mondiale delle città per la vita - città contro la pena di morte", che si celebrerà mercoledì prossimo, 30 novembre 2011. La giornata, promossa dalla Comunità di Sant'Egidio, ...

Municipio illuminato per la giornata contro la pena di morte

Mesagnesera (Blog) - ‎28/nov/2011‎
Mercoledì 30 novembre anche Mesagne, insieme a più di altre 1400 città nel mondo, celebrerà la giornata contro la pena di morte, iscrivendosi nel novero delle “Città per la vita”. A tal proposito, per aderire all'invito avanzato dalla Comunità di ...

Città illuminate contro la pena di morte

Mondointasca.org - ‎28/nov/2011‎
Martedì 29 e mercoledì 30 novembre saranno le giornate di Cities for life, la campagna internazionale nei centri urbani contro la pena di morte. In 1400 città in tutto il mondo, un monumento sarà illuminato simbolicamente e l'adesione al progetto, ...

PATTI, LA 'CITTÀ PER LA VITA' DICE NO ALLA PENA DI MORTE

Nebrodi e Dintorni (Blog) - ‎27/nov/2011‎
Il Comune di Patti aderisce alla Giornata Mondiale delle "Città per la Vita - Città contro la pena di morte" che si celebra ogni anno il 30 novembre. In tutto il mondo più di 1400 ''Città per la vita'' illuminano un monumento-simbolo contro la pena di ...

Da lunedì a mercoledì il Museo illuminato

LameziaWeb.biz - ‎27/nov/2011‎
Questa è una città contro la pena di morte. Il messaggio l'invia il Comune partecipando per il secondo anno consecutivo all'iniziativa mondiale “Cities for life” promossa dalla comunità di Sant'Egidio, il cui fondator, Andrea Riccardi è ministro per la ...

Napoli aderisce all'iniziativa: Città per la Vita

Universy.it - ‎26/nov/2011‎
Maschio Angioino illuminato. Anche Napoli aderisce alla Giornata Internazionale “Città per la Vita – Città contro la Pena di Morte” promossa dalla Comunità di Sant'Egidio che ricorda l'anniversario della prima abolizione della pena di morte ...

Il Maschio Angioino si illumina contro la pena di morte

Julie News - ‎26/nov/2011‎
NAPOLI – Anche la città di Napoli partecipa alla Giornata Internazionale “Città per la Vita – Città contro la Pena di Morte”: e lo fa illuminando in tutta la sua bellezza il Maschio Angioino. L'appuntamento partenopeo è per martedì 29 novembre, ...

A Palazzo Comunale “Città per la vita – Città contro la pena di morte”

tuttoggi.info - ‎26/nov/2011‎
La Caritas diocesana di Foligno, la Casa dei Popoli e la Comunità di Sant'Egidio, con il Patrocinio del Comune di Foligno, promuovono la giornata “Città per la vita – Città contro la pena di morte” a sostegno della risoluzione dell'Onu per la moratoria ...

Bologna aderisce alla campagna internazionale “Città per la Vita ...

Sassuolo 2000 - ‎25/nov/2011‎
Il 30 novembre Bologna aderisce, insieme a più di 1.400 città in tutto il mondo, alla campagna internazionale Città per la Vita – Città contro la pena di morte, promossa dalla Comunità di Sant'Egidio. Si intende in questo modo dare luogo a una ...

Milano contro la pena di morte

Liberoinformato - ‎28/nov/2011‎
(Liberoinformato) – Il Comune di Milano aderisce alla Giornata internazionale delle “Città per la Vita – Città contro la Pena di Morte”, in programma il 30 novembre per ricordare la prima abolizione della pena capitale avvenuta nel Granducato di ...

Cities for life

Lamezia Terme.it - ‎26/nov/2011‎
Il Comune di Lamezia Terme ha aderito, per il secondo anno, alla campagna internazionale "Cities for life", la giornata contro la pena di morte, organizzata e promossa dalla comunità di Sant'Egidio, il cui fondatore, Andrea Riccardi, è attualmente ...

Beni culturali: il Maschio Angioino illuminato celebra abolizione ...

La Repubblica Napoli.it - ‎26/nov/2011‎
(Adnkronos) - Conclude i lavori Arianna Ballotta (presidente Coalizione Italiana contro la Pena di Morte Onlus). Modera Nello Mazzone, Premio Giornalisti contro la camorra 2011. Giovedi' 1° dicembre si terra' a Pozzuoli, alle ore 9,30 nella sede della ...

Napoli aderisce all'iniziativa "Città per la Vita" della Comunità ...

Julie News - ‎26/nov/2011‎
Martedì 29 novembre, dalle ore 20,00 alle 24,00, il monumento-simbolo di Napoli sarà illuminato contro la pena di morte. Dalle 20,00 alle 21,00 ci sarà un presidio delle associazioni organizzatrici. Giovedì 30 novembre, alle ore 9,30 convegno Sala dei ...
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 

Magistrato fuori ruolo ma con il doppio stipendio

Polemica sul ministro Griffi

E' polemica sul doppio incarico del nuovo ministro della Funzione pubblica. Griffi è un magistrato fuori ruolo, prestato alla politica, e che continua a prendere lo stipendio

di -

Fatta la nomina, scoperto l'inghippo. E' polemica sul nuovo ministro della Funziona pubblica, Filippo Patroni Griffi. Una polemica portata alla ribalta da Report un anno fa e tornata in auge adesso, dopo la recentissima nomina a titolare del dicastero della Pubblica amministrazione. Di che si tratta? Del vizio italico del doppio incarico.

Griffi, 56 anni, magistrato e consigliere di Stato, è stato capo dell’ufficio legislativo di diversi ministri per la Funzione pubblica: da Cassese a Frattini, da Motzo a Bassanini e a Brunetta. Un curriculum di tutto rispetto. E' stato pure capo di gabinetto del ministro per le Riforme Istituzionali Amato e capo del Dipartimento per gli Affari giuridici e legislativi della presidenza del Consiglio Prodi. L’ultimo incarico che ha ricoperto è stato quello di segretario generale dell’Autorità Garante delle Comunicazioni.

Un anno fa era stato intervistato dal programma della Gabanelli in merito a un'inchiesta sui magistrati fuori ruolo. In pratica, si parlava di quei magistrati prestati temporaneamente ad altri incarichi, che continuavano comunque a percepire un dignitosissimo stipendio: centinaia di migliaia di euro l’anno. Per la precisione: 150mila euro più 200mila euro all'anno.

E' questo il caso di Griffi, appunto. Il quale, a Report (guarda il video al minuto 4.20) si era giustificato in questo modo: "Forse la cosa si può anche trasformare. La realtà è questa, cioè che messa così: tu vieni pagato da un ente e non lavori per quell’ente non si presenta molto bene, evidentemente. Se invece si cambia un attimo la prospettiva, e si considera che...in realtà, io vengo pagato per il tipo di lavoro che svolgo e, se non fossi un magistrato, prenderei la stessa cosa, più o meno, solo che probabilmente lo prenderei tutto dall’amministrazione...in cui presto l’attività lavorativa". Insomma, per Griffi come inizio non c'è male.


http://www.ilgiornale.it/interni/polemica_doppio_stipendiodel_ministro_patroni_griffi/filippo_patroni_griffi-doppio_stipendio-doppio_incarico-funzione_pubblica-ministro/29-11-2011/articolo-id=559565-page=0-comments=1
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 30/11/2011 @ 08:44:17, in Magistratura, linkato 1556 volte)
QUIRINALE: NUOVI MAGISTRATI,
DA RISCRIVERE DELIBERA CSM


Giorgio Napolitano fa riscrivere al Csm la delibera che riguarda l'assegnazione delle sedi ai 252 magistrati vincitori dell'ultimo concorso, invitando il Consiglio a tenere conto della nuova legge delega sulla revisione delle circoscrizioni giudiziarie, quindi anche, e soprattutto, di quegli uffici giudiziari che sono inevitabilmente destinati ad essere soppressi.

  Il precedente provvedimento era stato approvato all'unanimità dal plenum del Consiglio Superiore della Magistratura, ma sul nuovo invece, sembrano esistere profonde spaccature interne fra le diverse correnti. La maggioranza dei magistrati conferma di avere cercato di seguire criteri oggettivi nell'assegnazione delle sedi, respingendo il famigerato criterio dell' "ultimo arrivato" che vuole assegnate le sedi più ostiche ai nuovi magistrati. Chi invece ha votato contro la delibera, obietta un non rispetto per le indicazioni fornite dal Colle con una esclusione quasi aprioristica di quegli uffici giudiziari che già si trovano in uno stato di grave carenza con in più il gravoso e difficile compito di essere situati in zone ad alto rischio criminalità organizzata.   Il relatore della seduta straordinaria di delibera, commentando il risultato della votazione, ha fatto intendere come sussista una " evidente sproporzione tra l'effettivo numero di posti scoperti nelle varie procure italiane ( in tutto sarebbero 845 posti vacanti ) e i 252 magistrati nuovi di nomina.  Ricordiamo che la nuova legge delega, di cui ci siamo ampiamente occupati, prevede l'eliminazione dei tribunali che non hanno sede nei capoluoghi di provincia, con alcune eccezioni riguardanti per esempio, le zone ad alta densità mafiosa. Si è cercato dunque di rispettare innanzitutto il criterio della provincia, distribuendo poi il resto tra gli uffici "minori", che altrimenti, sarebbero costretti alla chiusura, per carenza di personale, tanto che, sottolinea il presidente dell'assemblea, alcuni dei magistrati con il punteggio più alto sono stati inviati al Nord Italia in sedi come Torino e Milano . Secondo i magistrati che hanno votato contro, invece, le indicazioni di Giorgio Napolitano non sono state prese in considerazione a sufficienza, proprio perché le grandi sedi sono state favorite e, contemporaneamente sono stati inviati magistrati in sedi che sono inevitabillmente destinate alla chiusura, con una conseguente grave penalizzazione di uffici come Marsala e Vibo Valentia dove il tasso di criminalità é altissimo.  Intanto, Giorgio Napolitano, dalla cerimonia di insediamento  della Scuola Superiore di Magistratura, caldeggia la "trasmissione di un valido codice deontologico, volto ad affermare il necessario rigore nel costume e nei comportamenti del magistrato. Così da favorire un esercizio responsabile dei poteri di giudice o di pubblico ministero, e che, tra l’altro, consenta alla magistratura italiana di contribuire alla costituzione dello spazio giuridico europeo e internazionale”.

http://www.justicetv.it/index.php/news/1389-quirinale-nuovi-magistrati-da-riscrivere-delibera-csm
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Maddalena: «Le correnti non devono
influire sulla composizione del Csm»

Per Giorgio Napolitano la riforma della giustizia è un «obiettivo indifferibile». Il procuratore generale di Torino Marcello Maddalena propone a Tempi.it: «Separiamo nel Csm chi ha funzioni disciplinari da chi ha compiti amministrativi e limitiamo, per non dire eliminiamo, l'influenza delle correnti sulla scelta dei magistrati che entrano nel Csm»

«Questo è sicuramente un momento più favorevole per mettere mano alla giustizia. Rispetto alla precedente legislatura, con il nuovo governo c'è meno tensione, però la parola "riforma" può avere molti contenuti. Se ad esempio si parla di separazione delle carriere, credo che i magistrati farebbero ancora ostruzionismo, io mi dirigerei su altre misure». Marcello Maddalena, procuratore generale di Torino, commenta a Tempi.it le parole del capo dello Stato Giorgio Napolitano, secondo cui la riforma della giustizia è un «obiettivo indifferibile»: «Occorre razionalizzare l'organizzazione giudiziaria, snellire i processi e assicurare la certezza del diritto», ha dichiarato la scorsa settimana.

Neanche davanti alle parole di Napolitano, i magistrati si apriranno a una possibile riforma?
Non è questione di essere più o meno aperti, dipende da che cosa si vuole fare. Io modificherei il funzionamento e il sistema elettorale del Csm: su questo in tanti sarebbero disposti a discutere. Ma se cominciamo a parlare di un Consiglio superiore per i giudici e un altro per i pm, non ci saranno passi avanti.

Lei che cosa propone?
Posto che io non rappresento la magistratura, due cose. La prima è la separazione tra chi ha funzioni disciplinari e chi ha funzioni amministrative all'interno del Csm. La commistione attuale non è opportuna: chi decide la promozione o il trasferimento dei magistrati, un ambito dove le correnti influiscono molto, non può anche decidere le eventuali sanzioni disciplinari. C'è sempre il rischio, altrimenti, che i pregiudizi abbiano la meglio sui fatti.

E la seconda proposta?
Allo stesso tempo bisognerebbe anche cambiare l'elezione dei magistrati nel Csm con lo scopo di ridurre, se non cancellare del tutto, l'influenza delle correnti sulla sua composizione. Io non voglio eliminare le correnti, però devono incidere di meno, il consigliere deve essere più legato al territorio che al gruppo di riferimento.

Napolitano, nel luglio scorso, lamentava l'eccessivo «protagonismo» di certi magistrati. Che cosa ne pensa?
Non c'è dubbio che la presenza di Berlusconi al governo abbia portato alcuni magistrati ad assumere comportamenti "particolari" per contrastare attacchi e alcuni tentativi di riforma. Napolitano ha ragione.

L'Europa ha emesso una sentenza di condanna nei confronti dell'Italia per il carattere troppo limitato della responsabilità civile dei magistrati.
Non ho ancora letto la sentenza e non posso giudicarla. Però non darei sempre retta a priori all'Europa perché non sempre quello che dice va preso come se fosse scritto sulle tavole del Sinai. Comunque credo che il sistema attuale previsto dalla legge sia equilibrato. Se lo si cambia, si rischia di incidere negativamente sull'indipendenza del giudice, che potrebbe inconsapevolmente essere portato a favorire il più forte a danno del più debole.

Però si sono verificati molti casi di malagiustizia dove nessun magistrato è stato sanzionato per gli errori commessi.
Finché la giustizia è amministrata dagli uomini e non da Dio ci saranno sempre errori e sentenze sbagliate. Fa parte della fallibilità della natura umana. Però è importante garantire l'indipendenza di giudizio dei magistrati. Devono potere fare il loro lavoro con serenità. Questo, purtroppo, non eliminerà gli errori.

http://www.tempi.it/maddalena-le-correnti-non-devono-influire-sulla-composizione-del-csm
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 28/11/2011 @ 13:30:40, in Magistratura, linkato 1443 volte)
GIUSTIZIA: PALAMARA,
STOP A TABU' CORPORATIVI
AVANTI CON PROPOSTE

 

(ASCA) - Roma, 25 nov - ''Troppo facile dire lo avevamo detto, ma alcune cose che ci chiede l'Europa noi le anticipammo nel maggio 2009 quando, intorno a un tavolo affrontammo alcune priorita' che, in quel momento, non coincidevano con l'agenda politica''. Lo ha dichiarato il presidente dell'Anm, Luca Palamara, intervenendo alla VII conferenza nazionale dell'Avvocatura in corso a Roma. Il presidente dell'Associazione nazionale magistrati, in merito alla richiesta dell'Europa di ridurre del 20% l'arretrato civile, sostiene che e' arrivato il momento ''di rilancaire con forza delle proposte, mettendo da parte, ognuno nel suo ambito, i tabu' corporativi''.
''Gli argomenti che dividono l'avvocatura e la magistratura - ha spiegato Palamara dal palco dell'assemblea - devono essere accontonati. L'avvocatura e la magistratura possono con forza rilanciare il patto dei punti strategici e dare un segnale al Paese''.
''Oggi in Italia e' di moda la contrapposizione'' cosa che, ha assicurato il presidente dell'Associazione nazionale magistrati, '' non esiste fra noi e l'avvocatura''. Confronto aperto anche sui temi dei ''minimi tariffari, della mediaconciliazione obbligatoria e del numero spropositato degli avvocati''. elt/lus/alf


GIUSTIZIA: PALAMARA, BASTA CHIACCHIERE ORA SERVONO I FATTI
 

(ASCA) - Roma, 25 nov - ''Basta chiacchiere, oggi ancora piu' di ieri, c'e' necessita' di fatti''. E' quanto sostiene Luca Palamara, presidente dell'associazione nazionale magistrati, intervenendo alla VII conferenza nazionale dell'Organismo Unitario dell'Avvocatura italiana (Oua).
''Dislocazione diversa dei tribunali sul territorio, seria politica di informatizzazione e istituzione dell'Ufficio del Processo'', secondo Palamara e' da questi tre principi che si dovra' partire per ridare al Paese una magistratura attrezzata e professionale. ''Mi auguro - ha proseguito Palamara - che da questo palco si rilancino i punti strategici per ridare un forte segnale al Paese''. elt/lus/rob


GIUSTIZIA: PALAMARA, SENTENZA UE NON EVOCHI EMENDAMENTO PINI
 

(ASCA) - Roma, 25 nov - ''La sentenza della Corte di giustizie europea sulla responsabilita' civile dei giudici non sia in alcun modo lo spunto per rievocare situazioni su cui e' gia' stato detto e chiarito tutto''. Lo ha dichiarato a margine della conferenza dell'Oua, il presidente dell'Anm, Luca Palamara, facendo riferimento all'emendamento Pini sulla responsabilita' civile dei magistrati.
''In assonanza con l'ordinamento europeo il nostro sistema gia' prevede la responsabilita' diretta dello Stato e indiretta dei magistrati in caso di dolo e colpa grave'', ha sottolineato Palamara. elt/lus/alf


GIUSTIZIA: DE TILLA (OUA), SI' A TAVOLO
CON MAGISTRATI PER RIFORMA

 

(ASCA) - Roma, 25 nov - Aumento del numero dei giudici, richiamando anche i magistrati che svolgono il ruolo di funzionari nei ministeri, ufficio del giudice attrezzato, piu' prassi virtuose e manager nella giustizia, aumento dei giudici 'laici' e un processo telematico generalizzato e non piu' a macchia di leopardo. Sono le proposte avanzate dal presidente dell'Oua, Maurizio de Tilla, durante la VII conferenza nazionale dell'Avvocatura, in corso a Roma.
De Tilla si e' detto anche disposto alla proposta annunciata stamattina dal presidente dell'Anm, Luca Palamara, di un tavolo comune fra avvocati e magistrati per dettare le priorita' per riformare la giustizia.  elt/cam/rob


GIUSTIZIA: ALPA (CNF), CRISI NON SIA
ALIBI PER COMPRIMERE DIRITTI

 

(ASCA) - Roma, 25 nov - ''Le norme sulla stabilita' sono pericolose perche' attentano ai diritti dei cittadini, la cui tutela spetta all'avvocatura. La crisi economica non puo' essere un alibi per comprimere i diritti fondamentali. Il diritto di difesa e' un diritto insopprimibile dei cittadini, costituzionalmente garantito. Qualunque sia il suo costo.
Altrimenti l'Italia abdichera' ai principi di civilta' democratica. Questo e' il rischio se si antepongono le ragioni dell'economia a quelle dei diritti''. Lo ha chiesto oggi Guido Alpa, presidente del Consiglio Nazionale Forense, intervenendo alla VII Conferenza nazionale dell'avvocatura che si sta svolgendo oggi a Roma.
Per garantire i diritti dei cittadini a una giustizia giusta, non venduta ai poteri forti, alle societa' di capitali, a soggetti non qualificati, l'avvocatura avanza la sua offerta al governo ''di mettersi al servizio del Paese impegnandosi a gestire l'arretrato, per evitare la svendita dei loro diritti.
L'avvocatura non abdica alla sua responsabilita' sociale'', ha detto Alpa.
Il presidente del Cnf ha denunciato il vento europeo della liberalizzazione, che pero' spira solo su alcuni Paesi.
''La commissione europea ci deve dire perche' il monopolio degli avvocati Cassazionisti in Francia (98 legali) e Germania (54) non e' mai stato scalfito. In Italia i cassazionisti sono 46mila: siamo gia' in un regime di concorrenza''. com-elt/lus/rob
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 28/11/2011 @ 13:07:23, in Magistratura, linkato 2092 volte)
Prosciolto il procuratore Antonio La Rana
da 29 capi di imputazione

2011-11-25 02:16:35 

E' stato prosciolto dal tribunale di Vasto il dottor Antonio La Rana, attuale reggente della Procura generale presso la Corte d'Appello di Campobasso.

L'alto magistrato era accusato di numerosi reati, tra cui concussione, abuso d'ufficio, favoreggiamento personale, accesso abusivo al sistema informatico della procura di Vasto e rivelazione di segreti d'ufficio. Il rinvio a giudizio era stato disposto dal giudice per l'udienza preliminare di Bari, competente per i reati contestati ai magistrati in servizio in Molise. Insieme a La Rana erano state rinviate a giudizio altre 14 persone, tra cui tre carabinieri. Secondo il quadro accusatorio, il magistrato avrebbe interferito nelle attività amministrative del Comune di Vasto e nell'attività giudiziaria del tribunale della città adriatica. Accuse smontate dalla difesa. La Rana ha tenuto una conferenza stampa per raccontare il suo punto di vista annunciando azioni legali e denunciando quelle che ha definito "anomalie" nel processo che lo ha visto nella scomoda veste di imputato.

http://www.altromolise.it/notizia.php?argomento=cronaca&articolo=49422

La Rassegna

La Rana ricorrerà alle vie legali: "Far luce sulla mia vicenda"

Vasto Web - ‎25/nov/2011‎
VASTO - Ricorrerà alle vie legali Antonio La Rana, il magistrato vastese definitivamente prosciolto due giorni fa anche dall'ultimo filone dell'inchiesta, su di lui e altre 11 persone partita nel 2003. "Per 8 lunghi anni abbiamo parlato del nulla", ...

Assoluzione del giudice La Rana: «apparati deviati dello Stato ...

PrimaDaNoi.it - ‎25/nov/2011‎
VASTO. Dopo l'assoluzione dei giorni scorsi il magistrato ieri mattina ha convocato una conferenza stampa nell'ufficio del suo legale. E' stato molto duro, ha confermato di avere ancora fiducia nella magistratura ma ha parlato anche ti apparati dello ...

Prosciolto il procuratore Antonio La Rana da 29 capi di imputazione

AltroMolise - ‎24/nov/2011‎
E' stato prosciolto dal tribunale di Vasto il dottor Antonio La Rana, attuale reggente della Procura generale presso la Corte d'Appello di Campobasso. L'alto magistrato era accusato di numerosi reati, tra cui concussione, abuso d'ufficio, ...

LA RANA: “STATO FACCIA LUCE SU PAGINA BUIA GIUSTIZIA”

Diritto-oggi - ‎24/nov/2011‎
(AGI) - Vasto (Chieti), 24 nov. - “Sia lo Stato, con i suoi apparati, a far luce su una pagina buia della giustizia”. Lo ha detto stamane Antonio La Rana, gia' sostituto procuratore della repubblica a Vasto (Chieti), nel corso di una conferenza stampa ...

Il giudice La Rana assolto dopo diversi anni

Termoli Online - ‎23/nov/2011‎
VASTO. Non luogo a procedere. Con questa formula il Gup del Tribunale di Vasto, Stefania Izzi, ha prosciolto il magistrato vastese Antonio La Rana e le altre 10 persone coinvolte in un filone d'inchiesta iniziato a Bari e successivamente trasferito in ...

Processo La Rana: tutti assolti

il Nuovo Molise - ‎23/nov/2011‎
Al termine di un iter processuale durato ben 8 anni, e che vedeva coinvolto anche il magistrato Antonio La Rana, attualmente procuratore generale reggente presso la Corte d'Appello di Campobasso, sono stati assolti ieri pomeriggio perché il fatto non ...

Ombreggi Vasto, assoluzione per il magistrato La Rana e altri tre

PrimaDaNoi.it - ‎22/nov/2011‎
VASTO. Assolti perché il fatto non sussiste dopo nove anni. Per due dipendenti della cancelleria reati prescritti. Gli imputati per la vicenda degli "ombreggi" relativa all'assegnazione da parte della Regione Abruzzo delle licenze stagionali per ...
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 28/11/2011 @ 13:04:59, in Estero, linkato 1619 volte)
Giustizia lumaca,
Polonia batte Italia 1 anno a 6

Ladri canonica condannati in patria, qui processo ancora aperto


24 novembre, 19:40

(ANSA) - ANCONA, 24 NOV - La giustizia polacca batte quella italiana: un anno per arrivare a sentenza in Polonia; in Italia, a sei anni di distanza dal reato, il processo e' ancora aperto.

Oggetto del dibattimento, un furto compiuto sei anni fa da due cittadini polacchi in una parrocchia di Chiaravalle, all'epoca affidata ad un sacerdote loro connazionale. Il prete e' riuscito a individuare i ladri, nel frattempo rientrati in patria, tramite un connazionale parlamentare e investigatore privato: i due sono gia' stati arrestati e condannati in Polonia. (ANSA).
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13
Ci sono  persone collegate

< agosto 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
     
             






Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (38)
Associazioni Giustizia (52)
Economia (86)
Estero (187)
Giuristi (134)
Gruppo Cellule Staminali (1)
Indagini (210)
Lavoratori Giustizia (1)
Magistratura (2170)
Osservatorio (1)
Osservatorio Famiglia (512)
Politica (926)
Redazionale (68)
Sindacati Giustizia (326)
Sindacato (221)
Telestreet (7)
Varie (82)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017

Gli interventi piů cliccati

Titolo
Bianco e nero (236)
I gatti di G.Q. (25)

Le fotografie piů cliccate

Titolo
G.Q. Non ha mai pubblicato pubblicità in otto anni e se iniziasse ora?

 Si, a me non disturba
 No, non mi piace



Titolo






A.N.M.
A.N.M. new
A.D.M.I.
Argon News
A.I.M.M.F.
Argon News Redazione
Artists Against War
Articolo 3
BloggersPerLaPace
Comitato Sfruttatori ATU
Commissariato PS Online
dBlog.it Open Source
Erga Omnes
Eugius
Filo Diritto
Intesaconsumatori
Geopolitica
Giuristi Democratici
Giuristi Democratici Roma
Magistratura Democratica
M.D. Toscana
Medel
Medicina Democratica
Magistratura Indipendente
Movimento per la Giustizia
Nazionale Magistrati
Non Solo Giustizia
Osservatorio Bresciano
Osservatorio Romano
Sorgente D'Amore
Studio Cataldi
Studio Celentano
Studio Tidona
Toghe Lucane
Uguale per Tutti
Unitŕ per la Costituzione
Unicost Milano
Unione Internazionale Magistrati
Morandi Senato
About me







http://www.wikio.it
Wikio
Iscriviti a GQ su FriendFeed
Blogstreet - dove il blog č di casa
Iscriviti a GQ su Twitter
Powered by FeedBurner


Blog Link










17/08/2017 @ 7.39.39
script eseguito in 468 ms