Immagine
 .. riflessi in un cactus ..... di Lunadicarta
 
"
I crimini sono creati dal parlamento; perché c'è bisogno di un poliziotto per fare un criminale. Non si diventa criminali infrangendo la legge, ma standoci lontano.

Margaret Eleanor Atwood
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Loredana Morandi (del 29/10/2010 @ 08:37:01, in Sindacati Giustizia, linkato 2705 volte)
I primi a dare la notizia sul suicidio della collega sono i cc giornalisti della testata online Carabinieri d'Italia Magazine, che descrivono il gesto della giovane miss e tenente dell'Arma come dato davanti al battaglione schierato. Molti, soprattutto le agenzie, hanno ripreso la notizia tale quale. Spero che nelle prossime ore avremo notizia dell'apertura di una indagine presso la Procura Militare competente. Mi riesce davvero difficile credere che la Miss, ragazza immagine per i poster dei Carabinieri dello scorso anno, possa essersi improvvisamente trasformata in "ladra" di effetti personali. Anche ipotizzando gesti compiuti nel contesto di una relazione finita, in ambiente militare solo una qualche sorta di operazione persecutoria di stalking può aver condotto il tenente ad un gesto tanto estremo. L.M.

Tenente carabinieri suicida in caserma:
fu Miss Abruzzo e finalista a Miss Italia

http://www.giustiziaquotidiana.it/public/4185.jpg

Claudia Racciatti, 29 anni, si è sparata al cuore nel suo ufficio nella caserma di viale Giulio Cesare

ROMA (28 ottobre) - La tenente dell'arma dei carabinieri, Claudia Racciatti, 29 anni, finalista di Miss Italia nel '99, testimonial ufficiale per l'Arma ed ex Miss Abruzzo, si è suicidata con un colpo di pistola al cuore nel proprio ufficio nella caserma Carlo Alberto Dalla Chiesa in viale Giulio Cesare, a Roma,

Claudia Racciatti temeva forse di subire un'azione disciplinare: è questa una delle ipotesi relative al motivo del suicidio. Sembrerebbe, infatti, che l'ufficiale fosse stata accusata da alcuni commilitoni della sottrazione di beni personali. Per accertare e chiarire l'intera vicenda i carabinieri hanno ascoltato amici e familiari della tenente.

La notizia del suicidio ha causato sgomento e sconcerto a Vasto, la città abruzzese di cui era originaria Claudia Racciatti. La ragazza, vivace ed estroversa, era molto nota in città: lo scorso anno il suo volto sorridente era apparso su un manifesto dei carabinieri distribuito in tutti i Comuni d'Italia per lanciare il il corso per Allievi ufficiali dell'Arma presso l'Accademia militare di Modena. Claudia Racciatti si era arruolata vincendo il concorso dei Carabinieri nel 2003. L'ufficiale era la figlia di Domenico Racciatti, comandante della stazione del Corpo Forestale dello Stato di Vasto.

La Stampa

La Rassegna

 
 
 
 

Si ammazza in caserma la miss diventata tenente

La Stampa - ‎1 ora fa‎
Si Chiamava Claudia Racciatti, aveva 29 anni e il grado di tenente. E' morta ieri mattina in un ufficio della Scuola Allievi Carabinieri: si è uccisa con un ...
 

Cc suicida, forse temeva sanzione.Roma, interrogati amici e familiari

TGCOM - ‎9 ore fa‎
La tenente Claudia Racciatti, che si è tolta la vita sparandosi con la pistola d'ordinanza nella caserma Dalla Chiesa a Roma, temeva forse di subire ...
 

Suicida a Roma una tenente dei carabinieri

ANSA.it - ‎10 ore fa‎
(ANSA) - ROMA, 28 OTT - Una tenente dei carabinieri, Claudia Racciatti di 29 anni, si e' uccisa sparandosi un colpo al cuore con la pistola d'ordinanza, ...
 

Si suicida una tenente Carabinieri La giovane fu Miss Abruzzo ...

TGCOM - ‎13 ore fa‎
E' morta così la tenente dell'Arma dei carabinieri, Claudia Racciatti. Una bella ragazza di 29 anni che era stata Miss Abruzzo Rocchetta e che partecipò ...
 

Suicida in caserma la miss tenente dei carabinieri

il Giornale - ‎2 minuti fa‎
Claudia Racciatti, 29 anni, bellissima tenente dei carabinieri, originaria di Vasto (Chieti), è morta così ieri mattina a Roma, nella caserma Carlo Alberto ...
 

MUORE SUICIDA DAVANTI A BATTAGLIONE SCHIERATO DONNA IMMAGINE CC

AGI - Agenzia Giornalistica Italia - ‎14 ore fa‎
Claudia Racciatti, 29 anni, tenente dei carabinieri, originaria di Vasto (Chieti), e' morta stamane a Roma, nella caserma Carlo Alberto Dalla Chiesa di ...
 

Tragedia tra i carabinieri a Roma. Suicida la tenente Claudia ...

Giornale Radio Rai - ‎19 minuti fa‎
Si è sparata un colpo al cuore Claudia Racciatti, 29 anni, originaria di Vasto. Sconosciuti al momento i motivi del gesto della tenente, voci parlano di ...
 

Si spara davanti al battaglione suicida una donna carabiniere

La Repubblica - ‎18 ore fa‎
Claudia Racciatti, tenente dell'Arma, si è tolta la vita all'interno della caserma Carlo Alberto Dalla Chiesa di via Giulio Cesare. ...
 

Tenente carabinieri si è uccisa in caserma a Roma con sua pistola

APCOM - ‎3 ore fa‎
(Apcom) - Il tenente dei carabinieri Claudia Racciatti, 29 anni, si è uccisa con un colpo di pistola nella caserma Carlo Alberto Dalla Chiesa di viale ...
 

Tenente carabinieri suicida in caserma: fu Miss Abruzzo e ...

Il Messaggero - ‎12 ore fa‎
Claudia Racciatti temeva forse di subire un'azione disciplinare: è questa una delle ipotesi relative al motivo del suicidio. ...
 

CLAUDIA RACCIATTI/ Si suicida in caserma, la carabiniere è una ex ...

Il Sussidiario.net - ‎11 ore fa‎
CLAUDIA RACCIATTI - L'hanno trovata morta in serata, Claudia Racciatti, Ex-Miss Abruzzo Rocchetta 1999 e finalista a Miss Italia lo stesso anno si è sparata ...
 

Roma, tenente dei carabinieri ex finalista Miss Italia '99 si ...

Adnkronos/IGN - ‎13 ore fa‎
Roma - (Adnkronos) - Claudia Racciatti, 29 anni, si è uccisa con un colpo di pistola nella caserma Carlo Alberto Dalla Chiesa. La tenente era stata anche ...
 

Suicida Claudia, ex aspirante Miss Italia. Arma sotto shock

Libero News - ‎9 ore fa‎
L'ex (aspirante, ndr) Miss Italia Claudia Racciatti, 29 anni, giovane ufficiale molto conosciuta e apprezzata nell'Arma, si è tolta la vita nella tarda ...
 

Roma: tenente carabinieri ex miss suicida in caserma

Il Secolo XIX - ‎13 ore fa‎
(Adnkronos) - Si e' suicidata con un colpo di pistola la tenente dei carabinieri, Claudia Racciatti, 29 anni, ex Miss Abruzzo Rocchetta. ...
 

Suicida in caserma tenente dell'Arma Era la testimonial

Quotidiano.net - ‎2 minuti fa‎
Claudia Racciatti fu finalista a Miss Italia nel '99. Uno sparo al cuore. Pare che alcuni suoi colleghi l'avessero appena accusata di sottrazione di beni ...
 

Prati, tenente dei carabinieri si suicida in caserma

RomaToday - ‎13 ore fa‎
Da una rapida ricerca sulla rete è facile apprendere il suo nome che è Claudia Racciatti di Vasto. Al concorso ha partecipato con il numero 98. ...
 

Tenente e già miss Abruzzo si spara in caserma

In dies - ‎2 ore fa‎
Ieri mattina, il tenente Claudia Racciatti, 29 anni, si è uccisa all'improvviso con un colpo di pistola davanti a due colleghi. La donna, che era già stata ...
 

Roma, shock in caserma: si suicida Miss Abruzzo

Barimia - ‎1 ora fa‎
Claudia Racciatti di 29 anni, si è uccisa sparandosi un colpo al cuore con la pistola d'ordinanza. La tragedia è avvenuta in pochissimi istanti, ...
 

Tenente dei Carabinieri si suicida davanti a due colleghi

italiah24.it - ‎13 minuti fa‎
Roma, 29 ottobre 2010 - Bella, famosa, diventata per passione un Ufficiale dei Carabinieri, Claudia Racciatti, 29 anni, tenente dell'arma, si è uccisa ieri ...
 

La miss si spara, choc in caserma

chenotizia.it - ‎4 ore fa‎
Ieri Claudia Racciatti, 29 anni, miss Rocchetta Abruzzo e finalista a Salsomaggiore, si è tolta la vita a Roma con la pistola d'ordinanza: un colpo al cuore ...
 

Roma, una giovane tenente dei Carabinieri si toglie la vita sparandosi

Italia News - ‎10 ore fa‎
(IAMM) Claudia Racciatti, una giovane tenente dei Carabinieri di 29 anni, si è tsparandosi con la sua pistola di ordinanza. La ragazza era in ufficio presso ...
 

Da finalista di Miss Italia a tenente dei Carabinieri: si toglie ...

Barimia - ‎12 ore fa‎
Č quanto è stata capace di fare Claudia Racciatti, tenente dei Carabinieri nella Caserma Carlo Alberto Dalla Chiesa di Viale Giulio Cesare a Roma. ...
 

Claudia Racciatti, tenente cc si suicida, sgomento e sconcerto a Vasto

L'Impronta L'Aquila - ‎12 ore fa‎
La tenente dell'arma dei carabinieri, Claudia Racciatti, ex Miss Abruzzo Rocchetta, si è suicidata a Roma con un colpo di pistola. ...
 

Tenente si uccide in caserma. Fu Miss Abruzzo

Libero-News.it - ‎13 ore fa‎
 
 
Claudia era una delle due figlie di Domenico Racciatti, originario di Guilmi, comandante della stazione di Vasto del Corpo Forestale dello Stato.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
RdB USB GIUSTIZIA: CAOS NEGLI UFFICI
ABBANDONATI A SE’ STESSI DAL MINISTERO



Fallite le procedure di conciliazione. Imminente lo sciopero nazionale degli straordinari



Si è svolto al Ministero del Lavoro il tentativo di conciliazione tra Ministero della Giustizia ed RdB/USB Pubblico Impiego, la quale, sin dal 15 settembre scorso, aveva sollecitato l’Amministrazione a fornire risposte in merito all’applicazione del nuovo ordinamento professionale e del contratto integrativo, la cui applicazione ha generato un caos di competenze negli uffici giudiziari provocando ulteriori disagi a cittadini e lavoratori.

La RdB/USB P.I. ha evidenziato come i lavoratori siano attualmente in balia di una sorta di “federalismo giudiziario” fai da te, con mansioni stabilite da ordini di servizio spesso discordanti tra loro e frutto di interpretazione dei capi dei diversi uffici, rimasti a loro volta abbandonati dal Ministero.

L’Amministrazione ancora una volta non ha fornito alcun chiarimento sui nuovi profili, né ha definito quando e come provvederà ad emanare precise direttive, né ha dato indicazioni su come e quando inizieranno i corsi formativi per le nuove figure professionali.

La RdB/USB P.I., considerando tale atteggiamento segno di palese disinteresse nei confronti del servizio e dei lavoratori, i quali in perfetta solitudine e senza essere stati adeguatamente istruiti sono chiamati ancora una volta a sostituirsi a chi dovrebbe far funzionare gli uffici giudiziari, ha ritenuto fallito il tentativo di conciliazione. Per questo proclamerà in tutti gli uffici giudiziari d’Italia l’astensione dalle prestazioni di lavoro straordinario, le cui modalità verranno presto rese note.

Saluto tutti

Pina Todisco
Rappresentanze di Base - Pubblico Impiego

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 28/10/2010 @ 15:17:56, in Magistratura, linkato 1573 volte)
Una news di Adnkronos riporta la dichiarazione dell'imam integralista, che ha deciso di impegnarsi in politica nel suo paese e che con il risarcimento dal processo fonderà un partito islamico. Oggi e domani, alcuni fortunati a Roma e a Firenze potranno udire il racconto del caso Abu Omar dalla viva voce del procuratore aggiunto Armando Spataro. L.M.

Appello Abu Omar, chiesti 12 anni

per ex capo del Sismi Pollari


MILANO (Reuters) giovedì 28 ottobre 2010 11:32 - Il pubblico ministero ha chiesto oggi di infliggere la pena di 12 anni di carcere all'ex capo del servizio segreto militare Niccolò Pollari, nell'ambito del processo per il rapimento dell'imam egiziano Abu Omar.

L'accusa ha chiesto 12 anni anche per Jeff Castelli, ex responsabile dell'ufficio della statunitense Cia a Roma, mentre per Marco Mancini, ex dirigente del Sismi (oggi Aise), e Robert Seldon Lady, ex capo della Cia a Milano, la richiesta è stata di 10 anni.

Otto anni di carcere sono stati chiesti invece per gli altri imputati statunitensi.

La vicenda riguarda il rapimento di Abu Omar nell'ambito di una cosiddetta operazione di "rendition", il suo trasferimento in Egitto, dove il religioso ha raccontato di essere stato torturato nel corso degli interrogatori e di essere stato detenuto per anni senza che gli venissero formalizzate accuse. All'epoca del rapimento, l'imam era imputato a Milano per terrorismo internazionale.

Nei giorni scorsi Pollari aveva chiesto di interpellare il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi per avere una conferma dell'esistenza del segreto di Stato su atti che, a suo dire, ne dimostrerebbero l'innocenza.

Pollari aveva ribadito la sua "assoluta estraneità ai fatti", aggiungendo di non poter "esercitare il diritto di difesa a causa della presenza del segreto di Stato".

L'ex numero uno del Sismi aveva spiegato che 88 documenti dimostrerebbero la sua innocenza, ma che il loro contenuto è coperto da segreto di Stato.

L'ex capo del Sismi ha anche precisato di aver avuto ordine di rispettare il vincolo del segreto dai presidenti del Consiglio che si sono succeduti in questi anni.

Al termine del processo di primo grado nel novembre 2009, il giudice aveva dichiarato il non luogo a procedere, proprio a causa del segreto di Stato, per Pollari e per Mancini, mentre aveva condannato gli ex agenti Pio Pompa e Luciano Seno a tre anni di reclusione per favoreggiamento, Seldon Lady a otto anni per sequestro di persona e altri 22 ex agenti Cia a cinque anni, sempre per sequestro di persona.

La Rassegna

Abu Omar: appello, richieste pg

ANSA.it - ‎2 ore fa‎
(ANSA) - MILANO, 28 OTT - Dodici anni per l'ex direttore del Sismi Nicolo' Pollari e 10 anni per l'ex n.2 Marco Mancini: e' la richiesta del sostituto procuratore generale De Petris al processo d'appello sul sequestro di Abu Omar. ...

Appello Abu Omar, chiesti 12 anni per ex capo del Sismi Pollari

Reuters Italia - ‎3 ore fa‎
MILANO (Reuters) - Il pubblico ministero ha chiesto oggi di infliggere la pena di 12 anni di carcere all'ex capo del servizio segreto militare Niccolò Pollari, nell'ambito del processo per il rapimento dell'imam egiziano Abu Omar. ...

Caso Abu Omar, pg Milano chiede la condanna a 12 anni per Pollari

Adnkronos/IGN - ‎3 ore fa‎
Milano, 28 ott. (Adnkronos) - A conclusione della sua requisitoria, il sostituto procuratore generale di Milano, Piero De Petris, ha chiesto una condanna a 12 anni per l'ex direttore del Sismi, Niccolò Pollari, e 10 anni per il suo ex vice Marco ...

Abu Omar/ Pg: il sequestro ferì la coscienza del mondo

Virgilio - ‎3 ore fa‎
"Il sequestro di Abu Omar come altre operazioni di consegne straordinarie, di sparizione di persone ferisce la coscienza della comunità internazionale, tanto è vero che sono nate delle convenzioni per contrastare fatti specifici estremamente gravi". ...

Abu Omar: pg, 12 anni per Pollari e 10 per Mancini

ANSA.it - ‎2 ore fa‎
(ANSA) - MILANO, 28 OTT - Il sostituto procuratore generale ha chiesto 12 anni per l'ex direttore del Sismi Nicolo' Pollari e 10 anni per l'ex numero 2 del servizio segreto Marco Mancini. La richiesta di Piero De Petris e' arrivata oggi nel processo ...

Caso Abu Omar: avvocato Madia, Pollari agnello sacrificale

Libero-News.it - ‎3 ore fa‎
Milano, 28 ott. (Adnkronos) - "La richiesta di condanna a 12 anni di reclusione per il generale Pollari non tiene conto delle risultanze processuali". E' quanto afferma Nicola Madia difensore dell'ex direttore del Sismi, accusato del sequestro di Abu ...

Abu Omar, il Pg chiede 12 e 10 anni per Nicolò Pollari e Marco Mancini

L'Unione Sarda - ‎2 ore fa‎
Il sostituto procuratore generale, Piero De Petris, ha chiesto 12 anni di reclusione per l'ex direttore del Sismi Nicolò Pollari e 10 anni per l'ex numero 2 del servizio segreto Marco Mancini nel processo milanese d'appello sul sequestro di Abu Omar. ...

Appello Abu Omar: l'accusa chiede 12 anni per Pollari

Italia News - ‎2 ore fa‎
(IAMM) Il pubblico ministero ha chiesto la pena di 12 anni di detenzione per l'ex capo del Sismi Niccolò Pollari, nell'ambito del processo di appello per il rapimento dell'imam egiziano Abu Omar. L'accusa ha sollecitato anche una condanna a 10 anni per ...

Caso Abu Omar, chiesti 12 anni per ex capo del Sismi Pollari

Barimia - ‎1 ora fa‎
Dodici anni di reclusione. E' la pena chiesta dal pubblico ministero all'ex-capo dei servizi segreti Niccolò Pollari, ritenuto uno degli organizzatori del sequestro dell'imam Abu Omar e per la qual cosa Pollari è stato imputato. ...

ABU OMAR: PG CHIEDE 12 ANNI IN APPELLO PER POLLARI

AGI - Agenzia Giornalistica Italia - ‎3 ore fa‎
(AGI) - Milano, 29 ott. - Il sostituto procuratore generale, Piero De Petris, ha chiesto la condanna a 12 anni di carcere per l'ex direttore del Sismi, Nicolo' Pollari, al termine della sua requisitoria nel processo d'appello per il sequestro dell'ex ...

Abu Omar, chiesti 12 anni per Pollari "Ferita la coscienza della ...

La Repubblica - ‎3 ore fa‎
MILANO - Il sostituto procuratore generale di Milano Piero De Petris al processo d'appello per il sequestro di Abu Omar, ha chiesto la condanna a 12 anni di reclusione per Nicolò Pollari, direttore del Sismi all'epoca del fatto, ea 10 anni per Marco ...

Abu Omar: PG chiede 12 anni per Nocolò Pollari

Corrispondenti.net - ‎29 minuti fa‎
Il sostituto procuratore generale, Piero De Petris, ha chiesto la condanna a 12 anni di carcere per l'ex direttore del Sismi, Nicolò Pollari, al termine della sua requisitoria nel processo d'appello per il sequestro dell'ex imam di Milano, Abu Omar. ...

ABU OMAR, CHIESTI 12 ANNI PER POLLARI E 10 PER MANCINI

CNR Media - ‎3 ore fa‎
Le condanne per i due ex dirigenti del Sismi chieste nell'ambito del processo per il rapimento del Mullah Abu Omar. In primo grado erano stati prosciolti per il segreto di Stato. Il sostituo procuratore generale di Milano Piero De Petris ha chiesto una ...
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 28/10/2010 @ 10:16:22, in Giuristi, linkato 1875 volte)
Si è costituito l'assassino
dell'Avvocato di Cassino


Ieri in serata si è costituito Natalino Di Mambro, sessantaduenne di Sant'Elia Fiumerapido. Alcune fonti riportano che si l'uomo si sia presentato dai Carabinieri con ancora in mano la pistola dell'omicidio. Il suo, a quanto si legge, è il dramma della povertà.

Una causa di lavoro andata male e la temuta messa all'asta della "casa" a favore, forse, della "controparte" in giudizio hanno fatto impazzire il Di Mambro.
L'uomo, che evidentemente si sentiva perseguitato fors'anche dalla malasorte, ha così condannato il suo avvocato per l'imperizia nel condurre la sua pratica.

Colpito nel suo studio di via Cimarosa a Cassino Massimo Pallini, avvocato civilista di 45 anni, è morto all'istante a seguito dei quattro colpi sparati dall'uomo, tre colpi lo hanno raggiunto al petto ed uno al collo. L'avvocato, descritto come "sorridente" e "scrupoloso" dai colleghi,  lascia la moglie e un bimbo di soli sette anni.

L.M.

La Rassegna

"L'ho ucciso per un'asta giudiziaria"

La Repubblica - ‎1 ora fa‎
CASSINO (Frosinone) - Massimo Pallini, l'avvocato di 49 anni ucciso ieri pomeriggio a Cassino, è stato assassinato per motivi legati a un'asta giudiziaria. Natalino Di Mambro, 62 anni, di Sant'Elia Fiumerapido, ieri mattina, appresa la notizia di aver ...

Cassino, si è costituito l'assassino Avvocato forse ucciso per ...

Il Messaggero - ‎38 minuti fa‎
ROMA (28 ottobre) - Si è costituito l'uomo che a Cassino ha ucciso con quattro colpi di pistola un avvocato civilista. L'uomo, sessantadue anni, si è presentato nella caserma dei Carabinieri, accompagnato dal suo legale. Avrebbe consegnato l'arma usata ...

Si è costituito il killer dell'avvocato di Cassino

Virgilio - ‎1 ora fa‎
Roma, 28 ott. (Apcom) - Si è costituito nella tarda serata di ieri l'uomo che a Cassino aveva ucciso nel pomeriggio, con quattro colpi di arma da fuoco, l'avvocato Massimo Pallini, 49 anni, nel suo studio in via Cimarosa. L'omicida, spiega oggi La ...

Avvocato freddato nello studio

Il Tempo - ‎4 ore fa‎
Vincenzo Caramadre CASSINO Uccide l'avvocato e poi si costituisce in Commissariato. Sei ore circa è durato il giallo sull'omicidio dell'avvocato Massimo Pallini. Il presunto assassino, Nicolino DM 60 anni di Sant'Elia Fiumerapido, si è consegnato agli ...

Cassino, avvocato ucciso si costituisce …

La Repubblica - ‎11 ore fa‎
NDM, 62 anni, si è consegnato agli uomini del commissariato. Aveva un vecchio contenzioso con il legale. L'uomo è entrato nello studio di Massimo Pallini alle 16 circa. Alle persone in sala d'attesa ha chiesto di poter entrare. ...

Avvocato freddato, l'assassino era convinto che fosse vittima di ...

il punto a mezzogiorno - ‎37 minuti fa‎
Una causa civile e la possibile vendita giudiziaria della casa sarebbe stato il movente che ha spinto ieri Natalino Di Mambro, ad impugnare la pistola, a recarsi nello studio del suo avvocato Massimo Pallini ea fare fuoco. L'uomo, che ieri sera alle ...

Cassino, si costituisce l'assassino dell'avvocato Pallini

Il Salvagente - ‎10 ore fa‎
Cssino. Un tranquillo pomeriggio di ottobre si trasforma, nel Comune laziale, in uno scenario da Far West. L'avvocato Massimo Pallini, intorno alle 16 di ieri, viene freddato con quattro colpi di pistola nel suo studio legale in via Cimarosa. ...

Avvocato freddato nello studio da un vecchio cliente deluso

il Giornale - ‎2 ore fa‎
Un avvocato, Massimo Pallini, 45 anni, ieri è stato ucciso nel suo studio di Cassino, in provincia di Frosinone. Freddato da quattro colpi d'arma da fuoco da un suo cliente di 62 anni. L'uomo si è costituito in serata e sembra che il motivo del suo ...

Cassino, avvocato ucciso con 4 colpi di pistola

RomagnaOggi.it - ‎12 ore fa‎
ROMA - Avvocato civilista giustiziato con quattro colpi d'arma da fuoco. La vittima è Massimo Pallini, 45 anni. L'episodio si è consumato mercoledì pomeriggio in uno studio legale a Cassino, in provincia di Frosinone. La vittima è stata colpita per tre ...

Avvocato ucciso a Cassino/ Movente legato ad asta giudiziaria

Affaritaliani.it - ‎1 ora fa‎
Massimo Pallini, l'avvocato di 49 anni ucciso ieri pomeriggio a Cassino, e' stato assassinato per motivi legati a un'asta giudiziaria. Natalino Di Mambro, 62anni, ieri mattina, appresa la notizia di aver perduto partedei suoi beni, ...

Era originario di Capranica l'avvocato ucciso a Cassino

Occhioviterbese - ‎2 ore fa‎
Era originario di Capranica, in provincia di Viterbo, Massimo Pallini, l'avvocato civilista di 45 anni, sposato e padre di un bambino di 7 anni, freddato da quattro colpi di arma da fuoco nel suo studio di Cassino, in provincia di Frosinone. ...

Cassino, avvocato ucciso in studio Assassinato a colpi di arma da ...

TGCOM - ‎16 ore fa‎
Massimo Pallini, un avvocato civilista di 45 anni, è stato ucciso con diversi colpi di arma da fuoco nel suo studio di Cassino, in provincia di Frosinone. L'uomo non si sarebbe mai occupato di cause di rilievo. Secondo fonti vicine agli investigatori, ...

Avvocato freddato da 4 colpi di pistola

Tuscia Web - ‎6 ore fa‎
Massimo Pallini di Capranica, ma trasferitosi da tempo a Cassino, è stato ucciso ieri nel suo studio legale. L'assassino e' un uomo di 62 anni che ha agito intorno alle 16, mentre nella sala d'attesa c'erano altri clienti del professionista. ...

Avvocato ucciso a colpi di pistola a Cassino

Libero-News.it - ‎16 ore fa‎
L'assassino ha aperto il fuoco dopo essere entrato nello studio del legale. Caccia all'uomo iallo a Cassino. Un avvocato è stato ucciso nel suo studio di via Cimarosa. Stando al racconto di alcuni testimoni, ad aprire il fuoco contro Massimo Pallini, ...

Cassino, avvocato ucciso con colpi arma da fuoco

ANSA.it - ‎16 ore fa‎
ROMA - Un avvocato e' stato trovato morto nel suo studio di via Cimarosa, a Cassino, in provincia di Frosinone, ucciso da colpi d'arma da fuoco. L'avvocato ucciso a Cassino si chiamava Massimo Pallini, aveva 45 anni. Era un avvocato civilista e, ...

Avvocato ucciso nel suo studio a Cassino -2-

Virgilio - ‎16 ore fa‎
L'uomo ucciso nel pomeriggio a Cassino in via Cimarosa si chiamava Massimo Pallini. Era un avvocato civilista. Da quanto si apprende da fonti investigative un vicino avrebbe notato una persona che sarebbe entrata nello studio legale e avrebbe poi ...

CASSINO, LEGALE UCCISO NEL SUO STUDIO

Expoitalyonline - ‎1 ora fa‎
By Redazione – 28 ottobre 2010 Posted in: Cronaca, Ultim'ora Quarantacinque anni, civilista, Massimo Pallini è stato ucciso nel suo studio a Cassino, nel Frusinate. I clienti in sala d'attesa hanno visto un uomo entrare nell'ufficio del legale. ...

Cassino, avvocato ucciso nel suo studio: freddato con 4 colpi di ...

Barimia - ‎15 ore fa‎
Un uomo entra in uno studio legale, chiede ai clienti in attesa di poter saltare la fila per porre una domanda urgente all'avvocato, per poi freddare l'uomo con quattro colpi d'arma da fuoco. Non è fiction, ma la cronaca di un omicidio avvenuto oggi a ...

Cassino: va dall'avvocato e lo uccide con 4 colpi di pistola sotto ...

CronacaQui Milano - ‎15 ore fa‎
Ha saltato la fila dicendo di dover discutere una questione urgente, è entrato nella stanza dell'avvocato e ha sparato quattro colpi di pistola sotto gli occhi degli altri clienti. Per il legale, Massimo Pallini, 45 anni, sposato e padre di un bimbo di ...

Cassino, avvocato ucciso davanti ai clienti

Momento-sera - ‎15 ore fa‎
Un uomo si è introdotto nell'ufficio di Massimo Pallini, ha esploso dei colpi di pistola ed è fuggito. Il tutto davanti a numerosi testimoni. Il legale era molto noto tro colpi d'arma da fuoco. Specializzato in e una volta dentro ha freddato il legale. ...

Ucciso avvocato a Cassino

euronews - ‎15 ore fa‎
(ANSA) – ROMA, 27 OTT – Un avvocato, Massimo Pallini, 45 anni,e' stato trovato morto nel suo studio di Cassino, in provinciadi Frosinone, ucciso da colpi d'arma da fuoco. Era un civilistae, secondo quanto si e' appreso, non si sarebbe maioccupato di ...

CASSINO, AVVOCATO UCCISO A COLPI PISTOLA IN PROPRIO UFFICIO

La Repubblica - ‎17 ore fa‎
Con quattro colpi di pistola è stato freddato nel suo studio di Cassino l'avvocato Massimo Pallini. Ad ucciderlo, secondo quanto riferito da testimoni, sarebbe stato un uomo che, entrato nell'ufficio attorno alle 16, avrebbe esploso i colpi di arma da ...

Cassino:Avvocato giustiziato a colpi di pistola

Gentemergente (Blog) - ‎13 ore fa‎
Ancora ce se ne domanda il motivo fra i presenti nell'ufficio dell'avvocato ucciso oggi a Cassino in provincia di Frosinone verso le 16.00. Sembra non esserci nessun movente che abbia potuto portare un uomo nell'ufficio dell'avvocato Pallini Massimo, ...

Legale assassinato a Cassino

Notizie news (Blog) - ‎11 ore fa‎
Ucciso un avvocato a Cassino: è stato trovato ucciso nel suo studio e pare che non si sia mai occupato di cause importanti, era un civilista: Massimo Pallini di 45 anni aveva un appuntamento con il suo assassino, per motivi legali. ...

CASSINO: UOMO ENTRA NELL'UFFICIO DI UN AVVOCATO E LO FREDDA A ...

IRIS Press - Agenzia stampa nazionale - ‎16 ore fa‎
(IRIS) - ROMA, 27 OTT - Un uomo ha ucciso l'avvocato Massimo Pallini nel suo ufficio a Cassino, in provincia di Frosinone. L'omicidio è avvenuto alle ore 16 circa, davanti ad alcuni clienti che attendevano l'incontro con il legale. ...

Notizie cronaca: avvocato ucciso nel suo studio

Blog Notizie (Blog) - ‎15 ore fa‎
E' successo questo pomeriggio a Cassino, in provincia di Frosinone: un uomo ha ucciso a colpi di pistola Massimo Pallini, avvocato civilista, nel suo studio, alla presenza di altri clienti. Le notizie di cronaca di oggi rivelano un episodio da poco ...
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 28/10/2010 @ 08:04:02, in Sindacato, linkato 1730 volte)
Ruby la magrebina e gli Scoop de Il Fatto



Lo ripeto e lo ribadisco: per me gli scoop de Il Fatto non sono un esempio di giornalismo sano, bensì la pubblica esposizione dello stalking più cieco. Da quanto leggo in giro la redazione ha "confutato" anche le dichiarazioni del capo della Procura di Milano Bruti Liberati e questo atteggiamento nei confronti della magistratura non solo non mi piace, ma rappresenta un presagio estremamente negativo e la "sbandata" data al paese dal falso giustizialismo.

Oggi tutti scrivono di Ruby, ma credo solo il Corriere Sera fornisca ai propri lettori la notizia che sono dovuti intervenire i Carabinieri per tenere a distanza i giornalisti dall'ufficio del Procuratore di Milano, e da quelli dell'aggiunto Piero Forno e del pm Antonio San Germano. Attenzione: sono intervenuti i carabinieri dentro la Procura di Milano. Per tenere a bada i giornalisti. Ma vi rendete conto???

Solo pochi anni orsono quella procura della Repubblica ha visto i girotondi, persone semplici e cittadini comuni stretti al seno dell'istituzione per proteggere i magistrati cui era stata tolta la scorta dallo Stato, nonostante si trattasse di giudici che avevano contribuito alle indagini del pool antimafia di Giovanni Falcone e che oggi firmano anche 300 arresti a Milano e in Calabria, per arginare le infiltrazioni della 'ndrangheta nel tessuto socio economico italiano.

Lele Mora e i suoi ambienti sono certamente corrotti, indipendentemente dalle archiviazioni dei procedimenti, e non una sola delle redazioni che assumono veline e/o attricette da passerella si salva dall'indossare l'abito con i lustrini, ma quanta corruzione potrebbe nascondersi dietro a dichiarazioni indimostrabili prodotte da una minorenne magrebina solo a seguito di una persecutoria sollecitazione e/o dietro compenso?

Attenzione a non fare di Ruby l'altare femminile e di colore della strumentalizzazione per fini politici e di "cassetta" della donna. In primo luogo perché è minorenne, secondo perché da quanto leggo si tratta di un vivace personaggio già affidato ai servizi sociali e fuggita più volte dalla famiglia affidataria.

Sarà impossibile "premiarla". Perché è minorenne e al massimo aspira ad un posto da velina, non ad un posto al Tg3, inoltre perché diversamente dalla D'Addario non ha l'età per scrivere libri o la faccia di gesso per imporsi ai politici di sinistra mentre la gente stanca gli urla contro sulle piazze viola.

Ribadisco: a me della reputazione di Berlusconi non interessa., figuriamoci quella di Fede Perché voto PD, sempre che la Bindi e Bersani la finiscano "per sempre" di apparire in fotografia con la D'Addario. Con o senza il libercolo delle "Mille e non più mille notti al Viagra".

Anche le professionalissime firme che scrivono per il Corriere, Luigi Ferrarella e Giuseppe Guastella, rammentano il flop del caso Noemi Letizia e l'impiego indiscriminato della cd "libertà di stampa" per fare "gossip". Io sono invece un più umile blog ed ho già scritto che la bionda casertana può essere l'ispiratrice del "sogno orrendo", che ha prodotto l'omicidio della minorenne bionda, triste e delicata di nome Sarah Scazzi.

Pensateci. Pensateci "prima" di creare un personaggio mediatico, che sarebbe l'icona di ogni possibile aggressione o sequestro a scopo di violenza di altre ragazze dalla pelle ambrata sulle strade delle nostre città.

Loredana Morandi

La Rassegna

Feste e ragazze, indagati: Lele Mora e Fede

Corriere della Sera - ‎43 minuti fa‎
MILANO - È favoreggiamento della prostituzione nell'entourage del presidente del Consiglio l'ipotesi di reato per la quale sono indagati a Milano l'impresario televisivo Dario «Lele» Mora e il giornalista che guida uno dei telegiornali del gruppo ...

I legali del premier: "Il caso della minorenne? Colossale montatura"

La Stampa - ‎17 minuti fa‎
Una colossale montatura». Gli avvocati di Silvio Berlusconi, Niccolò Ghedini e Piero Longo, non usano mezzi termini per definire i controversi verbali di "Ruby", la ragazza marocchina di 17 anni (ne compirà 18 la prossima settimana) che avrebbe ...

La storia di “Ruby”

Il Post - ‎27 minuti fa‎
Anticipati dal Fatto e guardati con tentazione e cautela dai maggiori quotidiani ieri, i racconti della fantomatica “minorenne marocchina” che coinvolgerebbe diversi esponenti milanesi del PdL in storie di prostituzione facendo anche il nome di Silvio ...

Berlusconi e la minore, lungo vertice in procura

Il Secolo XIX - ‎10 ore fa‎
Tre ore di `faccia a faccia´ tra i magistrati milanesi che stanno cercando di capire cosa ci sia di vero nei racconti di Ruby, marocchina di 17 anni che ha parlato, nell'ambito di un filone di indagine sulla prostituzione, di incontri avuti con il ...

Berlusconi: riunione in procura a Milano su caso marocchina

Libero-News.it - ‎12 ore fa‎
Milano, 27 ott. (Adnkronos) - Riunioni pomeridiane dal procuratore capo, uffici 'presidiati' dai carabinieri e bocche rigorosamente cucite. Sul caso della marocchina minorenne (allo stato ha 17 anni, ndr) che avrebbe riferito di incontri avuti con ...

Minorenne marocchina: legali premier, notizie infondate

ANSA.it - ‎12 ore fa‎
ROMA - ''Le notizie apparse anche quest'oggi su il Fatto Quotidiano e su alcuni quotidiani in relazione ad asserite dichiarazioni rese da tale Ruby in merito a episodi che sarebbero accaduti presso l'abitazione del Presidente Berlusconi, ...

Berlusconi ei presunti incontri con la minorenne marocchina

In dies - ‎1 ora fa‎
Dopo Noemi Letizia, Patrizia D'Addario e il divorzio con Veronica Lario, Berlusconi ora è di nuovo al centro del gossip a causa di un'altra ragazza. Ruby, una marocchina, ora 18enne, ha raccontato nell'ambito di un'indagine milanese su droga e ...

Berlusconi e la minorenne marocchina: si ipotizza ricatto

Newnotizie - ‎10 ore fa‎
Ieri sera Il Fatto quotidiano ha parlato di una vicenda che coinvolgerebbe il presidente del consiglio Berlusconi e una minorenne marocchina. Giustamente il giornale diretto da Peter Gomez ha usato il condizionale e toni pacati, perché per ora a ...

Obiettivo Berlusconi

Libero-News.it - ‎22 ore fa‎
processi di autosuggestione giudiziaria o di autocombustione mediatica creano cortocircuiti dal 1992. All'epoca il cronista chiamava a casa la moglie di Tizio o la figlia minorenne: «Scusa tesoro, hanno arrestato papà? Ah, no? Non ancora?». ...

Berlusconi e la minorenne inchiesta con giallo a Milano

La Stampa - ‎26/ott/2010‎
Una ragazza: incontri ad Arcore. Ma per la procura il premier potrebbe essere vittima di ricatti Per ora c'è solo un fascicolo preliminare con un'iscrizione a "modello 45" (senza cioè reati definiti), tanto mistero e moltissimo imbarazzo. ...

Fini/ Archiviato caso Montecarlo. Berlusconi: Fossi stato... -2-

Virgilio - ‎26/ott/2010‎
Mentre la fuga di notizie su indagini e inchieste che riguardano il Cavaliere - si sottolinea sempre in ambienti berlusconiani - è all'ordine del giorno e finisce per coinvolgere anche i suoi familiari: ieri il fratello, una settimana fa suo figlio ...

Tentata estorsione ai danni di Berlusconi Escort marocchina ...

Il Messaggero - ‎13 ore fa‎
MILANO (27 ottobre) - Una ragazza del giro di Lele Mora, aspirante soubrette ed escort per necessità, un'indagine su prostituzione e droga da cui spuntano intercettazioni che impongono una sterzata agli investigatori, il presidente del Consiglio Silvio ...

La nuova "bomba" Indagine a Milano su Berlusconi e una minorenne

L'Unità - ‎26/ott/2010‎
Un nuovo incubo attraversa la strada del premier e la sopravvivenza del governo. Nel giorno in cui la maggioranza all'improvviso rallenta la corsa sul Lodo Alfano, da Milano rimbalzano voci minacciose di una nuova inchiesta in cui sarebbero coinvolte ...

'Il Fatto': c'e' indagine su premier

ANSA.it - ‎26/ott/2010‎
(ANSA) - ROMA, 26 OTT - Alla Procura di Milano sarebbe in corso un'indagine su presunti rapporti tra Silvio Berlusconi e una giovane di origine marocchina, all'epoca dei fatti minorenne. Lo conferma 'Il Fatto Quotidiano', dopo che il procuratore di ...

Berlusconi e l'indagine sulla minorenne marocchina

Mainfatti.it - ‎11 ore fa‎
La Procura di Milano avrebbe in corso "un'indagine sui presunti rapporti di una ragazza minorenne di origine marocchina legata al giro di Lele Mora con Silvio Berlusconi", scrive Il Fatto Quotidiano. Ma nessuna denuncia è stata sporta contro il premier ...

IL FATTO: INDAGINE A MILANO SU PREMIER E UNA MINORE

Leggo Online - ‎15 ore fa‎
Un fascicolo sarebbe stato aperto a Milano sulla storia di "Ruby", una ragazza marocchina di 18 anni avrebbe passato diverse, e presunte, 'serate' con Berlusconi. Stando a quanto riporta Il Fatto Quotidiano, che ne parla come di "un nuovo caso Noemi ...

Noemi Letizia, Emilio Fede indagato per sfruttamento della ...

Giornalettismo - ‎24 minuti fa‎
Secondo la procura di Milano, potrebbe essere di rilevanza penale il provino fatto dal direttore del Tg4 alla famosa ragazza di Casoria come meteorina nel suo tg. Sfruttamento della prostituzione: la procura di Milano si è decisa; lo riporta il ...

Berlusconi e la minorenne marocchina: bomba de Il Fatto

Newnotizie - ‎26/ott/2010‎
E' una vera e propria bomba quella sganciata da Il Fatto quotidiano tramite il suo sito internet. Il giornale diretto da Peter Gomez, vice direttore è Marco Travaglio, scrive è stato aperto un fascicolo sulla vicenda di una ragazza marocchina che ...

Ruby, vertice in Procura

Radio Lombardia - ‎13 ore fa‎
incontri con il premier Silvio Berlusconi. Alla riunione, al quarto piano del Palazzo di Giustizia, stanno partecipando il procuratore Edmondo Bruti Liberati, il procuratore aggiunto Pietro Forno, a capo del pool Reati Sessuali, e il pm Antonio ...

Berlusconi: procuratore Milano, nessuna indagine in corso su ...

Libero-News.it - ‎26/ott/2010‎
Milano, 26 ott. - (Adnkronos) - Il procuratore capo di Milano Edmondo Bruti Liberati smentisce che nei suoi uffici sia stata avviata un'inchiesta per accertare presunti incontri a carattere sessuale descritti da una giovane marocchina, all'epoca dei ...

Berlusconi, incontri con escort marocchina minorenne

Ultime Notizie - ‎16 ore fa‎
Secondo Il Fatto Quotidiano la procura di Milano avrebbe aperto un fascicolo in merito a degli incontri tra il premier Silvio Berlusconi e una escort marocchina minorenne. La ragazza, ora ospite di una comunità protetta, avrebbe dichiarato di avere ...

Berlusconi ha fatto sesso con una minorenne del giro di Lele Mora?

Gossip e News - ‎20 ore fa‎
By lucio Mmm, sarebbe davvero molto preoccupante, e allarmante, se avessimo un pedofilo a Palazzo Chigi … per ora sono solo ipotesi, ma – come sopetta e racconta il Fatto Quotidiano – Silvio Berlusconi avrebbe avuto rapporti sessuali con una ragazzina ...

Berlusconi, da Lele Mora con minorenne marocchina: accuse da accertare

Donna Fanpage - ‎18 ore fa‎
Il nostro Premier Silvio Berlusconi sembra essere sempre sulla cresta delle cronache, purtroppo per fatti che non fanno onore nè a lui nè al Paese che rappresenta. E c'entrano sempre le donne. Dopo i nuovi sviluppi sul divorzio con Veronica Lario, ...

Berlusconi e minorenne a luci rosse: Procura di Milano apre un ...

Nuova Società - ‎20 ore fa‎
Per ora è ancora presto per parlare di sexy-scandalo, ma la notizia battuta ieri sera, 26 ottobre, dall'agenzia Agi e anticipata dal sito Il Fatto Quotidiano, nel pomeriggio, non è certo di quelle da prendere sottogamba. La Procura di Milano ha aperto ...

Berlusconi e la minorenne marocchina del giro di Lele Mora. Nuova ...

Informazione libera net1news - ‎16 ore fa‎
Erano le 19:51 di ieri quando l'Agi batte la notizia che conferma dello scoop del Fatto. E' stato aperto a Milano un fascicolo sulla storia di una giovane di origini marocchine che ha raccontato di avere incontrato Berlusconi ad Arcore insieme ad altre ...

LELE MORA ED EMILIO FEDE INDAGATI PER FAVOREGGIAMENTO DELLA ...

CNR Media - ‎40 minuti fa‎
Emilio Fede e Lele Mora indagati dalla procura di Milano, secondo fonti di stampa, per favoreggiamento della prostituzione dopo le dichiarazioni della minorenne marocchina su alcune feste di Berlusconi. "Parole infondate " dicono gli avvocati del ...

Berlusconi e la minorenne marocchina: la Procura apre inchiesta

Barimia - ‎20 ore fa‎
Pare che la Procura di Milano stia indagando per verificare le dichiarazioni rilasciate da una ragazza diciottenne di origini marocchine, il cui nome d'arte è Ruby R.. Il motivo? Sembra che abbia ammesso di aver avuto rapporti sessuali con il premier ...

"Il Fatto Quotidiano": indagato Berlusconi per rapporti con una ...

InfoOggi - ‎26/ott/2010‎
Secondo il giornale di Padellaro, “Il Fatto Quotidiano”, ci sarebbe in corso un'indagine della Procura di Milano su presunti rapporti tra Silvio Berlusconi e una giovane di origine marocchina, all'epoca dei fatti minorenne. Il procuratore di Milano ...

Veleni sul Cavaliere: in arrivo un sexy scandalo

il Giornale - ‎27/ott/2010‎
Anticipazione del "Fatto": nuovo caso D'Addario con una minorenne marocchina. Sarebbe una clandestina che millanta conoscenze. Ma i pm smentiscono: "Nessuna inchiesta" Milano - I racconti della ragazza «potrebbero essere un tentativo di ricatto, ...

Berlusconi: procura Milano esamina dichiarazioni minorenne marocchina

SocialPost - ‎11 ore fa‎
Avevamo appena dimenticato i festini partenopei e le imbarazzanti telefonate con Noemi ed il nostro premier si sarebbe fatto pizzicare un'altra volta. La Procura di Milano ha aperto un fascicolo in seguito alle dichiarazioni di una minorenne marocchina ...

Berlusconi: procura Milano esamina dichiarazioni minorenne marocchina

SocialPost - ‎11 ore fa‎
Avevamo appena dimenticato i festini partenopei e le imbarazzanti telefonate con Noemi ed il nostro premier si sarebbe fatto pizzicare un'altra volta. La Procura di Milano ha aperto un fascicolo in seguito alle dichiarazioni di una minorenne marocchina ...

Berlusconi e la minorenne: “I miei incontri con Silvio”

Giornalettismo - ‎25/ott/2010‎
Sul Fatto Quotidiano una storia che ha dell'incredibile: una ragazza accusa il presidente del Consiglio per fatti accaduti quando aveva meno di diciotto anni. E' una storia strana, confusa e che conviene prendere con le molle visto che potrebbe essere ...

Berlusconi e la minorenne: ecco la storia di Ruby e Lele Mora

Giornalettismo - ‎26/ott/2010‎
Nessuna indagine, ma soltanto un fascicolo con la dicitura “atti relativi a”, il cosiddetto “modello 45″. La storia di Ruby, 17enne marocchina che ha raccontato di aver conosciuto il premier e di essere stata con lui insieme ad altre ragazze ad Arcore, ...

Silvio Berlusconi e la minorenne marocchina Ruby R. : nuovo caso ...

Informazione libera net1news - ‎17 ore fa‎
Silvio Berlusconi e la minorenne marocchina Ruby R. : nuovo caso Noemi, o semplicemente una colossale bufala? Nella giornata di ieri un articolo de Il Fatto Quotidiano ha ipotizzato il coinvolgimento di Silvio Berlusconi in un'indagine della Procura di ...

SCANDALO/ Silvio Berlusconi e minorenne marocchina, rapporti ...

Gossip Italiano.it - ‎19 ore fa‎
SILVIO BERLUSCONI – Ci risiamo. Un nuovo scandalo a luci rosse starebbe per abbattersi sul Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Dopo le prime rivelazioni pubblicate ieri dal Fatto Quotidiano di Marco Travaglio, è la stessa Procura di Milano a ...

La minorenne e il premier: nessuna denuncia

LeiWeb (Blog) - ‎22 ore fa‎
«In questa procura non ci occupiamo di pettegolezzi. Non c'è nessuna denuncia contro Silvio Berlusconi». Il procuratore capo di Milano, Edmondo Bruti Liberati, ha smentito ieri l'esistenza di un'inchiesta relativa a incontri di natura sessuale tra ...

Le rivelazioni che fanno tremare il Premier. In arrivo un sexgate ...

Dazebao - ‎15 ore fa‎
Ciò significa che gli inquirenti al momento non ipotizzano reati specifici né hanno iscritto il nome del premier nel registro degli indagati. Anche perché il suo ruolo potrebbe essere quello di vittima di presunta estorsione o calunnia. ...

Berlusconi, Lele Mora e la minorenne. Anzi, no

BlogSicilia.it (Blog) - ‎26/ott/2010‎
26 ottobre 2010 - Il Fatto Quotidiano rivela: “Aperto un fascicolo sulla storia di una ragazza marocchina, attualmente ospite di una comunità protetta, che avrebbe frequentato Berlusconi. La minore faceva parte del giro di Lele Mora“. ...

“Presunti rapporti sessuali tra Berlusconi ed una minorenne del ...

Blitz quotidiano - ‎26/ott/2010‎
Un'indagine in corso su presunti rapporti sessuali tra Berlusconi ed una minorenne marocchina. Lo scrive Il Fatto Quotidiano. In seguito le smentite sull'indagine e lo stesso Fatto che rilancia con un articolo in edicola domani. ...

La nuova "bomba" Indagine a Milano su Berlusconi e una minorenne

Trentinoweb - ‎26/ott/2010‎
l'Unità – Berlusconi ha avuto rapporti con una minorenne di origine marocchina che faceva parte del giro di modelle, starlette e attrici che ruotava attorno a Lele Mora? Sulla vicenda – che Nel corso della mattinata, i finanzieri del nucleo di polizia ...

La strana morale di Buttiglione: «Vendola gay sbaglia come gli ...

Trentinoweb - ‎26/ott/2010‎
Il cosiddetto processo breve - che serve a salvare innanzi tutto Berlusconi - Casini dichiara che cos... Daniele Capezzone aggredito in pieno centro a Roma. Un uomo l'ha colpito con un pugno in pieno volto e l'altro al petto, in serata, poi . ...

Berlusconi, inchiesta con minorenne a Milano: avrebbe avuto ...

GiornaleItaliano.info - ‎22 ore fa‎
Una nuova inchiesta sarebbe aperta, a Milano, dal 2009, e vedrebbe coinvolto, non si conosce ancora in quale chiave e ruolo, il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Al centro della nuova indagine della Procura di Milano ci sarebbe una ragazza ...
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ogni tanto una buona notizia! L.M.

PEDOFILIA: SENATO RATIFICA

LA CONVENZIONE DI LANZAROTE

PENE PIU' SEVERE
 
http://sphotos.ak.fbcdn.net/hphotos-ak-snc4/hs773.snc4/67323_1591114851804_1053869558_1657705_4641991_n.jpg

(ASCA) - Roma, 27 ott - L'assemblea del Senato ha ratificato all'unanimita', con 246 voti a favore e un astenuto la Convenzione del Consiglio d'Europa per la protezione dei minori contro lo sfruttamento e l'abuso sessuale, fatta a Lanzarote il 25 ottobre 2007. Il provvedimento, modificato dal Senato, torna ora alla Camera.

Il ddl inserisce nel nostro ordinamento i reati di istigazione a pratiche di pedofilia e di pedopornografia e di adescamento di minore anche via internet nell'ottica di promuovere azioni che precedano l'abuso. Si inaspriscono inoltre le sanzioni per i reati di pedofilia, prostituzione minorile (da , adescamento e corruzione di minorenni, maltrattamenti in famiglia, spettacoli pornografici in cui sono coinvolti minorenni. Il colpevole non potra' invocare a propria scusa l'ignoranza dell'eta' della persona offesa. Si amplia inoltre il numero dei delitti che comportano l'allontanamento dalla casa familiare.

Il ddl interviene inoltre su materie come i maltrattamenti contro familiari e conviventi, le pratiche di mutilazione degli organi genitali femminili, la pornografia minorile, nonche' norme restrittive in relazione ai detenuti per reati in danno di minori in tema di concessione di benefici, trattamento psicoterapeutico, gratuito patrocinio e confisca di beni. njb/mcc/rob



PEDOFILIA: DELLA MONICA (PD),
OK A RATIFICA E' PASSO IMPORTANTE

 
(ASCA) - Roma, 27 ott - ''L'approvazione del ddl di ratifica della convenzione di Lanzarote contro lo sfruttamento sessuale dei minori ha consentito di approvare anche una modifica del reato di maltrattamenti in famiglia, previsto dall'articolo 572 del codice penale. Si introduce cosi' uno strumento importante di contrasto alla violenza in famiglia e nell'ambito delle convivenze piu' volte sollecitato dal Partito democratico tanto piu' che esse costituiscono la principale causa di morte delle donne, superiore per numero ai morti di mafia''. Lo afferma la senatrice Pd, Silvia Della Monica.

''Questa norma completa, rafforzandolo, il contrasto penale a situazioni di abuso e molestie gravi, gia' delineato con la normativa sullo stalking fortemente voluta dal Pd e recentemente approvato - prosegue Della Mondica -. E' una misura di grande rilevanza che pone il nostro Paese al passo con i tempi e con la normativa europea e che ben s'inquadra nella protezione dei minori contro lo sfruttamento e l'abuso se solo si considera che essi sono spesso vittime di violenze assistite. Ovviamente gli abusi contro i minori, psicologici, fisici e sessuali sono tra i fatti piu' riprorevoli e tra le forme di violenza peggiori''. red-njb/mcc/lv



PEDOFILIA: SENATORI PDL,
MODIFICHE
INTRODOTTE OGGI
MIGLIORANO TESTO CAMERA

(AGENPARL) - Roma, 27 ott - "Con la ratifica della Convenzione di Lanzarote, a tre anni dalla sua emanazione, l'Italia porta a compimento un percorso che la colloca tra i paesi all'avanguardia nel contrasto agli odiosi reati di sfruttamento e abuso sessuale dei minori". E' quanto comunicato in una nota dai Senatori Pdl. "Un percorso personalmente iniziato - dice il senatore Antonino Caruso - nel 1998 con l'approvazione della legge 296 che, per la prima volta, sanzionò il consumo di prostituzione minorile, stigmatizzando il disvalore del turismo sessuale e non solo".

"Le significative modifiche introdotte oggi al codice penale e alla procedura - dichiarano i relatori, i senatori Laura Allegrini e Massimo Palmizio - grazie ad un lavoro condiviso per la gran parte con l'opposizione, migliorano il testo della Camera prevedendo, oltre al reato di adescamento di minore attraverso internet, il cosiddetto grooming, quello di istigazione alla pedofilia e pedopornografia, la non escusabilità dell'ignoranza della minore età in diverse fattispecie di reati sessuali nei confronti di minori ed anche l'esclusione del patteggiamento in caso di prostituzione minorile. Viene riscritto l'impianto sanzionatorio in materia di maltrattamenti contro familiari e conviventi, la perdita della potestà genitoriale per il reato di pratiche di mutilazione degli organi genitali femminili, la chiusura degli esercizi commerciali e la revoca delle emittenti televisive la cui attività è finalizzata alla commissione di delitti contro la libertà individuale. Innovativa la previsione della figura del consulente tecnico, esperto in psicologia e psichiatria infantile a sostegno del minore vittima nel procedimento o ancora il gratuito patrocinio per le vittime. Si conferma il divieto, per i condannati dei reati di pedofilia e pedopornografia, di svolgere lavori che prevedono contatti abituali con minori e l'obbligo di tenere informati gli organi di polizia sulla propria residenza e sugli eventuali spostamenti. Il nuovo articolo 13 bis dell'ordinamento penitenziario prevede poi la facoltà, per i condannati per reati sessuali in danno dei minori, di sottoporsi a un trattamento psicologico con finalità di recupero e di sostegno. Esprimiamo piena soddisfazione per un testo che conferma la volontà di questo Governo di contrastare in maniera efficace l'odioso reato di pedofilia."


PEDOFILIA: CARUSO (PDL), CON VOTO SU LANZAROTE
UN DURISSIMO COLPO ALLA CRIMINALITA' CHE SFRUTTA MINORENNI

(AGENPARL) - Roma, 27 ott - "Il voto odierno del Senato di ratifica della Convenzione di Lanzarote, infligge un colpo durissimo a quella parte di criminalità organizzata, in particolare straniera, che trae i suoi profitti dallo sfruttamento della prostituzione. Il Senato introduce il principio, che si confida sia presto confermato dalla Camera, secondo cui il cliente della prostituta minorenne commette un reato ed è quindi destinato a subire una condanna penale, senza che egli possa invocare a propria scusante il fatto di aver ignorato l'età della prostituta". Lo afferma il sen. Antonino Caruso del Popolo della Libertà.

"La disposizione si colloca come una vera e propria 'turbativa di mercato' perché tende a dissuadere la 'clientela' dalla 'domanda' e quindi inevitabilmente ostacola 'un'offerta' di 'sesso giovanissimo', che è la nuova frontiera sempre più affollata che la criminalità offre: ragazze giovanissime, soprattutto africane o provenienti dai Paesi dell'Est che vengono quotidianamente 'scaricate' sulle strade delle nostre città, piuttosto che in locali pubblici o case d'appuntamenti. E' proprio per l'interferenza sul meccanismo che regola domanda e offerta, si verificherà probabilmente anche un effetto di deterrenza che riguarderà non solo la prostituzione minorile, ma anche il fenomeno in via generale con riguardo a quelle prostitute che minorenni non sono, ma che possono apparire tali o comunque giovanissime. E' pensabile -conclude Caruso- che i potenziali clienti davanti alla prospettiva di una pena di reclusione fino a quattro anni, ci pensino due volte a correre il rischio". 


PEDOFILIA: MAZZATORTA (LN),
FENOMENO PREOCCUPANTE.

CASTRAZIONE CHIMICA
 
(ASCA) - Roma, 27 ott - ''La pedofilia e' un fenomeno imponente, preoccupante e insidioso, da combattere con ogni possibile strumento sia in termini di prevenzione che di contrasto''. Cosi' il vicepresidente dei senatori della Lega e capogruppo in commissione Giustizia, Sandro Mazzatorta sulla ratifica per la protezione dei minori da abusi sessuali fatta a Lanzarote nel 2007. ''Questa forma di perversione sessuale ha ormai sviluppato nuove tipologie insidiose, quali la pedopornografia on line e il turismo pedofilo. A questo proposito - ha annunciato Mazzatorta - esamineremo un emendamento che abbiamo presentato, che propone non solo la punizione delle industrie turistiche che sfruttano la prostituzione minorile, ma anche del turista sessuale che fruisce di una piaga sociale quale la pornografia minorile''.

Questo provvedimento contiene risposte concrete in termini di prevenzione e di contrasto ed e' ''importante anche dal punto di vista simbolico perche' introduce per la prima volta nel nostro ordinamento giuridico e nel codice penale la parola 'pedofilia', fino ad oggi non menzionata, quasi che ci fosse una sorta di barriera culturale e ideologica a parlare anche nel codice penale del nostro Paese del fenomeno della pedofilia. Nel nostro codice penale viene infatti inserito l'articolo 414-bis, dove si parla espressamente di condotte di istigazione e di pedofilia. Riteniamo che questo reato che introduciamo ex novo non sia un reato d'opinione, bensi' un reato che punisce delle condotte particolarmente offensive e spregevoli. Ci saranno dunque sanzioni accessorie molto gravi nei confronti di chi commette questi gesti spregevoli nei confronti spesso di propri discendenti. A distanza di oltre 14 anni il Parlamento - ha sottolineato Mazzatorta - ha ritenuto opportuno e doveroso metter mano alle azioni di contrasto alla pedofilia, facendolo, da un lato, attraverso la ratifica della Convenzione di Lanzarote, che e' il primo strumento internazionale per combatterli gli abusi sessuali sui minori e, dall'altro, intervenendo sull'ordinamento interno con modifiche molto importanti sia di carattere penale che processuale''. Mazzatorta ricorda tra le modifiche ''il raddoppio dei termini di prescrizione ed il tema delle pratiche di mutilazione degli organi genitali femminili''.

Tra gli articoli, Mazzatorta ha ricordato l'introduzione del reato di adescamento in rete, il cosiddetto grooming, ''attraverso una formulazione che va a colpire non solo la rete propriamente detta, ma qualsiasi altra forma, dagli SMS agli MMS, alle chat, ai social network e ai giochi on line.

E' quindi - ha spiegato - una formulazione che comprende qualsiasi condotta che possa essere punita a titolo di adescamento''. Sono state inoltre introdotte modifiche all' ordinamento penitenziario e di un programma terapeutico che, ha precisato Mazzatorta ''per noi rimane la castrazione chimica, cioe' quel programma terapeutico che serve ad evitare il rischio di recidiva''.  com-mpd/mcc/rob


Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Associazione Nazionale Magistrati

http://www.giustiziaquotidiana.it/public/anm_100_anni.jpg
 
Sottosezione di Taranto



La sottosezione di Taranto dell’Associazione Nazionale Magistrati, in relazione ai recenti avvenimenti relativi alla diffusione mediatica degli esiti delle indagini nel procedimento penale concernente l’omicidio in danno di Sarah Scazzi, intende affermare con la massima chiarezza i seguenti principi.

L’esercizio del diritto di cronaca giudiziaria e della libertà di informazione costituisce momento essenziale ed imprescindibile della vita democratica.

Tuttavia, esso deve svolgersi nell’assoluto rispetto della legge, della memoria delle vittime, della dignità degli imputati, della presunzione costituzionale di non colpevolezza e della riservatezza di tutti i soggetti coinvolti.

Appare evidente agli occhi di tutti come ciò non stia accadendo nella vicenda in esame; in particolare, desta stupore e preoccupazione l’avvenuta pubblicazione, su numerosi quotidiani locali e nazionali, degli originali del decreto di fermo di un’indagata e della successiva ordinanza di custodia cautelare, ed ancor più sconcertante appare l’avvenuta messa in onda, in numerose trasmissioni televisive e vari telegiornali nazionali, addirittura dell’audio degli interrogatori degli indagati.

Va ricordato a questo proposito che tali atti, pur essendo stati doverosamente messi a disposizione delle parti dall’autorità giudiziaria (in base all’art. 116 del codice di procedura penale), in quanto non più coperti dal segreto investigativo, e pur potendo essere descritti indirettamente nel loro contenuto, non potevano essere pubblicati nella loro veste originale, né integralmente né parzialmente, a mezzo televisione, carta stampata o siti Internet, né tantomeno poteva essere data diffusione alle registrazioni audio degli interrogatori.

È utile evidenziare che tutto ciò sta avvenendo in aperta violazione di norme già esistenti, essendo espressamente vietato dall’art. 114 del codice di procedura penale ed integrando specifica ipotesi di reato (art. 684 codice penale), oltre a costituire illecito disciplinare; ma, soprattutto, non appare in alcun modo funzionale ad un corretto esercizio del diritto di cronaca giudiziaria, nulla aggiungendo ad un esaustivo resoconto dello svolgimento delle indagini, sembrando invece voler soltanto solleticare un senso di morbosa curiosità nella pubblica opinione.

L’ANM, nell’esprimere il proprio apprezzamento per l’equilibrio e la riservatezza dimostrati dai magistrati degli uffici giudiziari di Taranto, auspica che altrettanto facciano tutti gli altri soggetti partecipi del procedimento o chiamati a renderne notizia, ripristinando un clima di doverosa sobrietà, serietà e rispetto della legge, a garanzia degli importantissimi valori sopra enunciati.

Taranto, 26.10.2010

Il Presidente Dr. Maurizio Carbone

Il Segretario Dr. Pompeo Carriere
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 27/10/2010 @ 17:51:29, in Giuristi, linkato 1626 volte)
Nel corso del 2010 sono stati almeno altri 3 gli avvocati uccisi o "gambizzati". Questo e alla luce della nuova scia di attentati dinamitardi posta in essere dalla 'ndrangheta non è preludio a nulla di buono.  Non si può escludere l'opera del "pazzo", naturalmente. Ma alcuni elementi che mortificano la professione legale, come il numero elevatissimo di avvocati in Italia, lascerebbero intuire una ulteriore involuzione del sistema. La medesima già vista più volte nel web. L.M.


Cassino, avvocato ucciso in studio
Assassinato a colpi di arma da fuoco


Massimo Pallini, un avvocato civilista di 45 anni, è stato ucciso con diversi colpi di arma da fuoco nel suo studio di Cassino, in provincia di Frosinone. L'uomo non si sarebbe mai occupato di cause di rilievo. Secondo fonti vicine agli investigatori,  l'assassino aveva un appuntamento con il legale che ha freddato davanti ad altri clienti presenti nello studio, terrorizzati. Sull'episodio indagano polizia e carabinieri.
Cassino, avvocato ucciso in studio

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, un uomo armato è entrato nello studio di via Cimarosa, ha superato la fila di clienti adducendo come scusa una domanda urgente da porre al legale e non appena entrato ha iniziato a sparare all'impazzata. Quattro i colpi di pistola che hanno ucciso l'avvocato, specializzato in cause civili,  che era molto conosciuto nell'ambiente forense.

Massimiliano Pallini era sposato, con un bimbo di 7 anni, e viveva a Cassino da 10 anni. La sua uccisione ha lasciato sgomenta l'intera città, dove era molto conosciuto. I carabinieri del reparto operativo provinciale e della compagnia di Cassino stanno lavorando a 360 gradi per cercare di individuare l'assassino.

http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo494422.shtml

La Rassegna

Cassino, avvocato ucciso in studio Assassinato a colpi di arma da ...

TGCOM - ‎32 minuti fa‎
Massimo Pallini, un avvocato civilista di 45 anni, è stato ucciso con diversi colpi di arma da fuoco nel suo studio di Cassino, in provincia di Frosinone. L'uomo non si sarebbe mai occupato di cause di rilievo. Secondo fonti vicine agli investigatori, ...

Avvocato ucciso a colpi di pistola a Cassino

Libero-News.it - ‎17 minuti fa‎
L'assassino ha aperto il fuoco dopo essere entrato nello studio del legale. Caccia all'uomo iallo a Cassino. Un avvocato è stato ucciso nel suo studio di via Cimarosa. Stando al racconto di alcuni testimoni, ad aprire il fuoco contro Massimo Pallini ...

Avvocato ucciso con colpi di pistola

Rainews24 - ‎25 minuti fa‎
Un uomo armato ha superato la fila di clienti adducendo come scusa una domanda urgente da porre al legale e non appena entrato ha iniziato a sparare all'impazzata. Quattro colpi di pistola che hanno ucciso il legale. Sul posto polizia e carabinieri. ...

Cassino, avvocato ucciso con colpi arma da fuoco

ANSA.it - ‎39 minuti fa‎
ROMA - Un avvocato e' stato trovato morto nel suo studio di via Cimarosa, a Cassino, in provincia di Frosinone, ucciso da colpi d'arma da fuoco. L'avvocato ucciso a Cassino si chiamava Massimo Pallini, aveva 45 anni. Era un avvocato civilista e, ...

a colpi di pistola nel suo studio

La Repubblica - ‎53 minuti fa‎
Un uomo è entrato nell'ufficio di Massimo Pallini e ha fatto fuoco. Testimoni dell'agguato i clienti che erano nella sala d'attesa Freddato con quattro colpi di pistola nel suo studio legale di Cassino. L'avvocato Massimo Pallini è stato ucciso da un ...

CASSINO, AVVOCATO UCCISO A COLPI PISTOLA IN PROPRIO UFFICIO

La Repubblica - ‎58 minuti fa‎
Con quattro colpi di pistola è stato freddato nel suo studio di Cassino l'avvocato Massimo Pallini. Ad ucciderlo, secondo quanto riferito da testimoni, sarebbe stato un uomo che, entrato nell'ufficio attorno alle 16, avrebbe esploso i colpi di arma da ...

Ucciso nel proprio studio l'avvocato Massimo Pellino

il punto a mezzogiorno - ‎54 minuti fa‎
Ucciso nelle prime ore del pomeriggio l'avvocato Massimo Pellino. Il professionista era all'interno del proprio studio, in via Cimarosa a Cassino, quando uno sconosciuto, intorno alle ore sedici, vi si è introdotto esplodendo quattro colpi di pistola ...

CASSINO: UOMO ENTRA NELL'UFFICIO DI UN AVVOCATO E LO FREDDA A ...

IRIS Press - Agenzia stampa nazionale - ‎40 minuti fa‎
(IRIS) - ROMA, 27 OTT - Un uomo ha ucciso l'avvocato Massimo Pallini nel suo ufficio a Cassino, in provincia di Frosinone. L'omicidio è avvenuto alle ore 16 circa, davanti ad alcuni clienti che attendevano l'incontro con il legale. ...

Avvocato ucciso nel suo studio a Cassino. Con colpi di arma da ...

DailyBlog.it (Blog) - ‎43 minuti fa‎
Roma, 27 ott. (Apcom) – Un avvocato è stato ucciso con diversi colpi di arma da fuoco nel suo studio a Cassino, in via Cimarosa. Sull'episodio avvenuto nel pomeriggio indagano i carabinieri. Scrivi la tua opinione. Ricorda che non sono consentiti: ...
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 27/10/2010 @ 17:10:03, in Politica, linkato 1184 volte)
Giustizia, è ormai guerra dei nervi
 

Il senato riapre i termini per riscrivere il lodo Alfano. La quadra futurista in mano alla Bongiorno. Fli tratta, ma per uno scudo che potrebbe non servire al Cav
 
L'ira per il fuoco mediatico di agosto, per la vicenda della casa monegasca, per gli attacchi da parte dei giornali «nemici», non è mai sbollita. E pure decidendo che non è ancora il caso di rompere, che sui punti del programma comune i futuristi saranno leali, Gianfranco Fini è deciso a dare del filo da torcere al Cavaliere: ogni passo in avanti nella tenuta della maggioranza al governo dovrà conquistarselo. «Se è guerra dei nervi, lo sarà fino in fondo, noi non ci tiriamo certo indietro a questo punto», dicevano alcuni parlamenti futuristi ieri a Montecitorio.

A partire dal tema più caro, quello scudo costituzionale che terrebbe il premier, Silvio Berlusconi, «al riparo dalla persecuzione dei magistrati», spiega Andrea Pastore, senatore pdl della commissione affari costituzionali. Uno scudo che, ha detto ieri a sorpresa il presidente del consiglio dopo averne negato la necessità, «è indispensabile con questa magistratura». Tanto per placare gli animi, Berlusconi ha aggiunto che «contro di me c'è un uso politico della giustizia» e ha confermato la sua intenzione di chiedere una «commissione parlamentare di inchiesta» sull'operato delle toghe. Dichiarazioni che non hanno però almeno apparentemente turbato l'ennesimo tentativo di mediazione sul cosiddetto lodo Alfano andato in scena in commissione affari costituzionali. Il presidente, Carlo Vizzini, ha fissato a giovedì il nuovo termine per gli emendamenti, per accogliere i rilevi del capo dello stato, Giorgio Napolitano, e per mettere a punto la non reiterabilità dello scudo. Su questo è atteso un emendamento di chiarimento di Fli, a cui sta dando un contributo decisivo Giulia Bongiorno, presidente della commissione giustizia della camera. «La non reiterabilità è un'ipotesi positiva perché accoglie un principio che abbiamo sempre sostenuto», diceva il capogruppo Fli al senato, Pasquale Viespoli. Il rischio però è che la non reiterabilità renda lo scudo del tutto inutile per il Cav. Tanto che Vizzini, per tenere unito il tavolo, ha lanciato l'ipotesi che lo scudo irreiterabile possa scattare dalla prossima legislatura, questa ormai è quasi agli sgoccioli. Le carte di Fli si scopriranno domani. Mentre il ministro della giustizia, Angelino Alfano, manda messaggi distensivi («il lodo può essere rivisto»), per il capogruppo e vice dei senatori del Pdl, Maurizio Gasparri e Gaetano Quagliariello: «Non si tocca». «Stanno andando a sbattere e stanno intrecciando la corda con cui si impiccheranno», profetizza il capogruppo Pd, Anna Finocchiaro. E Vizzini prende tempo: «Ci prendiamo una settimana per ragionare sui nuovi emendamenti. C'è necessità di una riflessione seria».

Alessandra Ricciardi per Italia Oggi
Data: 27/10/2010
http://www.oua.it/NotizieOUA/scheda_notizia.asp?ID=2848
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 27/10/2010 @ 17:04:29, in Magistratura, linkato 1246 volte)
Il processo penale
guarda alla telematica

 


Uno spiraglio aperto verso la "smaterializzazione" del processo penale. Con l'eliminazione di tutta la carta: tra le mani di cancellieri, magistrati e avvocati non passerà neppure un foglio dal momento della notizia di reato fino al dibattimento. È la sintesi del progetto Aurora, presentato ieri a Roma dal Guardasigilli, Angelino Alfano e dal presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola. Il primo ha contribuito al suo sviluppo con il lavoro dei tecnici della direzione generale per i sistemi informativi del ministero. Il secondo lo ha finanziato con otto milioni, favorendo la sperimentazione a Bari e Lecce.


«Stiamo dimostrando - ha detto Alfano - che c'è una giustizia che cammina oltre le polemiche. In Italia ci sono 9 milioni di procedimenti che coinvolgono tra i 16 e i 18 milioni di cittadini in attesa di giustizia». Dai dati del ministero risulta che «il sistema giudiziario italiano produce 28 milioni di notifiche fatte sulle gambe di 4mila dipendenti». Applicando questo progetto presso tutte le procure, si metterà fine a quella che Vendola definisce «incontinenza cartacea». Liberando così, ha proseguito il governatore, «la giustizia dal fardello insopportabile della carta. Perché mentre la mafia naviga su internet lo stato la rincorre con il pallottoliere».


Aurora è già una realtà a Bari e Lecce. «Un moderno sistema per scannerizzare e catalogare gli atti cartacei - hanno spiegato il procuratore di Bari, Antonio Laudati e il collega di Lecce, Cataldo Motta - e per acquisire documenti in formato digitale concorre ad alimentare un fascicolo di pronta fruizione». Chiusa questa fase, Aurora diventerà il software ufficiale del ministero e sarà messo, in tempi ancora da definire, a disposizione di tutte le procure.


Data: 27/10/2010
IL SOLE 24 ORE
http://www.oua.it/NotizieOUA/scheda_notizia.asp?ID=2846
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503
Ci sono  persone collegate

< agosto 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             






Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (38)
Associazioni Giustizia (52)
Economia (86)
Estero (187)
Giuristi (134)
Gruppo Cellule Staminali (1)
Indagini (210)
Lavoratori Giustizia (1)
Magistratura (2170)
Osservatorio (1)
Osservatorio Famiglia (512)
Politica (926)
Redazionale (68)
Sindacati Giustizia (326)
Sindacato (221)
Telestreet (7)
Varie (82)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019

Gli interventi piů cliccati

Titolo
Bianco e nero (236)
I gatti di G.Q. (25)

Le fotografie piů cliccate

Titolo
G.Q. Non ha mai pubblicato pubblicità in otto anni e se iniziasse ora?

 Si, a me non disturba
 No, non mi piace



Titolo






A.N.M.
A.N.M. new
A.D.M.I.
Argon News
A.I.M.M.F.
Argon News Redazione
Artists Against War
Articolo 3
BloggersPerLaPace
Comitato Sfruttatori ATU
Commissariato PS Online
dBlog.it Open Source
Erga Omnes
Eugius
Filo Diritto
Intesaconsumatori
Geopolitica
Giuristi Democratici
Giuristi Democratici Roma
Magistratura Democratica
M.D. Toscana
Medel
Medicina Democratica
Magistratura Indipendente
Movimento per la Giustizia
Nazionale Magistrati
Non Solo Giustizia
Osservatorio Bresciano
Osservatorio Romano
Sorgente D'Amore
Studio Cataldi
Studio Celentano
Studio Tidona
Toghe Lucane
Uguale per Tutti
Unitŕ per la Costituzione
Unicost Milano
Unione Internazionale Magistrati
Morandi Senato
About me







http://www.wikio.it
Wikio
Iscriviti a GQ su FriendFeed
Blogstreet - dove il blog č di casa
Iscriviti a GQ su Twitter
Powered by FeedBurner


Blog Link










24/08/2019 @ 4.38.45
script eseguito in 500 ms