Immagine
 beach ... by Overkill 766 ... di Admin
 
"
L'avvocato cavilloso, che finge di non vedere un reato, ha appena commesso un reato.

Loredana Morandi
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
TELEGRAMMA URGENTISSIMO ANTICIPATO A MEZZO FAX

AL MINISTRO DELL’INTERNO
On. ROBERTO MARONI

AL CAPO DELLA POLIZIA
PREFETTO ANTONIO MANGANELLI

PIAZZA DEL VIMINALE 1
00186 ROMA

INFORMIAMO LE SS.LL. CHE AD OGGI LE DONNE E GLI UOMINI DELLA POLIZIA DI STATO NON HANNO ANCORA PERCEPITO IL PROPRIO MERITATO SEPPUR BASSO STIPENDIO virgola TALE INSPIEGABILE ED  INACCETTABILE RITARDO STA CAUSANDO FORTE MELESSERE TRA IL PERSONALE punto
RAPPRESENTIAMO CHE TALE CIRCOSTANZA OLTRE AD AGGRAVARE LO STATO DI INSODDISFAZIONE CHE IL PERSONALE TUTTO DELLA POLIZIA DI STATO PROVA VERSO LE ATTENZIONI CHE L’ATTUALE GOVERNO STA RISERVANDO virgola RAPPRESENTA L’ENNESIMO SCHIAFFO AI SERVITORI DELLO STATO IN UN MOMENTO IN CUI LE FAMIGLIE DEI POLIZIOTTI GIA’ SOFFRONO DI PESANTI CONTRAZIONI ECONOMICHE punto
IN CONSIDERAZIONE DI QUANTO EVIDENZIATO virgola INVITIAMO AD INTERVENIRE IMMEDIATAMENTE virgola AL FINE DI RIMUOVERE QUALSIASI OSTACOLO ALL’IMMEDIATO PAGAMENTO DEGLI STIPENDI PER GLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA DI STATO punto
LASCIARE 100000 POLIZIOTTI SENZA STIPENDIO NON CI SEMBRA CONVENIENTE PER VOI punto

Roma, 24 giugno 2010
IL SEGRETARIO GENERALE
Franco MACCARI



COMUNICATO STAMPA
DEL 24 GIUGNO 2010

Oggetto: “Ancora una volta pugnalati alla spalle!”, il Segretario Generale del COISP Franco Maccari chiama a raccolta i suoi: “Ci considerano carne da macello, ora alziamo la testa”.

“Dobbiamo prenderne atto… ancora una volta… ci hanno pugnalato alle spalle! Dobbiamo prenderne atto… il nemico è questo Governo! A noi le colorazioni politiche non sono mai interessate, questo vuol dire indipendenza, dire le cose come stanno, poter dire che noi guardiamo ai fatti, e questi ci confermano che chi ci governa vuole metterci in ginocchio, vuole neutralizzare gli effetti del nostro operato per la sicurezza e la legalità. Siamo Servitori dello Stato, non schiavi! Siano razionali e ragionevoli, e pronti ai sacrifici, non bovinamente supini al potente di turno! Dobbiamo alzare la testa. Dobbiamo saperci fare sentire! E’ ora di tornare nelle piazze, nelle strade, in ogni dove”.
Così Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp, chiama a raccolta le migliaia di iscritti al Sindacato Indipendente di Polizia, dando il via ad una massiccia campagna di protesta contro “l’insopportabile atteggiamento di prevaricazione, di ingiustizia, di inadempienza, di un Governo che vuole toglierci di mezzo perché rappresentiamo un ostacolo lungo la strada che porta a farsi i propri porci comodi”.
“Adesso basta! - tuona Maccari - Prima di proporci di continuare a tenere bloccati i nostri contratti e tanti altri deliri del genere – come il blocco degli automatismi e la sparizione dei soldi per il riordino, tanto per fare banali esempi -, che si ritorcono contro i semplici cittadini, i veri lavoratori, e chi, evviva Dio, rischia la vita per mettersi al servizio degli altri, si intervenga sulla schifosa melma che ormai invade i palazzi che contano rimpinguando le tasche di chi continua a chiedere sacrifici insostenibili!”.
Tutti pronti dunque, Segretari regionali, provinciali e Quadri sindacali, nonché tutti gli altri appartenenti al Coisp, per mettere in campo ogni iniziativa che sancisca la reazione del territorio alle “scelte scellerate con le quali ci si vuole calpestare, umiliare, mortificare”.
Presto le sagome degli uomini in divisa con un pugnale piantato nella schiena campeggeranno ovunque, “per ricordare a tutti – spiega Maccari – come veniamo considerati dal Governo… carne da macello. Meri strumenti da utilizzare per i propri spot elettorali, e da sacrificare per potersi prendere il merito dei risultati o per avere gli onori di essere quelli che depositano corone di fiori su tombe di eroi strumentalizzati durante cerimonie fasulle e ipocrite. Così trattano uomini e donne della Polizia di Stato, di cui non viene soddisfatta neppure la minima legittima aspettativa legata alla specificità del proprio lavoro. Ma noi non siamo questo – conclude il leader del Coisp -. E non consentiremo più ad alcuno di trattarci così”. 
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 24/06/2010 @ 09:31:13, in Magistratura, linkato 1486 volte)
Oggi e domani a Roma e nel Lazio!

Manovra/ Anm Lazio:

Due giorni di mobilitazione per la giustizia

Marco Mancinetti: "Ci atterremo alle regole"


Due giorni di mobilitazione nei tribunali di Roma e del Lazio in vista dello sciopero delle toghe proclamato dall'Anm per il prossimo 1 luglio per protestare contro i tagli previsti nella manovra del governo. Oggi e il 24 giugno il "giudice disporrà il rinvio del procedimento dando atto che non vi è disponibilità di personale di cancelleria da destinare all'assistenza in udienza".

Nel settore penale, sempre negli stessi giorni, "in caso di assenza dell'ufficiale giudiziario, i processi saranno chiamati al solo fine di effettuare il rinvio". Inoltre si procederà "all'interruzione dell'udienza non appena il cancelliere abbia completato l'orario giornaliero di servizio, in assenza di autorizzazione del dirigente amministrativo" allo svolgimento dello straordinario.

Su questo punto tutti i cancellieri del tribunale di Roma hanno inviato una lettera al presidente Paolo De Fiore, in cui hanno annunciato che non sono più disponibili a lavoro straordinario, visto che non gli viene pagato. "Salteranno le udienze preliminari - ha spiegato il presidente della Anm Lazio, Marco Mancinetti, nel corso di un incontro con la stampa - dove non sarà garantita la presenza dell'ufficiale giudiziario. Si tratta di iniziative prese per contrastare un provvedimento che colpisce in modo indiscriminato il settore della giustizia: qui rischiamo la paralisi. Questa non è l'iniziativa di una frangia della magistratura ma il malessere è generalizzato verso una manovra che colpisce al cuore il sistema giustizia".


17:30 - POLITICA- 23 GIU 2010

Manovra/ Protesta Anm, a Roma saltano udienze civili e penali

Mancinetti: "Dimostrazione della nostra compattezza"

Roma, 23 giu. (Apcom) - Adesione massiccia, totale, alla protesta dei magistrati, al tribunale civile di Roma e 90% al penale. Questi i dati resi noti dalla sezione distrettuale di Roma e Lazio dell'Anm che ha indetto l'agitazione contro la manovra del governo. Oggi, a piazzale Clodio, sono stati rinviati quasi tutti i processi all'ordine del giorno.

E questo è avvenuto anche gli uffici delle sezioni civili di viale Giulio Cesare e di viale Giulio Cesare. "Soddisfazione" in proposito è stata espressa dal presidente di Roma e Lazio dell'Associazione nazionale magistrati, Marco Mancinetti. "La partecipazione a questa giornata è stata massiccia - ha spiegato - Dimostra ancora una volta la forza e la compattezza degli operatori del comparto giustizia, una maggioranza silenziosa".

L'iniziativa, che prevede "un rigoroso rispetto delle norme di legge", proseguirà anche domani ed è stata adottata per "denunciare pubblicamente le misure economiche adottate dal Governo, che penalizzano ulteriormente l'intero sistema giudiziario aggravando le carenze di risorse e le inefficienze strutturali". "I fondi destinati alla giustizia ha ribadito Mancinetti - saranno ulteriormente tagliati, il personale amministrativo è sempre più mortificato, si stanno incentivando i prepensionamenti di magistrati e addetti dell'amministrazione, determinando una paurosa scopertura degli organici negli uffici giudiziari".
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 24/06/2010 @ 09:28:19, in Magistratura, linkato 1396 volte)
23/6/2010 (7:58)  - IL CASO

Lo Stato manda sul lastrico i precari della giustizia
I got sono retribuiti a cottimo, servono a smaltire gli arretrati

Accusati di lavorare troppo: devono restituire dieci anni di stipendi

RAPHAËL ZANOTTI TORINO

L’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro. Non pagato.

Cosa succederebbe se, dopo dieci anni, il principale di una grande azienda privata dicesse ai suoi dipendenti che si è sbagliato, li ha fatti lavorare troppo e che dunque ora rivuole indietro i suoi soldi? Sciopero. E se non li chiedesse a rate, ma tutti in una botta, cinquantamila euro entro trenta giorni o agirà legalmente? Giusto, la rivoluzione. I più miti, forse, cercherebbero un buon avvocato ignorando il subconscio che continua a far loro aprire le Pagine Gialle alla voce «psicologi».

Ebbene, è successo. Il datore di lavoro, però, è lo Stato (lo psicologo è dunque inutile) e le richieste stanno arrivando ai Got, i giudici onorari di tribunale. Piovono a Venezia come a Enna, passando per Firenze, Perugia, Roma. Richieste che stanno gettando sul lastrico quelli che, già prima, venivano considerati i precari della giustizia.

Questi magistrati, nati nel 1998, non sono dipendenti statali. Sono avvocati che, dietro un compenso basso (73 euro a udienza) avevano il compito di aiutare i magistrati togati a smaltire l’enorme mole di arretrato dei tribunali. Dovevano essere provvisori. Invece, come spesso accade in Italia, sono diventati indispensabili e oggi, se smettessero di lavorare, la Giustizia si bloccherebbe. In questi anni i presidenti di tribunale li hanno subissati con centinaia di fascicoli. Un lavoro che non potevano rifiutarsi di svolgere, pena la revoca. A incarico svolto, gli onorari presentavano un resoconto della loro attività e le cancellerie, dunque un funzionario statale, liquidava le loro spettanze.

Il 4 settembre del 2008, tuttavia, il ministero della Giustizia ha emesso una circolare con la quale ha stabilito che alcuni incarichi non dovevano essere loro retribuiti. E alla circolare è stato dato valore retroattivo. Così, dopo 10 anni, i got del tribunale di Alessandria si sono visti richiedere indietro 225.600 euro. A Venezia ne sono stati richiesti 160.000 e da gennaio ai Got viene trattenuto 1/5 dello stipendio. A Firenze si lavora gratis. Il tribunale, per recuperare il denaro, ha bloccato i pagamenti e per 9 mesi i Got hanno continuato a lavorare a paga zero. A Roma, dove sono stati richiesti 60.000 euro, il dirigente ha stoppato le retribuzioni per chi componeva tribunali collegiali. Risultato: i Got si sono rifiutati di lavorare gratis e, per rifare i collegi, sono saltati processi importanti, come quello a Cecchi Gori.

Non essere pagati per il lavoro svolto è già poco dignitoso, ma a questo si è aggiunta l’umiliazione. A Perugia un magistrato onorario si è visto recapitare il provvedimento direttamente in udienza, mentre stava svolgendo le funzioni di pm davanti a giudici e legali. Un altro è stato fermato in auto da un finanziere mentre si stava recando, insieme a giudice e avvocati, a sentire un testimone in un processo. A un terzo, la notifica, è arrivata proprio mentre era in assemblea insieme ai colleghi a discutere del problema. «Ci hanno fatto lavorare come bestie, e ora ci trattano come ladri» dicono.

Qualcuno ha cominciato a ricorrere al giudice. A Firenze due Got, uno dei quali portatore d’handicap, hanno vinto, ma il ministero ha proposto appello. Cosa che ha fatto scrivere al deputato del Pd Rita Bernardini in una sua interrogazione parlamentare: «Un governo inadempiente alle proprie obbligazioni nei confronti di magistrati che servono lo Stato, rappresenta uno Stato inadempiente verso se stesso».

In questi anni i tribunali della Penisola si sono liberati di polverosi fascicoli fermi anche da anni grazie all’attività di Got e Vpo. «L’Italia – spiega Paola Bellone della Federmot - ha evitato, grazie al loro lavoro, migliaia di condanne dalla comunità europea o una pioggia di ricorsi per la Legge Pinto, quella che prevede un risarcimento alle parti di un processo quando la sentenza arriva con troppi anni di ritardo».

Sui giornali campeggiano parole d’ordine come lotta ai fannulloni, meritocrazia, incentivi per chi lavora. Il retroscena ha tutto un altro sapore.

http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/cronache/201006articoli/56137girata.asp
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 22/06/2010 @ 09:00:59, in Politica, linkato 1241 volte)
http://farm2.static.flickr.com/1241/4723639664_18bd70b846_b.jpg

Il Giornale intitola a caratteri cubitali: "Così impari". 

Elio Veltri ha denunciato Di Pietro per aver incassato i rimborsi governativi per la campagna elettorale delle europee 2004. Lui, Di Pietro, nega. Però val la pena di prepararsi alla denuncia per le europee di quest'anno, perché alcune candidature non sono costate proprio nulla in quanto gestite via Facebook e finanziate interamente dai circoli politici o dell'associazionismo sparsi in Italia.

Consiglio la lettura da "Giornalettismo":

Di Pietro indagato? E il Giornale gode!

Di Pietro indagato per i rimborsi elettorali, lui smentisce


Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 21/06/2010 @ 09:32:15, in Magistratura, linkato 2006 volte)
Magistrati in Sciopero Bianco
- Processi a singhiozzo in tutta Italia -


In attesa dello sciopero del 1 luglio contro i tagli previsti dalla manovra finanziaria, la magistratura darà corso in questi giorni ad uno "sciopero bianco"  con "l'astensione dalle attività di supplenza" in tutti quei casi in cui, sia nel civile che nel penale, il magistrato assolva funzioni che sono attività specifiche del personale giudiziario.

La protesta si incunea perfettamente a sostegno della protesta analoga dei lavoratori della giustizia (cancellieri, ufficiali giudiziari, ecc..) che, viste falcidiate le risorse umane dalla legge 133 e mai riqualificate le posizioni professionali personali dal Ministero di Giustizia, sono di fatto fortemente penalizzati dalla manovra insieme a tutto il pubblico impiego.

Giustizia Quotidiana augura a tutti un buon lavoro e a tutti di poter dare un proprio, personale contributo alla vertenza sindacale congiunta dei magistrati e dei lavoratori così come sancita dal "Patto per la Giustizia".

L.M.

La Rassegna

Per le toghe una protesta fatta in casa

Il Sole 24 Ore - ‎1 ora fa‎
Incrociano le braccia i giudici dei Tar riuniti nell'Anma (associazione magistrati... amministrativi) ei consiglieri di stato raggruppati sotto la neonata

I magistrati in sciopero bianco

City - ‎5 ore fa‎
L'1 luglio ci sarà con tutta probabilità lo sciopero vero e proprio guidato dall'Anm, ma questa settimana i magistrati, per protestare contro i tagli ...

SALERNO - I magistrati del Tribunale di Salerno proclamano lo ...

Corriere della Sera - ‎18/giu/2010‎
Per evitare la calca di avvocati e parti interessate che ogni giorno affollano le aule di giustizia, i magistrati saranno tenuti a trattare le cause ...

Giustizia: assemblea magistrati Bari contro manovra governo

ANSA.it - ‎17/giu/2010‎
L'Associazione nazionale magistrati (Anm) di Bari ha organizzato un'assemblea nell'aula magna della corte d'Appello al quale hanno partecipato giudici, ...

Intercettazioni/ Scalfaro: Ddl e' bavaglio per magistrati e stampa

Virgilio - ‎19/giu/2010‎
(Apcom) - Il ddl intercettazioni è un "bavaglio" che danneggia "cittadini e magistrati". L'ex presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro lo dice in un ...

Mercoledì a Trapani "la notte della giustizia"

Marsala.it - ‎2 ore fa‎
Coinvolgerà il ptersonale giudiziario e amministrativo ed è stata organizzata dall'Associazione Nazionale Magistrati di Trapani. Una notte per tenere accese ...

Anm: "Numeri contro il premier" "Intercettati sono meno di 150mila"

TGCOM - ‎16/giu/2010‎
Così il presidente dell'Associazione Nazionale Magistrati, Luca Palamara, ha replicato, cifre alla mano, a Silvio Berlusconi il quale ha detto che non c'è ...

Sciopero dei magistrati il 1° luglio

Corriere della Sera - ‎05/giu/2010‎
MILANO - Si terrà il 1 luglio lo sciopero dei magistrati contro la manovra economica del governo. Questa la data proposta dal presidente dell'Anm Luca ...
MANOVRA: MAGISTRATI IN SCIOPERO IL PRIMO LUGLIO AGI - Agenzia Giornalistica Italia
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 19/06/2010 @ 08:16:40, in magistratura, linkato 1341 volte)
.. io c'ero. Mi scuso con i miei lettori per l'assenza online, ma sto migrando da un sistema operativo ad un altro. LM

Manovra: Anm, non arretreremo

Toghe sul piede di guerra, proteste in tutta Italia


(ANSA) - ROMA, 17 GIU - Sulla manovra economica ''non arretreremo di un solo millimetro, per la tutela e la difesa del settore giustizia'', Cosi' Anm. Il presidente Luca Palamara torna all'attacco sulla manovra all'assemblea indetta dal Patto per la Giustizia ed alla quale hanno preso parte magistrati, avvocati e personale amministrativo. ''Soprattutto - ha aggiunto - non arretreremo sulla iniquita' della manovra e sugli aspetti di irragionevolezza, compresi quelli relativi alle retribuzioni''.

La Rassegna

Italiani spiati L'ex direttore del ministero sconfessa l'Anm

il Giornale - ‎17/giu/2010‎
Se al corvino Luca Palamara, presidente dell'Anm, non sono sbiancati i capelli ieri, poco ci è mancato. Colpa di Alfonso Papa, ex pm e direttore generale ...

INTERCETTAZIONI: MASTELLA, CI FU MASSIMO CONSENSO SULLA MIA LEGGE

Agenzia di Stampa Asca - ‎17/giu/2010‎
(ASCA) - Roma, 17 giu - L'ex guardasigilli del governo Prodi Clemente Mastella ad una legge che limitasse le intercettazioni aveva gia' pensato. ...

Manovra: Anm, non arretreremo

ANSA.it - ‎17/giu/2010‎
(ANSA) - ROMA, 17 GIU - Sulla manovra economica ''non arretreremo di un solo millimetro, per la tutela e la difesa del settore giustizia'', Cosi' Anm. Il ...

Manovra/ Prima protesta toghe, udienze sospese in tutta Italia

APCOM - ‎17/giu/2010‎
Roma, 17 giu. (Apcom) - Sono iniziate oggi alle 12 nei tribunali le 'assemblee' promosse da magistrati, avvocati e personale giudiziario con lo scopo di ...

MANOVRA: ANM, INTERO SISTEMA COLPITO. GIUSTIZIA ORMAI AGONIZZANTE

Agenzia di Stampa Asca - ‎16/giu/2010‎
(ASCA) - Roma, 16 giu - Da domani il mondo della giustizia scendera' in campo contro la Manovra finanziaria del governo accusata di essere ''irragionevole e ...

INTERCETTAZIONI: PALAMARA, ITALIANI TUTTI INTERCETTATI SOLO ...

Agenzia di Stampa Asca - ‎16/giu/2010‎
(ASCA) - Roma, 16 giu - Che gli italiani siano tutti intercettati, come e' tornato a sostenere il presidente del Consiglio, ''rappresenta solo una ...

INTERCETTAZIONI: PALAMARA (ANM), TUTTI SPIATI? E' UNA VULGATA

AGI - Agenzia Giornalistica Italia - ‎16/giu/2010‎
(AGI) - Roma, 16 giu. - "Tutti gli italiani sono spiati? E' una vulgata". A margine della conferenza stampa di presentazione delle iniziative contro la ...

Intercettazioni,Anm replica a premier

ANSA.it - ‎16/giu/2010‎
(ANSA) - ROMA, 16 GIU - L'Anm replica,cifre alla mano,al premier che ha detto che ''7 milioni e mezzo di persone possono essere ascoltate''. ...

Intercettazioni, Anm a Berlusconi: "Tutti spiati? E' solo una vulgata"

Adnkronos/IGN - ‎16/giu/2010‎
Roma - (Adnkronos) - I presidente dell sindacato delle toghe Luca Palamara risponde al premier: "I dati lo smentiscono". In realtà deve essere ribadito il ...

Ora Bossi apre alle modifiche L'Anm …

La Repubblica - ‎16/giu/2010‎
Il leader leghista: "Se ci sono emendamenti si discutono". Palamara: "Il ddl mette in ginocchio le inchieste". Bersani: "Dal premier parole scomposte". ...

Intercettazioni, Anm: in 2009 132mila sotto ascolto

Reuters Italia - ‎16/giu/2010‎
ROMA (Reuters) - Lo scorso anno, le intercettazioni disposte dalla magistratura hanno riguardato oltre 132.000 "bersagli", in calo di circa 5.000 unità ...

Anm: "Numeri contro il premier" "Intercettati sono meno di 150mila"

TGCOM - ‎16/giu/2010‎
"I numeri sulle intercettazioni smentiscono le affermazioni del presidente del Consiglio". Così il presidente dell'Associazione Nazionale Magistrati, ...

Intercettazioni/ Napoli: Da Anm macigno su strada del confronto

Virgilio - ‎17/giu/2010‎
Roma, 17 giu. (Apcom) - "Le disponibilità richieste e quelle concesse per un supplemento di riflessione sul ddl intercettazioni evaporano come neve al sole ...

Intercettazioni/ Anm: Emendamenti? Difficile migliorare ddl -2-

Virgilio - ‎17/giu/2010‎
Nel corso del convegno degli 'Avvocati della libertà', Clemente Mastella, ex ministro della Giustizia del Governo Prodi, oggi eurodeputato con il Pdl, ...

Intercettazioni/ Anm: Emendamenti? Difficile migliorare ddl

Virgilio - ‎17/giu/2010‎
Roma, 17 giu. (Apcom) - Sul ddl intercettazioni il giudizio dell'Anm rimane "negativo". Lo ha detto il presidente Luca Palamara, a margine del convegno ...

INTERCETTAZIONI: PALAMARA, NESSUN OTTIMISMO SU MIGLIORIE A DDL

Diritto-oggi - ‎17/giu/2010‎
(AGI) - Roma, 17 giu. - Anche se dovessero essere apportate modifiche al testo attuale del ddl sulle intercettazioni, l'Associazione nazionale magistrati ...

Regione autonoma Valle d'Aosta - ANSA Valle d'Aosta

ANSA Valle d'Aosta - ‎17/giu/2010‎
(ANSA) - ROMA, 17 GIU - L'Associazione Nazionale Magistrati promette battaglia contro i tagli alle retribuzioni previsti dalla manovra economica del governo ...

Manovra: la protesta dell'Anm

Il tacco d'Italia - ‎17/giu/2010‎
Si è tenuta oggi, presso l'Aula GIP del Tribunale di Lecce, l'Assemblea indetta dai sottoscrittori del "Patto per la Giustizia" (Associazione Nazionale ...

Manovra/ Palamara ad assemblea: Non arretreremo di un millimetro

Virgilio - ‎17/giu/2010‎
I magistrati andranno "fino in fondo" nella loro protesta contro la manovra economica del governo, che prevede "pesanti tagli" alle retribuzioni dei ...

Intercettazioni: l'Osce insiste

Giornale Radio Rai - ‎17/giu/2010‎
Aperture al vertice del Pdl. Intanto l'Anm replica a Berlusconi: 'Falsità, in Italia intercettati in 132 mila' Il partito berlusconiano pronto a dialogare ...

Palamara sulle intercettazioni: premier smentito dai numeri

SKY.it - ‎16/giu/2010‎
Il presidente dell'Anm contesta le cifre di Berlusconi sulle utenze telefoniche ascoltate, che per i magistrati sono meno di 120 mila ogni anno. ...

Intercettazioni, è scontro di cifre tra Berlusconi e i magistrati ...

Blitz quotidiano - ‎16/giu/2010‎
Sulle intercettazioni si consuma un nuovo scontro tra il presidente del Consiglio ei magistrati. Stavolta è una guerra di cifre su quanti sono gli italiani ...

POL - *Intercettazioni, se Palamara conferma i dati di Berlusconi

Il Velino - ‎16/giu/2010‎
Roma, 16 giu (Il Velino) - Luca Palamara, presidente dell'Associazione nazionale magistrati (Anm), ha precisato che nel 2009 le utenze telefoniche ...

Intercettazioni/ Capezzone: Autogol Anm, cifre confermano premier

Virgilio - ‎16/giu/2010‎
Roma, 16 giu. (Apcom) - "Proprio le cifre diffuse dal dottor Palamara mostrano che Silvio Berlusconi aveva ed ha ragione". Lo afferma in una nota Daniele ...

INTERCETTAZIONI: ANM, DDL NON HA COPERTURA ORGANIZZATIVA

Stato-oggi - ‎16/giu/2010‎
(AGI) - Roma, 16 giu. - “Se il ddl sulle intercettazioni entrera' in vigore com'e adesso, non avra' copertura organizzativa”. ...

Bossi: "Sulle intercettazioni, discussione possibile"

Tg1 - www.tg1.rai.it - ‎16/giu/2010‎
Il leader della Lega: "Ma la calendarizzazione alla Camera non si discute". L'Anm contro le cifre di Berlusconi al meeting di Confcommercio. ...

Giustizia, tutti contro i tagli in manovra

Giornale Radio Rai - ‎16/giu/2010‎
Domani sarà una "giornata di sensibilizzazione contro i tagli al settore giustizia contenuti nella manovra economica, tagli che si ripercuoteranno in ...

MANOVRA: PALAMARA (ANM), NON ARRETREREMO DI UN MILLIMETRO

AGI - Agenzia Giornalistica Italia - ‎17/giu/2010‎
(AGI) - Roma, 17 giu. - Luca Palamara, presidente dell'Associazione nazionale magistrati, garantisce: "Sulla manovra economica non arretreremo di un solo ...

Palamara (Anm), non arretreremo di un millimetro

ANSA.it - ‎17/giu/2010‎
ROMA - Sulla manovra economica "non arretreremo di un solo millimetro, per la tutela e la difesa del settore giustizia". Lo ha detto il presidente dell'Anm ...

Berlusconi: "Tutti spiati, avanti col ddl" Anm: "Falso". Bossi ...

il Giornale - ‎16/giu/2010‎
Il premier: "In Italia 7,5 milioni di persone intercettate". Ma l'Anm replica: "Smentito dalle cifre". Il Cavaliere fissa i tempi: "In calendario a ...
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 19/06/2010 @ 08:13:04, in magistratura, linkato 1243 volte)
Anm: "Numeri contro il premier"
"Intercettati sono meno di 150mila"



"I numeri sulle intercettazioni smentiscono le affermazioni del presidente del Consiglio". Così il presidente dell'Associazione Nazionale Magistrati, Luca Palamara, ha replicato, cifre alla mano, a Silvio Berlusconi il quale ha detto che non c'è vera democrazia perché sette milioni e mezzo di persone possono essere ascoltate. L'Anm, citando gli ultimi tre anni, parla invece di meno di 150mila persone intercettate dalla magistratura.

Palamara sottolinea il fatto che nel 2009 i bersagli intercettati sono stati 132.384, nel 2008 137.086 e nel 2007 129.081. "Sui tempi parlamentari del ddl di riforma - ha detto ancora il leader del sindacato delle toghe - non abbiamo nulla da dire, ma nel merito del ddl richiamiamo e ribadiamo le critiche che fino ad ora abbiamo mosso alla norma".

D'accordo con Palamara si è detto anche il vicepresidente dell'Anm, Gioacchino Natoli, che a proposito del denaro speso dallo Stato per le intercettazioni ha sottolineato: "Queste spese vengono soltanto anticipate dallo Stato, ma in caso di condanna vengono recuperate a carico dei condannati. Se poi chi deve recuperare le spese non lo fa, non è un problema che può essere caricato sulla magistratura".

Sempre Natoli ha anche posto l'accento sul fatto che la magistratura "sta cominciando a pensare all'impatto che questa nuova legge potrebbe avere se entrasse in vigore: non c'è la copertura organizzativa. Se la magistratura e il personale organizzativo - ha spiegato Natoli - non riusciranno a fare ad esempio le proroghe entro 72 ore non sarà per cattiva volontà ma per la mancanza di personale".

http://www.tgcom.mediaset.it/politica/articoli/articolo484192.shtml
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 19/06/2010 @ 08:05:40, in magistratura, linkato 1480 volte)
Alla vergogna di questo governo non c'è mai fine... ma la "legge non scritta" è quella del "cane non mangia cane"..

Il deputato scrive ad Alfano


Ghedini: ispezione a Milano. Il Pd insorge


La Procura di Milano aveva messo in conto "l'accompagnamento coattivo" per Ghedini che doveva testimoniare sulla vicenda dell'intercettazione Fassino-Consorte nell'ambito dell'inchiesta Unipol.

Roma, 18-06-2010

Ispettori del Ministero alla Procura di Milano per verificare se vi siano le ragioni per avviare una azione disciplinare nei confronti del sostituto procuratore della Repubblica Massimo Meroni. Questa la richiesta che viene da Niccolo' Ghedini, deputato del Pdl e avvocato di Silvio Berlusconi, protagonista pochi giorni fa di un braccio di ferro proprio con questo magistrato milanese.

La Procura di Milano aveva messo in conto "l'accompagnamento coattivo" per Ghedini che doveva testimoniare sulla vicenda dell'intercettazione Fassino-Consorte nell'ambito dell'inchiesta Unipol.

La questione si era risolta' dopo un duro rimpallo tra la Procura e Roma con la disponibilita' data da Ghedini di essere interrogato. Oggi pero' Ghedini ha presentato una interrogazione di otto fitte pagine per ricostruire la vicenda che lo ha visto come protagonista e affermare che i Pm di Milano hanno avuto "comportamenti inqualificabili" e che si deve verificare la possibilita' di una azione disciplinare nei confronti del magistrato. L'inusuale scelta della interrogazione su un fatto che lo coinvolge direttamente fa dire al Pd: siamo, " dopo le leggi 'ad personam', all'uso privato degli atti parlamentari".

Per Ghedini invece il minacciato uso dell'accompagnamento coatto e' stato 'un gravissimo episodio che ha anche chiaramente connotazioni politiche". In particolare (l'interrogazione e' firmata anche dal capogruppo Cicchitto e da quello in commissione Giustizia, Costa) ricorda che il Pm Massimo Meroni ha firmato "un durissimo documento contro le leggi del governo Berlusconi del periodo 2001-2006". Elemento questo che aiuterebbe a capire "quale sia lo stato d'animo" con il quale il magistrato "sta agendo nei confronti dell'avvocato Ghedini".

Nelle 8 pagine di interrogazione si ricorda quindi l'intera vicenda che riguarda la famosa bobina con la conversazione tra Piero Fassino e il numero uno di Unipol Giovanni Consorte che sarebbe stata consegnata dall'ingegner Raffaelli e da Fabrizio Favata a casa Berlusconi nel Natale del 2005. Pochi giorni prima della sua pubblicazione su "Il Giornale". E gli interroganti ripercorrono anche tutte le varie fasi del tentativo del Pm di ascoltare Ghedini visto che, secondo le ricostruzioni apparse sui giornali, al momento dell'incontro in casa del premier, sarebbe stato presente anche lui insieme al fratello del Cavaliere, Paolo Berlusconi, proprietario de "Il Giornale".

L'accusa che i deputati del Pdl muovono al sostituto procuratore di Milano e' che, citando Ghedini come teste, pur essendo quest'ultimo difensore dei due fratelli Berlusconi, si punterebbe ad "inibire" all'avvocato di Padova "l'esercizio del suo mandato" di legale nei confronti dei suoi assistiti.

Secondo quanto sostiene Ghedini, infatti, "nell'ambito dello stesso procedimento colui che assume la qualifica di testimone non puo' assumere la veste di difensore". L'intervento di Ghedini suscita la immediata reazione dell'Idv e del Pd. Di Pietro commenta che il governo dovrebbe chiari come Berlusconi entro in possesso di quella intercettazione."Siamo allo stato di polizia. Come al solito, Berlusconi e la sua corte vogliono bloccare i magistrati perche' indagano sui loro sporchi affari. E' provato che la telefonata tra Fassino e Consorte e' stata pubblicata da Il Giornale della famiglia Berlusconi quando era coperta da segreto". Luigi De Magistris parla di riflesso condizionato " alla Pavlov" da parte del Pdl .

"Dopo le leggi ad personam siamo adesso all'uso privato degli atti parlamentari", ha commentato la capogruppo democratica nella commissione Giustizia della Camera,Donatella Ferranti:"Piu' che il merito della vicenda stupisce il metodo visto che Ghedini non si e' ancora presentato in procura in qualita' di persona informata sui fatti e questa sua iniziativa parlamentare ha tutto il sapore di una intimidazione preventiva nei confronti del magistrato che lo dovra' interrogare. E' il solito modo di intendere la giustizia dove gli obblighi valgono per tutti, qualcuno escluso".

http://www.rainews24.rai.it/it/news.php?newsid=142073
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 18/06/2010 @ 06:49:25, in Estero, linkato 1395 volte)
Mafia, Falcone ricordato all'Onu

Commemorato all'Assemblea generale

La figura di Giovanni Falcone è stata ricordata nel corso dell'Assemblea generale dell'Onu a New York. Aprendo i lavori della riunione dedicata al crimine organizzato transnazionale, il presidente dell'Assemblea, Ali Abdussalam Treki, ha commemorato "quanti hanno perso la vita difendendo i valori della giustizia e della libertà. Tra questi - ha aggiunto - c'è Giovanni Falcone". Hanno partecipato all'Assemblea anche i ministri Maroni e Alfano.

"Il suo lavoro e il sacrificio hanno gettato le basi per l'adozione della Convenzione di Palermo sul crimine organizzato transnazionale. Il miglior modo per ricordare le vittime è proprio quello di rafforzare le ratifiche della Convenzione e dei suoi protocolli", ha detto Abdussalam Treki riferendosi al giudice ucciso dalla mafia nella strage di Capaci con moglie e scorta il 23 maggio 1992.

La Convenzione è stata ratificata da circa 150 Paesi. Nella delegazione italiana oltre ai ministri dell'Interno e della Giustizia italiani, è presente anche il procuratore nazionale Antimafia Piero Grasso.
Voto:

Ultimo aggiornamento ore 19:20
http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo484295.shtml
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 17/06/2010 @ 10:12:16, in Sindacato, linkato 1368 volte)

Federazione Nazionale della Stampa Italiana

 

 

Roma, 16 giugno 2010

Prot. n. 143/C

 

La Federazione Nazionale della Stampa Italiana comunica:

 


“Una grande mobilitazione contro il disegno di legge Alfano per la giornata del primo luglio a Roma, a piazza Navona, e in altre località d’Italia: un’iniziativa nel segno della Costituzione, per dar voce ai soggetti e ai temi che verrebbero oscurati se passasse un provvedimento che colpisce al tempo stesso il lavoro dei giornalisti e il diritto dei cittadini di conoscere le vicende del Paese. E’ una delle decisioni prese dalla Fnsi e dal cartello di associazioni che si è riunito nella sede del sindacato dei giornalisti: molte già attive nell’organizzare l’appuntamento del 3 ottobre scorso, insieme ad altre che in questi mesi hanno promosso nuove mobilitazioni contro la logica della censura.

Le manifestazioni del primo luglio avranno come filo conduttore la denuncia di ‘tagli e bavagli’: gli interventi del governo per censurare il diritto di cronaca col ddl intercettazioni e per punire la cultura italiana con la restrizione dei fondi per musica, cinema, teatro, danza; il rischio di sparizione di giornali ed emittenti colpiti dalla drastica e indiscriminata riduzione del finanziamento pubblico; il concreto pericolo che drammatiche vicende come quelle di Federico Aldrovandi e Stefano Cucchi possano in futuro rimanere a lungo ignote all’opinione pubblica; la perdurante difficoltà del mondo del lavoro ad ottenere l’attenzione dei media e a veder rappresentati gli effetti della crisi.

Nel calendario discusso da Fnsi e associazioni molto rilievo ha avuto anche l’iniziativa a livello europeo. E’ stata confermata la decisione di presentare, qualora il ddl Alfano fosse approvato, un esposto alla Corte per i diritti umani di Strasburgo, con la firma delle diverse organizzazioni e con il sostegno dei cittadini che vorranno sottoscriverlo sui siti delle varie associazioni. A questo atto potrebbe far seguito l’avvio di una campagna europea per una legge di iniziativa popolare – secondo la procedura prevista dal Trattato di Lisbona – a difesa dell’autonomia dell’informazione.

Le associazioni torneranno a riunirsi nei prossimi giorni, per definire l’organizzazione della manifestazione romana. Già è prevista intanto, per la stessa data del primo luglio, una ‘notte bianca’ della Fnsi, dell’Associazione di Stampa dell’Emilia-Romagna, dell’Anpi e dell’amministrazione cittadina a Conselice, il comune del Ravennate dove c’è l’unico monumento italiano alla libertà di stampa”.

 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503
Ci sono  persone collegate

< agosto 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             






Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (38)
Associazioni Giustizia (52)
Economia (86)
Estero (187)
Giuristi (134)
Gruppo Cellule Staminali (1)
Indagini (210)
Lavoratori Giustizia (1)
Magistratura (2170)
Osservatorio (1)
Osservatorio Famiglia (512)
Politica (926)
Redazionale (68)
Sindacati Giustizia (326)
Sindacato (221)
Telestreet (7)
Varie (82)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019

Gli interventi piů cliccati

Titolo
Bianco e nero (236)
I gatti di G.Q. (25)

Le fotografie piů cliccate

Titolo
G.Q. Non ha mai pubblicato pubblicità in otto anni e se iniziasse ora?

 Si, a me non disturba
 No, non mi piace



Titolo






A.N.M.
A.N.M. new
A.D.M.I.
Argon News
A.I.M.M.F.
Argon News Redazione
Artists Against War
Articolo 3
BloggersPerLaPace
Comitato Sfruttatori ATU
Commissariato PS Online
dBlog.it Open Source
Erga Omnes
Eugius
Filo Diritto
Intesaconsumatori
Geopolitica
Giuristi Democratici
Giuristi Democratici Roma
Magistratura Democratica
M.D. Toscana
Medel
Medicina Democratica
Magistratura Indipendente
Movimento per la Giustizia
Nazionale Magistrati
Non Solo Giustizia
Osservatorio Bresciano
Osservatorio Romano
Sorgente D'Amore
Studio Cataldi
Studio Celentano
Studio Tidona
Toghe Lucane
Uguale per Tutti
Unitŕ per la Costituzione
Unicost Milano
Unione Internazionale Magistrati
Morandi Senato
About me







http://www.wikio.it
Wikio
Iscriviti a GQ su FriendFeed
Blogstreet - dove il blog č di casa
Iscriviti a GQ su Twitter
Powered by FeedBurner


Blog Link










20/08/2019 @ 6.59.36
script eseguito in 531 ms