Immagine
 girl of the 1940 ... Vargas... di Admin
 
"
Visita il forum di Giustizia Quotidiana! http://www.giustiziaquotidiana.net/

Lunadicarta
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 

SIETE IN VACANZA? BENE, ALLORA VI MANDO LA FATTURA
GLI ITALIANI SONO TUTTI MOROSI: PAGATE SULLA BOLLETTA IL 5,5% IN PIU' . ESPOSTO DEL CODACONS ALL'ANTITRUST E ALL'AUTHORITY PER L'ENERGIA

L'Enel ha pensato bene di arrotondare i suoi guadagni inviando a milioni di utenti una fattura con il termine di scadenza minimo. La legge prevede, infatti, che il termine di scadenza della bolletta deve essere fissato ad almeno 20 giorni dalla data di emissione. Quindi è facoltà dell'Enel anche inviarla con un più largo anticipo. Questa scelta, ad esempio, è stata fatta da molte compagnie telefoniche, come Wind-Infostrada che hanno esteso i tempi a 30 giorni. La Telecom supera addirittura i 30 giorni. E l'Enel? L'Enel no! Inviare, o meglio datare una fattura 2 agosto e dare come scadenza il 23 agosto significa voler approfittare delle vacanze degli italiani per guadagnarci gli interessi di mora, pari al Tasso Ufficiale di Riferimento (ora al 2%) + 3,5%, o, per i buoni pagatori, pari, per i primi 10 giorni di ritardo, agli interessi legali. Un bel guadagno, insomma. Bravi!!!
Il Codacons ha presentato un esposto all'Autorità Antitrust e a quella per l'Energia. 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 02/09/2004 @ 13:13:01, in Ambiente, linkato 1454 volte)

L'AREA NATURALISTICA DEL PARCO DELE CAVE

In occasione della fine del 3° CAMPO DI VOLONTARIATO INTERNAZIONALE organizzato dal CFU/Italia Nostra e da Legambiente Lombardia.

Venerdì 3 settembre 2004
Appuntamento al Parco delle Cave - Prati Rossellini
(ingresso Parco da Via Rossellini)

ritrovo ore 16,15 per un trekking inaugurale dei lavori di sistemazione dei sentieri dell'area naturalistica, realizzati dai volontari e dagli operatori del CFU, durante il campo

con il contributo della FONDAZIONE CARIPLO (www.fondazionecariplo.it)
nell'ambito del progetto "TRI BASELLON"
(
www.cfu.it/pubblicazioni.html - Sentieri in città giugno 2004 articolo LA VERA NATURA DEL PARCO)

Per informazioni:
CFU/Italia Nostra - Boscoincittà, Cascina S. Romano
Via Novara 340 20153 Milano

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 02/09/2004 @ 13:09:19, in Estero, linkato 1445 volte)

Da venerdì scorso 27 agosto Giordano Tommasi, di Soave (VR), è in stato di arresto in Israele. L'arresto è avvenuto a Gerusalemme al termine della manifestazione internazionale contro la costruzione da parte di Israele del muro di separazione con i Territori Palestinesi. La motivazione dell'arresto sarebbe dovuta al suo diniego di consegnare le riprese effettuate per documentare il comportamento dell'esercito israeliano. Le riprese, effettuate presso la Porta di Damasco, hanno condotto ad un'accusa - per il ventitreenne veronese - addirittura di "spionaggio".
Con lui è stato arrestato un ragazzo americano, Peter L. Giordano è stato sottoposto a pesanti maltrattamenti e interrogatori da parte della polizia israeliana e processato con conseguente assoluzione.
Contrariamente alla sentenza del giudice che ne ordinava l'immediata scarcerazione, è stato trattenuto dalla polizia per "motivi di sicurezza" ed è stato tradotto al carcere di Tel Aviv.
Tutto questo senza che i famigliari fossero messi al corrente di alcunché, se non da una telefonata nel pomeriggio di domenica, da parte di una cittadina italiana occasionale testimone dell'accaduto. Il Consolato Italiano a Gerusalemme, interpellato dal padre di Giordano, non era in grado di fornire alcuna notizia, ma prometteva interessamento. Alla vigilia della seduta fissata per il ricorso alla Corte Suprema, l'Ambasciata Italiana a Tel Aviv si dichiara all'oscuro di tutto ciò, come delle inumane condizioni della detenzione. Ogni condizione di rispetto del diritto della persona è disattesa. Da quattro giorni Giordano Tommasi sta protestando con lo sciopero della fame.
Anche l'Unità di Crisi di Roma non ha fornito alcun supporto. La famiglia lancia un appello ai mezzi di comunicazione, perché questa situazione insostenibile venga resa pubblica, perché il Governo Italiano si attivi per la tutela della persona e il suo immediato rimpatrio e venga espressa formale protesta alle Autorità Israeliane per questo comportamento lesivo del Diritto Internazionale, dei diritti dei Popoli e delle persone, oltreché per affermare la libertà di manifestazione e di informazione.

Ora la famiglia attente che liberandolo lo rimandino a casa.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 01/09/2004 @ 18:08:21, in Giuristi, linkato 1349 volte)

La prima presentazione del Rapporto si svolge venerdì 3 settembre a Milano, alle ore 21, presso la Festa dell'Unità (Spazio Libreria), nell'Area Mazda Palace. Partecipano don Andrea Gallo (fondatore della Comunità San Benedetto di Genova), Paolo Matteucci (assessore Provincia di Milano), Mauro Palma (rappresentante del Comitato prevenzione tortura Consiglio d'Europa), Achille Passoni (segretario confederale della Cgil), Sergio Segio (curatore del Rapporto). Coordina Riccardo Bonacina (direttore del settimanale Vita).

La seconda presentazione si svolge lunedì 6 settembre a Roma, alle ore 19, presso lo Spazio della Libreria Odradek alla Festa nazionale di Liberazione, negli Ex Mercati Generali (Via Ostiense). Partecipano Stefano Anastasia (presidente nazionale di Antigone), Lucio Babolin (presidente della Cnca), Paolo Nerozzi (segretario confederale della Cgil), Luigi Nieri (assessore alle Politiche del Lavoro del Comune di Roma), Sergio Segio (curatore del Rapporto).

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 01/09/2004 @ 13:50:14, in Indagini, linkato 4642 volte)
Spettabile il Punto Informatico,
 
sono a richiedere alla vostra redazione l'immediata cancellazione del post e dell'immagine ivi raffigurata sul sito di Mantellini, vostro collaboratore.
 
L'immagine, che mi raffigura, viola e vilipende i miei diritti/doveri costituzionali di cittadino italiano, inoltre l'immagine stessa è stata rubata a fotografo iscritto all'Albo e alla Siae.
 
 
 
Ai sensi della legge sulla stampa, l'articolo 8 e seguenti, sarebbe utile una vostra smentita formale in merito al comportamento del vostro collaboratore, che attualmente copre l'altrettanto noto Gianluca Neri, che ha procurato di mettere in rete un filmato che mi riprende con la mia famiglia ed in particolar modo con i miei figli minorenni, di cui mai è stata divulgata l'immagine prima d'ora.
 
L'autore del filmato è noto: si chiama Luca Di Ciaccio ex collaboratore della telestreet Tele Monte Orlando di Gaeta e intimo amico dell'ancor più famoso personaggio di Gaeta, da voi pubblicato, che pur di nuocere ad un imprenditore pubblicò l'indirizzo e il telefono del suo medico curante.
 
Qui vi si chiede deontologia professionale e senso di responsabilità, anche per il blogghino bello del pupo.
 
Suppongo voi siate una testata giornalistica seria, ed io sono al corrente che sui vostri forum sia già stata data la notizia del banner e, probabilmente, da voi in seguito cancellata.
 
Ritengo sia professionalmente rilevante un vostro intervento nei confronti del collaboratore, perchè la Rete è di tutti e non solo dei vecchi vip, ormai divenuti obsoleti ed evidentemente corrotti.
 
Credo sia inutile pronunciare l'ovvietà della formula di rito e netiquette, generalmente prevista e gradita da tutte le persone serie in Rete, cui intendo attenermi in vostra mancanza, per il vecchio adagio... "chi rompe, paga".
 
D'altronde, sono certa che provvederete immediatamente a quanto richiesto, visto e considerato che il pupo si diverte ormai da un tre mesi buoni.
 
Cordialmente
 
Roma, 1 settembre 2004.
 
Loredana Morandi
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 31/08/2004 @ 19:30:11, in Sindacato, linkato 1479 volte)

Prot. n. 146/C - Il Presidente della Federazione Nazionale della Stampa Italiana, Francesco Angelo Siddi, a seguito della proposta dell’Associazione Articolo21 di intitolare il Forum dell’Informazione di Gubbio alla memoria di Enzo Baldoni, ha risposto con la seguente lettera:

“Carissimi Federico e Beppe,
giudico di grande significato la proposta dell’Associazione Art. 21 di intitolare il Forum di Gubbio a Enzo Baldoni, giornalista free lance, uomo di pace e cercatore di verità. E’ una proposta utile per la nostra società civile, ma anche per la Fnsi e per le istituzioni e l’associazionismo che, con essa,  cooperano ogni anno all’organizzazione del Forum per la liberta dell’informazione .
Il Segretario della Federazione della Stampa ha già annunciato che sottoporrà la proposta di “Articolo 21” alla prima riunione della Giunta Esecutiva dopo le ferie estive.
 A Gubbio la Fnsi, con le associazioni della società civile e d’impegno per la pace tra i popoli ha già avviato, sulla spinta dei drammi della guerra e del terrorismo le prime riflessioni di valore sulla funzione dei media e sull’esigenza vitale di una libera stampa che possa svelare misteri e trame oscure, dare luce e parola alle notizie negate e dimenticate.
Baldoni, figlio di una terra di pace di solidarietà come quella umbra, esprimeva il meglio di  questi valori, svolgendo contemporaneamente a quella giornalista altre attività. Il desiderio di solidarietà e di pace, di sostenere il riscatto dei deboli era strettamente connesso alla ricerca un’informazione libera e completa, non intossicata dagli interessi dei belligeranti o delle fazioni del terrore nelle frontiere martoriate dalla guerra e dalla violenza.
 La Fnsi e l’organizzazione internazionale di categoria, Ifj, costantemente da tempo, nella tragica vicenda irachena,  si appellano alle forze militari sul campo e alle milizie islamiche perché risulti chiaro che i giornalisti non sono parte del conflitto né espressione delle politiche nazionali dei loro Paesi. Era chiarissimo, questo, nel caso di Enzio Baldoni, lo è oggi per i due colleghi francesi Chesnot e Malbrunot, per la cui sorte trepidiamo in queste ore, chiedono a gran voce la liberazione.  
Certo l’assassinio del free lance Baldoni riporta ancora una volta alla luce la condizione di alta esposizione dei colleghi di frontiera. Anche sulle regole del loro ingaggio di lavoro occorre una riflessione più attenta e disponibile da parte di tutti, a cominciare dagli editori.
La situazione è oggettivamente difficile, ma va rilanciato l’impegno della comunità internazionale per la sicurezza dei giornalisti. La convenzione di Ginevra non basta più. Va rafforzato il diritto internazionale affinché sia considerato crimine di guerra l’assassinio da parte di qualsiasi forza belligerante. Lo chiediamo con la Fij sin dai primi lutti al fronte patiti dal giornalismo italiano con gli assassini della collega Cutuli e del fotogiornalista  Ciriello in Afghanistan e in Palestina.
Ma sulle tragedie dei giornalisti (nostri e di tutto il mondo) che muoiono sempre più frequentemente in frontiera avevano già preso amaramente coscienza con le morti di Hrovatin., Alpi, Antonio Russo. Una catena di croci, pesante come lo è la negazione di verità e di giustizia che ancora grava sulla loro orribile fine. Roma, 31 agosto 2004

Federazione Nazionale della Stampa Italiana
Il Presidente

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 31/08/2004 @ 19:19:51, in Politica, linkato 1383 volte)

Zanella: Prestigiacomo latitante e poco determinata

"La ministra per le pari opportunità Stefania Prestigiacomo non ha spostato di una virgola l'esito drammatico dell'iter legislativo che ha portato all'approvazione di una legge insensata e barbara. Nei dibattiti in Parlamento si è data alla latitanza". Lo ha dichiarato la deputata verde Luana Zanella. "Accodarsi ora - continua Luana Zanella - alla proposta di rivedere la legge, utile, ovviamente, a bloccare i referendum, non solo sembra una battaglia di retroguardia, ma è in linea con la scarsa determinazione e convinzione con cui la ministra ha partecipato al dibattito sulla legge. Stefania Prestigiacomo ha lasciato fare e non ha sostenuto le parlamentari della maggioranza che con coraggio e coerenza si erano battute insieme all'opposizione".

De Petris: Prestigiacomo parla senza costrutto

"La ministra Prestigiacomo continua ad aprir bocca e a dargli fiato sulla legge sulla fecondazione assistita senza alcun costrutto, così come ha fatto durante la discussione della legge in Parlamento". Lo afferma la senatrice verde Loredana De Petris, criticando la proposta del ministro di modificare la legge in Parlamento e sostenendo che l'unica strada per cambiare la normativa è il referendum. Secondo De Petris già durante l'esame della legge "le promesse d'intervento" fatte dalla Prestigiacomo "per migliorarla non portarono assolutamente a nulla. Nessuno nella sua maggioranza e nel Governo di cui fa parte l'ha ascoltata. E' inutile ripetere oggi lo stesso copione, per di più affermando che la proposta Bianconi-Tomassini incardinata al Senato può essere un buon punto di partenza per migliorare seriamente una legge medievale e contro le donne. L'unica strada davvero seria ed efficace e percorribile - sostiene l'esponente verde - è quella referendaria. E' per questo che è necessaria la massima mobilitazione di tutti coloro che vogliono seriamente cambiare la legge per raggiungere l'obiettivo entro settembre".(Ansa)

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 31/08/2004 @ 19:18:30, in Politica, linkato 1413 volte)

"E' positivo che DL riconosca la necessità di riconsegnare allo stato la competenza in materia di energia, ma attenzione a come si affronta la liberalizzazione del mercato. Ora se ne discuta al tavolo ambiente delle opposizioni". Lo ha dichiarato il responsabile ambiente dei Verdi e coordinatore del tavolo ambiente dei partiti di opposizione, Fabrizio Fabbri. "Con la crisi petrolifera in atto, la lobby nucleare che preme e il disastroso piano Enel che prevede di arrivare al 2008 con la copertura del 50% del fabbisogno energetico nazionale ancora affidata al carbone, occorre che il tavolo ambiente definisca un programma comune del centrosinistra, al più presto". "Occorrerà parlare  conclude Fabbri - non solo delle fonti, anche per noi pulite e rinnovabili, ma anche della necessità di decentralizzare la produzione di energia, affidandola a centrali più piccole, che permettano di ottimizzare costi e benefici con un minor impatto ambientale".

Pecoraro a Margherita: occorre un tavolo dell'Ulivo

Il leader dei Verdi, Alfonso Pecoraro Scanio, solleva dei rilievi di metodo e di merito sulla proposta di riforma nel campo dell'energia avanzata dalla Margherita: su questo tema come su altri occorre piuttosto, ha spiegato Pecoraro, un tavolo comune dell'Ulivo. "Servirebbero dei tavoli comuni dell'Ulivo - ha affermato Pecoraro intervenendo alla festa dell'Udeur - per affrontare le diverse tematiche del programma di Governo, perché bisogna discutere tutti insieme". "La proposta della Margherita - ha aggiunto il leader dei Verdi - può essere utile se serve a segnalare un argomento. Però se la Margherita inizia a dire che è importante la liberalizzazione noi diciamo invece che è importante l'autoproduzione, perché la liberalizzazione avvenuta ha creato il primo black out nella storia d'Italia". (Ansa)

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 31/08/2004 @ 19:16:36, in Politica, linkato 1348 volte)

Islam. Pecoraro: combattere tutti i fondamentalismi e tutte le guerre

"Prima di parlare, il presidente del Senato Pera farebbe bene ad informarsi, per evitare, in futuro, quella che risulta un'assurda istigazione a uno scontro di religione". Lo ha dichiarato il presidente dei Verdi Alfonso Pecoraro Scanio. "Pera - continua Alfonso Pecoraro Scanio- si prenda un paio d'ore e vada a vedere il film di Michael Moore Fahrenheit 9/11 per capire come il fondamentalismo occidentale sia odioso quanto quello islamico. Per battere i fondamentalismi ed evitare le guerre serve un'alleanza tra tutti i laici del mondo contro chi ha interesse a fomentare la folle spirale di bombe e decapitazioni". "Servono parole di pace- conclude il leader del sole che ride- e nuove politiche di sviluppo sostenibile e cooperazione internazionale, perché l'occidente deve rendersi conto che non può continuare all'infinito a consumare da solo l'80% delle risorse del pianeta".

Iraq. Cento: no al fondamentalismo di Pera

"Il presidente del Senato Pera vorrebbe ridurre la politica a braccio operativo della scrittrice Oriana Fallaci e a una visione del mondo senza speranza - ha dichiarato il deputato verde Paolo Cento. Questo è il grande guasto che la guerra sta producendo, oltre alla tragedia di migliaia di vittime civili ed è grave che tutto ciò sia accettato e rilanciato dalla seconda carica dello stato. Altro che scontro di civiltà è necessario invece aprire lo spazio per il confronto tra civiltà e religioni diverse senza accettare i fondamentalismi e gli integralismi da qualunque parte essi vengano. Anche per questo decisiva rimane la richiesta del ritiro dei soldati come unico atto di rottura contro il dominio della guerra e del terrorismo".

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 31/08/2004 @ 19:05:43, in Sindacato, linkato 1495 volte)

Federazione Nazionale della Stampa Italiana - Prot.n. 145

Il Segretario Generale della Federazione Nazionale della Stampa Italiana, Paolo Serventi Longhi, a seguito della proposta dell’Associazione Articolo21 di intitolare il Forum dell’Informazione di Gubbio alla memoria di Enzo Baldoni, ha risposto con la seguente lettera:

“Carissimi amici,
apprezzo molto la proposta che l’Associazione Art. 21 avanza alle istituzioni, al mondo dell’informazione ed alla società civile. Sottoporrò la proposta di “Art. 21” alla prima riunione della Giunta della Federazione nazionale della Stampa dopo le ferie estive, prevista per la prossima settimana, suggerendo un’iniziativa che vada nel senso da voi indicato.
Il Sindacato unitario dei giornalisti, che da anni organizza il Forum dell’Informazione a Gubbio d’intesa con la Regione Umbria e il Comune di Gubbio, non può non ritenere di grande rilievo una riflessione, che coinvolga tutte le associazioni della società civile, i movimenti e i sindacati sui temi della libertà, dei diritti e della pace, nel nome di Enzo Baldoni.
Enzo era una giornalista atipico, rigorosamente indipendente e profondamente sensibile alle innovazioni e allo sviluppo dei new media. E’ pertanto giusto ricordarlo sia sul fronte del lavoro autonomo giornalistico, sia su quello del cambiamento, nel rispetto delle regole, sia anche su quello della sicurezza degli inviati di guerra. Mentre era impegnato su questi fronti, Enzo è stato barbaramente assassinato. Egli amava la pace e noi giornalisti sappiamo quanto la guerra, le violenze, le intimidazioni, le censure, la propaganda siano nemiche della verità. 
In qualità di componente dell’Esecutivo della Federazione Internazionale dei Giornalisti, proporrò inoltre, nella prima riunione del nuovo organismo, fissata per metà ottobre a Bruxelles, di assumere una iniziativa di analisi dello stato dell’informazione in rapporto all’esigenza di difendere la pace e di condannare ogni forma di violenza che prenda a pretesto la necessità dei giornalisti di vedere con i propri occhi la realtà e di raccontarla. Troppi ormai sono i colleghi che, non potendo sottrarsi dalla inderogabile funzione sociale di informare, sono a rischio di odiosi e inaccettabili ricatti, di sequestri e di barbare uccisioni.
Un momento significativamente unitario, che coinvolga tutte le organizzazioni degli operatori del mondo ed in particolare delle aree di crisi e del mondo islamico, mi sembra sempre più opportuno e utile. Per questo suggerirò alla Federazione internazionale un grande seminario da organizzare a Gubbio al più presto. Fraterni saluti”. Roma, 31 agosto 2004

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503
Ci sono  persone collegate

< agosto 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             






Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (38)
Associazioni Giustizia (52)
Economia (86)
Estero (187)
Giuristi (134)
Gruppo Cellule Staminali (1)
Indagini (210)
Lavoratori Giustizia (1)
Magistratura (2170)
Osservatorio (1)
Osservatorio Famiglia (512)
Politica (926)
Redazionale (68)
Sindacati Giustizia (326)
Sindacato (221)
Telestreet (7)
Varie (82)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019

Gli interventi piů cliccati

Titolo
Bianco e nero (236)
I gatti di G.Q. (25)

Le fotografie piů cliccate

Titolo
G.Q. Non ha mai pubblicato pubblicità in otto anni e se iniziasse ora?

 Si, a me non disturba
 No, non mi piace



Titolo






A.N.M.
A.N.M. new
A.D.M.I.
Argon News
A.I.M.M.F.
Argon News Redazione
Artists Against War
Articolo 3
BloggersPerLaPace
Comitato Sfruttatori ATU
Commissariato PS Online
dBlog.it Open Source
Erga Omnes
Eugius
Filo Diritto
Intesaconsumatori
Geopolitica
Giuristi Democratici
Giuristi Democratici Roma
Magistratura Democratica
M.D. Toscana
Medel
Medicina Democratica
Magistratura Indipendente
Movimento per la Giustizia
Nazionale Magistrati
Non Solo Giustizia
Osservatorio Bresciano
Osservatorio Romano
Sorgente D'Amore
Studio Cataldi
Studio Celentano
Studio Tidona
Toghe Lucane
Uguale per Tutti
Unitŕ per la Costituzione
Unicost Milano
Unione Internazionale Magistrati
Morandi Senato
About me







http://www.wikio.it
Wikio
Iscriviti a GQ su FriendFeed
Blogstreet - dove il blog č di casa
Iscriviti a GQ su Twitter
Powered by FeedBurner


Blog Link










21/08/2019 @ 0.36.24
script eseguito in 531 ms