Immagine
 .. looking glass ..... di Lunadicarta
 
"
La pena che i buoni devono scontare per l'indifferenza alla cosa pubblica è quella di essere governati da uomini malvagi.

Platone
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Loredana Morandi (del 02/03/2009 @ 06:42:01, in Magistratura, linkato 1482 volte)
La guerra delle procure ha avuto effetti di gran lunga più devastanti, di ogni altro attacco politico alla libertà di giurisdizione della magistratura. Questi i risultati ...

Giustizia, la riforma deve partire dai magistrati

di ANGELO MIELE
Lunedì 02 Marzo 2009 12:42

Nel suo appassionato e appassionante intervento sul tema, tanto dibattuto, del testamento biologico (che evoca la morte quale rimozione della sofferenza), apparso sull’Avanti! di domenica 24 febbraio, dal drammatico titolo “Io, assassino confesso di mia madre terminale”, Aldo Chiarle - emblema vivente del verace socialismo italiano -, con riferimento al mio articolo del 17 febbraio, da una parte, mi gratifica dell’appellativo di “illustre giurista”, che non credo mi si addica, dall’altra, mi attribuisce conclusioni sul caso Englaro, da lui non condivise, che io certamente non ho inteso esprimere, posto che avevo portato la mia riflessione sulla competenza (il potere) a decidere della vita e della morte di un essere umano, finendo con il disapprovare l’intervento di magistratura, governo e capo dello Stato. Probabilmente mi espressi in modo non chiaro.

Detto questo, desidero esternare fraternamente al caro compagno Aldo tutta la mia comprensione per la sua personalissima e tragica esperienza, che certamente ha segnato e accompagnato il suo percorso vitale. Se può essergli di conforto, sappia che anche la mia vita è stata un susseguirsi di dolorose vicende, fin dalla giovanissima età: persi mio padre - socialista aderente al gruppo che a Benevento faceva capo all’onorevole Basile; persi di lì a qualche anno il mio caro e giovane fratello, vittima innocente dell’epidemia di tifo (allora, la penicillina, scoperta da Fleming, non era ancora in commercio in Italia), che seminò numerosi lutti tra la popolazione; seguì la distruzione della mia casa ad opera dei bombardieri americani, che rasero al suolo mezza città. Avevo appena quattordici anni!

E qui mi fermo, per non correre il rischio di scrivere, sia pure in breve, una specie di diario. Ho fatto cenno ad alcune vicende della mia vita solo per dire che la sofferenza è parte inseparabile della nostra (nostra: di tutti) esistenza ed è, allo stesso tempo, una scuola che ci forgia, e tanto più quanto la sofferenza ci tocca in profondità. Avrò modo di tornare su questo tema del destino esistenziale dell’uomo, che continua per me a essere motivo di angoscia e questa volta Aldo non dissentirà da me. Anche il tema del diritto, in quanto racchiude ed esprime l’esperienza umana, è un tema che è permeato dalla sofferenza, come appunto, il caso di Eluana Englaro, che ha riguardato non solo la sfortunata giovane, cui la vita non ha arriso che per breve tempo, ma per i di lei genitori e, perché no, per buona parte della collettività. Oggi si discute del diritto alla vita ma anche del diritto alla morte per eliminare la sofferenza senza speranza, a vuoto, e in Parlamento si sta approntando - tra irriducibili contrasti - la legge sul testamento biologico, che è ritenuto conquista di civiltà: io, non credente, ho qualche dubbio. E la sofferenza non è solo quella fisica, ma anche quella psichica, ad esempio la sofferenza per la giustizia che il Cristianesimo ha elevato alla beatitudine: beati coloro che soffrono per la giustizia ché di essi è il regno dei cieli!

Quando decisi di abbracciare la professione di avvocato - scartando quella del giudice che è, invece, chiamato ad applicare il diritto e, quindi a infliggere sofferenze - scelsi di dedicarmi al processo penale, che è un po’ l’inferno della giustizia, dove, come non mai, la sofferenza umana raggiunge indicibili livelli (il grande Carnelutti, lui si giurista illustre, affermava, nel suo “Colloqui della sera”, che il processo fa soffrire l’uomo non tanto perché è colpevole, quanto per scoprire se lo è). E il processo penale fa soffrire non solo il colpevole (e i suoi familiari), ma anche e soprattutto l’innocente, spesso esposto alla gogna della pubblica opinione. L’esperienza professionale mi ha convinto che la giustizia umana è in balia continua dell’errore (errare humanum est). Voltaire, nel suo “Dizionario Filosofico”, ammoniva che bisogna cancellare dal vocabolario la parola “certezza”, perché quando i giudici dicono di essere certi nel giudicare non sospettano che l’errore è un’insidia che si nasconde di continuo sul loro cammino. Ma, una cosa è l’errore effetto della limitatezza umana nel pervenire alla reale conoscenza delle cose (e perciò, per dir così, errore normale), altra cosa è, invece, l’errore che dipende dalla deficiente organizzazione dello Stato e della giustizia. Come dire: errore strutturale (che perciò è destinato a riprodursi). Gli errori della nostra giustizia sono all’ordine del giorno, come informano le cronache quotidiane e le periodiche statistiche.

Certo, da avvocato difendo (devo difendere) anche il colpevole, perché anche questi è un uomo, per quanto malvagio sia, e quindi anche questi ha diritto a un giusto processo, secondo la legge che lo regola, e a una giusta pena. Ma lungo la mia carriera, una carriera (ahimè) di quasi mezzo secolo, è maturata in me la convinzione che non basta più fare la storia degli errori giudiziari (ed è già una storia lunga), occorre che si riveda tutto il sistema giustizia per limitare, al massimo, l’incidenza dell’errore del giudice e, quindi, la sofferenza di chi è coinvolto, a qualsiasi titolo, nel processo. Penso, perciò, che per l’alta funzione cui sono chiamati, i sacerdoti della legge debbano avere una professionalità adeguata e portare la responsabilità dei propri atti. Invece tutti possono constatare la mancanza dei due requisiti: in un saggio dal titolo “Il magistrato senza qualità”, Vito Massimo Caferra, magistrato, esponeva assai realisticamente la situazione nella sua corporazione e metteva, soprattutto, l’accento sulla politicizzazione di alcuni settori della magistratura, che ha fatto perdere credibilità all’intera classe di magistrati.

Poi, persino le pietre sanno che il magistrato non paga mai per i suoi errori: certamente non paga sul piano politico, perché essendo mero impiegato dello Stato non è soggetto al rendiconto al popolo; non paga neppure sul piano civilistico, perché la legge 117/1988 sulla responsabilità dei magistrati ne esclude la responsabilità “nell’attività d’interpretazione della legge e di valutazione dei fatti” (quanto dire l’intera attività); infine, non paga quasi mai in via disciplinare, perché la disciplina, essendo gestita dal Consiglio superiore della magistratura, che è una specie di consorteria di correnti a sfondo politico, non dà ampie garanzie di obiettività.Pertanto, la carriera basata sulla sola età e la irresponsabilità sono i due maggiori fattori genetici degli errori dei giudici e dei pubblici ministeri (la malagiustizia). Ecco perché ho approfondito i miei studi sull’organizzazione e sul funzionamento della giustizia, pervenendo alla conclusione che bisogna rivedere la macchina della giustizia, ma anche l’aspetto relativo ai soggetti addetti ad essa.

L'Avanti
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 02/03/2009 @ 06:51:16, in Magistratura, linkato 1389 volte)
Lunedì 02 Marzo 2009 | Ultimo aggiornamento 14:43

Indagini a tutto campo

L'autobomba al Palazzo di Giustizia di Imperia:
nominato consulente dei Vigili del Fuoco

Imperia - In tale ottica sono stati esaminati diverse migliaia di fascicoli processuali del Tribunale di Imperia relativi agli ultimi anni. Questa mattina sono stati eseguiti ulteriori sopralluoghi tecnici sull’autovettura utilizzata per l’attentato.

La Procura della Repubblica di Imperia ha nominato un funzionario dei Vigili del Fuoco, l'ingegnere Alessandro Segatori, di Genova, quale perito nell'ambito delle indagini finalizzate a rintracciare gli autori dell'autobomba - una Fiat Punto, targata Savona, rubata alcuni prima, ad Alassio – piazzata, il 2 novembre scorso, sul retro del Palazzo di Giustizia di Imperia e non esplosa per un caso fortuito. Questa mattina e' stato eseguito un nuovo sopralluogo sulla vettura che conteneva due bombole del gas da cucina e due taniche di combustibile, pronte per esplodere se le fiamme appiccate alla striscia di gasolio avessero avvolto del tutto l'auto. Compito del perito sara' quello di stabilire la potenzialita' offensiva dell'ordigno, in relazione anche al posizionamento della vettura.

L'autobomba venne scoperta, alle 7 del mattino, da un agente della vigilanza, durante un giro di perlustrazione della zona. Continuano, nel frattempo, le indagini della Squadra Mobile di Imperia, in collaborazione con la Squadra Mobile di Genova, coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Genova. Le indagini non hanno trascurato alcuna pista, anche quella riconducibile alla criminalità organizzata e o alla matrice eversiva, sia interna che internazionale.

Gli investigatori stanno anche valutando la posizione di soggetti, non necessariamente di alto spessore criminale, che possano avere motivi di intimidazione o vendetta verso tutti quei soggetti che a vario titolo hanno un ruolo attivo nell’amministrazione della giustizia imperiese; motivi di risentimento da ricondurre a procedimenti, civili o penali, tuttora in corso o conclusi con condanne. In questa ottica, sono stati esaminati diverse migliaia di fascicoli processuali del Tribunale di Imperia relativi agli ultimi anni.

di Fabrizio Tenerelli
Riviera 24
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 02/03/2009 @ 07:00:41, in Magistratura, linkato 2326 volte)
Solo per giustizia: la vita (in prima linea) di Raffaele Cantone 

Scritto da Francesco Persili  
domenica 01 marzo 2009

Solo per giustizia, si fa il proprio dovere. Solo per giustizia, un servitore dello Stato affronta minacce, calunnie e dieci anni senza passeggiate. Solo per giustizia è il libro, edito da Mondadori, in cui il pm anticamorra del processo Spartacus, Raffaele Cantone, racconta la sua vita da magistrato in prima linea. Già, perché lui vive dal 2003 sotto scorta. Come il suo amico Roberto Saviano, e la giornalista del Mattino Rosaria Capacchione, è finito nel mirino del clan dei Casalesi ma i boss di Mondragone e Casal di Principe sono quasi tutti in carcere anche, e soprattutto, grazie al suo lavoro.

Cantone ha 43 anni, è stato numero uno della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli e oggi lavora in Cassazione. Ha deciso di raccontare la sua storia di bravo studente di giurisprudenza che dopo aver ”rischiato” di diventare avvocato, vince il concorso in magistratura e finisce ad occuparsi di camorra «un po’ per caso, un po’ perché conosce bene le leggi». Faccia pulita e la consapevolezza di chi conosce, oltre al prezzo, anche il valore dell’onestà, Cantone è un eroe normale. È rimasto quel ragazzo di Giugliano, che amava il diritto ”che non soffoca l’uomo in una regola ma è l’unico strumento per concedergli libertà”. Quella libertà che Cantone oggi continua a cercare malgrado dal 1999 la sua vita sia cambiata. Ha cominciato ad occuparsi di camorra casertana, dei Casalesi, non un clan di paese ma un’organizzazione criminale. Piombo, sangue e affari. Nel suo libro il magistrato campano racconta del piacere procurato ai killer dalle esecuzioni e dei ragazzi conquistati dalla filosofia del meglio un giorno da leone. Polaroid di criminalità, un succedersi di eventi micidiali. Cantone confessa di non essersi mai sentito un missionario, o un angelo mandato sulla terra per estirpare il cancro della criminalità organizzata. Per anni ha considerato il suo ufficio in Procura il centro del mondo. Lì ha lasciato un pezzo della sua esistenza. I crest di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, no, quelli li ha portati con sé, perché i due giudici siciliani hanno rappresentato per lui un patrimonio. Il coraggio, l’esempio, il dovere. ”Certe cose si fanno perché si devono fare”. La penna di Cantone è una lama che incide la carne viva, una ricerca che fruga nei recessi di una terra senza pace.
Si fa presto a dire Gomorra, l’universo camorrista è una geografia di potere e malaffare assai complessa. «Se a Napoli – spiega il magistrato - la camorra è legata a clan di quartiere che vivono di furti, rapine e estorsioni, nella provincia di Caserta la criminalità ha confini, forme e radici diverse. Mostra una struttura di tipo familistico, con un’organizzazione fortemente gerarchica e una forza in grado di controllare il territorio». Droga, racket, omicidi e affari. Dalle indagini di Cantone emerge la capacità dei Casalesi di creare un circolo vizioso con il mondo imprenditoriale e un sistema di rapporti con le amministrazioni locali spaventoso. Un potere multiforme e senza scrupoli che uccide un prete coraggioso come don Peppino Diana e mette le mani sul ciclo di smaltimento dei rifiuti, tenta la scalata alla società Lazio e prova a riciclare i soldi sporchi nel calcio perché sa che il calcio porta denaro, voti, consenso. La dimensione economica e la contiguità con la politica sono i segni dominanti della camorra casalese che prende ad investire in Pianura padana e fa la voce grossa nella gestione degli appalti. Infiltra le giunte locali e opera in modo trasversale per controllare cantieri e opere pubbliche. Un magnete criminogeno che consente alla camorra di essere alternativa allo Stato. Anche se, poi, i boss non si considerano Antistato ma parte integrante della comunità nazionale. E possono farlo. «I clan creano legami stabili con la politica – denuncia Cantone - convogliando verso gli uomini di loro riferimento il consenso che hanno raccolto attraverso il radicamento territoriale e il controllo delle attività imprenditoriali».
Un sole nero che attrae e seduce la popolazione. A Gomorra city la camorra è presenza reale, visibile per le strade. Si respira ad ogni angolo, si tocca con mano quando gli studenti di Casal di Principe dicono che Saviano poteva farsi i fatti suoi. Per l’ex presidente della Camera Luciano Violante la camorra da quelle parti è «società», e i boss riempiono i vuoti dello Stato. E danno lavoro, soldi, la finta illusione di riscattare una vita ai margini. Cantone racconta di quei ragazzi uccisi vestiti come «yuppies disgraziati» che scelgono di diventare carne da macello per inseguire un miraggio di ricchezza. Il magistrato fa emergere il ventre molle dell’illegalità in giacca e cravatta e passa in rassegna anni di attività. C’è l’anziano padre che si rivolge a lui dopo la morte del figlio per un caso di malasanità e ci sono le indagini con i Ros per catturare Michele Zagaria, la primula rossa dei Casalesi. C’è la banalità del male e il pentimento di Augusto La Torre , il capo del clan di Mondragone, che rivela di aver fatto pedinare Cantone perché pensava ad un attentato contro di lui. 
Nonostante il governo abbia deciso di inviare i parà della folgore, i ragazzini di 12-13 anni continuano ad essere utilizzati come vedette o corrieri della droga, e una mamma scrive a un capoclan perché è preoccupata per il futuro del figlio. L’esercito non basta, la camorra si acquatta e si radica. Per non lasciare traccia si serve dei «dei colletti bianchi» e continua a svolgere un ruolo di intermediazione sociale. Cantone chiede allo Stato schiena diritta e legalità. «La repressione si deve accompagnare a un pacchetto di interventi per stroncare le connivenze incestuose con imprese e politica». Specie dopo il processo Spartacus, mentre tra i Casalesi è in atto una riorganizzazione interna e un ricambio dei vertici.
C’è ancora molto da fare. A preoccupare il magistrato di Giugliano non sono le minacce né l’isolamento ma la sensazione che «tutto quello che si fa possa sembrare inutile». Cantone ha paura che la gente perda fiducia nelle istituzioni e ceda alla rassegnazione. Già, la gente. Quella che lo ho guardato male, e piuttosto che averlo come vicino di casa, ha organizzato una raccolta di firme per mandarlo via. Perché non voleva problemi, perché «quel magistrato pensava solo a far carriera». Su di lui ne giravano tante. Corrotto, perché possedeva un’auto di lusso. Spregiudicato, perché aveva ambizioni politiche. A Gomorra i veleni sono nella terra, riempiono l’aria e rovinano la vita di un magistrato onesto. Anche l’innocenza di tuo figlio che ti chiede di andare allo stadio perché c’è la partita può essere usata contro di te. Cantone ricorda ancora quella domenica, il maresciallo che si presenta con un amico e la rabbia del giorno dopo in Procura quando gli chiedono se era stato allo stadio e con chi. Perché l’amico del maresciallo era stato intercettato nell’ambito di un’inchiesta sugli affari dei Casalesi mentre rassicurava uno degli indagati che quell’incontro poteva essere sfruttato a suo vantaggio se e quando ne avesse avuto la necessità. Quando si è in prima linea non ci si può fidare di nessuno. La diffidenza è un’armatura per sopravvivere, la migliore protezione possibile. «La calunnia fa più danni di un proiettile in testa». Cantone non ha dubbi. E ha ancora i brividi se ripensa a quel volantino in cui veniva accusato di non essere un magistrato onesto arrivato sul tavolo di tutti i colleghi, dei giornali, del Csm e perfino di Caselli e Borrelli. Un piano diabolico per screditare un sostituto procuratore che stava svolgendo un’indagine su una gigantesca truffa assicurativa. «Mi sentivo come se cercassero di fare una cosa peggiore che eliminarmi fisicamente». Cantone spiega che la distruzione di un magistrato passa attraverso la sua delegittimazione e ricorda come analogo tentativo fu esperito per screditare il lavoro di Falcone. L’ex pm si dice spaventato «sia dalle divisioni che spesso dilaniano il mondo dell’Antimafia, e lo rendono più debole, sia dalla capacità delle mafie di provare a distruggere l’onorabilità, e la dignità di chi li combatte». Ci hanno provato con lui, ci continuano a provare anche con Roberto Saviano. Ma se l’ex pm dice di essere riuscito a trovare un equilibrio «perché ho moglie e figli, un microcosmo in cui tornare ogni sera, penso che lui farebbe bene a lasciare l’Italia per riprendersi la sua vita da trentenne».
Cantone insiste sulla forza delle scelte e delle azioni positive per far crescere la società ma mette in guardia dalla diffamazione e dalla maldicenza. Quel virus occulto di cui la criminalità si serve per toglierti autorevolezza. Perché a Gomorra sfidare un Sistema che ha soldi, armi e collusioni vuol dire iniziare e non sapere come andrà a finire. Perché la lotta alla camorra significa lavorare in silenzio, senza preoccuparsi di ricevere nulla in cambio. Come fanno i magistrati, gli agenti della scorta, i preti di frontiera, e tutti gli eroi normali che si ribellano allo strapotere delle organizzazioni criminali. È al coraggio di questi uomini che il libro di Cantone rende giustizia. Perché si può anche pensare che non basterà, eppure provarci lo stesso. Perché certe scelte si fanno, e poi non ci si arrende ma si continua a cercare. Per amore del diritto. Solo per giustizia. Comunque sempre per la libertà di non rassegnarsi a chi dice che tanto nulla potrà mai cambiare.

Iniziativa
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 02/03/2009 @ 07:47:06, in Sindacato, linkato 1307 volte)
Federazione Nazionale della Stampa Italiana

Roma, 29 febbraio 2009
Prot.n. 47
     
La Federazione Nazionale della Stampa Italiana comunica:

Il presidente ed il segretario generale della Fnsi, Roberto Natale e Franco Siddi, sul tema del ddl Alfano hanno inviato ai componenti dei cdr ed ai direttori la seguente lettera:


“Cari Colleghi,

le norme del disegno di legge sulle intercettazioni, come vi è noto, contengono anche pesanti limiti del diritto di cronaca fino a costituire una vera e propria pietra tombale sulla cronaca giudiziaria. E’ previsto infatti il silenzio sulle indagini e i loro sviluppi anche quando non  sussiste più il segreto istruttorio.
Fieg e Fnsi hanno denunciato che “l’effetto è quello di impedire ai cittadini e all’opinione pubblica di riconoscere fatti rilevanti della vita sociale, quali appunto le notizie sugli  atti di indagine, non segreti”.
E’ di tutta evidenza che ciò nulla a che vedere con le intercettazioni che vengono disposte dall’Autorità giudiziaria.
Le pesanti sanzioni previste per giornalisti e editori sono la condizione che annulla l’autonomia dell’informazione e  impedisce di fatto che questa venga resa al pubblico compiutamente e correttamente.
Da tempo la Fnsi ha avviato, con tutti gli organismi di categoria (a cominciare dall’Ordine professionale), le Associazioni del sindacato (a partire dall’Unci), le organizzazioni sociali e culturali e ora finalmente insieme con la Federazione degli Editori, una vasta azione pubblica per denunciare la gravità di tali previsioni di legge e invocarne il cambiamento e  la cancellazione.
E’ molto importante – tanti giornali lo stanno facendo costantemente in vari modi – far capire ai lettori la mutilazione grave che verrebbe arrecata alla cronaca, e quindi al diritto dei cittadini di conoscere e sapere, se le norme bavaglio fossero definitivamente approvate.
Abbiamo più volte sollecitato direttori e colleghi ad assumere, nelle loro testate,  le iniziative più idonee per far capire cosa sta accadendo, per rendere immediatamente chiaro ai lettori quali notizie e perché sparirebbero dai giornali.
Tra le ipotesi abbiamo avanzato quella degli avvisi, attraverso “incorniciati” su una notizia significativa di cronaca pubblicata che non sarebbe finita in pagina. Questa strada l’ha intrapresa la Gazzetta del Mezzogiorno e, in forma diversa, qualche altro giornale.
E’ importante che il pubblico capisca chiaramente e in forma semplice e  immediata che non è in gioco un privilegio dei giornalisti ma un bene essenziale di ciascuno: l’informazione, intesa come  diritto a conoscere e a sapere per poter correttamente  giudicare.
Sarà importante in queste settimane, nell’autonomia di ogni giornale, rendere evidente e chiara questa situazione. Un’informazione costante e puntuale  sui guai delle norme bavaglio deve essere la nostra prima forma di protesta. Può essere anche la nostra forma di sciopero più efficace.
Da qui l’invito a farvi promotori di una ancora più vasta iniziativa di questo tipo, quale patrimonio dei nostri giornali, della nostra professione e quale affermazione e tutela della nostra funzione.

Grazie per la collaborazione che vorrete assicurare.
Un cordiale saluto.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Federazione Nazionale della Stampa Italiana
Commissione Pari Opportunità


Prot.048 
Roma 2 marzo 2009


La Federazione Nazionale della Stampa Italiana comunica:
 
“Una lettera al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, firmata da Fnsi, Cgil, Cisl, Uil e Ugl, per richiamarne l’attenzione «sulla condizione tuttora di diseguaglianza del lavoro femminile, gravato da impedimenti all’effettiva parità salariale e alle occasioni di carriera», e per chiedere il sostegno del Quirinale su ogni azione intrapresa per rimuovere steccati e ritardi. Questo per dare piena applicazione all’articolo 37 della Costituzione laddove sancisce che “la donna lavoratrice ha gli stessi diritti e, a parità di lavoro,  le stesse retribuzioni che spettano al lavoratore”.
In occasione dell’8 marzo, l’iniziativa della Commissione Pari Opportunità della Federazione Nazionale della Stampa è la prima di una serie di azioni che, di concerto con le altre sigle sindacali, vogliono non solo denunciare una effettiva mancata parità nel mondo lavoro, ma sollecitarne anche la rimozione attraverso iniziative parlamentari.  A questo scopo, con una seconda lettera, sono state già richieste audizioni presso le commissioni Lavoro e Affari Sociali di Camera e Senato. Una terza lettera ha, infine, chiesto un incontro alla ministra per le Pari Opportunità, Mara Carfagna.
Nel corso del 2009 sarà organizzato da tutte le sigle sindacali un convegno nazionale a Roma sul tema della disparità salariale, con partecipazioni di  Governo, Parlamento, mondo dell’impresa - a partire dall’editoria - associazioni internazionali.
Le donne impegnate nel sindacato danno voce a una situazione di oggettiva disparità che riguarda tutte le categorie produttive: compresa quella dei giornalisti. I dati di questa situazione sono stati raccolti in una ricerca che verrà illustrata, insieme con le iniziative già intraprese e quelle in preparazione durante l’arco dell’anno, in una conferenza stampa delle cinque sigle sindacali lunedì 9 marzo alle 15 presso la Fnsi, in Corso Vittorio Emanuele 349”.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 02/03/2009 @ 08:04:19, in Politica, linkato 1628 volte)
02/03/2009

Giustizia: Nencini, la Costituzione fonte di libertà

Il presidente del Consiglio regionale è intervenuto di fronte a circa 300 studenti in apertura del convegno che si è tenuto nell’Aula bunker del tribunale di Firenze per parlare della Carta e del diritto del cittadino alla giustizia

Firenze – “Il titolo primo della Costituzione enuncia principi che dichiarano inammissibile ogni forma di sopruso e questo inno alla libertà dobbiamo tenercelo assolutamente caro”. Lo ha detto il presidente del Consiglio regionale, Riccardo Nencini, di fronte a circa 300 studenti delle scuole superiori di Firenze intervenuti nell’aula bunker del tribunale per assistere al convegno “La Costituzione: il diritto del cittadino alla giustizia”.
L’incontro è stato organizzato dal Consiglio regionale della Toscana, dal Tribunale di Firenze e dall’associazione G.P.Meucci. Il tema è stato scelto nel contesto dei programmi di educazione civica delle scuole collegati soprattutto con l’approfondimento dei principi e dei valori della Costituzione. L’obiettivo è quello di avvicinare i giovani ai temi della giustizia in modo da approfondire la loro conoscenza e renderli consapevoli dei problemi, anche alla luce della discussione in corso sulla riforma. In platea erano presenti gli studenti di quattro istituti fiorentini, il Liceo “Rodolico”, l’Isis “Galilei”, l’Istituto “Russel Newton”, l’Itt “Marco Polo”. Al tavolo degli oratori, insieme con Nencini, c’erano il presidente del tribunale di Firenze Enrico Ognibene, il giudice di Cassazione Margherita Cassano, il difensore civico regionale Giorgio Morales, la senatrice Silvia Della Monica, l’onorevole Rosa De Pasquale, il direttore del carcere di Sollicciano, Oreste Cacurri, il rappresentante degll’ordine degli avvocati Giulio Conticelli e il presidente del Tribunale dei minori della Toscana Gianfranco Casciano.
Nencini, ricordando la recente fine delle celebrazioni per il 60° anniversario della Costituzione, ha sottolineato che in tutte le iniziative realizzate “il punto focale” emerso è stato che “la Carta non è un argomento noioso”, perché individua “principi e valori fondamentali che ispirano il nostro vivere quotidiano, che mettono in luce i diritti e i doveri di ognuno di noi e che sono, anche nelle cronche di oggi, estremamente attuali”. A questo proposito, senza entrare nel merito delle questioni, ha citato il dibattito sul diritto allo sciopero, il caso di Eluana Englaro e le questioni relative al titolo V della Costituzione, quelle che riguardano la sfera di competenze dello Stato e delle Regioni.
Parlando del tema della Giustizia, il presidente del Consiglio regionale ha affermato che “la Costituzione richiama la seprazione dei poteri” e sancisce che “l’amministrazione della giustizia è autonoma e indipendente”. Un traguardo che si è affermato dopo le epoche in cui la giustizia era invece assoggettata al potere religioso prima, e poi alla legge del sovrano.
Rispetto al dibattito attuale sulla necessità e l’opportunità di modificare il dettato della Carta costituzionale, Nencini ha centrato il suo intervento sul titolo I°, quello che sancisce diritti e doveri dei cittadini. “Questa parte è da modificare? Lo storico francese Renan ha scritto che quando una comunità diventa nazione è perché c’è un comune sentire che porta a riconoscersi in regole condivise. I primi 13 articoli della Carta, che i nostri padri costituenti misero a pilastro del nostro convivere civile e politico sono senz’altro ancora attuali”. Il presidente del Consiglio ha ricordato che forse la Costituzione non propone diritti che invece alcuni statuti regionali, come quello della Regione Toscana, propongono in maniera chiara come ad esempio l’affermazione della condanna di ogni forma di razzismo e xenofobia. “Ma anche se la Carta non lo prevede espressamente – ha detto – lo Statuto della Toscana si richiama chiaramente a principi contenuti nella Costituzione. E questo dimostra che la nostra Carta costituzionale resta di grande attualità”. (lm)

Parlamento Toscana
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 02/03/2009 @ 08:11:15, in Politica, linkato 1540 volte)
'Con Andreotti rapporti amichevoli''

Gelli: ''Farò causa ai magistrati per riavere i miei 8,5 milioni di dollari in Svizzera''


L'ex capo della P2 intervistato da Klaus Davi su 'YouTube': ''La somma che mi è stata sequestrata nel 1989 deve essere restituita ai piccoli azionisti''. Sul caso Calvi: ''E' stato suicidato. Girava voce che il Banco Ambrosiano avesse riciclato un po' di denaro''

ultimo aggiornamento: 02 marzo, ore 14:21
Roma, 2 mar. (Adnkronos) - Licio Gelli, gia' a capo della loggia P2, annuncia di voler fare causa per riavere 8,5 milioni di dollari sequestratigli nel 1989. Davanti alle telecamere del programma 'KlausCondicio', condotto da Klaus Davi, in onda su 'YouTube', ha detto: "Insieme all'Avvocato Lenzini intendo intentare una causa verso quei magistrati che nel 1989 ordinarono la spartizione del mio tesoro in Svizzera. La somma di 8 milioni e 500mila dollari che mi e' stata sequestrata deve essere restituita ai piccoli azionisti".

"Come si puo' seriamente sostenere che le somme oggetto di restituzione da parte delle autorita' svizzere fossero destinate soltanto alla liquidazione del Banco Ambrosiano? La terza sezione penale della corte, autrice di questa ordinanza, dimostra sia di non avere le idee chiare in materia di sequestro penale, sia, e questo e' piu' grave, di non conoscere i fatti", ha aggiunto Gelli sottolineando: "Ho sottoscritto all'Avvocato Lenzini che cedero' ai piccoli azionisti il 30-40% della somma che eventualmente mi verra' restituita".

In proposito Gelli lancia un appello al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, come pure al presidente del Senato Renato Schifani, al presidente della Camera dei deputati Gianfranco Fini, al Consiglio Superiore della Magistratura e al governatore della Banca D'Italia Mario Draghi, ricordando che "questa lettera l'ho mandata il 28 ottobre 2008. L'hanno ricevuta tutti, ma ancora non ho avuto una risposta".

Parlando poi del cadavere del presidente del Banco Ambrosiano Roberto Calvi, ritrovato il 18 giugno 1982 sotto il ponte dei Blackfriars (il ponte dei Frati Neri) a Londra, Gelli afferma: "La prima volta che il giudice mi chiese che cosa ne pensassi di Calvi, io risposi: penso che e' stato suicidato".

Alla domanda se sia stata la Banda della Magliana ad uccidere Calvi, Gelli risponde che "a quell'epoca era venuta fuori una voce che diceva che sembrava che il Banco Ambrosiano avesse riciclato un po' di denaro. Secondo questa voce, Rosoni era l'artefice di scambi al di fuori dal Banco Ambrosiano, poi quando arrivarono per richiedergli il denaro, prima hanno gambizzato lui e poi hanno eliminato Calvi".

Gelli commenta quindi le circostanze in cui avvenne la morte: "Ma poi perche' alle 7 di mattina a Londra non c'era piu' Carboni? Non c'erano piu' quelle due ragazze che si era portato dietro? Loro avevano in consegna Calvi e alle 7 della mattina presero l'aereo e se ne andarono via. E li' che la polizia e anche la magistratura non hanno voluto fare chiarezza. Perche' quando appresero che era stato suicidato, e sicuramente sapevano chi lo avesse suicidato, tagliarono la corda immediatamente, andando in Austria?".

Per quanto riguarda la P2, ''era tutt'altro che una societa' eversiva - dice - e' stata quella che ha ridato la forza, e non solo, all'istituzione massonica, ha aiutato anche il Governo quando ne ha avuto bisogno, perche' noi avevamo un potere notevole, anche all'estero. Tutti ci hanno chiesto sostegno" afferma Gelli, che ha tenuto a chiarire i suoi rapporti con Giulio Andreotti: "Andreotti non ha nulla a che fare con la mia organizzazione, niente di niente. Favori puo' darsi che me ne abbia chiesti, e che io glieli abbia fatti. Per esempio, mi chiese di poter parlare con il presidente argentino Pero' relativamente ai rapporti fra Italia e Argentina", sottolineando poi che "i rapporti erano buoni, perche' io l'ho conosciuto nel 1958. Erano rapporti amichevoli".

L'ex capo P2 riprende poi la vicenda di un'intervista a Francesco Pazienza, pubblicata il 30 gennaio 2009 in un articolo di Milena Gabanelli, nel quale l'ex faccendiere ha sostenuto di essere "stato il braccio destro, mandato dagli americani, per sostituire Licio Gelli alla guida della P2". "Quando e' uscito questo articolo - commenta Gelli - non conoscevo Pazienza. L'ho conosciuto dopo, perche' e' venuto lui a dirmi di avere sporto querela, perche' quello che e' stato estrapolato e scritto su 'La Repubblica' non era vero".

E sempre per un articolo del quotidiano, "non conosco la loggia Hiram. Non ne so nulla" commenta Gelli l'articolo del 6 novembre 2008 dal titolo 'Mafia e Massoni a Napoli, Gelli non risponde ai giudici'. "Ribadisco che il potere lo aveva solo la Loggia Massonica P2, che faceva assistenza, risolveva i problemi per tutta la comunione. Noi eravamo il braccio, l'ente operativo. Quelli che guidavano si rivolgevano a noi attraverso il Goi e il Goi ci mandava tutto il lavoro di assistenza" aggiunge Gelli, ribadendo il fatto che la P2 era una loggia operativa che ora non esiste piu', mentre le altre sono solo logge esoteriche.

"Puo' darsi che oggi ci siano delle logge non legate alla P2, ma sono tutte scollegate: si fanno la guerra tra di loro" ha affermato ancora Gelli, per il quale "ci sono tre comunioni in Italia: il Goi (il Grande Oriente d'Italia), Palazzo Vitelleschi, che e' Piazza del Gesu', e la Serenissima del Principe Paterno'. Le altre non contano per niente, nonostante queste tre si odino fra loro".

Poi, commentando le difficolta' e gli impedimenti che il sostituto procuratore Luigi De Magistris ha avuto nel portare avanti le sue indagini in questa regione, dice di voler entrare "nel merito dell'inchiesta del magistrato napoletano, ma e' chiaro - aggiunge Gelli - che in Calabria la penetrazione territoriale delle Logge e' forte". Nella Regione "la massoneria e' forte e puo' darsi che sia infiltrata un po' da tutte le parti, anche nella magistratura".

Infine, il capitolo Rai: "Bisogna rifarla quasi completamente tutta, perche' per educare bisogna dare degli esempi. E' venuto il momento". Lo afferma l'ex capo della loggia P2 Licio Gelli a 'Klauscondicio'. Rispondendo poi alla domanda se la sinistra abbia troppo potere in Rai, Gelli aggiunge: "La sinistra un po' di potere ce l'ha, perche' per il Consiglio di amministrazione e' sempre in ballo. Non c'e' nessuna serieta', non c'e' nessuno che comanda. Anche il presidente e il direttore generale non comandano nulla. Ogni partito ha mandato una pattuglia e tutte si scambiano favori tra di loro". Per Gelli "bisognerebbe abolire il cda, che e' inutile, e scegliere un amministratore delegato direttamente nominato da Silvio Berlusconi".

Poi aggiunge: "Bisogna vedere se (il premier, ndr) vorra' mettere in atto quello che e' il suo programma. Pero' vedo che ha tutti contro. In quell'azienda bisogna reintrodurre principi gerarchici", ovvero "bisogna applicare due regole: la meritocrazia e soprattutto la gerarchia. Ci deve essere una persona che sappia comandare, perche' gli altri devono obbedire, altrimenti si prendono e si cacciano. Tutti sono necessari ma nessuno e' indispensabile", quindi "il sindacato dei giornalisti Rai ad esempio, dovrebbe essere ridimensionato e direi che dovrebbe essere limitato a pochi, per fare degli interventi soltanto sostanziali".

AdnKronos
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 02/03/2009 @ 08:15:02, in Sindacato, linkato 1323 volte)
Federazione Nazionale della Stampa Italiana

Roma, 2 marzo 2009
Prot. n. 049

Il segretario generale della Federazione Nazionale della Stampa Italiana, Franco Siddi, ha dichiarato:

"E' persino imbarazzante dover rispondere ad un discutibile personaggio della massoneria deviata come Licio Gelli. Contrariamente alle sue intenzioni dalle sue parole a ruota libera, contro tutto e contro tutti, ne esce esaltata la funzione e l'azione del sindacato dei giornalisti. La Fnsi e l’Usigrai hanno sempre, infatti, tenuti alti i valori della professionalità giornalistica a tutela della civiltà del lavoro, della libertà e della democrazia. Sono certo che i giornalisti italiani sapranno essere ancora fedeli a questi valori evitando di ascoltare queste ben note e screditate sirene."


Ora ci starebbe bene un comunicato stampa della ANM ...
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 02/03/2009 @ 09:46:17, in Magistratura, linkato 1312 volte)
Associazione Nazionale Magistrati


La Giunta Esecutiva Centrale



L’Associazione Nazionale Magistrati, ha espresso nel corso dell'ultima riunione della Giunta netta contrarietà sulle norme contenute nel disegno di legge approvato dal Governo il 6 febbraio 2009 in tema di destinazione di ufficio dei magistrati a sedi disagiate.

Da tempo l'Associazione ha denunciato con forza le gravi conseguenze sulla copertura degli organici di molti uffici giudiziari, ed in particolare delle procure, che sarebbero derivate dal divieto di destinare magistrati di prima nomina a funzioni requirenti o a funzioni giudicanti monocratiche nel settore penale; la gravità della situazione è stata insistentemente ribadita in ogni sede istituzionale in occasione di tutti gli incontri avuti.

Il Governo, di fronte all’elevato rischio di insuccesso delle soluzioni adottate e al concreto pericolo di paralisi di molti uffici giudiziari, invece di intervenire con la previsione di una deroga, anche temporanea e limitata, al divieto di utilizzare i magistrati di prima nomina, come più volte richiesto dalla ANM, propone quale rimedio il ricorso al trasferimento di ufficio dei magistrati.

Si tratta ancora una volta di un intervento incoerente e inefficace, e, in questo caso, anche fortemente penalizzante per i più giovani, in quanto destinato a stravolgere la vita, sia lavorativa che familiare, di magistrati entrati di recente in servizio e già destinati ad uffici di frontiera e lontani dalla sede di provenienza.

Viste le numerose sollecitazioni pervenute dai colleghi dei distretti interessati, appare opportuno e necessario, convocare la prossima GEC in Sicilia, a Caltanissetta, il giorno 3 marzo 2009 alle ore 17, presso l’Aula Magna del Palazzo di Giustizia.

Per consentire il più ampio dibattito in merito, tutti i colleghi sono stati invitati a partecipare.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 04/03/2009 @ 04:40:06, in Estero, linkato 1289 volte)
E' proprio vero che per i dittatori "tutto il mondo è paese..."

Crimini Darfur, Corte Aia decide oggi se incriminare Bashir

di Reed Stevenson

La Corte Penale Internazionale (Icc) dovrebbe annunciare oggi l'emissione di un mandato di arresto contro il presidente sudanese Omar Hassan al-Bashir per crimini di guerra in Darfur, una decisione che potrebbe provocare altri problemi nella regione.

 

L'annuncio da parte dei giudici dell'Icc, il primo tribunale permanente incaricato di perseguire i crimini di guerra, è seguito con estrema attenzione, dato che potrebbe danneggiare le prospettive di un accordo di pace nella regione e metterebbe le potenze occidentali contro i sostenitori del regime sudanese.

A febbraio, alcuni diplomatici Onu avevano detto a Reuters che l'Icc aveva deciso di proseguire e di emettere un mandato di arresto nei confronti di Bashir, la più importante figura politica a finire nel mirino dei giudici dell'Aia dal 2002, anno in cui fu istituito il tribunale.

Bashir nega le accuse, affermando che sono parte di una cospirazione occidentale contro di lui e il suo regime.

Ieri, parlando a una folla di sostenitori nel nord del Sudan, il presidente ha detto che i giudici "possono mangiarsi" il mandato d'arresto.

Cina, Unione Africana e Lega Araba sostengono che l'incriminazione di Bashir potrebbe destabilizzare la regione, aggravare il conflitto in Darfur e rappresentare una minaccia per l'accordo di pace tra il nord e il sud del Sudan, una zona semi-autonoma e potenzialmente ricca di petrolio.

Sembra improbabile comunque che il Consiglio di Sicurezza dell'Onu blocchi il procedimento: il rappresentante della Libia, Ibrahim Dabbashi, ha detto che l'organismo non ha in programma alcuna riunione, nel caso in cui il presidente sudanese fosse incriminato.

Il procuratore capo dell'Icc, Luis Moreno-Ocampo, accusa Bashir di aver orchestrato una campagna genocida in Darfur, la regione occidentale del Sudan, a partire dal 2003. Ocampo ha detto che 35mila persone sono state uccise e che altre 100mila almeno sono morte di fame e malattie.

"Ogni mese muoiono 5.000 persone", ha detto il magistrato ai giornalisti. "Abbiamo solide prove contro il signor Bashir... Oltre 30 testimoni spiegheranno il modo in cui ha proceduto per controllare tutto. Abbiamo solide prove sulle sue intenzioni".

Reuters

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7
Ci sono  persone collegate

< agosto 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             






Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (38)
Associazioni Giustizia (52)
Economia (86)
Estero (187)
Giuristi (134)
Gruppo Cellule Staminali (1)
Indagini (210)
Lavoratori Giustizia (1)
Magistratura (2170)
Osservatorio (1)
Osservatorio Famiglia (512)
Politica (926)
Redazionale (68)
Sindacati Giustizia (326)
Sindacato (221)
Telestreet (7)
Varie (82)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019

Gli interventi piů cliccati

Titolo
Bianco e nero (236)
I gatti di G.Q. (25)

Le fotografie piů cliccate

Titolo
G.Q. Non ha mai pubblicato pubblicità in otto anni e se iniziasse ora?

 Si, a me non disturba
 No, non mi piace



Titolo






A.N.M.
A.N.M. new
A.D.M.I.
Argon News
A.I.M.M.F.
Argon News Redazione
Artists Against War
Articolo 3
BloggersPerLaPace
Comitato Sfruttatori ATU
Commissariato PS Online
dBlog.it Open Source
Erga Omnes
Eugius
Filo Diritto
Intesaconsumatori
Geopolitica
Giuristi Democratici
Giuristi Democratici Roma
Magistratura Democratica
M.D. Toscana
Medel
Medicina Democratica
Magistratura Indipendente
Movimento per la Giustizia
Nazionale Magistrati
Non Solo Giustizia
Osservatorio Bresciano
Osservatorio Romano
Sorgente D'Amore
Studio Cataldi
Studio Celentano
Studio Tidona
Toghe Lucane
Uguale per Tutti
Unitŕ per la Costituzione
Unicost Milano
Unione Internazionale Magistrati
Morandi Senato
About me







http://www.wikio.it
Wikio
Iscriviti a GQ su FriendFeed
Blogstreet - dove il blog č di casa
Iscriviti a GQ su Twitter
Powered by FeedBurner


Blog Link










26/08/2019 @ 7.07.00
script eseguito in 391 ms