Immagine
 double ... by Parkes... di Lunadicarta
 
"
"Devi concentrarti interamente a ciascuna giornata, come se un fuoco infuriasse fra i tuoi capelli."

Deshimaru
"
 
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Loredana Morandi (del 15/02/2009 @ 05:29:01, in Estero, linkato 1075 volte)
In Svezia, purtroppo. Ad ogni modo speriamo che sia la volta buona per abbassare anche la boria degli italiani. Tutti.

The Pirate Bay va in tribunale

I quattro gestori del più usato tracker BitTorrent rischiano fino a due anni di prigione nel processo che inizia lunedì.

[ZEUS News - www.zeusnews.com - 13-02-2009]

Hans Fredrik Neij, Gottfrid Svartholm Warg, Peter Sunde e Carl Lundström, le persone dietro The Pirate Bay, dovranno affrontare da lunedì un processo in patria per violazione di copyright.

Non è la prima volta che il tracker Torrent svedese viene messo sotto accusa dalle autorità - la vicenda italiana che ne ha comportato l'oscuramento temporaneo non risale a molto tempo fa - ma questa volta il tribunale di Stoccolma potrebbe condannare i suoi gestori a due anni di prigione.

"The Pirate Bay non è soltanto un motore di ricerca. È parte attiva di un'azione mirata a rendere disponibile materiale protetto da copyright": è questa l'opinione del pubblico ministero Håkan Roswall, che ha richiesto danni per 1,2 milioni di corone (più di 110.000 euro).

La Baia, tramite il sito, risponde invece che sui server sono conservati soltanto i file torrent ma nessun materiale protetto da diritto d'autore. Peter Sunde è ancora più esplicito: "È un'idiozia. Non c'è alcuna base legale".

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Io l'ho sempre detto: bisogna avere fiducia nella Giustizia !!!!

Evviva el juez Fernando Andreu !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Federación Internacional de Derechos Humanos (FIDH)
Asociación Pro Derechos Humanos de España (APDHE)
Palestinian Center for Human Rights (PCHR)

Comunicado

Israel/Territorios Ocupados/España

La justicia española se declara competente para investigar los crímenes de guerra cometidos en Gaza en 2002
157_2.008_audiencianacional

El fiscal no interpuso recurso de apelación

4 de Febrero de 2009 - La Federación Internacional de Derechos Humanos (FIDH), la Asociación Pro Derechos Humanos de España (APDHE) y el Centro Palestino por los Derechos Humanos (Palestinian Center for Human Rights, PCHR) se felicitan por la decisión del Juzgado Central de Instrucción número 4 de la Audiencia Nacional de España, de 29 de enero de 2009, al admitir la querella por los crímenes cometidos en Gaza en el año 2002 y esperan que las autoridades de Israel cooperaran completamente con esta instrucción. No hubo apelación por parte del fiscal, entonces la resolución del juzgado español supone el inicio de la instrucción judicial por los crímenes de guerra cometidos en Gaza en 2002. El procedimiento se dirige contra siete oficiales israelís: Benjamin Ben-Eliezer, ex ministro de Defensa y actual ministro de Infraestructuras; Dan Halutz, comandante de las fuerzas aéreas israelíes en el momento de los hechos; Doron Almog, ex comandante de las fuerzas de defensa israelíes en Gaza; Giora Eiland, Presidente del Consejo Nacional de Seguridad israelí; Michael Herzog, secretario militar del ministro de Defensa; contra Moshe Yaalon, jefe del Estado Mayor de las fuerzas armadas; y contra Abraham Dichter, ex Director del Shin Beth.

Los hechos se remontan al 22 de julio de 2002, cuando un F-16 del ejército israelí lanzó una bomba de una tonelada dirigida contra un responsable de Hamas en el barrio de Al-Daraj, en la ciudad de Gaza, provocando la muerte de 14 civiles palestinos y del dirigente de Hamas. También 150 palestinos resultaron heridos.

En enero de 2006, el Tribunal Supremo israelí consideró que el bombardeo había sido proporcionado teniendo en cuenta que el objetivo militar era el asesinato del dirigente de Hamas contra el que se dirigió el ataque.

El 24 de junio de 2008 seis víctimas supervivientes interpusieron la querella criminal, como acusación particular, bajo el apoyo del PCHR,al amparo del principio de justicia universal con la finalidad de que los hechos fueran investigados y se exigieran las correspondientes responsabilidades penales individuales a los autores de los hechos.

“Esta decisión supone un paso importante en la lucha contra la impunidad por los crímenes cometidos por el ejército israelí en la franja de Gaza", ha declarado Souhayr Belhassen, Presidente de la FIDH.

El ejercicio de la jurisdicción universal por los tribunales españoles no exige, de acuerdo con su legislación, la presencia de los inculpados en España y, de conformidad con el principio de concurrencia, solo se impediría esta investigación judicial si los hechos hubiesen sido juzgados en Israel o si existiera en curso una instrucción judicial efectiva y que garantice las reglas del debido proceso. Por tanto, el juez español se ha declarado competente después de constatar la voluntad de las autoridades israelíes de no perseguir y juzgar a los supuestos responsables de la muerte de las víctimas civiles palestinos. El Juzgado Central de Instrucción número 4 de la Audiencia Nacional también ha cursado comisión rogatoria internacional a las autoridades israelíes para que colaboren en la instrucción de la causa.

La decisión del Juzgado español mantiene inicialmente la calificación de crimen de guerra, sin perjuicio de estimar que los hechos también podrían ser constitutivos de crímenes contra la humanidad, lo que se concretará a lo largo de investigación judicial.

Leggi anche:

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 30/01/2009 @ 03:14:44, in Estero, linkato 1916 volte)
157_2.008_audiencianacional

elpais

La Audiencia investiga a un ministro israelí por crímenes de guerra

Un bombardeo contra Hamás en 2002 acabó con la vida de 14 civiles palestinos


MANUEL ALTOZANO - Madrid - 30/01/2009

benjamin_ben_eliezerAriel Sharon, el entonces primer ministro israelí, calificó la operación de "rotundo éxito". El Ejército de ese país, en su política de asesinatos selectivos, acabó con la vida de Salah Shehadeh, supuesto responsable del aparato militar de Hamás y uno de sus líderes más activos del movimiento la noche del 22 de julio de 2002. Pero el método utilizado -una bomba teledirigida de una tonelada lanzada desde un caza F-16 contra su vivienda del barrio de Al Daraj, uno de los de mayor densidad de población de la ciudad de Gaza- se llevó por delante a la mujer y una hija de 10 años de Shehadeh así como a siete miembros de la familia Mattar, cuya casa se encontraba a sólo dos metros del objetivo de los militares. En total, murieron 14 civiles inocentes, la mayoría de ellos, niños y bebés.

Seis años y medio después de la matanza, el juez de la Audiencia Nacional Fernando Andreu ha iniciado la investigación de esos hechos, que en su momento originaron la protesta de la UE, Rusia, China, e incluso del ex presidente de EE UU George W. Bush. El magistrado admitió ayer a trámite la querella presentada por varios de los familiares de los 14 fallecidos contra los presuntos organizadores de la operación. El de más alto rango es el ex ministro de Defensa de Israel, Benjamín Ben-Eliezer, actualmente titular de Infraestructuras. Le siguen el jefe de la fuerza aérea, Dan Halutz; el general del mando sur del Ejército, Doron Almog; el asesor de seguridad Giora Eiland; el secretario militar del ministro, Michael Hertzog; el jefe de Estado Mayor, Moshe Ya'Alon, y Abraham Dichter, director del Servicio General de Seguridad.

El magistrado considera que podrían ser autores de un "delito contra la humanidad". Cree que con su supuesto propósito de cometer "el asesinato" de Sehadeh, el Ejército israelí "decidió lanzar un artefacto explosivo de gran potencia" que, además de la muerte del dirigente de Hamás, produjo "la de otras 14 personas, así como heridas de diversa consideración a otros 150 ciudadanos palestinos, entre ellos niños y bebés".
 
diana_rami_mattar_600
 
Il funerale di Diana Rami Mattar, la bimba sulla cui morte indaga la Audiencia (foto El Pais)

Ben-Eliezer y el resto de imputados habrían conocido previamente "las consecuencias que tal acción podría conllevar", recuerda Andreu, que califica la operación militar de "claramente desproporcionada y excesiva". También avisa de que la acusación podría ser aún más grave "si en el curso de este procedimiento se prueba que [el ataque] responde a una estrategia preconcebida o predeterminada".

La Audiencia Nacional es el tribunal competente para juzgar los delitos de genocidio, terrorismo o crímenes contra la humanidad cometidos por españoles o extranjeros fuera de España, según la Ley Orgánica del Poder Judicial. El juez Andreu recuerda además que el Estatuto de la Corte Penal Internacional establece que "lanzar un ataque intencionadamente, a sabiendas de que causará pérdidas incidentales de vidas, lesiones a civiles o daños a bienes de carácter civil" constituye "un crimen de guerra".

El artículo 608 del Código Penal español castiga con una pena de 10 a 15 años de prisión al que "con ocasión de un conflicto armado, realice u ordene realizar ataques indiscriminados o excesivos o haga objeto a la población civil de ataques, represalias o actos o amenazas de violencia cuya finalidad principal sea aterrorizarla".

El juez ha enviado ya al ex ministro y al resto de acusados su resolución y, en los próximos días, los citará en su juzgado para tomarles declaración como "inculpados". La ley española no permite que se les juzgue en ausencia, pero Andreu sí está facultado para emitir una orden internacional de detención que podría reducir considerablemente su libertad de movimientos.


España, juez global

- Tíbet. Ismael Moreno y Santiago Pedraz tienen dos causas abiertas contra parte del Gobierno chino.

- Ruanda. Andreu investiga asesinatos sistemáticos contra los hutu tras la vuelta de los tutsi al poder.

- El Salvador. Moreno indaga al ex presidente Cristiani por la matanza de jesuitas de 1989.

- Guatemala. Una orden de detención internacional de Pedraz por el genocidio maya impide salir del país al ex dictador Efraín Ríos Montt.

 

Articoli correlati:

Auto de Andreu sobre Gaza

DOCUMENTO (PDF - 735,63Kb) - 29-01-2009

Lee de forma íntegra (pdf) el auto del juez de la Audiencia Nacional


Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 30/01/2009 @ 01:33:32, in Estero, linkato 1748 volte)
In Spagna hanno leggi sulla "giustizia universale", che consentono all'ordinamento giudiziario di assorbire anche casi internazionali. Noi no, ma le singole associazioni di cooperazione internazionale anche costituendosi insieme, a mio avviso, troveranno ascolto presso i Tribunali nazionali per il lavoro dato e per i fondi ricevuti da Amministrazioni Statali o istituzioni internazionali e spesi a favore dei Palestinesi. Ho fatto una mini indagine sul giudice Andreu ed ho letto che ha trattato numerosissimi casi legati al terrorismo dell'Eta, ma anche casi internazionali come quello di Severo Moto, presidente autoproclamato in esilio della Guinea Equatoriale, o come il caso di 40 guerriglieri ruandesi accusati di genocidio, crimini contro l'umanità e terrorismo per gli eccidi in Ruanda negli anni dal 1990 al 2002. Si tratta quindi di un giudice granitico e poco incline a sconti, abbuoni e corruttele, o meglio poco incline a subire le lamentazioni ex shoa della internazionale ebraica sui crimini di guerra contro la popolazione civile palestinese. Insomma un po' come il nostro Spataro contro i crimini dei servizi americani in Italia. E soprattutto, speriamo che di questi processi fiorisca l'Europa intera...

Spagna indaga ministri israeliani per crimini di guerra


MADRID (29 gennaio) – La Spagna è la prima ad avviare un'offensiva giudiziaria internazionale contro Israele, all'indomani dell'ultima guerra di Gaza: il giudice Fernando Andreu della Audiencia Nacional, il più importante tribunale spagnolo, ha annunciato oggi di avere avviato indagini per presunti «crimini di guerra» contro gli attuali ministri israeliani Benyamin Ben Eliezer e Avi Dichter e contro 5 alti ufficiali dello stato ebraico.

I sette sono indagati in nome della legge sulla competenza universale della giustizia spagnola per il bombardamento il 22 luglio 2002 di un edificio di Gaza City, deciso per uccidere il comandante militare di Hamas fondatore delle Brigate Al Qassam Sallah Shedade. Un F16 con la stella di David sganciò una bomba da una tonnellata sopra il palazzo - che venne disintegrato - in cui si trovava il dirigente di Hamas. L'attacco fece però ingenti «danni collaterali»: oltre a Shedade, un «capo terrorista» responsabile di decine di attentati per Israele, vennero uccisi 14 civili. Più di 100 i feriti.

Con Ben Eliezer, allora ministro della difesa nel governo del premier Ariel Sharon, oggi titolare del portafoglio delle infrastrutture nazionali, ed a Avi Dichter, ex-capo dei servizi segreti interni dello Shin Bet, ora ministro della sicurezza interna, sono indagati da Andreu - che ha accolto una denuncia in questo senso del Comitato palestinese per i diritti umani - cinque alti responsabili militari al momento della strage di Gaza: il capo dell'aeronautica Dan Halutz, l'uomo che diede l'ordine di sganciare la bomba, il capo di stato maggiore Moshe Yaalon, il comandante della regione Sud Doron Almog, il generale Mike Herzog e il consigliere per la sicurezza nazionale di Sharon Giora Eiland.

La vicenda aveva suscitato già allora polemiche in Israele: sinistra e pacifisti avevano accusato Halutz - che poi divenne capo di stato maggiore nel 2006 e si dimise dopo la disastrosa guerra in Libano - di un uso sproporzionato della forza. Halutz aveva risposto alle critiche affermando che l'attacco contro Shedade, nonostante le vittime civili, non gli «impediva di dormire».

Il giudice Andreu ha annunciato che trasmetterà due rogatorie a Israele per poter interrogare gli indagati e effettuare accertamenti sui fatti del 2002. Ma sembra assai improbabile che da Gerusalemme riceva luce verde, o perfino una risposta. La linea costante dello stato ebraico, che si ritiene impegnato in una guerra contro il terrorismo, è sempre stata di impedire che suoi dirigenti politici o militari potessero essere indagati all'estero.

Il ministro della difesa e leader laburista Ehud Barak in una nota ha definito «delirante» l'iniziativa del giudice Andreu e annunciato che farà di tutto per farla annullare. Il capo dell'opposizione Benyamin Netanyahu, dato dai sondaggi quale probabile vincitore delle prossime politiche, ha parlato di «una vera assurdità». L'iniziativa spagnola, ha aggiunto, «ridicolizza il diritto internazionale».

Per la stampa di Tel Aviv, tuttavia, lo stato ebraico teme ora, dopo l'ultima sanguinosa offensiva a Gaza contro Hamas, una raffica di denunce per crimini contro l'umanità contro i suoi comandanti militari in nome della giustizia universale in diversi paesi del mondo.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 

Grande, grandissima notizia, che risponde inoltre a quanto avevo compreso in merito ai modi di inchiodare Israele per i suoi crimini di guerra. Grazie alla presenza del giudice Fernando Andreu della Audiencia National di Spagna è nato un precedente importantissimo, perché consentirà all'Europa di costellarsi di processi intentati contro Israele e i suoi crimini, che non potrà rifiutarsi di partecipare.

Israele infatti, negli ultimi 20 anni, ha letteralmente imperversato dentro i nostri Tribunali, portando in giudizio compagnie assicurative, persone singole, società e tanti altri ed ottenendo rimborsi impossibili ma milionari: come i 110 milioni di vecchie lire versati dalle assicurazioni anche per polizze stipulate con ebrei al primo rateo (110 milioni di lire/55.000 euro contro 1000 euro circa).

Non tutti infatti sanno che quelli che hanno realmente pagato le armi di Israele siamo stati noi europei. E se tutto costa più caro in Europa è a Israele che lo dobbiamo, specialmente nel settore assicurativo.

La Notizia di agenzia e il comunicato del PCHR.

audiencia_nacional_spagna

CRIMINI CONTRO L'UMANITA',
LA SPAGNA VUOLE PROCESSARE ISRAELE

(AGI) - Madrid, 29 gen. - L'Audiencia Nacional spagnola indaghera' su un ex ministro israeliano per un bombardamento avvenuto a Gaza nel 2002. Il giudice Fernando Andreu ha incriminato l'ex ministro della Difesa israeliano, Benjamin Ben-Eliezer e sei responsabili militari del Paese, di delitto contro l'umanita' per un omicidio mirato compiuto nel 22 luglio 2002, in cui morirono un presunto capo di Hamas e 14 civili. Il magistrato dell'Audiencia Nacional ha accettato la denuncia presentata dal Centro Palestinese per i Diritti Umani (Pchr, nell'acronimo in inglese) per il lancio di una bomba di una tonnellata sull'abitazione di Salah Shehade, un noto dirigente del Movimento di Resistenza Islamico. Tre di coloro che hanno presentato la denuncia sono famigliari di persone decedute nell'attacco. Il giudice ha assunto la competenza del caso in base alla Legge Organica del Potere Giudiziario, secondo cui la Spagna puo' indagare crimini di genocidio, terrorismo e delitti contro le persone commessi durante conflitti armati, sia che siano avvenuti all'interno del suo territorio sia all'esterno.
Oltre a Ben-Eliezer, il giudice ha incriminato anche il comandante delle forze aeree israeliane al momento dell'attacco, Dan Halutz, il generale del comando sud dell'esercito israeliano, Doron Almog, il presidente del Consiglio Nazionale di sicurezza israeliana, il consigliere nazionale per la sicurezza, Michael Herzog, il capo dello Stato Maggiore, Moshe Ya'alon, il direttore del servizio generale di sicurezza israeliano, Abraham Dichter. L'attacco avvenne il 22 luglio del 2002 e aveva come obiettivo il capo militare di Hamas. Israele decise di utilizzare un F-16 e lancio' una bomba di una tonnellata su un'abitazione nel quartiere di al Daraj, a Gaza, una delle zone piu' densamente popolate della citta', secondo quanto si legge nella denuncia. L'esplosione causo' 15 vittime, la gran parte bambini, e 150 feriti. Il giudice ha ordinato anche una rogatoria per ascoltare i testimoni dei fatti. Andreu ha accolto la denuncia dopo che Israele non aveva risposto alla commissione rogatoria inviata nell'agosto del 2008, in cui si chiedeva se i fatti denunciati erano indagati nel Paese. Il giudice spagnolo ha invece concluso che esistono indizi di crimine contro l'umanita', perche' l'attacco coinvolse civili.
*****
pchr_gaza
PCHR
Palestinian Centre for Human Rights LTD (non profit)
Press Release

Ref: 22/2009
Date: 29 January 2009
Time: 19:30 GMT
Palestinian Centre for Human Rights Welcomes Decision of Spanish Court to Investigate War Crimes Committed by IOF in Gaza



Welcome !!!The Palestinian Centre for Human Rights (PCHR) welcomes the decision by the National Court of Spain to launch an investigation into seven Israeli former senior Israeli military officials suspected of having committed war crimes in the Gaza Strip.

The decision issued by the Spanish National Court, the highest Spanish judicial council, on Thursday, 29 January, 2009, instructs the seven suspects; former Defence Minister Benjamin Ben-Eliezer (who is now the Israeli Infrastructure Minister), his [former] military advisor, Michael Herzog, former Israeli Army Chief of Staff Moshe Ya’alon, Dan Halutz, former Commander of the Israeli Air Force, Abraham Dichter, Former Head of the Israeli Intelligence Service, Doron Almog, former Head of the Israeli Southern Command, and Giora Eiland, former Head of the Israeli National Security Council, to present themselves to the court in Spain within the next thirty days. If the suspects fail to do so, the court will issue international warrants for their arrests.

In addition to this ground-breaking decision, the Spanish National Court announced that, if intent to exterminate the Palestinian population can be proven, the charge may be increased to genocide.

PCHR welcomes this decision as the first step towards justice for the survivors of a massive extra-judicial execution operation perpetrated by the Israeli Occupation Forces (IOF) in the Gaza Strip in July 2002.

At approximately midnight on 22 July, 2002, an Israeli Air Force fighter jet dropped a 2,000 lbs. bomb on the house of Salah Shehada, Commander of the Izzedeen El-Qassam Battalions (the armed wing of Hamas), who was living in the Daraj district of Gaza city. The bomb killed Salah Shehada and seventeen civilians, including his wife, his daughter, his guard, eight children (including a 2-month old infant), two elderly men, and two women. In addition, seventy seven other civilians were injured and eleven houses completely destroyed.

PCHR embarked on this ground-breaking lawsuit via the National Court of Spain in June 2008, after lengthy consultations with international legal experts indicted the possibility of launching universal jurisdiction cases regarding war crimes committed by IOF. The Centre notes that similar cases of suspected war crimes have previously been filed in Israeli courts, but did not lead to successful prosecutions. On the contrary, the Israeli judiciary has been used as a legal cover for the perpetration of war crimes against the Palestinian population, and as a tool to deliberately hinder international jurisdiction under the pretext of a “fair” national judicial system operating in Israel.

This PCHR lawsuit is part of continuing and rigorous efforts by the Centre to pursue Israeli war criminals under universal jurisdiction in courts in Switzerland, New Zealand, Britain and Spain. PCHR’s Spanish partners in this lawsuit are Antonio Segura, Gonzalo Boye, Juan Moreno and Raul Maillo, who have already worked on a number of high profile human rights cases, including representing victims of torture in Guatemala and the attempted prosecution of General Augusto Pinochet for the murder of Spanish citizens whilst he was president of Chile.

The Palestinian Centre for Human Rights previously filed a lawsuit in the UK against former Head of the Israeli Army Southern Commend, Doron Almog, for committing grave breaches of the Fourth Geneva Convention during his army service, (considered a criminal offense in the UK under the Geneva Conventions of 1949) Almog arrived in the UK on 10 September 2005, after a warrant had been issued for his arrest. Having been informed of the warrant before he disembarked, Almog subsequently fled straight back to Israel on the same plane.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 27/01/2009 @ 02:16:26, in Estero, linkato 994 volte)

Per non dimenticare l'Olocausto e quello che è avvenuto dopo la shoa.

Per non negare nulla, soprattutto la verità.

 

Olocausto

la Giornata della Memoria

 

http://img144.imageshack.us/img144/1432/olocaustoll8.jpg

Clicca qui

e scarica nel formato originale

 

Il collage fotografico è opera di un artista/studioso e molto diffuso in rete. Il materiale fotografico sulla tematica della Germania nazista è di archivio o da testi. Il materiale fotografico inerente le condizioni del popolo palestinese e i suoi rapporti con lo stato di Israele ed il suo esercito è recentissimo, e prodotto delle agenzie fotografiche della stampa internazionale.

L'intera documentazione fotografica è diffusa alla fonte al solo scopo storico e informativo.

 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 26/01/2009 @ 09:36:57, in Estero, linkato 1036 volte)
Mi iscrivo come fan di questo Procuratore Generale!

M.O.: TEHERAN, ALLO STUDIO DENUNCIA ISRAELE PER CRIMINI DI GUERRA A GAZA

Teheran, 26 gen. - (Adnkronos/Xinhua) - Il procuratore generale iraniano, Ghorbanali Dorri Najaf Abadi, preannuncia una azione legale promossa da Teheran contro Israele per i crimini di guerra commessi a Gaza nell'offensiva di tre settimane iniziata lo scorso 27 dicembre. ''L'Iran ospitera' una conferenza internazionale per studiare gli aspetti giuridici della guerra di Gaza per mettere a punto il perseguimento dei criminali di guerra'', ha dichiarato, citato dalla rete televisiva Press Tv. La conferenza si terra' il prossimo mese di marzo. La scorsa settimana, in visita a Doha, il Presidente Mahmoud Ahmadinejad aveva sollecitato la Corte internazionale a indire un processo per i leader israeliani per crimini di guerra. ''La cosa principale e' che i leader politici e militari israeliani vengano processati per le azioni di genocidio che hanno commesso contro i palestinesi'', aveva dichiarato.

(Ses/Pn/Adnkronos)

26-GEN-09 16:35

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 25/01/2009 @ 01:56:17, in Estero, linkato 4375 volte)

claudio_pagliara

CLAUDIO PAGLIARA

LA VERGOGNA DEL GIORNALISMO ITALIANO!

 

Cari lettori, è necessario prendere un provvedimento urgente per Rai 1 e nei confronti del giornalista Claudio Pagliara, inviato del TG1 in Israele, perché è inconcepibile che questo uomo mediocre possa mentire così spudoratamente, là dove l'Onu sta protestando e dove si sono sicuramente voluti attaccare i civili e il personale dell'Unwra.

Abbiate fiducia nelle istituzioni, perché lo si può denunciare di fronte all'Ordine dei Giornalisti, ed ottenere per lui un richiamo sindacale con una segnalazione alla Federazione Nazionale Stampa Italiana. Inoltre, per i crimini di guerra, al soldo di una potenza straniera compiuti in territorio italiano, può bastare anche una comune denuncia presso l'arma dei Carabinieri.

In attesa di una delibera del forum delle Associazioni per la Palestina (del quale anche la mia è membro), vi segnalo qual'è l'oggetto del mio sdegno odierno:

Al tg1 di ieri, sabato 24 gennaio 2009, dato in replica anche questa mattina, domenica 25 gennaio 2009, Claudio Pagliara ha dichiarato, spacciando la sua menzogna per una buona notizia: che la "granata", che avrebbe distrutto la scuola di Beit Lahia radendola al suolo e lasciando di essa solo una voragine, è caduta a 100 metri dal recinto. Ovvero che la DIME, ordigno ad alta penetrazione rivestito all'uranio depleto, che doveva radere al suolo la scuola Onu è caduta più in là lasciando l'opera incendiaria alle bombe a grappolo al fosforo bianco. Pagliara voleva dire: "Che bello! Potevano fare di peggio!" Esplicitando così la "minaccia" di Israele direttamente all'Onu, via etere TG1 Rai - Italia.

Di seguito le foto scioccanti del bombardamento sulla scuola Onu di Beit Lahia, e contestualmente una fotografica e veritiera rappresentazione della pioggia di fuoco causata da una bomba a grappolo al fosforo bianco.

ecco la scuola ONU di

BEIT LAHIA

 

PRIMA PARTE DELL'ATTACCO

image.1.3148034083web53210.mail.re2.yahoo.com_600

image.2.3148034085web53210.mail.re2.yahoo.com_600

I SANITARI CORRONO PER SOCCORRERE I PRIMI FERITI

 image.3.3148034085web53210.mail.re2.yahoo.com_600

E VENGONO COLPITI DA UNA SECONDA PIOGGIA DI FUOCO

 image.4.3148034085web53210.mail.re2.yahoo.com_600

COLPITI OVUNQUE: DENTRO, SOPRA E INTORNO ALLA SCUOLA ONU DI BEIT LAHIA

image.5.3148034085web53210.mail.re2.yahoo.com_600

MA SOPRATTUTTO DURANTE LA VITA UMANA DEI BAMBINI PALESTINESI,

 image.6.3148034085web53210.mail.re2.yahoo.com_600

LA VITA UMANA DEI CIVILI PALESTINESI

 image.8.3148034085web53210.mail.re2.yahoo.com_600

E DI QUELLA DEGLI OPERATORI ONU DI GAZA PRESSO LA SCUOLA DI BEIT LAHIA

image.9.3148034085web53210.mail.re2.yahoo.com_600

Signor Pagliara:

image.23.3148034085web53210.mail.re2.yahoo.com_600

COSI' UCCIDE UNA

BOMBA A GRAPPOLO AL FOSFORO BIANCO

 

image.26.3148034085web53210.mail.re2.yahoo.com_600

 

scarica e stampa qui tutte le 40 foto dell'attacco

- CLICK -

 

 

Loredana Morandi, palestinese, Roma

 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 22/01/2009 @ 08:58:27, in Estero, linkato 1003 volte)

serventi_longhi

FNSI Serventi Longhi a Gaza con l'IFJ

 

Federazione Nazionale della Stampa Italiana

 
Roma, 22 gennaio 2009

Prot. n. 010

La Federazione Nazionale della Stampa Italiana comunica:

 logofnsi“Una delegazione della Federazione Internazionale dei giornalisti, della quale fa parte la Fnsi, è partita stamane dal Cairo per Gaza dove verificherà i problemi che la recente tragica guerra ha determinato sia dal punto di vista umanitario sia per quanto riguarda l’informazione, dopo i bombardamenti delle sedi di tv, radio e giornali palestinesi.

La delegazione è guidata dal presidente e dal segretario della Ifj Jim Boumelha e Aidan White e ne fa parte, tra gli altri, Paolo Serventi Longhi, ex segretario della Federazione della Stampa italiana e membro dell’esecutivo Ifj. I giornalisti della Ifj incontreranno i responsabili delle istituzioni civili di Gaza e le rappresentanze dei giornalisti palestinesi e terranno sabato prossimo 24 gennaio al Cairo una conferenza stampa”.

foto FNSI

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 19/01/2009 @ 14:40:36, in Estero, linkato 1428 volte)
Per non dimenticare... Nella Striscia di Gaza parlano i numeri e le foto
Lunedí 19.01.2009 19:00


Morti da una parte e tanti, troppi dall'altra. I numeri parlano da soli: dopo 22 giorni di offensiva israeliana il bilancio provvisorio delle vittime palestinesi ha raggiunto quota 1.203 di cui 410 bambini. I feriti sono 5.300, 1.630 bambini. Lo ha reso il ministero della Salute di Gaza gestito da Hamas (nell'enclave costiera assediata dagli israeliani non è possibile una verifica indipendente delle cifre). Sul fronte israeliano invece le vittime accertate finora, secondo fonti ufficiali, sono 13 di cui tre civili. Quasi 200 i feriti.

Le vittime civili? "Sono in pace con me stessa". A prendere le distanze dalla tragedia in corso a Gaza è il ministro degli Esteri Tzipi Livni che ha definito i morti "un frutto delle circostanze", e ha difeso a spada tratta l'offensiva nella minuscola enclave.  "Dovevamo effettuare quell'operazione", ha tagliato corto la signora Livni. "Sono in pace con me stessa per il fatto che l'abbiamo lanciata".

Israele giustifica l'operazione "Piombo fuso" definendola difensiva: quale paese accetterebbe che il prorio territorio fosse invaso da razzi Qassam? Domanda lecita a cui risponde un arabo frustrato, Raja Chemayel, dal suo blog "Frustrated Arab's Diary" (http://frustratedarabdiary.blogspot.com): "Prendete un pezzo di terra, lungo 40 chilometri e largo all'incirca... solamente 5 chilometri. Chiamatelo Gaza. Poi riempitelo con un milione e quattrocentomila abitanti. Dopo di che circondatelo con il mare ad ovest, l'Egitto di Mubarak a sud, Israele a nord e ad est e chiamatela la Terra dei Terroristi. Poi dichiaratele guerra e invadetela con 232 carri armati, 687 blindati, 43 postazioni di lancio per jet da combattimento, 105 elicotteri armati, 221 unità di artiglieria terrestre, 346 mortai, 3 satelliti spia, 64 informatori, 12 spie infiltrate e 8000 truppe. E ora chiamate tutto questo 'Israele che si difende'. Adesso fermatevi per un momento e dichiarate che "eviterete di colpire la popolazione civile" e definitevi l'unica Democrazia in azione. Sarà un miracolo, da qualunque punto di vista, evitare di colpire quei civili oppure sarà semplicemente una menzogna dal momento che nessuno potrebbe evitare di colpirli a meno che non sia un bugiardo! Chiamate tutto questo, di nuovo, "Israele che si difende". E ora arriva la mia domanda: che cosa succederebbe se questo invasore si rivelasse un bugiardo? Che cosa accadrebbe a quei civili disarmati? Come potrebbe perfino Madre Teresa, o addirittura Topolino, con una tale potenza di fuoco, riuscire ad evitare di colpire quei civili in presenza di una tale equazione/situazione/scenario? Chiamate tutto questo come volete. Israele era perfettamente al corrente della presenza di quelle persone disarmate perché è stato proprio Israele a metterle lì! E allora chiamatelo genocidio! E' più credibile".

Due posizioni diverse, in mezzo decenni di guerre e migliaia di morti. Ma oggi le cifre, implacabili, e le immagini, choc, di questa nuova tragedia sono un fatto. Inequivocabile. Per tutti.

Per non dimenticare... i due fratelli Bilal e Mohammed Al-Ashqar, di 8 e 9 anni, uccisi durante un raid israeliano a Tal el Hawa. Iyad Mutawwaq stava invece camminando per strada quando una bomba ha aperto uno squarcio in un edificio poco distante. Ha perso entrambe le gambe. Domenica 11 gennaio, approssimativamente alle 03.00 am, caccia F16 hanno bombardato il centro per orfani dell'associazione Dar al-Fadila... Per dovere di cronaca. E per rispetto della memoria. Affaritaliani pubblica le foto dei bambini palestinesi morti sotto i raid israeliani nella Striscia.

ATTENZIONE!

LE FOTO PUBBLICATE AL SEGUENTE LINK POSSONO FERIRE LA SENSIBILITA' DEL LETTORE.

SE VUOI CONTINUARE CLICCA QUI



Gli articoli correlati:

FORUM/ La guerra di Israele contro Hamas è "giusta"?

La cronaca. Prosegue il ritiro israeliano da Gaza. Abu Mazen: governo unitario ed elezioni. Livni: i morti? Sono in pace con me stessa

Apartheid israeliano in Palestina. Così niente pace. Lettera di Mandela al giornalista ebreo Friedman

Bambini palestinesi con genitori israeliani e viceversa. Ecco la soluzione per Gaza Di Massimiliano Fanni Canelles

Hamas nell'angolo e divisa. Ecco perché la tregua si allontana... L'analisi

'A Gaza non ci sarà pace con Hamas' Di Emanuele Fiano

Gaza/ Torna Osama bin Laden ed esorta alla jihad: fermare l'aggressione

MO/ Hillary Clinton: faremo di tutto per la pace. Ma esclude colloqui con Hamas...

Gaza/ Nella Striscia non perdono il sorriso. Ma le bombe continuano a cadere... La testimonianza di una volontaria

La testimonianza/ Una volontaria sulla Striscia di Gaza scrive ad Affari

Gaza/ La guerra che c'è e l’Europa che non c'è Di Arduino Paniccia

Obama avalla D'Alema. Frattini a disagio sul fronte orientale Di Antonio V. Gelormini

La guerra "giusta" di Israele Di Pasquale Della Torca

Mario Capanna: “Fermare il massacro di Gaza”. Lettera all'ambasciatore Spogli

La guerra si allarga anche al Libano. Razzi contro Israele. Il Papa bacchetta i leader

Gaza/ Crosetto (Difesa) ad Affaritaliani.it: Italia pronta e obbligata a mandare soldati

"Gaza un campo di concentramento". Polemica Vaticano-Israele

Gaza/ "Nessuna aggressione legittima un genocidio", di Emanuele Fiano

Paniccia ad Affaritaliani.it: l'obiettivo di Israele è l'Iran. E' in corso un regolamento di conti

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19
Ci sono  persone collegate

< agosto 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             






Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (38)
Associazioni Giustizia (52)
Economia (86)
Estero (187)
Giuristi (134)
Gruppo Cellule Staminali (1)
Indagini (210)
Lavoratori Giustizia (1)
Magistratura (2170)
Osservatorio (1)
Osservatorio Famiglia (512)
Politica (926)
Redazionale (68)
Sindacati Giustizia (326)
Sindacato (221)
Telestreet (7)
Varie (82)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019

Gli interventi piů cliccati

Titolo
Bianco e nero (236)
I gatti di G.Q. (25)

Le fotografie piů cliccate

Titolo
G.Q. Non ha mai pubblicato pubblicità in otto anni e se iniziasse ora?

 Si, a me non disturba
 No, non mi piace



Titolo






A.N.M.
A.N.M. new
A.D.M.I.
Argon News
A.I.M.M.F.
Argon News Redazione
Artists Against War
Articolo 3
BloggersPerLaPace
Comitato Sfruttatori ATU
Commissariato PS Online
dBlog.it Open Source
Erga Omnes
Eugius
Filo Diritto
Intesaconsumatori
Geopolitica
Giuristi Democratici
Giuristi Democratici Roma
Magistratura Democratica
M.D. Toscana
Medel
Medicina Democratica
Magistratura Indipendente
Movimento per la Giustizia
Nazionale Magistrati
Non Solo Giustizia
Osservatorio Bresciano
Osservatorio Romano
Sorgente D'Amore
Studio Cataldi
Studio Celentano
Studio Tidona
Toghe Lucane
Uguale per Tutti
Unitŕ per la Costituzione
Unicost Milano
Unione Internazionale Magistrati
Morandi Senato
About me







http://www.wikio.it
Wikio
Iscriviti a GQ su FriendFeed
Blogstreet - dove il blog č di casa
Iscriviti a GQ su Twitter
Powered by FeedBurner


Blog Link










23/08/2019 @ 3.14.24
script eseguito in 406 ms