Immagine
 urania ... di karen thole... di Admin
 
"
Un'idea che non sia pericolosa non merita affatto di essere chiamata idea

Oscar Wilde
"
 
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Loredana Morandi (del 05/06/2010 @ 11:21:37, in Estero, linkato 1436 volte)
Se la coscienza del Diritto non grida di fronte a questo, allora l'umanità è perduta... L.M.

 
 flagzion_600

Gaza flotilla attack: Autopsies reveal
intensity of Israeli military force


• Victims found with up to six gunshot wounds
• Israel 'about to lose a friend' warns Turkey's US envoy


    * Robert Booth, Harriet Sherwood in Gaza City and Justin Vela in Istanbul
    * guardian.co.uk, Friday 4 June 2010 22.00 BST
    * Article history

Gaza flotilla Mavi Marmara The autopsy results reveal the extent of force used by Israeli commandos aboard the Mavi Marmara (pictured). Photograph: Reuters

The autopsy results released today by the Turkish authorities after the Israeli attack on the Gaza flotilla reveal in chilling detail the intensity of the military force unleashed on the multinational convoy.

Each of the nine victims on the Mavi Marmara in international waters off the coast of Israel in the early hours of Monday morning was shot at least once and some five or six times with 9mm rounds.

The results also reveal how close the fighting was. Dr Haluk Ince, chair of Turkey's council of forensic medicine (ATK), said: "Approximately 20cm away was the closest. In only one case was there only one entrance wound. The other eight have multiple entrance wounds. [The man killed by a single shot] was shot just in the middle of the forehead with a distant shot."

The details emerged as Turkey warned that it may reconsider its diplomatic ties with Israel unless it receives an apology.

The deputy prime minister, Bulent Arinc, warned: "We may plan to reduce our relations with Israel to a minimum."

Namid Tan, the ambassador to Washington, warned that Israel was "about to lose [a] friend". He repeated calls for an independent investigation of the raid and end its blockade against Gaza.

Asked if Turkey might break off relations, he said: "We don't want this to go to that point." But he added: "The government might be forced to take such an action."

Speaking at the funeral of the youngest activist, prime minister Tayyip Erdogan accused Israel of betraying its religion. "You killed 19-year-old Furkan Dogan brutally. Which faith, which holy book can be an excuse for killing him?" he asked.

According to the scientists at the ATK, Dogan, who held US and Turkish citizenship was shot five times – from close range in the right side of his nose, in the back of the head, in the back and twice in the left leg.

The oldest victim was 60-year-old Ibrahim Bilgen, a Turkish politician, engineer and activist who was married with six children. He had been shot once in the right temple, once in the right side of his chest, once in the back and once in the hip.

Cetin Topcuotlu, a 54-year old former Taekwondo champion who worked as a coach for the Turkish national team, was shot three times – once in the back of his head, once in his hip and once in his belly. His wife, Cigden, who was with him on the Mavi Marmara said at his funeral on Thursday she would take part in further flotillas to Gaza with her son.

The detail of the wounds came as yet more survivors returned to the UK and gave their account of the attacks.

In a hastily arranged press conference in central Londonshortly after his Turkish airlines plane touched down at Heathrow, Ismail Patel, the 47-year-old chairman of the Friends of al-Aqsa, condemned what he called "the cold-blooded murder and killing of our colleagues". He said: "These deaths were avoidable and I lay the blame squarely with the Israelis."

Israel has previously said its troops had been left with no choice after they came under attack from activists armed with knives and iron bars when they were dropped by helicopter on to the ship.

Patel claimed that as soon as the Israeli Defence Force helicopter appeared above the Mavi Marmara, "it started using immediately live ammunition" without any warning being issued.

After the first victim fell the white flag was raised, he said, but Israeli forces continued firing. "I think the Israeli soldiers were shooting to kill because most of the people who died were shot in the top part of their bodies," he said. He believed that later victims were injured in their legs after a "tactical move" by the commandos to wound rather then kill.

Alex Harrison, a Free Gaza activist who was on the smaller Challenger yacht, which was crewed mainly by women, said the Israelis used rubber bullets, sound bombs and tasers against them.

"Two women were hooded, they had their eyes taped," she said, describing how the yacht was quickly overwhelmed. "We stood and tried to obstruct the armed, masked men and maintained no other defence and still they used violence."

Harrison, 32, from Islington, north London, also witnessed the Mavi Marmara being stormed from above by helicopter and said the Israelis started firing before their troops touched down on the boat.

"I have seen some selective footage that the Israelis have chosen to put out suggesting that we responded with violence," she said. "You must remember that these are unarmed civilians on their own boat in the middle of the Mediterranean. People picked up what they could to defend themselves against armed, masked commandos who were shooting."

The violence was "initiated by the Israelis on a massive scale," she said, adding she was pleased her colleagues on the Rachel Corrie, an Irish vessel, were continuing to Gaza this weekend.

"I am thrilled they are going," she said. "They know exactly what risks they face. They are doing what our government's haven't and I thank them."

Both Harrison and Patel criticised the British authorities for failing to provide sufficient consular assistance while the activists were detained in an Israeli prison in Beersheva.

Patel said he was not visited by anyone from the British mission and Harrison said the consul told her that Israeli officials had prevented him visiting captured Britons.

"I did see the British consul," Harrison said. "He told me that he had sitting outside the prison all day ... asking for access and not been given it. I see that as an insult from Israel to the British, that they were denying the British consul the right that citizens have. I also see it as a sign that the British don't have the strength to stand up to Israel."

Foreign Secretary William Hague confirmed that a total of 34 of the activists on the aid flotilla were British, with all but two of them having been sent to Turkey by the Israeli authorities.

In Gaza City, the de facto Hamas prime minister, Ismail Haniyeh, told crowds of worshippers at Friday prayers that Israel's blockade was in its final stages.

"Now not only Gazans speak of the blockade, but also the [UN] security council and the international community. Everyone is demanding the siege be lifted."

The nine victims

Cengiz Alquyz, 42

Four gunshot wounds: back of head, right side of face, back, left leg

Ibrahim Bilgen, 60

Four gunshot wounds: right chest, back, right hip, right temple

Cegdet Kiliclar, 38

One gunshot wound: middle of forehead

Furkan Dogan, 19

Five gunshot wounds: nose, back, back of head, left leg, left ankle

Sahri Yaldiz

Four gunshot wounds: left chest, left leg, right leg twice

Aliheyder Bengi, 39

Six gunshot wounds: left chest, belly, right arm, right leg, left hand twice

Cetin Topcuoglu, 54

Three gunshot wounds: back of head, left side, right belly

Cengiz Songur, 47

One gunshot wound: front of neck

Necdet Yildirim, 32

Two gunshot wounds: right shoulder, left back

The Guardian
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 


E' l'ultima imbarcazione della Freedom Flotilla

Gaza, Israele intercetta la 'Rachel Corrie':
minacciato l'abbordaggio

ultimo aggiornamento: 05 giugno, ore 10:53
Larnaca - (Adnkronos/Ign) - Unità della marina israeliana stanno seguendo il cargo irlandese deciso a superare il blocco dopo il blitz di Israele contro i pacifisti diretti nella Striscia. D'Elia: ''Faremo resistenza passiva'' (VIDEO). Luppichini: ''Sequestrato e picchiato'' (VIDEO). Gaffe del governo israeliano diffuso un video-farsa sul blitz (VIDEO). Dall'Egitto alla Malaysia, musulmani in piazza contro Israele. Ahmadinejad contro lo Stato ebraico: "Nuova aggressione significherebbe la sua fine". Proteste a Milano (FOTO) e Roma (VIDEO)

Larnaca, 5 giu. - (Adnkronos/Ign) - La marina israeliana ha intercettato la nave irlandese Rachel Corrie al largo delle coste di Gaza, ma non l'hanno abbordata. "Non sono stati abbordati, sono seguiti", ha detto una portavoce del Free Gaza Movement, Greta Berlin, che è in contatto con la nave, citata sul sito di Haaretz. Il comitato d'accoglienza palestinese che aspetta la nave sulla costa di Gaza, afferma che il cargo è stato affiancato da tre unità navali israeliane a 34 miglia dalla costa, quindi in acque internazionali.

Il ministero degli Esteri israeliano aveva ribadito ieri che non avrebbe permesso lo sbarco a Gaza della 'Rachel Corrie', ultima nave della Freedom Flotilla decisa a superare il blocco. Gli israeliani avevano offerto di far scaricare gli aiuti umanitari nel porto di Ashdod per poi trasportarli a Gaza, ma gli attivisti a bordo della nave hanno rifiutato. Secondo quanto riferito da un portavoce dell'esercito israeliano (Idf) la nave irlandese ha ignorato le richieste di cambiare rotta e dirigersi verso il porto Ashdod. "Abbiamo stabilito un contatto, ma l'equipaggio non coopera", ha detto il portavoce aggiungendo che i militari si preparano alla possibilità di agire contro la nave . "Se necessario non avremo altra scelta", ha dichiarato la portavoce militare israeliana Avital Leibowitz, rispondendo alla domanda dell'agenzia stampa tedesca Dpa se l'abbordaggio è un'opzione possibile.

Dal canto loro gli Stati Uniti, pur considerando "insostenibile" l'attuale situazione del blocco di Gaza, invitano gli attivisti a bordo della nave irlandese Rachel Corrie a fare rotta verso il porto israeliano di Ashdod, come richiesto dalle autorità dello stato ebraico. "Le attuali disposizioni sono insostenibili e vanno cambiate", ha dichiarato Mike Hammer, portavoce del Consiglio per la Sicurezza Nazionale della Casa Bianca. Tuttavia Washington esorta anche tutte le navi con a bordo aiuti umanitari a rispettare la richiesta israeliana. "Nell'interesse della sicurezza di tutte le persone coinvolte, e del sicuro trasferimento degli aiuti alla popolazione di Gaza", ha dichiarato il portavoce spiegando che si sta "lavorando urgentemente con Israele, l'Autorità palestinese e altri partner internazionali per sviluppare nuove procedure per consegnare più beni e assistenza a Gaza, aumentare le opportunità per la gente di Gaza e prevenire l'importazione di armi".

Intanto, secondo quanto scrive oggi il Guardian, i risultati delle autopsie eseguite in Turchia rivelano che i nove attivisti uccisi lunedì a bordo della nave turca Mavi Marmara sono stati raggiunti da un totale di 30 colpi d'arma da fuoco e cinque sono stati uccisi da colpi alla testa, sparati anche da distanza ravvicinata. Tutte le pallottole, salvo una non identificata, sono da 9 mm.

Yalcin Buyuk, vice presidente del consiglio turco di medicina forense ha riferito al giornale che un uomo di 60 anni, Ibrahim Bilgen, è stato colpito quattro volte, alla tempia, il petto, l'anca e la schiena. Il 19enne Fulkan Dogan, che ha anche la nazionalità americana, è stato colpito cinque volte, a meno di 45 centimetri di distanza, al volto, alla nuca, due volte alle gambe e una alla schiena. Altri due uomini sono stati colpiti quattro volte e cinque riportano colpi alla nuca o alla schiena. Secondo Buyuk, una sola vittima riportava soltanto una ferita, sparata a distanza contro la fronte. Tutti gli altri riportavano più di una ferita e le pallottole erano intatte, il che dimostrerebbe che hanno colpito le vittime direttamente e non di rimbalzo.

woof

I risultati dell'autopsia sono in contrasto con la versione israeliana che i soldati hanno aperto il fuoco solo per autodifesa. Un portavoce dell'ambasciata israeliana a Londra ha però respinto questa interpretazione. "L'unica situazione in cui i soldati hanno sparato era in una chiara situazione di pericolo di vita -ha detto al Guardian - premere in fretta il grilletto puo' portare ad alcuni colpi nello stesso corpo, ma ciò non cambia il fatto che erano in una situazione di pericolo di vita".
Lo speciale dal Guardian.co.uk

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 03/06/2010 @ 14:31:41, in Estero, linkato 1516 volte)
Questo mondo si sta avviando, irrimediabilmente, alla pazzia... L.

Belgio, spari in tribunale: 2 morti
Uccisi un giudice e un cancelliere


Un giudice di pace e un cancelliere sono stati uccisi a fucilate all'interno del palazzo di Giustizia di Bruxelles, in Belgio. L'omicida, subito dopo aver assassinato i due uomini, si è dato alla fuga, mentre sul posto è arrivato il ministro della Giustizia belga, Stefaan De Clerck, che ha raccontato quanto accaduto alla tv pubblica. La notizia era stata data inizialmente dall'Agenzia Belga.

Tutto sarebbe avvenuto, secondo una primissima ricostruzione dei fatti, a fine mattinata quando "dei colpi di fuoco hanno risuonato al Palazzo di giustizia di Bruxelles". Tuttavia, il portavoce della polizia di Bruxelles si è rifiutato di confermare o commentare la circostanza.

A confermare l'uccisione del giudice e del cancelliere è stato, ai microfoni della televisione pubblica Rtbf, il ministro della Giustizia belga Stefaan De Clerck, che è arrivato sul posto. "E' la prima volta che accade una cosa del genere ed è assolutamente drammatica", ha aggiunto il ministro.

Secondo una prima sommaria ricostruzione dell'accaduto fatta dai testimoni, la sparatoria è avvenuta nell'aula allestita in un annesso del Palazzo di Giustizia. E dopo aver sparato e ucciso, l'omicida si è poi dato alla fuga dirigendosi verso il quartiere popolare di Marolles, poco distante dal tribunale.

Con il ministro, sono arrivati sul luogo della sparatoria anche il capo della polizia di Bruxelles, Guido Van Wymersch, e il presidente della Corte d'Appello, Antoon Boyen.

Le autorità non hanno ancora diffuso il nome del cancelliere che, scrive l'agenzia di stampa Belga, era ormai vicino alla pensione. La sparatoria sarebbe avvenuta alle 11,15 della mattina. Sul posto sono arrivate due ambulanze e un'auto del servizio medico, mentre la strada dove si trova il Palazzo, la rue Ernest Allard, è stata chiusa.

http://www.tgcom.mediaset.it/mondo/articoli/articolo483182.shtml
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 03/06/2010 @ 09:11:17, in Estero, linkato 1551 volte)
A mio personalissimo avviso la sola Corte, che potrà giudicare Israele per i crimini commessi contro la Freedom Flotilla, è la Audiencia National de Spagna. Nell'articolo che segue l'avvocato José Maria Ruiz Soroa analizza le violazioni al diritto internazionale, ed in particolare quelle all'articolo 101 del trattato Unclos e agli articoli 6.1 e 6.2 del trattato sulla sicurezza marittima SUA (il trattato del 1988, voluto dalla comunità internazionale dopo i fatti della Achille Lauro e sottoscritto da Israele nel 2009). L.M.


ANÁLISIS: El conflicto de Oriente Próximo

Un ilícito internacional

JOSÉ MARÍA RUIZ SOROA 02/06/2010

 La actuación de las Fuerzas Armadas israelíes al tomar por la fuerza el control de buques mercantes de otra bandera en alta mar (la Zona Económica Exclusiva, si existiera, sería considerada como alta mar a efectos de navegación), y al causar la muerte violenta a varios de sus tripulantes, viola patentemente el Derecho Internacional en lo que se refiere al principio de libertad en alta mar. Ningún Estado puede arrogarse facultades para restringir la libertad de circulación de cualquier buque por ese ámbito, ni menos ejercer la fuerza contra buques mercantes de otra bandera salvo en los contados casos en que lo autoriza el propio Derecho Internacional (piratería, trata de esclavos, sospechas de falsa bandera, etcétera). Y no cabe recurrir a la noción de zona o puerto bloqueado, propia del Derecho Marítimo de Guerra, cuando no existe tal guerra.

Sin embargo, los actos de los israelíes no pueden considerarse como un delito de piratería (susceptible de jurisdicción universal) de acuerdo con el Convenio del Derecho del Mar (UNCLOS 101), por la sencilla razón de que la piratería exige ineludiblemente para existir que el acto de fuerza se cometa "por un motivo personal", y aquí estamos ante motivaciones políticas o públicas.

Para salvar este vacío de tipificación se acordó en 1988 (precisamente con motivo del caso de terrorismo cometido contra Leon Klinghoffer, un judío-norteamericano a bordo del Achille Lauro) el Convenio Internacional para la Supresión de Actos ilícitos contra la Seguridad de la Navegación Marítima (SUA) que, este sí, tipifica como delito el apoderarse por la fuerza de un buque o de su control, o el realizar actos de violencia contra las personas embarcadas, por cualquier motivo que se efectúe, sea privado o público, económico o terrorista. Curioso: el Estado israelí ratificó hace muy poco este Convenio (entró en vigor para él en abril de 2009) casi justo a tiempo para poder violarlo.

El artículo 6.1 del SUA establece la jurisdicción obligatoria para sancionar los actos ilícitos en cuestión del país cuya bandera enarbola el buque en el cual o contra el cual se ha realizado el acto de fuerza. En este caso, si nos fijamos en el buque en el que se han realizado los actos más flagrantemente ilícitos, que es el buque turco Mavi Mármara, en el que se han causado varios muertos, sería Turquía como Estado de bandera el país legitimado para perseguir a los culpables y solicitar el amparo del Derecho Internacional para su entrega, incluyendo la posibilidad de acudir al Tribunal Internacional de Justicia en caso de que Israel se niegue a entregarlos.

Con carácter adicional, el artículo 6.2 del SUA establece la jurisdicción potestativa de otros Estados implicados, como aquellos de los cuales son nacionales las personas físicas afectadas: lo que confiere jurisdicción a los tribunales españoles, si quieren ejercitarla, puesto que existen ciudadanos patrios detenidos.

José María Ruiz Soroa es abogado.

El Pais
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
A tutto c'è un limite, anche alla criminalità coloniale...

Consiglio dell'ONU per un'inchiesta
Condanna all'attacco israeliano, attivisti da rilasciare


1 giu 2010 06:11

NEW YORK - Il Consiglio di sicurezza dell'Onu, riunito a New York per oltre 12 ore per esaminare l'attacco israeliano alla flottiglia di pacifisti per Gaza, ha condannato gli atti sfociati nella perdita di vite umane e ha chiesto un'inchiesta e il rilascio degli attivisti e delle loro imbarcazioni.

In pratica risulta accolta la richiesta del fronte arabo di avere un'indagine «indipendente, credibile e trasparente», da concludere «entro trenta giorni». Il documento sul tavolo del Consiglio di Sicurezza dell'Onu chiede «il rilascio immediato delle navi e dei civili trattenuti da Israele», ai quali deve essere garantito «pieno accesso consolare».

Intanto, sono 480 gli attivisti della flottiglia internazionale arrestati dagli israeliani dopo il blitz di ieri contro la spedizione umanitaria internazionale, mentre altri 48 stanno per essere espulsi. Lo ha annunciato la radio pubblica israeliana.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 31/05/2010 @ 17:04:46, in Estero, linkato 2404 volte)

 art_200


Artists Against War Italia



RETE ARTISTI COMUNICA


IL COORDINAMENTO DEGLI ARTISTI E GIURISTI DI ARTISTS AGAINST WAR ITALIA INVITA IL GOVERNO ITALIANO A CONVOCARE IN PATRIA IL PROPRIO AMBASCIATORE, NON ESSENDO SUFFICIENTE LA SEMPLICE CONVOCAZIONE DELL’AMBASCIATORE ISRAELIANO A CAUSA DELLA GRAVISSIMA VIOLAZIONE DELLA CONVENZIONE SUL TERRORISMO MARITTIMO APPROVATA A ROMA IL 10 MARZO 1988. 

L’ATTACCO DELLA MARINA ISRAELIANA CONTRO LE NAVI DELLA FREEDOM FLOTILLA E’ INOLTRE UNA GRAVISSIMA VIOLAZIONE AL DIRITTO DI TRANSITO INOFFENSIVO IN ACQUE INTERNAZIONALI COME DETERMINATO DALLA CONVENZIONE DI GINEVRA, UNCLOS E ALTRI TRATTATI.

LA RETE ARTISTI CONDANNA L’ATTACCO OMICIDA CONTRO INERMI PACIFISTI SU UN’IMBARCAZIONE CIVILE.


 art_200


Artists Against War Italy



THE NET OF ARTISTS CONVEYS


THE COORDINATION OF THE ARTISTS AND LAWYERS OF ARTISTS AGAINST WAR ITALY INVITES THE ITALIAN GOVERNMENT TO CALL BACK HIS AMBASSADOR BECAUSE IT’S NOT ENOUGH TO CALL THE ISRAELI AMBASSADOR FOR THE SERIOUS VIOLATION OF THE CONVENTION ABOUT THE SEA TERRORISM APPROVED IN ROME ON 10.3.1988.

THE ATTACK OF THE ISRAELI NAVY AGAINST THE FREEDOM FLOTILLA IS ALSO A VIOLATION AGAINST THE RIGHT OF THE FREE TRANSIT IN INTERNATIONAL WATERS DECIDED BY THE CONVENTION OF GENEVE, UNCLOS AND OTHER AGREEMENTS.

THE NET OF ARTISTS CONDEMNS THE ATTACK AGAINST UNARMED PACIFISTS ON A CIVIL SHIP.  

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 31/05/2010 @ 14:22:06, in Estero, linkato 2040 volte)

 

 flotilla01

 
 
Oggi manifestazioni in tutta Italia
Nessuna complicità con il terrorismo di Stato israeliano


 
 
La Marina israeliana ha attaccato la Freedom Flotilla diretta a Gaza nelle acque del Mediterraneo
 
 
 flotilla02
 
 
Ci sono 19 morti e diversi feriti
tra i partecipanti alla flottiglia

Manifestazioni per ora confermate:

Roma, ore 17.00 piazza San Marco
Milano: ore 17.30 in piazza San Babila
Bologna: ore 17.00 in piazza Maggiore
Genova: ore 18.00 davanti alla Prefettura
Torino: ore 17.00 davanti a palazzo Nuovo
Firenze, ore 18.00 alla Prefettura
Pisa, ore 17.00 a piazza xx Settembre
Napoli ore 17.00 piazza del Plebiscito
Novara, ore 17.30 alla Prefettura
 
 
flotilla03
 
Seguite gli altri aggiornamenti su
 
www.forumpalestina.org
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 31/05/2010 @ 13:42:24, in Estero, linkato 2236 volte)
Il video dell'attacco Israeliano alla Freedom Flotilla, la piccola flotta di pacifisti diretta via mare a Gaza con gli aiuti umanitari. L'attacco della marina militare israeliana è avvenuto a 75 miglia dalla costa, in acque internazionali, ovvero in violazione ai trattati sulla libera navigazione.


Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 31/05/2010 @ 12:38:20, in Estero, linkato 2182 volte)
Quello che accade è pazzesco! Di seguito alcuni dei primissimi comunicati stampa a me pervenuti.

In Italia sono previste proteste a Roma, piazza San Marco ore 17.00, a Torino zona Palazzo Nuovo ore 12:30 a Milano alle 18:00 in Piazza San Babila.

ATTENZIONE: il presidio a Torino è stato anticipato alle ore 12:30

All'estero sono previsti presidi di protesta a Parigi, a Manchester, a Londra, ad Annecy, a Montpellier, a Bordeaux, ecc..


Terrorismo di Stato!
La Marina israeliana attacca la Freedom Flotilla:
19 morti e vari feriti tra i partecipanti

All'alba di quest'oggi, 31 maggio, nelle acqua internazionali Israele ha aggredito con navi da guerra della Marina militare appoggiata da elicotteri la Freedom Flotilla, che trasporta tonnellate di aiuti per la popolazione della Striscia di Gaza, sotto embargo da circa quattro anni.

Vi sarebbero almeno 19 morti e vari feriti soprattutto sulla nave turca della Flotilla contro cui si sono accanite le truppe speciali israeliane.

L'aggressione - che è ancora in corso - è avvenuta in acque internazionali, pertanto si tratta a tutti gli effetti di pirateria.

I partecipanti alla Freedom Flotilla sono attivisti pacifisti internazionli e disarmati, il cui unico scopo dichiarata è quello di portare gli aiuti alla popolazione di Gaza.

Forum Palestina

***

Intervenga l’ONU sulla 
strage dei volontari sulle navi umanitarie


In merito all’uccisione e al ferimento di esponenti di ONG che recavano aiuti umanitari per le popolazioni  di Gaza il Responsabile dell’Osservatorio per la Tutela dei Diritti dell’Associazione “Giuseppe Dossetti: i Valori – Sviluppo e Tutela dei Diritti” (www.dossetti.it), Corrado Stillo, ha dichiarato:
<
Riteniamo  che scagliare le forze militari di uno dei più potenti eserciti del mondo verso attivisti pacifisti che recavano cibo, case prefabbricate, medicinali a donne e bambini  palestinesi, sia un atto di barbarie  inaudita  che, oltre ad una condanna morale, merita una  riprovazione da parte dell’ONU.
Israele, da poco entrato nell’OCSE, deve uniformarsi alle leggi internazionali e alle regole umanitarie  condivise dalla comunità umana. L’esempio di macelleria offerto dai soldati israeliani non  aiuta di certo la causa della pace nella zona, né aiuta il mondo arabo ad una visione di Israele come Stato con cui costruire il futuro.
Auspichiamo che l’UE, l’ONU e gli Enti Internazionali levino alta la voce di condanna e l’esortazione ad Israele a moderare l’uso delle armi e a far ricorso all’uso  del dialogo e della trattativa>>.

Associazione Giuseppe Dossetti

***

PALESTINA: ATTACCO A NAVI PACIFISTE E’ ATTO DI PIRATERIA.
MILANO, ORE 18.00, PIAZZA S. BABILA, PRESIDIO DI RIPUDIO

dichiarazione di Luciano Muhlbauer - Coordinatore Cittadino Prc Milano

Il violento intervento delle forze armate israeliane, per giunta in acque internazionali, contro le navi della Freedom Flotilla, è un atto di pirateria, che non può trovare giustificazione alcuna, né giuridica, né morale.
Esprimiamo la nostra solidarietà con gli attivisti delle Ong che hanno tentato di forzare pacificamente il blocco israeliano della striscia di Gaza, “armati” soltanto di aiuti umanitari, e che per questo hanno pagato un prezzo altissimo in termini di vite umane.
L’uso deliberato e ingiustificato della violenza da parte delle forze armate israeliane è la conseguenza diretta della politica dei due pesi e delle due misure che pratica la cosiddetta comunità internazionale, compreso il Governo italiano, e che provoca nel governo israeliano quel senso di impunità, che ha portato al massacro di oggi.
Invitiamo tutti i cittadini e le cittadine milanesi che hanno a cuore la causa della pace e dei diritti del popolo palestinese, a mobilitarsi per ripudiare l’azione criminale da parte delle forze di sicurezza di Israele, partecipando al presidio in piazza San Babila, alle ore 18.00 di oggi.
 
Milano, 31 maggio 2010

***

Flottille de la liberté : la France doit agir !
Rassemblements partout en France !!!


AFPS

Le gouvernement Netanyahou a commis l’irréparable : ses commandos ont donné l’assaut contre la fltotille de la liberté, faisant plusieurs morts.

Cet acte de guerre est une véritable provocation contre la communauté internationale : il s’est déroulé dans les eaux internationales et visait des bateaux civils transportant plusieurs centaines de personnes, dont des députés européens et français, venus tenter de briser pacifiquement un blocus dont les Nations unies exigent la levée.

Jamais les dirigeants israéliens n’auraient déployé cette violence s’ils n’avaient bénéficié, depuis des mois, de la complaisance de nombreux responsables occidentaux, à commencer par Nicolas Sarkozy et Bernard Kouchner. Après la tragédie, cette complaisance doit cesser. Le ministre des Affaires étrangères doit immédiatement :

 convoquer l’ambassadeur d’Israël et le menacer de mesures de rétorsion ;

 exiger la levée sans délai du blocus de Gaza ;

 agir, à Bruxelles, pour la suspension de l’accord d’association Union européenne-Israël ;

 intervenir, à New York, pour une réunion rapide du Conseil de sécurité destinée à condamner l’action israélienne et à prendre des mesures pour la sanctionner.

Voilà les exigences que l’Association France-Palestine Solidarité (AFPS) appelle ses militants à faire entendre dans toute la France, et notamment

à Paris, ce lundi 31 mai, à 18h30, aux abords de l’ambassade d’Israël. Métro Franklin-Roosevelt

Paris, le 31 mai 2010.

à Annecy : Rassemblement ce lundi soir à 18h DEVANT LA PREFECTURE A ANNECY

à Montpellier : LUNDI 31 MAI 18H PLACE DE LA COMEDIE

à Lille : Rassemblement ce soir partir de 18 h 30 Grand’Place

à Bordeaux : Ce lundi 31 mai, 18h30 rassemblement Place de la Victoire

A Lyon, Marseille, Poitiers...


Consultez notre site pour les dernières infos :
http://www.france-palestine.org/article14794.html

--
Association France-Palestine Solidarité (AFPS)
21 ter Rue Voltaire
75011 Paris
 
***

Protest Israel's Gaza Aid Ship Murders

- 5pm BBC Manchester -

In Manchester there is a protest at 5pm today, Bank Holiday Monday, at the BBC on Oxford Road called by Manchester Palestine Solidarity Campaign (PSC) and backed by Greater Manchester Stop the War Coalition

Deaths as Israeli forces storm Gaza aid ship

http://gazafreedommarch.org/cms/en/news/View/10-05-31

More than 10 people have been killed after Israeli commandos stormed a convoy of ships carrying aid to the Gaza Strip, the Israeli army says.

(There is also a protest today at 2pm at Downing Street)

updates on our website

http://www.manchesterstopwar.org/


Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 31/05/2010 @ 08:29:44, in Estero, linkato 2183 volte)

Intollerabile ad una società umana che voglia dirsi civile! Altre fonti parlano di 18 morti...

Sono previsti presidi in Roma, piazza S.Marco alle 17 e a Torino alle 16.30 in zona Palazzo Nuovo.

Israele assalta navi pacifiste
"Almeno 15 morti", proteste

L'azione della marina israeliana nella notte contro il convoglio Freedom Flotilla che si stava dirigendo verso la Striscia per forzare il blocco e portare aiuti umanitari. I militari hanno sparato, le vittime sono almeno 15 secondo i volontari a bordo ma il bilancio potrebbe salire. I militari: "Dalla nave hanno sparato sui commando che stavano salendo a bordo". La denuncia delle ong: "Assalto illegale in acque internazionali". Protesta ufficiale di Ankara, che convoca l'ambasciatore. Attaccata l'ambasciata di Israele a Istanbul, Hamas chiama all'Intifada "contro le ambasciate"

L'esercito israeliano ha confermato in un comunicato che ci sono morti e feriti tra i passeggeri a bordo della nave assaltata dai commando della marina militare israeliana

Fonti della Difesa israeliana hanno dichiarato che dalla nave sono partiti spari contro i commando che stavano salendo a bordo

Il movimento islamico Hamas esorta arabi e musulmani di tutto il mondo a sollevarsi in un'intifada dinanzi alle ambasciate israeliane del globo, dopo il sanguinoso attacco israeliano alla flotta umanitaria in rotta verso Gaza.

Secondo l'emittente del Qatar Al Jazeera, è probabile che sia confermata la denuncia degli attivisti a bordo della Freedom flotilla, secondo cui l'assalto sarebbe avvenuto in acque internazionali. Il corrispondente da Gerusalemme ha ricordato che mai, nelle passate missioni pacifiste condotte con navi, era stato possibile per i pacifisti entrare nelle acque territoriali di Gaza - controllate dalla marina israeliana, che li aveva sempre bloccati prima.

La polizia israeliana ha elevato lo stato di allerta nelle zona del Wadi Ara (60 chilometri a nord di Tel Aviv), dopo che nella città di Um el-Fahem si è sparsa la voce - finora non confermata - che nell'attacco della marina israeliana alla flotta di attivisti filo-palestinesi diretti a Gaza sia stato ferito dai militari lo sceicco Raed Sallah, leader del Movimento islamico nel Nord di Israele, che vive a Um el-Fahem. La radio militare aggiunge che i vertici della polizia israeliana hanno condotto stamane una seduta di emergenza e che continuano a seguire da vicino l'evolversi della situazione nella popolazione araba

Il ministero degli Esteri turco ha espresso la propria vibrata protesta all'ambasciatore israeliano in Turchia per il grave attacco - definito "inaccettabile" e ha messo in guardia da "conseguenze irreparabili"

Un ministro israeliano ha espresso il proprio "rammarico per tutte le vittime" dell'assalto della marina alla flotta di attivisti pro-palestinesi diretti a Gaza.

"Nel cuore della notte, commandos israeliani hanno abbordato la nave passeggeri turca "Mavi Marmara" sparandole contro (...) Israele ha dichiarato che sta entrando in possesso delle imbarcazioni. Lo streaming video mostra i soldati israeliani che sparano a civili, e il nostro ultimo messaggio spot diceva: 'aiutateci, siamo stati abbordati dagli israelian', continua la nota. "La coalizione formata dal Free Gaza Movement (fg), European Campaign to end the siege of Gaza (Ecesg), Insani Yardim vakfi (ihh), Perdana global peace organisation , Ship to Gaza Greece, Ship to Gaza Sweden, e International committee to lift the siege on Gaza lancia un appello alla comunità internazionale per chiedere a Israele di fermare questo brutale attacco contro civili che stavano tentando di portare aiuti di vitale importanza ai palestinesi imprigionati a Gaza e di consentire alle navi di continuare il loro cammino. L'attacco è avvenuto in acque internazionali, a 75 miglia al largo della costa di Israele, in violazione del diritto internazionale", aggiunge il comunicato.

La Turchia ha convocato l'ambasciatore israeliano ad Ankara dopo l'assalto militare DI Tsahal a una nave turca, che partecipava al convoglio umanitario filo-palestinese in rotta verso Gaza. Lo ha reso noto un diplomatico turco. "L'ambasciatore Gabby Levy è stato convocato al ministero degli Esteri. Faremo presente la nostra reazione nei termini più perentori", ha detto il diplomatico, che ha voluto rimanere anonimo. Intanto il vice-premier Bulent Airnc ha convocato una riunione di emergenza ad Ankara a cui partecipano tra l'altro il ministro dell'Interno, il comandante della Marina e il capo delle operazioni dell'esercito

Secondo la tv del Qatar Al Jazeera, le vittime dell'attacco sono salite almeno a 15

La censura dell'esercitoisraeliano ha bloccato la pubblicazione di qualsiasi notizia di vittime, feriti o ricoverati in ospedali israeliani, dopo l'assalto alla flotta umanitaria in rotta verso Gaza.

Hamas ha denunciato stamane a Gaza l'arrembaggio della flottiglia di aiuti umanitari e di attivisti filopalestinesi da parte della marina israeliana, affermando che si tratta di "terrorismo organizzato di Stato".

Almeno dieci passeggeri della flotta internazionale di attivisti pro-palestinesi che si dirigeva verso Gaza sono rimasti uccisi durante l'assalto di un commando israeliano. Lo ha annunciato la catena televisiva privata israeliana "10". La Cnn turca, invece, parla di due morti e di 30 feriti

Le forze di sicurezza israeliane hanno intercettato almeno una delle sei imbarcazioni della flotta internazionale di attivisti pro palestinesi che si dirigevano verso Gaza. Lo ha annunciato la tv di Hamas, mostrando immagini dei feriti, mentre la radio israeliana ha riportato la testimonianza di un giornalista arabo a bordo di una delle imbarcazioni che per primo ha parlato di vittime a bordo

La marina militare ha assaltato nella notte una nave del convoglio Freedom Flotilla, organizzato dalle ong internazionali e diretto verso Gaza

http://www.repubblica.it/esteri/2010/05/31/dirette/israele_assalta_navi_pacifiste_almeno_10_morti_proteste-4453375/
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19
Ci sono  persone collegate

< agosto 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             






Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (38)
Associazioni Giustizia (52)
Economia (86)
Estero (187)
Giuristi (134)
Gruppo Cellule Staminali (1)
Indagini (210)
Lavoratori Giustizia (1)
Magistratura (2170)
Osservatorio (1)
Osservatorio Famiglia (512)
Politica (926)
Redazionale (68)
Sindacati Giustizia (326)
Sindacato (221)
Telestreet (7)
Varie (82)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019

Gli interventi piů cliccati

Titolo
Bianco e nero (236)
I gatti di G.Q. (25)

Le fotografie piů cliccate

Titolo
G.Q. Non ha mai pubblicato pubblicità in otto anni e se iniziasse ora?

 Si, a me non disturba
 No, non mi piace



Titolo






A.N.M.
A.N.M. new
A.D.M.I.
Argon News
A.I.M.M.F.
Argon News Redazione
Artists Against War
Articolo 3
BloggersPerLaPace
Comitato Sfruttatori ATU
Commissariato PS Online
dBlog.it Open Source
Erga Omnes
Eugius
Filo Diritto
Intesaconsumatori
Geopolitica
Giuristi Democratici
Giuristi Democratici Roma
Magistratura Democratica
M.D. Toscana
Medel
Medicina Democratica
Magistratura Indipendente
Movimento per la Giustizia
Nazionale Magistrati
Non Solo Giustizia
Osservatorio Bresciano
Osservatorio Romano
Sorgente D'Amore
Studio Cataldi
Studio Celentano
Studio Tidona
Toghe Lucane
Uguale per Tutti
Unitŕ per la Costituzione
Unicost Milano
Unione Internazionale Magistrati
Morandi Senato
About me







http://www.wikio.it
Wikio
Iscriviti a GQ su FriendFeed
Blogstreet - dove il blog č di casa
Iscriviti a GQ su Twitter
Powered by FeedBurner


Blog Link










19/08/2019 @ 12.26.38
script eseguito in 453 ms