Immagine
 .. Stop Pedobear ..... di Lunadicarta
 
"
Tieni sveglie le leggi, perché il sonno le uccide. Dà vita ai buoni esempi: sarai esentato dallo scrivere delle buone regole.

Pitagora
"
 
\\ Home Page : Storico : Lavoratori Giustizia (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
ASSOCIAZIONE  DIRIGENTI   GIUSTIZIA
                                                                       

COMUNICATO

INAUGURAZIONE ANNO GIUDIZIARIO 2011
 


Nel mondo della Giustizia non si è mai parlato così tanto di “organizzazione”.

Eppure registriamo pesanti incoerenze rispetto alla necessità di costruire una moderna organizzazione giudiziaria.

Lo scorso 18 gennaio, il Ministro della Pubblica Amministrazione Brunetta, presentando assieme al Ministro Alfano il protocollo d’intesa sottoscritto con il C.S.M., ha dichiarato di essere convinto che “l’80% dei problemi della giustizia italiana sia di natura organizzativa”, aggiungendo che “all’obsolescenza delle macchine  e delle tecnologie va sommata l’obsolescenza culturale delle persone”.

A questo recupero di centralità della “questione organizzativa” da parte del decisore politico, si accompagna una complessiva crescita di tale consapevolezza da parte di tutti gli attori, istituzionali e professionali, del mondo della giustizia.

L’Organismo Unitario dell’Avvocatura ha orientato larga parte del proprio “decalogo” di proposte ad aspetti organizzativi e gestionali. L’Associazione Nazionale Magistrati ha dedicato un’intera sessione del proprio XXX congresso nazionale all’organizzazione.  Dal canto suo, il Consiglio Superiore della Magistratura, già nella precedente consiliatura, ha impresso un forte impulso all’attività della propria settima commissione dedicata, appunto, all’organizzazione degli Uffici giudiziari.

Eppure, questa condivisione così diffusa, non ha impedito di registrare incoerenze e debolezze nelle concrete scelte operate.

Come Dirigenti dell’organizzazione giudiziaria, riteniamo doveroso segnalarne alcune.

Intanto, questa inaugurazione si svolge in emblematica coincidenza del terzo anniversario dello svolgimento  (29 e 30 gennaio 2008) delle prove scritte del concorso a 40 posti da Dirigente senza che neanche sia conclusa la correzione degli elaborati.

A questo punto ci chiediamo: un’amministrazione che vede coperte soltanto 209 delle 408 posizioni dirigenziali ancora distribuite sul territorio (la individuazione delle 61 da sopprimere, che porterà la pianta a 347, ancora non è stata effettuata) può, credibilmente, puntare a realizzare “processi brevi” se in 3 anni non riesce neanche a svolgere la prima metà di un procedimento amministrativo?

E, ancora, ci chiediamo: si può perseguire, seriamente, una riorganizzazione senza assicurare la presenza e l’apporto proprio delle figure professionali deputate a dirigere gli aspetti organizzativi e gestionali?

Ma, oltre all’inaccettabile lentezza con cui si sta gestendo il concorso a Dirigente, quello che denunciamo è l’assoluta dismissione di ogni politica di reclutamento di nuove leve di personale amministrativo.

Non c’è operazione di risanamento finanziario, nella cui necessità, peraltro, ci riconosciamo pienamente, che possa dettare la completa negazione di ogni nuovo ingresso.  Se si opera così, non soltanto si determina quella “obsolescenza” lamentata dal Ministro Brunetta.  In questo modo un’organizzazione la si condanna.

E, per di più, si compiono degli sprechi. 

 Che frutto daranno i milioni di euro del Fondo Sociale Europeo, impiegati a sostenere, attraverso i progetti di diffusione delle best practices,  la riorganizzazione di oltre 80 Uffici italiani, se l’innovazione perseguita non troverà le spalle su cui fare leva? Se non troverà nuove  professionalità, giovani intelligenze che la sostengano?

Altra contraddizione che rileviamo è poi la perdurante incertezza nell’affermazione del nuovo modello di governo degli Uffici Giudiziari previsto dal Decreto Legislativo n° 240 del 25 luglio 2006.

Dopo l’entrata in efficacia della nuova normativa (significativamente l’unico segmento della riforma dell’ordinamento giudiziario su cui si stabilì la convergenza tra i due schieramenti politici avvicendatisi nel governo del Paese) fu rapidamente conferita ai Dirigenti amministrativi la concreta gestione delle risorse umane, mentre la gestione delle risorse materiali, strumentali e finanziarie fu differita.   Sono passati oltre quattro anni: cosa impedisce di superare un assetto fonte di ambiguità e peraltro incoerente con il dettato legislativo?

Nel campo dello sviluppo tecnologico ed informatico, come Dirigenti siamo stati in prima fila a sostenere i progetti in corso.   E ci siamo riconosciuti nell’illustrazione –compiuta alcuni giorni fa dal Ministro Alfano- dei risultati conseguiti.

Non possiamo però archiviare senza qualche preoccupazione la vicenda della scongiurata cessazione dell’assistenza informatica applicativa.  E’ stata annunciata il 29 dicembre come decorrente dal 2 gennaio, provvisoriamente superata con una comunicazione del 5 gennaio, definitivamente assicurata per tutto il 2011 con una comunicazione del 25 gennaio scorso.

Si comprende agevolmente come resta difficile costruire un durevole sviluppo organizzativo in una situazione di così sofferta incertezza.

A riguardo, mentre prendiamo atto con soddisfazione della tenuta, anzi del lieve incremento, dei fondi destinati al Processo telematico (7,9 milioni nel 2010 contro i 7,3 milioni del 2009), ci interroghiamo sulle ricadute che determinerà, in assenza di un organico ripensamento delle voci di spesa, la severa diminuzione degli stanziamenti complessivi.

Se raffrontiamo il rapporto tra spesa per gli Uffici Giudicanti e PIL l’Italia registra un inquietante 0,18, ben inferiore ad una media europea dello 0,24.  Del resto, nel triennio 2006-2008 la quota di bilancio statale devoluta alla Giustizia è scesa di circa il 7% a fronte di un incremento europeo del 27%.

Da Dirigenti dello Stato, ci siamo sempre distinti, spesso in solitaria controtendenza, nel non rivendicare nuove e maggiori risorse finanziarie.

Crediamo sussistano margini di recupero di risorse, a partire da una seria ancorché prudente rivisitazione della geografia giudiziaria, in grado di assicurare al servizio giustizia stanziamenti certi e coerenti con i progetti di sviluppo perseguiti.

Da tempo, come Associazione Dirigenti, proponiamo la soppressione di 300 degli attuali 848 Uffici del Giudice di Pace.  Questo ricondurrebbe la nostra organizzazione intorno ai 1000 uffici sul territorio e libererebbe più risorse di quanto si possa immaginare.

Sul punto delle risorse ci permettiamo, conclusivamente, di aggiungere ancora due annotazioni.

Non riteniamo condivisibile la riluttanza a metter mano ad una riduzione, almeno,  degli Uffici del Giudice di Pace in assenza di una piena condivisione parlamentare e delle amministrazioni locali interessate.  Registriamo, a riguardo che in altri campi, dai progetti TAV alla stessa riforma dell’Ordinamento Giudiziario, questa esigenza  di unanimità di consenso non è stata ritenuta indispensabile.

Infine, crediamo che la convinzione da consolidare sia incominciare a intendere il servizio giustizia come una grande infrastruttura, utile, necessaria allo sviluppo.

E’ dell’inizio di questa settimana la revisione al ribasso (appena l’1 % per il 2011 e 1,3% nel 2012) della stima di crescita del PIL italiano operata dal Fondo Monetario Internazionale. 

La piena assunzione dell’idea che il buon funzionamento della Giustizia concorre alla crescita, forse potrebbe aiutarci ad adottare un’idea innovativa anche riguardo all’impiego delle risorse.

Come Dirigenti, restiamo, ovviamente, disponibili ed interessati a contribuire  all’elaborazione ed al lavoro necessari per assicurare questa prospettiva.

28 gennaio 2011
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1
Ci sono  persone collegate

< settembre 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             






Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (38)
Associazioni Giustizia (52)
Economia (86)
Estero (187)
Giuristi (134)
Gruppo Cellule Staminali (1)
Indagini (210)
Lavoratori Giustizia (1)
Magistratura (2170)
Osservatorio (1)
Osservatorio Famiglia (512)
Politica (926)
Redazionale (68)
Sindacati Giustizia (326)
Sindacato (221)
Telestreet (7)
Varie (82)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017

Gli interventi piů cliccati

Titolo
Bianco e nero (236)
I gatti di G.Q. (25)

Le fotografie piů cliccate

Titolo
G.Q. Non ha mai pubblicato pubblicità in otto anni e se iniziasse ora?

 Si, a me non disturba
 No, non mi piace



Titolo






A.N.M.
A.N.M. new
A.D.M.I.
Argon News
A.I.M.M.F.
Argon News Redazione
Artists Against War
Articolo 3
BloggersPerLaPace
Comitato Sfruttatori ATU
Commissariato PS Online
dBlog.it Open Source
Erga Omnes
Eugius
Filo Diritto
Intesaconsumatori
Geopolitica
Giuristi Democratici
Giuristi Democratici Roma
Magistratura Democratica
M.D. Toscana
Medel
Medicina Democratica
Magistratura Indipendente
Movimento per la Giustizia
Nazionale Magistrati
Non Solo Giustizia
Osservatorio Bresciano
Osservatorio Romano
Sorgente D'Amore
Studio Cataldi
Studio Celentano
Studio Tidona
Toghe Lucane
Uguale per Tutti
Unitŕ per la Costituzione
Unicost Milano
Unione Internazionale Magistrati
Morandi Senato
About me







http://www.wikio.it
Wikio
Iscriviti a GQ su FriendFeed
Blogstreet - dove il blog č di casa
Iscriviti a GQ su Twitter
Powered by FeedBurner


Blog Link










20/09/2017 @ 18.18.28
script eseguito in 516 ms