Immagine
 25 novembre contro la violenza sulle Donne... di Lunadicarta
 
"
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.

Bertolt Brecht
"
 
\\ Home Page : Storico : Sindacati Giustizia (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 

Amantea. «Non possiamo lasciare soli i magistrati»

La Cgil invita i cittadini a una mobilitazione


AMANTEA  – « Stiamo valutando con i nostri legali, possibili azioni a difesa dei cittadini di tutto il territorio. Non vi è dubbio che, accertate le responsabilità, qualcuno ne dovrà rispondere». A parlare è Massimiliano Ianni, responsabile della Cgil di Amantea, che interviene, come ieri aveva già fatto il Comitato Civico “Natale De Grazia”, sui recenti sviluppi delle indagini portate avanti dalla Procura della Repubblica di Paola, in riferimento all’accertata presenza di almeno 90.000 metri cubi di sostanze e materiali inquinanti e nocivi nell’al veo del fiume Oliva.

«Iniziano ad emergere chiaramente tutti i danni causati dall’inquina mento perpetrato in questi anni a scapito del nostro territorio – affer ma ancora Ianni E’certo, ora più che mai, che sia il mare sia la terra sono fortemente inquinati. Stiamo sognando? O forse qualcuno inconsciamente segue fantasmi? Coraggiosamente c’è chi sta facendo il proprio dovere e sta portando alla luce fatti ritenuti impensabili. Forse è il caso che tutti i cittadini manifestino un minimo di consenso. E’ necessario pensare di progettare un cambiamento possibile per far rinascere il territorio». Il segretario cittadino della Cgil, poi, nelle more della prosecuzione delle indagini in pieno sviluppo, affronta la questione della bonifica dell’area dell’Oliva, interessata dallo smaltimento illecito dei rifiuti, chiamando le autorità locali a condurre questa battaglia con maggiore convinzione «Noi siamo convinti afferma che le inchieste (inquinamento del mare per mancata depurazione, interramento di rifiuti nocivi) debbano andare avanti, fino in fondo, smascherando i colpevoli diretti ed i fiancheggiatori. Lo si deve innanzitutto ai tanti che in questi anni si sono ammalati di tumore.

Lo si deve, alle nuove generazioni, lo si deve ai cittadini onesti. Basta nascondere la verità – aggiun ge E’ necessario, invece, bonificare i siti che sono risultati e risulteranno inquinati. Per questo i Sindaci, i politici chiamati ieri e oggi a cimentarsi con un difficilissimo tentativo di rassicurare le popolazioni, non hanno altra scelta che trasformarsi in politici coraggiosi, tutt’altro che neutrali. Tocca a loro, con l’aiuto dell’Unione Europea, delineare le soluzioni, se non vogliono passare, a torto o a ragione, dalla parte dei colpevoli. Non possiamo dimenticare, tuttavia, su questa vicenda, l’atteggiamento superficiale del Governo». «Come abbiamo fatto qualche mese fa, assieme ad altre associazioni, chiediamo alla popolazione tutta di mobilitarsi affinché il nostro mare e la nostra terra siano bonificate e riportate agli antichi splendori. La mobilitazione conclude – sarà utile anche a dimostrare la nostra vicinanza alla magistratura inquirente, lasciata da sola in questa difficile vicenda». Nei prossimi giorni sapremo di più se e quando si terrà questa manifestazione. Le cose certe sono quindi due. Da un lato che la Cgil sta valutando se costituirsi come parte civile in un eventuale processo e dall’altra che non ha nessuna intenzione di abbassare la guardia sulla vicenda.

di RINO MUOIO sul Quotidiano della Calabria del 19/11/2011

http://www.amanteanews.it/expo/tirreno/oliva_-in-manette-un-imprenditore/non-possiamo-lasciare-soli-i-magistrati.aspx
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Solidarietà al danneggiato! In Calabria tutto è possibile, ma oltre all'intimidazione personale si può pensare che l'auto sia stata scambiata per quella di un magistrato. Tra l'altro, per le funzioni del primo dirigente, si deve pensare che i suoi uffici siano adiacenti a quelli del Procuratore Generale. L.M.

Incendiata auto del primo dirigente della
Procura generale di Reggio Calabria


Reggio Calabria - (Adnkronos) - ''Non so darmi una spiegazione di quanto accaduto - dichiara Sandro Maria Velardi, che ricopre ruoli amministrativi - ''Non ho mai avuto minacce nè problemi particolari nel mio lavoro''

Reggio Calabria, 9 nov. (Adnkronos) - E' andata distrutta in un incendio l'automobile intestata a Sandro Maria Velardi, primo dirigente della Procura generale di Reggio Calabria. Il rogo si e' sviluppato questa notte intorno alle 2.50 in piazza Orange ed e' stato spento dai vigili del fuoco, che hanno evitato che le fiamme si propagassero alla vegetazione circostante. Secondo quanto appreso, sull'auto erano visibili gli adesivi di riconoscimento della Procura generale e gia' la sera precedente erano state danneggiate le gomme. Sull'episodio indagano i carabinieri.

''Non so darmi una spiegazione di quanto accaduto''. Cosi' il primo dirigente della Procura generale di Reggio Calabria Sandro Maria Velardi commenta l'incendio della sua automobile avvenuto la scorsa notte in piazza Oranges. Il dirigente ricopre ruoli amministrativi, si occupa ad esempio delle spese per le intercettazioni e le perizie. ''Non ho mai avuto minacce ne' problemi particolari nel mio lavoro'', spiega.

L'automobile era usata anche dalla moglie che e' dirigente psicologa al centro di igiene mentale. Si occupa anche lei di aspetti amministrativi, come le relazioni per la concessione del porto d'arma (anche alle forze dell'ordine) e ''non prescrive medicinali'' sottolinea Velardi, quindi il movente che ha portato all'incendio della Cmax parcheggiata sotto casa rimane un mistero. I vigili del fuoco non hanno trovato segni di liquido infiammabile sul posto per poter attribuire l'incendio all'origine dolosa.

Tuttavia la sera precedente ignoti avevano gia' tentato di danneggiare la macchina appiccando fuoco a una gomma. Vicino al pneumatico e' stato trovato un fazzoletto da cui si sarebbero dovute sprigionare le fiamme. Il tentativo e' tuttavia fallito. ''L'ho denunciato regolarmente alla polizia di Stato'', dice Velardi, che poi aggiunge ''scrivo editoriali per un sito internet prendendo in giro qualche politico ma non credo che l'episodio sia riconducibile a questo. Conduco una vita tranquilla, la sera sto quasi sempre in casa e non frequento locali assiduamente. Non saprei proprio a cosa addebitare questo gesto''.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 22/06/2011 @ 11:24:22, in Sindacati Giustizia, linkato 1568 volte)
http://www.giustiziaquotidiana.it/public/USB_logo.png

TRIBUNALE DI ROMA: USB PROCLAMA


SCIOPERO PER IL 22 GIUGNO


L’Unione Sindacale di Base P.I. Giustizia ha indetto lo sciopero di tre ore di tutto il personale amministrativo del Tribunale di Roma per mercoledì 22 giugno, dalle 11.00 alle 14.00.

Lo sciopero rivendica: il potenziamento della pianta organica; la riorganizzazione dell’ufficio alla luce del personale effettivamente presente; la riduzione dell’orario di apertura al pubblico; un adeguato presidio delle forze dell’ordine per il controllo delle Cancellerie; la riduzione delle udienze settimanali commisurate all’effettiva consistenza del personale addetto; il ritiro immediato del protocollo concordato  recentemente con la Camera Penale in materia di accesso agli atti giudiziari perché contrario alle norme vigenti ed in quanto espone i lavoratori a provvedimenti di natura penale e disciplinare; la stesura di un documento sulla valutazione dei rischi dei lavoratori che consideri le patologie correlate allo stress da lavoro; una diversa e più sensibile considerazione della Dirigenza sulle esigenze personali e familiari dei dipendenti.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 13/06/2011 @ 20:46:21, in Sindacati Giustizia, linkato 2038 volte)
Parma: Uffici giudiziari al collasso
"Verso lo stato di agitazione"


Carenze di organico superiori al 15% nel settore amministrativo, rete informatica obsoleta, mancata riqualificazione del personale. Sono solo alcuni dei problemi che rischiano di paralizzare la giustizia nel parmense: oggi assemblea di Fp Cgil con i rappresentanti dell'Anm e dell'Ordine degli avvocati

Per forza la macchina della giustizia non funziona: mancano gli ingranaggi. Gli uffici giudiziari del tribunale di Parma hanno risentito pesantemente dei tagli imposti dalle manovre del 2009/10: le carenze di organico sono ormai superiori al 15%, in seguito a una riduzione del 20% in dieci anni. Alla mancanza di personale amministrativo si aggiungono problemi che rischiano di portare la situazione degli uffici giudiziari nel circondario di Parma al collasso: il mancato avvio del Processo civile telematico, carenze strutturali nella rete informatica, carenza di dirigente amministrativo, continui trasferimenti presso gli uffici provinciali del Giudice di Pace, mancata riqualificazione del personale.

Le strategie organizzative, inoltre, sono inadeguate al continuo aumento dei processi penali. "Non se ne può più" dicono a gran voce i diretti interessati, che questa mattina si sono riuniti in un'assemblea sindacale indetta da Funzione Pubblica Cgil presso il tribunale di Parma per discutere delle problematiche del settore amministrativo con i rappresentanti dell'Associazione nazionale magistrati e del Consiglio dell'Ordine forense. Se non si arriverà a risposte concrete a breve termine, sarà proclamato lo stato di agitazione.

(Repubblica Parma 13 giugno 2011)
http://parma.repubblica.it/cronaca/2011/06/13/news/uffici_giudiziari_al_collasso_verso_lo_stato_di_agitazione-17640517/
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
http://www.giustiziaquotidiana.it/public/USB_logo.png

GIUSTIZIA: PRONTI ALLO SCIOPERO

I LAVORATORI DEL TRIBUNALE DI ROMA


500 dipendenti del Tribunale di Roma hanno partecipato questa mattina all’assemblea ed al presidio indetti dall’Unione Sindacale di Base. Davanti al Tribunale Civile, i lavoratori hanno dato vita ad una rumorosa manifestazione, bloccando per qualche minuto anche il traffico stradale di via Lepanto.

L’assemblea ha deliberato di proseguire nelle iniziative di lotta fintanto che non verrà trovata soluzione ai numerosi problemi che affliggono i lavoratori ed il servizio: il notevole aumento dei carichi di lavoro a fronte di un progressivo depotenziamento della pianta organica ed a continui distacchi di personale verso l’Amministrazione centrale; l’introduzione del “processo telematico” che impegnerà il personale in attività supplementari e senza la strumentazione tecnica indispensabile per attuarlo; la recente revoca di numerosi part-time, che incide pesantemente sulla vita di tantissime donne costrette a conciliare i tempi di lavoro con quelli di cura della famiglia e assistenza agli anziani; l’introduzione di nuove attività e mansioni senza che il personale abbia ricevuto alcuna formazione; la mancanza di sicurezza nel luogo di lavoro con frequenti attacchi diretti al personale da parte dell’utenza, avvocati compresi che, correlata alle sempre più crescenti manifestazioni di stress, determina una pericolosa minaccia per il benessere psico-fisico dei dipendenti.

In relazioni a queste ultime problematiche, la prossima settimana si terrà un’assemblea nella sede di Piazzale Clodio, sempre organizzata da USB, sullo stress lavoro correlato.

L’assemblea ha confermato all’unanimità la decisione di attuare uno sciopero entro la fine del mese di giugno.

L’Unione Sindacale di base continuerà a sostenere con forza le giuste rivendicazioni dei lavoratori della Giustizia.

Roma, 25 maggio 2011

Unione Sindacale di Base - Pubblico Impiego
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 20/05/2011 @ 19:59:37, in Sindacati Giustizia, linkato 1557 volte)

Sindacati a vertici ministero
"Trasferire dirigente tribunale"

Firenze, 19 maggio 2011 - Chiedono il ''trasferimento per incompatibilità ambientale'' del dirigente amministrativo del tribunale di Firenze, i sindacati Cgil Funzione pubblica, Cisl Fp, Uil Pa, Confsal Unsa, Flp, Rdb-Usb della Toscana. Le sigle hanno firmato tutte insieme una lettera indirizzata al capo del dipartimento dell'Organizzazione giudiziaria del ministero della Giustizia, al direttore generale dell'Organizzazione giudiziaria e al presidente della corte d'appello di Firenze.

''Le scriventi organizzazioni sindacali - si legge nel testo - da qualche anno si trovano costantemente impegnate ad arginare la pesantissima situazione lavorativa dei dipendenti del tribunale di Firenze, situazione che scaturisce da una gestione, da parte del signor dirigente del tribunale, estremamente personalistica, persecutoria, incurante degli accordi sindacali e con una interpretazione rigida e singolare delle norme contrattuali''.

Secondo i sindacati negli ultimi due anni ''i procedimenti disciplinari nei confronti dei lavoratori sono stati più di 60 a dimostrazione di un uso quantomeno disinvolto di tale istituto. Tale condotta, tra l'altro, è stata anche foriera di alcune condanne irrevocabili della dirigente da parte del giudice del lavoro di Firenze''.

L' iniziativa segue quella di 47 magistrati di Firenze che il 5 maggio scorso hanno firmato un documento in cui si criticava il servizio di cancelleria del tribunale e la dirigente amministrativa, mentre nei giorni successivi sul tema era intervenuta anche la giunta distrettuale toscana dell'Anm.

http://www.lanazione.it/firenze/cronaca/2011/05/19/509044-sindacati_vertici_ministero.shtml

Articoli correlati:

La Nazione - Firenze - Tribunale revoca 35 part-time Trentadue sono mamme
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 


http://www.giustiziaquotidiana.it/public/rdb_usb.jpg


CONFERENZA STAMPA

41° ANNIVERSARIO DELLO STATUTO DEI LAVORATORI:

PARTE LA RACCOLTA FIRME PER
LA LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE SU
DEMOCRAZIA E RAPPRESENTANZA SINDACALE


20 Maggio, Roma - Ministero del Lavoro,
Via Veneto 56 - ore 11.30


E’stata scelta la data simbolo del 20 maggio, 41° anniversario dello Statuto dei Lavoratori, per l’avvio della campagna di raccolta firme in calce alla proposta di legge di iniziativa popolare denominata

“CARTA DEI DIRITTI DEMOCRATICI DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI”.

La legge, alla cui elaborazione hanno contribuito giuristi, costituzionalisti, magistrati ed avvocati, verrà illustrata dai promotori – il Forum Diritti/Lavoro, l’Unione Sindacale di Base, lo Snater e il Cib-Unicobas - nel corso di una conferenza stampa che avrà luogo il 20 maggio a Roma, davanti alla sede del Ministero del Lavoro, in Via Veneto 56, alle ore 11.30.

La legge intende modificare strutturalmente i diritti ed il sistema di rappresentanza sindacale nei posti di lavoro, sia pubblici che privati. Alla base del provvedimento, il principio secondo cui il diritto alla democrazia è di natura personale ed appartiene dunque non alle organizzazioni sindacali, ma ad ogni singola lavoratrice e lavoratore, stabile e precario, a prescindere dal contratto e dall’azienda in cui opera.

Sempre nella giornata del 20 verranno allestiti in tutta Italia centinaia di banchetti presso cui sarà possibile sottoscrivere la proposta di legge.

La legge sarà inoltre oggetto del convegno-dibattito che si terrà nello stesso giorno a Bari, presso l’Aula “Aldo Moro” della Facoltà di Giurisprudenza, dalle ore 17.00.

Interverranno: Carlo Guglielmi, Presidente Forum Diritti e Lavoro; Pierpaolo Leonardi, Esecutivo Unione Sindacale di Base; Vincenzo Vita, Senatore Partito Democratico; Pierfelice Zazzera, Deputato Italia dei Valori; Carlo Podda, Direttivo Nazionale CGIL; Roberta Fantozzi, Federazione della Sinistra; Titti Di Salvo, Sinistra Ecologia e Libertà. Coordina Giuseppe Pellegrini, Esecutivo Nazionale USB.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 06/05/2011 @ 08:15:40, in Sindacati Giustizia, linkato 1628 volte)
Giustizia Quotidiana

augura

buon sciopero
a tutti i lavoratori

http://www.giustiziaquotidiana.it/public/fpcgil_scioperogenerale_6maggio2011.jpg


Loredana Morandi
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 19/03/2011 @ 08:08:03, in Sindacati Giustizia, linkato 1543 volte)
http://www.giustiziaquotidiana.it/public/Polizia_OO.SS.jpg


- COMUNICATO CONGIUNTO -


In merito alla convocazione, da parte del Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Gianni Letta, di una riunione con alcune delle organizzazioni sindacali del comparto sicurezza che non hanno partecipato alla manifestazione di Arcore del 14 marzo u.s., su richiesta di queste, facciamo presente che consideriamo naturale che la Presidenza del Consiglio, dopo gli impegni presi pubblicamente con le scriventi Organizzazioni dall’on. Berlusconi nel corso della manifestazione di Arcore, convochi altre organizzazioni per informarle del contenuto degli impegni assunti direttamente dal Presidente del Consiglio. Impegni i cui contenuti, ha dichiarato il Ministro Maroni mercoledì 16 marzo alla Camera dei Deputati, “sono quelli che il premier ha anticipato lunedì scorso ai rappresentanti delle forze dell’ordine che sono andati a fargli visita ad Arcore”.
Annunciamo inoltre che il 23 marzo p.v., giorno nel quale è prevista la riunione del Consiglio dei ministri per l’approvazione del provvedimento sulla specificità del comparto sicurezza e difesa, e soccorso pubblico, saremo in piazza a Roma a vigilare che gli impegni del Governo non si trasformino nell’ennesimo nulla di fatto.

Roma 18 marzo 2011

POLIZIA DI STATO
SIAP (Tiani)
SILP PER LA CGIL (Giardullo)
COISP (Maccari)
ANFP (Letizia)

POLIZIA PENITENZIARIA
UIL Penitenziari (Sarno)
FP-CGIL (Quinti)

CORPO FORESTALE DELLO STATO
FP-CGIL (Quinti)
UIL PA (Violante)

VIGILI DEL FUOCO
Confsal (Giancarlo)
UIL PA (Lupo)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 

http://www.giustiziaquotidiana.it/public/20110311_vol_Pubblico_impiego3.jpg

SCIOPERO DELL'11 MARZO
APPELLO AI LAVORATORI DELLA GIUSTIZIA


Venerdi 11 marzo la USB, assieme ad altre realtà del sindacalismo di base, ha proclamato lo sciopero generale. Anche i lavoratori della giustizia saranno a Roma a piazza della Repubblica con migliaia di altri lavoratori pubblici e privati, giovani e precari per una grande manifestazone che attraverserà la città.
Facciamo appello agli ultimi indecisi: è necessario scegliere. Nel continente europeo, un tempo culla di civiltà, si sta giocando una violenta partita che vede i poteri forti, mettere le mani in modo deciso, nelle tasche dei lavoratori, è necessario quindi dare a costoro un preciso segnale.

L'undici marzo dobbiamo esserci in molti, tanti sono i motivi per starci.

Venerdi 11 marzo, sciopero perchè l'accordo del 4 febbraio voluto da CISL, UIL e UGL reintroduce le fasce di Brunetta, utilizzando improbabili risorse aggiuntive.

Venerdi 11 marzo, sciopero perchè vorremmo che l'informatica semplificasse il lavoro e non fosse solo propaganda come le notifiche via posta certificata e via sms.

Venerdi 11 marzo, sciopero perchè a parole tutti difendono la maternità, la famiglia, nei fatti tolgono il part-time, non ci sono interpelli, e i distacchi per l’art. 42 bis del DL 151/2001 e per la Legge 104 nove volte su dieci sono negati.

Venerdi 11 marzo, sciopero perchè i crediti di giustizia li fanno recuperare ad  EQUITALIA GIUSTIZIA SPA, una società privata, invece di assumere tanti giovani validi.

Venerdi 11 marzo, sciopero perchè la riqualificazione è stata svenduta da CISL SAGUNSA e INTESA-UGL, e la progressione di fascia è finanziata con i soldi del FUA che erano già denaro dei lavoratori;

Venerdi 11 marzo, sciopero perché il protocollo sul welfare voluto da CGIL, CISL, e UIL, ha tagliaTo le pensioni in valore ed ha aumentato l'età pensionistica.

Venerdi 11 marzo, sciopero perchè lo stato sociale garantisce i più deboli dalle prepotenze del mercato, preservando la democrazia nel paese.

Venerdi 11 marzo, sciopero perchè l'ordinamento professionale previsto con il nuovo contratto integrativo ha creato solo confusione nelle cancellerie e nessuno si preoccupa di porvi rimedio.

Venerdi 11 marzo, sciopero perchè ogni volta che i sindacati concertativi firmano qualche accordo, per i lavoratori non c'è stato mai nulla da festeggiare in questi ultimi 20 anni.

Venerdi 11 marzo, sciopero perchè l'Europa non può imporre una manovra finanziaria di 50 miliardi di euro e l'innalzamento dell'età pensionabile a 67.

Venerdi 11 marzo sciopero per la fine delle applicazioni selvagge, tra l’altro senza nessun rimborso per l’utilizzo del mezzo proprio e per ripristino delle corrette relazioni sindacali.

Venerdi 11 marzo, sciopero perchè il blocco dei rinnovi contrattuali non permette di arrivare alla la terza settimana del mese.

Venerdi 11 marzo, sciopero perchè le elezioni RSU sono un diritto, con regole democratiche.

Venerdi 11 marzo, sciopero perchè oramai i carichi di lavoro sono insostenibili e nessuno pensa di assumere nuovo personale, nonostante nell'ultimo anno vi sono stati 1200 persone che hanno lasciato il Ministero della Giustizia e nel 2011 altre 3000 lo abbandoneranno.

Venerdì 11 marzo sciopero Generale e Generalizzato
tutti in piazza a manifestare con la USB
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33
Ci sono  persone collegate

< ottobre 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         






Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (38)
Associazioni Giustizia (52)
Economia (86)
Estero (187)
Giuristi (134)
Gruppo Cellule Staminali (1)
Indagini (210)
Lavoratori Giustizia (1)
Magistratura (2170)
Osservatorio (1)
Osservatorio Famiglia (512)
Politica (926)
Redazionale (68)
Sindacati Giustizia (326)
Sindacato (221)
Telestreet (7)
Varie (82)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017

Gli interventi piů cliccati

Titolo
Bianco e nero (236)
I gatti di G.Q. (25)

Le fotografie piů cliccate

Titolo
G.Q. Non ha mai pubblicato pubblicità in otto anni e se iniziasse ora?

 Si, a me non disturba
 No, non mi piace



Titolo






A.N.M.
A.N.M. new
A.D.M.I.
Argon News
A.I.M.M.F.
Argon News Redazione
Artists Against War
Articolo 3
BloggersPerLaPace
Comitato Sfruttatori ATU
Commissariato PS Online
dBlog.it Open Source
Erga Omnes
Eugius
Filo Diritto
Intesaconsumatori
Geopolitica
Giuristi Democratici
Giuristi Democratici Roma
Magistratura Democratica
M.D. Toscana
Medel
Medicina Democratica
Magistratura Indipendente
Movimento per la Giustizia
Nazionale Magistrati
Non Solo Giustizia
Osservatorio Bresciano
Osservatorio Romano
Sorgente D'Amore
Studio Cataldi
Studio Celentano
Studio Tidona
Toghe Lucane
Uguale per Tutti
Unitŕ per la Costituzione
Unicost Milano
Unione Internazionale Magistrati
Morandi Senato
About me







http://www.wikio.it
Wikio
Iscriviti a GQ su FriendFeed
Blogstreet - dove il blog č di casa
Iscriviti a GQ su Twitter
Powered by FeedBurner


Blog Link










22/10/2017 @ 4.56.19
script eseguito in 718 ms