Immagine
 fatima ...... di Lunadicarta
 
"
Il mondo di oggi ha bisogno di persone che abbiano amore e lottino per la vita almeno con la stessa intensità con cui altri si battono per la distruzione e la morte.

Mahatma Gandhi
"
 
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Loredana Morandi (del 21/01/2010 @ 17:20:08, in Varie, linkato 1738 volte)
Inauguro una nuova rubrichetta di questo sito, il "sano umorismo". 


In mare via Radio: Americani e Italiani



Americani: Prego deviate vostra rotta 15 gradi Nord per evitare collisione. Passo.

Italiani: Richiediamo deviazione VOSTRA rotta 15 gradi Sud per evitare collisione. Passo.

Americani: Qui è il capitano di una nave della Marina Americana. Ripeto, deviate la VOSTRA rotta. Passo.

Italiani: No. Ripeto, deviate la VOSTRA rotta. Passo.

Americani: QUI È LA PORTAEREI U.S.S. LINCOLN, LA SECONDA NAVE DA GUERRA PIU' GRANDE DELLA FLOTTA AMERICANA, TRE CACCIA TORPEDINIERI DI SCORTA, TRE INCROCIATORI E NUMEROSI VASCELLI DI SUPPORTO. CHIEDIAMO CHE DIROTTIATE 15 GRADI NORD, RIPETO UNO - CINQUE GRADI NORD, ALTRIMENTI PESANTI CONTROMISURE VERRANNO PRESE PER GARANTIRE LA SICUREZZA DELLA NAVE. PASSO.

Italiani: Siamo un Faro, fate come cavolo vi pare . Passo e chiudo!
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 15/01/2010 @ 08:44:34, in Varie, linkato 1364 volte)
Questi fatti sono noti anche a centinaia di cattolici laici o religiosi, la mia famiglia per esempio. E non c'è istituto religioso, convento o parrocchia a Roma o in Italia, che non abbia accolto i rifugiati ebrei.

Scoperta la rete clandestina di aiuto agli ebrei di Pio XII 



Video - H2O News 14/01/2010 (5:25)


Pio XII creò una rete clandestina per salvare la vita agli ebrei perseguitati dai nazisti. Uno dei membri di questa rete è ancora in vita: si tratta del sacerdote italiano Giancarlo Centioni, classe 1912. Dal 1940 al 1945 è stato Cappellano militare a Roma della Milizia Volontaria per la Sicurezza Nazionale ed ha vissuto in una casa di sacerdoti tedeschi che l'hanno coinvolto nella rete di salvataggio.

“Abitavo nella Casa generalizia dei Pallottini, dove mi invitarono i miei colleghi sacerdoti tedeschi a partecipare. Siccome ero cappellano fascista, era più facile aiutare gli ebrei”.

“Allora i miei colleghi sacerdoti Pallottini, venuti da Amburgo, avevano fondato una società che si chiamava “Raphael's Verein” (società di San Raffaele), che era stata istituita per l'aiuto agli ebrei”.

“Inoltre per avere la possibilità di fuggire dalla Germania per l'Italia prima, e poi o per la Svizzera o per Lisbona”.

In Germania, ricorda don Centioni, la società era guidata da padre Josef Kentenich, conosciuto in tutto il mondo come il fondatore del Movimento apostolico di Schönstatt. Questo sacerdote Pallottino successivamente è stato fatto prigionero e rinchiuso nel campo di concentramento di Dachau, fino alla fine della guerra.

“A Roma, sempre in Via Pettinari 57, il capo di tutta questa attività era padre (Anton) Weber, il quale aveva un contatto diretto con Pio XII e la Segreteria [di Stato vaticana]”.

Questa rete consegnava passaporti e soldi alle famiglie ebree per poter fuggire.

“Il denaro e i passaporti venivano dati da padre Anton Weber e venivano consegnati alle persone. Però lui li otteneva direttamente della Segretaria di Stato di Sua Santità, per nome e conto di Pio XII”.

“Molti di questi denari li ho portati in casa degli ebrei”.

“Con me hanno aiutato almeno 12 sacerdoti tedeschi a Roma”.

Gli interventi di questa rete sono cominciati già prima dell'invasione tedesca dell'Italia.

“Sono cominciati prima della guerra, sono durati almeno, per quanto ne so io, anche dopo il '45, perché i rapporti con padre Weber, specialmente, erano molto vivi... in Vaticano, con gli ebrei...tanta brava gente. Tra i quali chi ci ha poi aiutato sono stati due ebrei che abbiamo nascosto: un letterato (Melchiorre) Gioia, e un grande musicista compositore di Vienna del tempo, che scriveva le canzoni e faceva le operette, Erwin Frimm Kozab. L'ho nascosto a Via Giuseppe, Via Bari, l'altro a Via Pettinari 57, e loro ci hanno molto aiutato dando indicazioni precise, ecc. ecc.”

Questa attività era molto rischiosa

“Ecco ho aiutato Ivan Basilius, una spia russa, che io non sapevo fosse russo o spia: questo era ebreo. Purtroppo le SS lo arrestarono e nel taccuino c'era il mio nome. Allora, apriti cielo! Mi chiamò la Santa Sede, Sua Eccellenza Hudal [alto e influente prelato tedesco a Roma] e mi disse: 'venga qua, perché viene l'SS ad arrestarla'. 'E che ho fatto?'. 'Lei ha aiutato una spia russa'. 'Io? che ne so? chi è?'. Allora, sono fuggito”.

Don Centioni, come cappellano, conobbe l'ufficiale tedesco Herbert Kappler, comandante della Gestapo a Roma e autore dell'eccidio delle Fosse Ardeatine, dove furono assassinati 335 italiani, tra cui molti civili ed ebrei.

“Io durante il tempo tedesco, dopo che a marzo fecero la carneficina [alle Fosse Ardeatine], dissi a Kappler che vedevo spesso (…) 'perché non ha chiamato i capellani militari alle Fosse Ardeatine?'. 'Perché li avrei eliminati e avrei eliminato anche lei'”.

Don Centioni assicura che le centinaia di persone che ha potuto aiutare erano a conoscenza di chi c'era dietro tutto questo.

“Li aiutava Pio XII, attraverso noi sacerdoti, attraverso la “Raphael's Verein”, attraverso i Verbiti Società Tedesca a Roma”.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 25/12/2009 @ 07:42:47, in Varie, linkato 2333 volte)

Immagine

Auguri di Buone Feste

Loredana Morandi
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 17/11/2009 @ 12:16:00, in Varie, linkato 2294 volte)
In attesa di avere il tempo per un riassunto sensibile di quanto accaduto in questo periodo e nel comparto giustizia, dall'incidente occorso alla privacy del giudice Mesiano alla dichiarazione dello stato di agitazione della magistratura, più un racconto delle cattiverie a me, extra danneggiamenti, che avevo dato vita ad un gruppo facebook intitolato ai "Calzini Azzurri per la Costituzione", nato un paio di giorni prima dei calzini sul sito del Movimento per la Giustizia e cancellato per mera invidia con almeno 300 segnalazioni dalle autrici del furto del gruppo Staminali e altra criminalità del web, del quale vi mostro il banner ...



Vi pubblico questo divertente articolo tratto da Giornalettismo a firma Michele Fronterre, che mi piace molto perché sembra un dialogo tratto dalle commedie del giudice drammaturgo Gennaro Francione. Anzi, consiglio ad entrambi di far conoscenza e chissà che non ne esca uno scritto a 4 mani. L.M.


Intervista alla Giustizia


di Michele Fronterre
Giornalettismo

Alla ricerca di quattro chiacchiere con la protagonista del momento

MF si reca nella dimora che ospita la Giustizia. Non è una dimora di poco conto, ma un vero e proprio palazzo. Il Palazzo di Giustizia. Una volta giunto all’ingresso, si avvicina al banco informazioni e interloquisce con l’addetto alle informazioni, un certo, così dice il tesserino, Sig.Logiudice:

MF: Buongiorno, Mi chiamo MF e volevo incontrare la D.ssa Giustizia.

Sig.Logiudice: (ride, un sorriso non offensivo, disilluso…) E’ la prima volta che viene qui a Palazzo?

MF: Si, la prima volta.

Sig.Logiudice: Capisco. Da chi vuole andare? Dalla D.ssa Giustizia DASE’, dalla D.ssa Giustizia SOCIALE o dalla D.ssa Giustizia UNIVERSALE?

MF: Ah, non sapevo che fossero più giudici. Pensavo che fosse un’unica persona. La stessa che investiga, confuta, suggerisce, giudica, tutela, punisce. Pensavo che la D.ssa Giustizia fosse una donna che sa il fatto suo, che si fa rispettare, e che fa rispettare gli altri. E visto che oggi è così tanto al centro dell’attenzione dei più, volevo avvicinarla per porgerle delle domande.

Sig.Logiudice: (ride, un sorriso non offensivo, disilluso…) Le ripeto non è una singola persona. E non sono giudici. La prima è un Magistrato, la seconda è Avvocato, solo la terza è un Giudice. Ricevono solo su appuntamento. Vede quella lunga coda lì dietro. Ecco…

MF: Quindi ho fatto un viaggio a vuoto?

Sig.Logiudice: (ride, un sorriso non offensivo, disilluso…) Dipende.

MF: Come dipende? Mi ha appena detto che devo registrami e che normalmente intercorrono dei mesi, se non anni dalla prenotazione!?!?

Sig.Logiudice: (ride, un sorriso non offensivo, disilluso…) Dipende da chi vuole incontrare. C’è un grosso ingolfamento nelle prenotazioni per i casi gestiti dalla D.ssa Giustizia DASE’ e per la D.ssa Giustizia SOCIALE. Mentre, se vuole, forse tra mezzora può incontrare il Giudice Giustizia UNIVERSALE. Sempre se arriva. Sa quando arriva lei è sempre un momento epocale…

MF: Beh… Immagino. Anzi non immagino. Però io ero interessato alla giustizia di tutti i giorni, non a quella epocale. O forse non c’è differenza?!?

Sig.Logiudice: Non faccia il presuntuso. (si accende una sigaretta all’interno del suo gabbiotto) e tenga a freno il suo sarcasmo che a farsi giustizia da sé si fa in fretta…

MF: Ma come nel posto dove la giustizia è di casa non si è liberi di esprimere un’opinione per quanto velata da un filo di sarcasmo?

Sig.Logiudice: Lei non si rende conto di essere in un ufficio pubblico. In un palazzo giudiziario. Dove si pesa tutto. Soprattutto le parole. Che sono sentite, intercettate, interpretate, a volte, alla bisogna, riascoltate. Abbiamo bilance e bilancini. (Indica col dito una vetrinetta che ospita bilance da orafo antiche). Lei non è libero di dire quello che vuole. Deve chiedere a me che sono l’ufficiale di portineria. Io che smisto, che oriento e introduco.

MF: Va bene. Mi scusi. La prego di non farci caso. Torniamo al motivo per cui sono qui. Sono qui per un’intervista. Ma a questo punto non so chi è meglio incontrare.

Sig.Logiudice: (serissimo) Mi dica che domande aveva in mente ed io la inoltro.

MF: A me sta a cuore capire se è vero come sostengono alcuni che è una spendacciona. Conoscere che tipo è. Se è veramente una donna libera ed emancipata. Indipendente.

Sig.Logiudice: Il discorso è complicato. Le devo descrivere tre donne diverse. Cercherò di semplificare. Sa, ho tanto da fare e non posso perdere tempo con i ficcanaso. Le basti sapere che: la Giustizia UNIVERSALE e quella SOCIALE fanno tutto in economia. Sono come le massaie di una volta. Ma il loro lavoro si svolge molto lentamente. Talmente in là nel tempo che…. La Giustizia DASE’… invece, beh, diciamo che non si fa mancare nulla. E’ donna del suo tempo. Sofisticata, sempre in tiro. Ha classe ed eleganza. Libera e indipendente ma che di tanto in tanto cade vittima di passioni e innamoramenti.

MF: ma si tratta di innamoramenti per interesse?

Sig.Logiudice: E’ un essere umano

MF: Perchè c’è questa disparità. Perchè la Giustizia UNIVERSALE e quella SOCIALE impiegano più tempo della Giusitizia DASE’?

Sig.Logiudice: Eh, semplice! Loro due risolvono problemi che non sono di questo mondo. La D.ssa Giustizia DASE’ invece ha un numero incalcolabile di cause in corso. Tutti la desiderano. Anche se non lo si ammette, tutti vogliono tempi certi e condanne certe. Però, sappia che questo correre, questo voler accelerare non fa altro che creare casi per le altre due. Fisiologici effetti collaterali…

MF: Cioè mi faccia capire, c’è un aldilà del diritto e un aldiqua del rovescio?

Sig.Logiudice: Un’altra così e la faccio giudicare per direttissima!

MF: Scusi ma non sarebbe meglio affiancare alla D.ssa Giusitiza DASE’ qualche assistente?

Sig.Logiudice: Puaff!!!

MF: Ma per vedere riconosciuti i propri diritti si dovrà pure fidarsi di qualcuno?

Sig.Logiudice: Lei cerca risposte universali pensando che si trovino nella pratica di tutti i giorni. Non è così. Non è facile soppesare colpe e complicità, smascherare colpevoli e garantire imputati giustamente o ingiustamente. Specie quando non c’è in gioco solo lo stato di dirtto ma gli interessi degli uomini di stato. Specie se poi si è costretti a usare le bilance arruginite di 100 anni fa!

MF: Però sono le 10 del mattino e qui non si vede ancora nessuno. E le file crescono.

Sig.Logiudice: Ehi guardia! Venga! Presto! Metta dentro questo imprudente!

http://www.giornalettismo.com/archives/42125/intervista-alla-giustizia/
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 07/11/2009 @ 08:53:54, in Varie, linkato 3758 volte)




25 novembre 2009

contro

la Violenza sulle Donne

io mi preparo

Loredana Morandi
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 12/09/2009 @ 23:23:43, in Varie, linkato 1236 volte)
Michele Placido: «Io schifoso?
Denuncio Brunetta per calunnia»



ROMA (12 settembre) - Il regista Michele Placido ha deciso di querelare il ministro della Pubblica amministrazione, Renato Brunetta, per calunnia. Ieri, durante un seminario del Pdl a Gubbio il ministro aveva lanciato un duro affondo ai cineasti «parassiti» che animano la Mostra del cinema di Venezia in questi giorni. «Gente che ha preso tanti soldi e ha incassato poco al botteghino - ha detto Brunetta - Gente che non ha mai lavorato per il bene del Paese, anzi non ha mai lavorato. Ci sono orchestrali che mettono insieme orchestre che suonano poco per avere sussidi statali e poi si fanno il complessino loro. Andate a lavorare, confrontatevi con il mercato. Questo è un pezzo di Italia molto rappresentata, molto “placida”. Questa è l'Italia leggermente schifosa».

Placido, che in questi giorni al lido di Venezia ha presentato il film Il grande sogno ha preso come attacco personale le parole del ministro e ha dichiarato:«Sono indegnato, anzi indignati,io e i miei familiari perchè il ministro ha usato il mio nome». Il regista ha inoltre controbattuto con una lettera aperta.

La lettera di Placido al ministro. «Ha sbagliato persona - scrive il regista - per questo io la denuncio alla giustizia italiana. Questo signore che lei chiama Placido, leggermente schifoso, lavora per il Comune di Roma Teatro Tor Bellamonaca gratis da cinque anni, teatro di periferia signor Brunetta e sempre gratis con le risorse di pochi ha creato un teatro in Calabria per bambini in un posto di sangue e di 'ndrangheta. i miei ultimi tre film, a proposito di sovvenzioni non ne hanno avute e hanno incassato 14 milioni di euro più le vendite all'estero. Non chiedo una percentuale, ma rispetto. Ho lavorato anche con Mediaset nel rispetto dell'azienda così come ho sempre lavorato lealmente con i funzionari dello spettacolo anche di questo governo. In Francia sarei un pezzo della cultura francese, qui invece sono un pezzo, come ha detto lei, leggermente schifoso».

continua su Il Messaggero

***

L'attacco di Brunetta a cineasti e musicisti:
niente fondi ai parassiti


ROMA (12 settembre) - E’ scontro fra il ministro dell’amministrazione Pubblica, Renato Brunetta, e il settimanale ”L’Espresso”. Secondo il periodico, che dedica al ministro la copertina di questa settimana, i dati sul calo dell’assenteismo fra gli statali sarebbero molto diversi da quelli diffusi nei mesi scorsi. In sintesi, secondo l’Espresso, Brunetta avrebbe «vantato risultati clamorosi contro gli assenteisti mentre ora si scopre che le assenze non sono diminuite». Un bluff, insomma. In particolare il settimanale spiega che il ministro avrebbe utilizzato dati a campione concentrati su «singole amministrazioni che intendono farsi belle».

Ieri la dura replica del ministro che, nel suo intervento alla scuola di formazione del Pdl, ha difeso la validità dei dati sull’assenteismo. In particolare Brunetta ha difeso il campione sulla base del quale viene monitorato l’assenteismo fra gli statali. Campione che è «ampio e valido» perché - ha detto il ministro - comprende poco meno della metà delle amministrazioni (e i comuni più grandi)
Secondo Brunetta non è vero che l’effetto della stretta stia regredendo. «Vogliamo raggiungere un livello fisiologico di assenze - ha sottolineato il ministro - Siamo persino sorpresi nel verificare che sia a giugno che a luglio l’assenteismo è diminuito rispettivamente di un ulteriore 27,4% e 17,3%».

Al capitolo Espresso, il ministro ha legato alcune considerazioni sul Fondo Unico per lo Spettacolo (Fus) che assicura i finanziamenti per il mondo della cultura. «I rubinetti del Fus vanno chiusi - ha esortato Brunetta - A tutti i parassiti dei teatri lirici, ai finti orchestrali che suonano poco e poi vogliono i sussidi pubblici, a questi dico: a lavorare. Confrontatevi con il mercato, suonate di mattina e di notte come faceva mio padre». Il ministro ha poi criticato i «cineasti parassiti» riuniti a Venezia in occasione della Mostra del Cinema: «Persone - attacca il ministro - che hanno preso milioni di euro di soldi pubblici e poi al botteghino hanno incassato pochissimo. Gente che non ha mai lavorato per il bene del paese, anzi che non ha mai lavorato. Questa Italia è leggermente schifosa». Dopo aver dato ragione sulle banche «10-100-1000 volte al mio amico-nemico Tremonti», Brunetta ha detto che «la Cgil e i sindacati della scuola se ne fregano dei cittadini e rappresentano un certo culturame parassitario». Infine per il ministro governo e Pdl sono «gli eversori, gli smontatori di un’Italia parassitaria. Siamo gli smontatori della borghesia radical chic ed autoreferenziale di merda. Dobbiamo essere i distruttori di questa Italia».

Il Messaggero
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 03/09/2009 @ 00:42:49, in Varie, linkato 1422 volte)



Un nuovo sondaggio proposto da Giustizia Quotidiana

Idee per la Nuova Sinistra,
a Chi offriresti un Posto di Lavoro?



Affermate la vostra opinione con un semplice click e scegliendo tra le 4 domande.

A chi offrireste voi un posto di lavoro? 1) ad un affiliato al clan Riina, 2) ad un ex brigatista rosso, 3) ad un padre o a una madre di famiglia che non arriva alla fine del mese, 4) a voi stessi, perché siete disoccupati.

Per votare, scorrere la pagina a lato destro!

Buon voto

Loredana Morandi
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 31/07/2009 @ 03:46:47, in Varie, linkato 2100 volte)



Sondaggio!

Giustizia Quotidiana il blog deve ri-aprire i commenti ?

(vota in basso a destra, proprio sopra il gattone, che si affaccia dal vetro)


Rammento ai miei lettori che è attivo il forum di Giustizia Quotidiana, che consente agli utenti di dialogare sui temi caldi della giustizia con il supporto in diretta delle news di agenzia, da testate specialistiche o giuridiche, dai blog, dai sindacati, dalla Camera e dal Senato della Republica e ultimissimi da Polizia di Stato, a questo link:

www.giustiziaquotidiana.net

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 20/07/2009 @ 08:56:15, in Varie, linkato 1848 volte)
Pirate Bay ha gettato l'ancora con il più grande tradimento della storia del web conosciuto. Ora, dato che i 3 imbroglioni continuano ad esercitare la professione del file sharing illegale e negli ultimi due o tre anni hanno acquisito il monopolio delle community internazionali del file sharing europee, compresa quella italiana della rete eDonkey oggi allocata proprio sui server di proprietà di Pirate Bay, resta da capire in che modo i tre riusciranno ancora a far soldi.

Dopo la Baia anche Drunken Donkey diverrà a pagamento?

Ai posteri l'ardua sentenza, ma le previsioni del tempo segnalano roghi in quel del comasco.



The Pirate Bay diventa a pagamento?

Notebook Italia - ‎48 minuti fa‎
Dopo l'acquisizione da parte della società Global Gaming Factory, PirateBay cambia faccia: i nuovi proprietari del portale annunciano l'intenzione di adottare un nuovo sistema di file sharing legale a pagamento. Durante lo scorso mese di aprile, ...

The Pirate Bay sarà a pagamento, è confermato

PcTuner.net - ‎48 minuti fa‎
Global Gaming Factory, il nuovo proprietario di The Pirate Bay, inizierà la nuova avventura legale ed a pagamento già nelle prossime settimane. Ciò che era non sarà più, The Pirate Bay ha definitivamente smesso di fornire link torrent per il P2P ...

La baia dei pirati diventa... la baia dei paganti!

Mr.Webmaster - ‎3 ore fa‎
Comincierà a breve il lento ma inesorabile processo di trasformazione di The Pirate Bay che passerà da pericoloso covo di condivisori in un più tranquillizzante servizio a pagamento; la dove si scaricavano i torrent per fruire gratuitamente di ...

The Pirate Bay sarà The Pay Bay

Punto Informatico - ‎17 ore fa‎
Roma - The Pirate Bay, quello che fino a pochissimo tempo addietro era il ritrovo preferito dei "pirati" del file sharing, gestito da una ciurma di tre svedesi apparentemente intoccabili, incrollabili e smargiassi come si confà ai veri pirati si ...

The Pirate Bay diventa a pagamento e di pirata rimane solo il nome

Hi-Tech Italy - ‎3 minuti fa‎
A breve la baia più famosa delle rete si trasformerà da fonte inesauribile di download clandestini a un servizio a pagamento di nuova generazione. I vertici della Global Gaming Factory stanno perfezionando l'acquisizione di The Pirate Bay, ...

P2p a pagamento: Pirate Bay diventa Pay Bay, Kazaa in abbonamento

ITespresso.it - ‎1 ora fa‎
Dopo Napster, anche la nuova The Pirate Bay e la nuova Kazaa provano a passare all'altra sponda del fiume: da siti illegali e accusati di pirateria digitale, a siti legittimi ea pagamento. Ce la faranno? Come non ci sono più le mezze stagioni, ...

The Pirate Bay, da pirati a mercanti

BitCity - ‎4 ore fa‎
The Pirate Bay diventerà a pagamento: il portale di file sharing offrirà agli utenti tariffe studiate ad hoc e differenziate a seconda del materiale condiviso. Passare in rassegna i titoli degli ultimi articoli pubblicati su The Pirate Bay, ...

Pirate Bay, occhi puntati sul nuovo modello di business a pagamento

La Stampa - ‎22 ore fa‎
Il nuovo proprietario di Pirate Bay prova un modello di business innovativo a pagamento per il servizio di file-sharing che di pirata ormai ha solo il nome. Wayne Rosso, responsabile delle strategie, noto come amministratore delegato di Grokster e ...

P2P: The Pirate Bay sarà The Pay Bay

NanoPress - ‎4 ore fa‎
Il famoso The Pirate Bay, il sito dedicato al file sharing ed apprezzato in tutto il mondo, si trasformerà in un sito di condivisione file a pagamento. Il nuovo sistema sarà dunque destinato al peer-to-peer legale al quale gli utenti potranno accedere ...

Wayne Rosso mette le mani su The Pirate Bay

oneBlog - ‎5 ore fa‎
The Pirate Bay diventerà a pagamento. Dopo aver annunciato il passaggio di proprietà, entra in scena Wayne Rosso, già noto per i progetti (dall'esito non troppo fortunato) Grokster e Mashboxx, annunciando la futura monetizzazione del servizio. ...

The Pirate Bay: sarà Wayne Rosso (ex Grokster) a dialogare con i ...

Rockol.it - ‎7 ore fa‎
La vendita di The Pirate Bay alla società svedese Global Gaming Factory non si è ancora compiuta, e già la federazione internazionale dei discografici, IFPI, si attiva per recuperare al più presto il risarcimento da 3,6 milioni di dollari che la ...

I pirati sbarcano sulle nuvole. Col salvagente

The New Blog Times - ‎17 ore fa‎
Spogliata dei panni pirateschi orginali, The Pirate Bay si sta muovendo su altri binari: e spunta un'idea, grazie ad un nuovo socio degli attuali proprietari della Baia, in perfetto stile cloud computing. Funzionerà? Roma – Molti penseranno che di The ...

C'è un po' di Grokster nella Pirate Bay

WebNews - ‎16/lug/2009‎
L'ex-presidente di Groskster, nonché fondatore di Mashboxx, Wayne Rosso, è oggi parte integrante del gruppo della Pirate Bay. Rosso sale a bordo in un momento cruciale, in bilico tra una pesante condanna ed una clamorosa rivoluzione basata su ...

I Pirati si stanno trasformando in... agnellini

Tiscali Europa - ‎17/lug/2009‎
17 luglio 2009. Sembra una battuta mal riuscita invece è la realtà: Pirate Bay diventa un servizio a pagamento. Ormai di pirata è rimasto solo il nome, perché le nuove idee del responsabile delle strategie ossia Wayne Rosso cambiano radicalmente la ...

Un abbonamento mensile anche per Kazaa

Download blog.it - ‎19/lug/2009‎
Anche Kazaa completerà il suo passaggio al “lato oscuro” così come succederà per la prossima versione di The Pirate Bay e come invece già successo per Napster, primo degli idoli degli scaricanti su peer-to-peer gratis a cambiare la propria veste ...

Il tramonto di un mito

Techblogs.it - ‎18/lug/2009‎
Come era stato preannunciato, Pirate Bay, uno dei tracker più famosi al Mondo, diventerà a pagamento. Wayne Rosso, ex presidente di Grokster e che da poco è diventato uno dei dirigenti di Pirate Bay, in una recente intervista ha detto che gli utenti ...

Pirate Bay si pagherà, la fine di un mito

PressWeb.it - ‎17/lug/2009‎
Svelate oggi, da Wayne Rosso, AD di Grokster e consigliere di Global Gaming Factory, ora proprietaria del sito, le modalità per poter usufruire dei servizi di “Pirate Bay”. Oltre alla pubblicità, prevista sul sito, ci sarà una forma di abbonamento, ...
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Loredana Morandi (del 02/07/2009 @ 10:53:09, in Varie, linkato 1541 volte)


Giustizia Quotidiana esprime tutta la propria solidarietà alla popolazione di Viareggio colpita dall'incidente ferroviario, con un pensiero particolare alle persone ferite e a coloro che hanno perduto i propri cari.

Il gravissimo incidente, che ha colpito la deliziosa cittadina del confine marittimo tra la Toscana e la Liguria, è avvenuto proprio nella nottata precedente al convegno per la Giustizia tenutosi a Napoli.

Solo pochi minuti fa ho potuto sentire al telefono i miei pochi conoscenti che, fortunatamente, stanno tutti bene. Resta in me un pensiero di apprensione per le tante persone incontrate e conosciute almeno un po'. Come ad esempio i due gentilissimi signori pakistani dell'internet point, presso il quale mi servo quando sono a Viareggio, due personcine di una cortesia squisita in stile inglese, che mi accolgono sempre con un sincero "bentornata" anche dopo mesi di assenza.

A mia discolpa, per non averne parlato prima in pubblico, dichiaro di averlo già fatto, ma in forma privata sul mio blog del portale degli Artisti. Fin dalla notte dell'incidente. Quando dal mio pc ho visto i primi video su YouTube, ed ascoltato in apprensione i collegamenti di Rai News 24 e le dichiarazioni del corrispondente Ansa Roy Lepore. Una sincera preoccupazione data dalla consapevolezza, che la brava gente di quella città sarebbe scesa in strada per cercare di dare una mano, ma anche senza sapere del gravissimo rischio corso.

Nella foto il binario dal quale arriva e parte il treno da e per Roma.

Loredana Morandi
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9
Ci sono  persone collegate

< agosto 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             






Cerca per parola chiave
 

Titolo
Ambiente (38)
Associazioni Giustizia (52)
Economia (86)
Estero (187)
Giuristi (134)
Gruppo Cellule Staminali (1)
Indagini (210)
Lavoratori Giustizia (1)
Magistratura (2170)
Osservatorio (1)
Osservatorio Famiglia (512)
Politica (926)
Redazionale (68)
Sindacati Giustizia (326)
Sindacato (221)
Telestreet (7)
Varie (82)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019

Gli interventi piů cliccati

Titolo
Bianco e nero (236)
I gatti di G.Q. (25)

Le fotografie piů cliccate

Titolo
G.Q. Non ha mai pubblicato pubblicità in otto anni e se iniziasse ora?

 Si, a me non disturba
 No, non mi piace



Titolo






A.N.M.
A.N.M. new
A.D.M.I.
Argon News
A.I.M.M.F.
Argon News Redazione
Artists Against War
Articolo 3
BloggersPerLaPace
Comitato Sfruttatori ATU
Commissariato PS Online
dBlog.it Open Source
Erga Omnes
Eugius
Filo Diritto
Intesaconsumatori
Geopolitica
Giuristi Democratici
Giuristi Democratici Roma
Magistratura Democratica
M.D. Toscana
Medel
Medicina Democratica
Magistratura Indipendente
Movimento per la Giustizia
Nazionale Magistrati
Non Solo Giustizia
Osservatorio Bresciano
Osservatorio Romano
Sorgente D'Amore
Studio Cataldi
Studio Celentano
Studio Tidona
Toghe Lucane
Uguale per Tutti
Unitŕ per la Costituzione
Unicost Milano
Unione Internazionale Magistrati
Morandi Senato
About me







http://www.wikio.it
Wikio
Iscriviti a GQ su FriendFeed
Blogstreet - dove il blog č di casa
Iscriviti a GQ su Twitter
Powered by FeedBurner


Blog Link










26/08/2019 @ 6.37.33
script eseguito in 390 ms